Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » La sfrenata coltivazione di charas e l’erosione del terreno:

La sfrenata coltivazione di charas e l’erosione del terreno

dicembre 13, 2011 Impressioni di viaggio, Rubriche

Il viaggio intorno al mondo del nostro corrispondente Carlo Taglia prosegue, a piedi, nelle valli indiane, dove la coltivazione di “charas” rischia di distruggere, irreversibilmente, terreni fertili che potrebbero essere destinati all’agricoltura con scopo alimentare.

La Parvati Valley è situata nella regione indiana Himachal Pradesh e dalle vette himalayane che circondano la valle nasce l’ononimo fiume. In questa regione l’elevato numero di fiumi himalayani produce il 50% dell’energia consumata da tutta l’India attraverso imponenti impianti idroelettrici. Questo tipo di energia è certamente riconosciuta come energia “pulita”, ma all’occhio può sembrare che gli indiani abbiano un po’ esagerato con la costruzione di dighe nella zona. Le troppe vasche di cemento, che bloccano il naturale flusso dei fiumi, hanno infatti un forte impatto ambientale e i paesaggi montani perdono indubbiamente fascino.

Oltre agli interessanti itinerari escursionistici, tra passi montani e pozze termali, la Valle di Parvati è però conosciuta per l’intensa coltivazione di charas (la marijuana). In questa zona si ricava hashish attraverso un metodo di estrazione antico. Non si tagliano le piante, ma durante il periodo di fioritura i coltivatori sfregano le mani piu’ volte sulle estremita’ fiorite della pianta per poi raschiare via, dalle mani, la resina gommosa con un coltellino, ricavando una sostanza fresca che viene abbondantemente fumata dai locali. I campi di charas si notano dappertutto e durante i trekking se ne scoprono alcuni che arrivano fino a 3.000 metri. Ora che siamo a dicembre, la raccolta è terminata e si preparano i campi per l’anno nuovo. L’aria però non è limpida, perché ci sono alcuni incendi in luoghi “ottimali” per la coltivazione. L’elevata richiesta mondiale (illegale) di charas e lo sviluppo sfrenato di questo “fiorente mercato” sta causando un’altrettanta sfrenata crescita di campi nella valle. Per comodità e per velocizzare le operazioni, quando trovano una zona ben irraggiata e adatta allo scopo, i coltivatori indiani bruciano le erbacce di campo o gli arbusti di sottobosco. Osservando la valle dall’alto è impressionante il numero di incendi che punteggia il paesaggio. I contadini utilizzano anche piccoli campi vicino alle case, ma l’intervento repressivo della comunità internazionale li ha spinti a cercare campi isolati e più sicuri, sempre più in alto, sperduti tra le montagne.

La polizia indiana non è sufficientemente interessata a frenare la crescita di questo ricco mercato e il “lavoro sporco” è stato demandato a squadre narcotici americane e francesi, intervenute negli anni scorsi. Le squadre arrivano nella valle e, individuati i campi più accessibili, sradicano le radici delle piante. Il problema dello spaccio di charas è diventato, ormai da tempo, una questione mondiale più che indiana. Vista con l’occhio dei locali, infatti, questa “risorsa” ha sviluppato, nella valle, un crescente turismo di giovani hippy israeliani. La polizia indiana inoltre guadagna con i controlli che effettua a fondo valle, sull’unica strada accessibile per i luoghi più battuti dallo spaccio. Chi viene colto in flagrante, con possesso di charas in dosi minori paga il baksheesh, una mazzetta salata. Per dosi maggiori, o nel caso non si possa pagare la mazzetta, si rischia invece la galera.

Il ritmo a cui bruciano i campi è incessante perchè dalla cenere resta solo carbonio, il principale composto delle piante. Attraverso una monocoltura si avrà una prima annata di alta qualità per poi perdere fertilità dai raccolti seguenti. Bruciando il terreno si perde cioé, sempre più, il valore vegetale e si possono effettuare pochi raccolti. I grandi campi isolati, del resto, non vengono curati, si utilizzano per 2 o 3 anni e, in seguito, si cercano altri campi da bruciare. Questo fenomeno causa l’erosione del terreno che, perdendo lo stato vegetale, si trasforma in sabbia. Un fenomeno tristemente noto anche in Marocco, il più sviluppato mercato dell’hashish internazionale, dove, nella valle di Ketama, si trovano ormai numerosissimi campi erosi e non più utilizzabili. I contadini della Parvati Valley rischiano di consumare irrimediabilmente la loro terra, come già sta succedendo in Marocco. Le generazioni future subiranno le conseguenze di questo fenomeno rischiando di non poter sviluppare nuove forme di agricoltura.

Inutile spiegare agli abitanti della regione che la coltivazione e lo spaccio di charas sono illegali: da diverse generazioni questo e’ il loro unico business e frutta talmente tanto che hanno smesso di coltivare altro. Praticamente quasi tutto il loro guadagno deriva da questo mercato e difficilmente ci rinunceranno. Salvo che prevalga un modello come si è sviluppato a Darjeeling, nell’India nordorientale, dove sta prendendo piede la coltura biodinamica. La utilizzano per piantagioni di (camellia sinensis). Questo tipo di agricoltura, nata per stimolare una coltivazione in totale armonia con la natura, permette infatti di arricchire le caratteristiche vegetali del terreno per poterlo utilizzare con continuità e ottenere una qualità migliore. L’agricoltore, in questo caso, prepara direttamente i composti utilizzando elementi fetilizzanti naturali, come il letame, e foglie secche come antiparassitari. Ma soprattutto contrastando il devstante effetto di erosione dei terreni.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate con foto e video, sono disponibili sul blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende