Home » Campioni d'Italia »Rubriche » La sindachessa che dà buca al cemento: Isabella Conti, da San Lazzaro di Savena:

La sindachessa che dà buca al cemento: Isabella Conti, da San Lazzaro di Savena

gennaio 13, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

I soviet più l’elettricità non fanno il comunismo” cantava Giovanni Lindo Ferretti negli anni 80 – leader del gruppo punk emiliano CCCP – facendo il verso (capovolto) al compagno e segretario  Lenin. Ma ci sono voluti altri trent’anni per sfidare sul serio il “Pane e Cemento” dei comunisti-riformisti emiliani che della produttività spinta al massimo – dalle costruzioni alle porcilaie -  ne hanno fatto una fede (laica). Le prime crepe nel sistema sono state aperte dagli stessi protagonisti della stagione d’oro dello sviluppo emiliano: l’architetto  Pierluigi Cervellati – urbanista di fama ed ex assessore comunale per il PCI a Bologna – e Felicia Bottino – anche lei  architetto e per dieci anni assessore all’urbanistica della Regione Emilia-Romagna – che hanno rinnegato  quella stagione con parole chiare: “Il settore pubblico in questi anni ha drogato le imprese costruttrici per un senso di comodo, per avere consenso, per ottenere voti“.

Prese di posizione autorevoli, ma a  fermare le ruspe ci ha pensato una giovanissima sindachessa del Pd che parla e lotta per la “decementificazione“. Si chiama Isabella Conti, amministra San Lazzaro, cittadina alle porte di Bologna,  dove ha fermato e mandato al macero investimenti per decine di milioni di euro da parte delle cooperative e dei costruttori privati nella frazione di Idice. L’eroina anti “colata” (così è stato ribattezzato da popolo e media il progetto scellerato) ha recentemente ricevuto il Premio Sterminata Bellezza di Legambiente con nobili motivazioni: “Per aver cancellato, come promesso durante la campagna elettorale, un progetto di espansione urbanistica in un’area agricola di pregio a San Lazzaro di Savena e aver promosso una nuova cultura sull’importanza della salvaguardia del suolo e della rigenerazione urbana come futuro principale dell’edilizia». Lei sprizza felicità, è stata molto osteggiata anche da pezzi del suo partito, e si dice  onoratissima del premio, che per lei “rappresenta,come ogni riconoscimento, non solo e non tanto un motivo di soddisfazione quanto un forte carico di responsabilità, uno sprone a fare ancora meglio”.  La battaglia non è certo vinta, continua: “Parlare di rigenerazione urbana e di valore del suolo, da sindaco, è un’impresa faticosa e difficile poichè alle vocazioni e alle buone intenzioni bisogna far seguire tecnica, concretezza e pianificazione pionieristica. Gli ostacoli che si inconrtrano quotidianamente, e non mi riferisco solo alla vicenda di Idice, sono legati da un lato alla difficoltà economica degli interlocutori privati, che messi a un angolo dalla crisi, non riescono spesso a proporre soluzioni innovative ma si ostinano a sostenere metodi e soluzioni vecchi a problemi nuovi“.

La conversione dalle tecniche tradizionali, l’uscire fuori dagli schemi classici è un’impresa ardua in particolare  dove si è cresciuti a “Pane e Cemento”. Soprattutto  tra i politici “Esiste una certa difficoltà nel far permeare il mondo politico di una nuova consapevolezza della rigenerazione urbana. E infine c’è tutta la difficoltà delle amministrazioni comunali che in molti casi hanno a bilancio delle pianificazioni urbanistiche irrealizzabili o desuete”. Una montagna di piani, progetti, colate di cemento che nonostante la crisi si fa fatica a fermare. Eppur si muove qualcosa: “Siamo in un momento di svolta, questa è l’occasione e questo il tempo di guardare avanti: la regione Emilia Romagna sta redigendo la nuova legge urbanistica che sostituirà la legge 20 del 2000. La città metropolitana di Bologna rivendica la propria facoltà di fare una pianificazione innovativa a saldo zero di consumo di suolo”.

Non sembrano solo intenti visto ma  la Conti ricorda che è necesssario “si tenga in considerazione l’assoluta necessità di prevedere da un lato sgravi fiscali per i Comuni che riducono le potenzialità edificatorie nei piani e dall’altra incentivi alle imprese che investono in rigenerazione urbana“. Non solo parole e come dimostra la “colata” di Idice i comuni se vogliono, molto possono fare. La Conti fa degli esempi concreti: “La nostra amministrazione ha deciso di alienare un sito inutilizzato dove risiedeva la stazione ecologica, offrendo la possibilità a chi avesse vinto il bando, di riqualificare e rigenerare l’area. Il risultato è che un edificio dismesso, una grande area inutilizzata sarà bonificata e decementificata e andrà ad ospitare una delle più importanti realtà italiane del biologico: Alce Nero“. Chiara la visione attiva perchè non ci si  può limitare al solo blocco dell’avanzata del cemento ma è fondamentale pensare un uso diverso e sostenibile del territorio. In questo esempio della Conti a favore dell’agricoltura biologica. Il classico pragmatismo emiliano che alle idee associa il fare.”Il nostro stile è quello: salvaguardiamo il terreno perchè vogliamo che vi siano coltivati prodotti sani, difendiamo l’ambiente dall’aggressione del cemento e dell’inquinamento perchè vogliamo che le città dove abitiamo siano più vivibili, più a dimensione umana, più circolari nella condivisione del benessere. Stessa finalità persegue il masterplan dell’edilizia scolastica: quello che faremo, grazie a un bando vinto dal Comune che si è aggiudicato un fondo di 2 milioni di euro, è riqualificare un grande plesso di scuole per farlo diventare un campus totalmente verde. Sarà un’eccellenza a livello regionale”.

Un altro fronte aperto che dilania la politica emiliana è il Passante Nord – un pezzo di autostrada che passa in diversi piccoli comuni bolognesi -  dove molti sindaci come la Conti si schierano contro l’impostazione dell’opera.  “Abbiamo aspettato il progetto preliminare di Autostrade e abbiamo capito che le criticità restavano troppe, per mitigare l’impatto dell’opera servivano altri 200-300 miloni, minimo. Soldi che non c’erano. Quindi il Passante era irrealizzabile e con coraggio si è riusciti a guardare in faccia alla realtà e a dire di no a un progetto che di fatto era stato superato dagli eventi. Ne abbiamo preso atto e abbiamo guardato avanti pensando ai nuovi bisogni della città metropolitana e a una nuova idea di sviluppo. Dopo quindici anni non era facile nè scontato, ma è meglio così, ne sono convinta”. E’  la Conti di battaglia, ma l’attenzione verso l’ambiente deve partire dal privato, dal quotidiano: “Io cerco di fare dei piccoli gesti quotidiani: prendo poco l’auto, i detersivi alla spina per non alimentare il consumo della plastica, faccio un uso attento dell’ernegia domestica. Compro biologico, anche se lo faccio più perchè apprezzo il gusto dei cibi sani che per una scelta etica”. E’ fondamentale prendere decisioni politiche, ma altrettanto dare l’esempio.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende