Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La spazzina detective di Nicoletta Vallorani:

La spazzina detective di Nicoletta Vallorani

marzo 13, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “Lapponi e cricetidi Nicoletta Vallorani, edito da Edizioni Ambiente (pag. 224 , 15.00 euro).

Apparizione mistica in una discarica. Un anziano signore che preferisce non rivelare il suo nome è stato testimone di un’apparizione di Santa Rita, protettrice delle cause perse. La santa è apparsa in una discarica di rifiuti tossici, in piedi su un bidone di residui di dubbia provenienza, e ha dichiarato di essere stata mandata ad annunciare che Dio è in anno sabbatico e per un po’ non farà miracoli. Nell’attesa del suo ritorno bisognerà arrangiarsi. Quando la santa è scomparsa, il bidone avrebbe cominciato a sputare cornetti portafortuna.”

Ho fatto una trattativa con Dio.

L’ho fatto solo per non lasciare nulla di intentato. E poi perché non ci vedevo niente di strano. Due giorni prima che mi decidessi a questo passo, in pronto soccorso hanno portato uno che si era ustionato le chiappe a furia di fotocopiarsele.Voleva metterle nel suo curriculum e dichiarare di essere disposto a darle via per un lavoro qualunque. Quando lo hanno portato alla neuro, ha detto che magari, se lo tenevano lì, gli riusciva di fare qualche pasto decente per un paio di giorni. Se ne sono disfatti in un baleno, quando hanno capito che non era matto, ma solo disperato. Intanto, alla televisione dicono che siamo un Paese in crescita e che le cose vanno sempre meglio. E invitano le copisterie a non lasciare gli utenti da soli con le fotocopiatrici. Stanno sbocciando strane storie d’amore tra macchine e umani. L’esempio del fotocopiatore di chiappe potrebbe diffondersi.

Io, tecnicamente, sono quasi morta. Non posso fare molto per difendere i miei diritti o per riavere il mio lavoro di essere vivente. Perciò, ecco, ho pensato che il mio unico interlocutore plausibile potesse essere il Manager Supremo, l’Amministratore Delegato del creato, LUI, il Capo, insomma, Dio.

In ogni negoziazione, il problema è solo quello di trovare gli argomenti giusti. Individuare una falla nella corteccia spessa di diffidenza della persona che vogliamo convincere. Il problema è che abbiamo tutti dei punti deboli, anche se quelli di Dio sono ineffabili, ineguagliabili e, per il fatto stesso di applicarsi a Dio, difficili da definire.

Però io ho fiducia in me stessa. Dopo tutto, sono Zoe Libra, la netturbina di Pasteur, e a vivere dove ho vissuto bisogna essere esperti di mediazione. A Pasteur, siamo tutti meticci, nel corpo e nell’anima. Questo mi ha resa abile nella diplomazia dalla nascita e nelle diverse fasi della crescita. Credo di aver affinato le mie arti prima di arrivare qui. Ognuno, nel trapasso, si porta dietro quel che può. Ora che mi trovavo al Tavolo Divino, determinata a negoziare, conveniva che mettessi in gioco tutti i miei talenti. Era, alla lettera, una questione di vita o di morte.

Il tavolo era ingombro di progetti, disegni, lucidi, e c’era pure qualche modellino sospeso nel nulla, tipo ologramma, ma miracolistico invece che tecnologico. Doveva esserci aria di restauro anche in Paradiso. Quale fosse la circostanza che stava determinando quel fiorire di iniziative non lo chiesi. Il cielo avrà le sue necessità, e per me, che mai sono stata credente, esse sono un mistero che non sento la necessità di sondare. In più, in quel caso specifico, non avrei mai voluto fare la figura della ficcanaso: era già abbastanza seccante che mi trovassi lì nei panni di una suprema rompiballe.

Il Divino Progettista, o comunque lo si voglia chiamare, non aveva tempo per me. Ma quando uno è perfetto, deve essere anche perfettamente disponibile.

E questa fu la prima trappola in cui lo incastrai.

«In sintesi, cosa vorresti?»

«Eccellenza, non sono adatta a trasferirmi. Io faccio la netturbina. Qui non ci sono rifiuti da raccogliere. Neanche un cassonetto. Operatori ecologici in Paradiso non ne ho mai visti.»

«Preferisci l’Inferno?»

Strategia sbagliata. «No, non è questo. Solo che… sua Magnificenza, mi lasci dove sono.»

«Cioè in un letto d’ospedale, senza memoria, senza sentimenti e con la testa vuota di un neonato?»

«Mangio?»

«Mangiare, mangi, carina. Ma ti ricordi quello che hai mangiato oggi? O ieri? O una settimana fa? Non ti evolvi. E noi non siamo criceti. Noi non giriamo su una ruota. Noi dobbiamo giungere alla fine della vita a qualcosa di più perfetto dell’essere che eravamo in principio.»

In tal caso, con me l’obiettivo era fallito alla grande.

«Ecco, appunto: voglio una seconda chance.»

«Cara, tu hai innumerevoli difetti, ma non sei un criceto.»

«Vuol dire che mi concede una seconda chance?»

«Cioè vuoi che ti rimandi in quel letto d’ospedale? A moriredi noia?»

Il Divino Pensatore non aveva tutti i torti, lo ammetto, però il punto era che non me ne volevo andare.

Non in via definitiva.

Avevo ancora alcune questioni da sistemare. Le abbiamo tutti quando la morte ci rapisce all’improvviso. Finora non ho mai sentito di qualcuno che sia stato rapito preparato e con la valigia pronta. Perciò la mia impreparazione era normale. Certo, con tutto il tempo che avevo passato a vegetare, mi ero un po’ annoiata di stare senza far nulla. Neanche nella Terra di mezzo, la magica desolazione tra la morte e la vita, ci sono rifiuti da raccogliere. Niente avanzi né tossici né utili. Sicché, io che di mestiere avevo sempre fatto la netturbina, non avevo niente da fare. La Terra di mezzo, per di più, è fatta di aria e cielo, e questo è una considerevole seccatura. Qualunque cosa vola spontaneamente al suo posto. E non lascia sporco in giro. [...]

Nicoletta Vallorani*

*Nicoletta Vallorani, marchigiana, da tempo residente a Milano, insegna, traduce, scrive, legge e passa il tempo che resta con le sue figlie. Tra i suoi libri, molti dei quali tradotti all’estero: La fidanzata di Zorro (Marcos y Marcos, 1996), Cuore meticcio (Marcos y Marcos, 1998), Le sorelle sciacallo (DeriveApprodi, 1999), Come una balena(Salani, 2000), Eva (Einaudi, 2002), Visto dal cielo (Einaudi, 2004) e Cordelia (Flaccovio Editore, 2006).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende