Home » Rubriche »Very Important Planet » La “Terra dei fuochi” raccontata da Domenico Iannacone:

La “Terra dei fuochi” raccontata da Domenico Iannacone

gennaio 10, 2014 Rubriche, Very Important Planet

L’espressione “Terra dei fuochi” fu utilizzata per la prima volta nel Rapporto Ecomafie 2003 curato da Legambiente. «Roghi di rifiuti, materiali plastici, scarti e stracci: discariche abusive che bruciano senza fine, avvelenando seriamente l’ambiente e minacciando la salute di popolazioni intere». L’associazione ambientalista descrive così l’area di oltre 220 ettari a cavallo delle province di Napoli e Caserta che conta più di 2.000 siti inquinati censiti dall’Arpac.

“Terra dei fuochi” è anche il titolo di un reportage di Domenico Iannacone e Luca Cambi andato in onda nel programma di Rai Tre “I Dieci Comandamenti”. Lo scorso settembre il documentario ha ricevuto il premio Coop Ambiente (nell’ambito del concorso Ilaria Alpi) per «per aver saputo narrare con coraggio e rigore giornalistico un tema conosciuto, ma non così sapientemente approfondito che parte da una terra profanata e abbandonata assumendo i contorni di una denuncia civile e morale di carattere nazionale».

D) Domenico Iannacone, come nasce il documentario ed in particolare l’idea di farsi accompagnare da Don Maurizio Patriciello?

R) Oltre al fatto che fosse un prete, Don Maurizio mi aveva colpito perché ho riconosciuto in lui una tensione civile. Questo elemento aveva richiamato la mia attenzione, in particolare, dopo aver visto la scena in cui viene redarguito da un ex prefetto per essersi permesso di chiamare “signora” un altro prefetto. In passato mi ero già occupato di ambiente a Napoli, con Riccardo Iacona, in una trasmissione sul ciclo dei rifiuti da titolo dal titolo “Spazzatura”. Si trattava quindi di un tema che avevo già affrontato. Ma questa volta era importante tornarci con una “tensione morale”. Non c’era bisogno di raccontare in maniera analitica i fatti. Volevo portare un’anima diversa all’interno del racconto.

D) Infatti non si tratta di un argomento nuovo…

R) Un argomento che tuttavia era stato abbandonato e di cui non si parlava più da almeno due anni. Inoltre, quando mi recai per la prima volta nella “Terra dei fuochi”, la città di Napoli era sommersa dalla spazzatura. All’epoca il problema appariva minore. Colpiva di più la spazzatura per strada a Napoli, mentre passavano in secondo piano intere aree deturpate. Poi le cose sono fortunatamente cambiate.

D) Recentemente il Consiglio dei Ministri ha reso reato penale i roghi di rifiuti. Se questa misura fosse stata presa prima, si sarebbe arginato in qualche modo il fenomeno dei “fuochi”?

R) Assolutamente sì. Si trattava di un primo passo verso il presidio del territorio. Se lasci un territorio senza possibilità di controllo, in una zona di forte dispersione e disordine (anche dal punto di vista architettonico), risulta semplice buttare in strada stracci, metterci sopra solventi e dare fuoco a copertoni, scarti di lavorazione o quant’altro. Le diossine in quell’area si sono sprigionate per colpa degli incendi. La Campania è un territorio che in parte è stato deturpato irrimediabilmente. Il problema è che in Italia c’è una cattiva predisposizione a risolvere i problemi ambientali. Si arriva tardi e quando si arriva oramai le cose sono state così danneggiate che è difficile tornare ad uno stadio antecendente quella situazione. Credo che il nostro Paese sconti un ritardo su questo tema, perché avrebbe dovuto porre in tutte le agende politiche, la questione ambientale alla base dei ragionamenti.

D) Qual è la sensazione che le è rimasta dopo aver terminato il documentario sulla “Terra dei fuochi”, avendo toccato con mano quella realtà?

R) Quando attraverso quella terra ho una grande tristezza perché l’associo alle persone mettendo insieme terra e uomini. Il racconto che ho fatto, in fondo, aveva un suo collegamento. L’idea che volevo dare è che chi avvelena la terra, avvelena anche il sangue delle persone. E dopo che hai avvelenato il sangue, avveleni le coscienze e di conseguenza “uccidi due volte”. Il termine “biocidio”, usato per descrivere questa situazione, fa paura. Ma è un termine che mi riporta indietro nel tempo e mi fa pensare a stermini di massa. Si tratta di un neologismo che dovrebbe far riflettere i politici in generale.

D) Nel corso della sua attività giornalistica ha affrontato altre questioni ambientali?

R) Il tema dell’inquinamento è stato sempre presente. Ho raccontato la situazione di Taranto dove  un’industria forte ha deturpato l’ambiente. Mi sono occupato anche di dissesto idrogeologico in occasione degli allagamenti di Genova. Ho raccontato le frane in CalabriaSull’ambiente non possiamo comportarci come i coccodrilli che arrivano a eventi ormai avvenuti. Non possiamo farlo noi come giornalisti. Chi fa in informazione deve avere sempre la sensazione di anticipare i temi perché altrimenti andiamo a rimorchio delle cose e il mondo non cambia.

D) In quest’ottica, secondo lei, l’informazione ambientale cosa dovrebbe fare per penetrare di più nel flusso dell’informativo?

R) Chi fa informazione decide cosa far passare. Fino a poco tempo fa questo argomento non era “appetibile” e non passava nei titoli di testa. C’era una sorta di chiusura. Erano sempre notizie che passavano defilate o avevano un peso minore e si dovevano dare quando le cose erano già finite. Sull’ambiente c’è bisogno di fare un recupero in termini di comunicazione. Per quanto ci riguarda, nella serie de “I Dieci comandamenti”, sentiamo l’esigenza di raccontare una possibile svolta, vale a dire, l’idea che ci possa essere un mondo diverso in termini di impegno sui territori e sull’ambiente. Se continuiamo a raccontare dei pezzi di cronaca, anche importanti, ma non diamo nessuna possibilità di alternativa, noi giornalisti non abbiamo fatto bene il nostro lavoro.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende