Home » Rubriche »Very Important Planet » La TV trema con “Scala Mercalli”. Il climatologo più noto d’Italia alla vigilia del debutto:

La TV trema con “Scala Mercalli”. Il climatologo più noto d’Italia alla vigilia del debutto

febbraio 27, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Per la prima volta sulla RAI una trasmissione sarà dedicata solo alle grandi emergenze ambientali del nostro tempo, in modo divulgativo e approfondito, offrendo la descrizione del problema ma suggerendo anche qualche soluzione. Luca Mercalli, climatologo, divulgatore scientifico e presidente della Società Meteorologica Italiana, è pronto per il debutto domani sera, 28 febbraio, alle 21,30, del suo nuovo programma “Scala Mercalli”, su RAI Tre. Sei puntate di due ore ciascuna per approfondire le grandi emergenze ecologiche del Pianeta e offrire ai telespettatori un’occasione di approfondimento di molti concetti che spesso i media generalisti non si fermano a spiegare. La collocazione in palinsesto ha richiesto un lavoro complesso per trovare il giusto equilibrio tra ritmo e approfondimento, senza sconfinare nei tecnicismi. La puntata di domani sera sarà dedicata al clima e alla disponibilità di risorse sulla terra. Primi ospiti in studio Ugo Bardi, docente di Chimica all’Università di Firenze, esperto in esaurimento delle risorse e Tim Jackson, professore di Economia sostenibile, all’università di Surrey, in Inghilterra.

D) Mercalli, come è nato il suo programma? Ho letto che aveva questa idea da anni…

R) Parlando più volte con i dirigenti RAI, avevo proposto un programma di approfondimento sulle questioni ambientali. Sono molto soddisfatto che qualcuno abbia raccolto questa idea: sono stato contattato a luglio e per me è stata una grande sorpresa vedere questo interesse da parte di RAI Tre. Il fatto però di averci pensato a lungo mi ha permesso di iniziare a lavorare già con delle idee mature in testa, tanto che in pochi mesi siamo riusciti a realizzare il programma. Anche i documentari sono stati girati tutti ad hoc e prodotti dalla RAI in poco tempo, a partire da settembre.

D) Nelle sei puntate parlerà di cambiamenti climatici, eventi estremi, sovrasfruttamento degli oceani e delle foreste, inquinamento, rifiuti, cementificazione. Ci sono temi che hanno richiesto uno sforzo divulgativo maggiore?

R) No, sono tutti problemi gravi che hanno richiesto uno sforzo di divulgazione, tenendo presente anche le necessità del mezzo televisivo. E’ vero che in passato la divulgazione non è stata fatta abbastanza e abbastanza bene, ma oggi ci sono tutte le competenze di comunicazione scientifica per farla in modo ottimale. Inoltre, la collocazione dell’orario è importante. La prima serata del sabato è una posizione che dà grandi possibilità di audience: per questo però, bisogna pagare un po’ il prezzo del linguaggio televisivo. Abbiamo riflettuto molto sul livello di approfondimento fino al quale potevamo spingerci. Su due ore di trasmissione, almeno una sarà composta da documentari, che serviranno a dare ritmo. Il resto sarà composta da interviste a esperti, e parti di cucitura.

D) Rispetto all’approccio che utilizzano di solito i media quando parlano di cambiamenti climatici, lei ha scelto di raccontare non solo i problemi, ma anche le possibili soluzioni – come facciamo anche noi di Greenews.info…

R) Sì, ne ho poi parlato con il gruppo di lavoro e abbiamo deciso di adottare questo approccio come linea definitiva. È giusto non limitarsi alla descrizione dei problemi, ma offrire anche delle soluzioni: nei documentari racconteremo in diversi casi esperienze positive già in atto in alcune parti del mondo; in altri casi daremo idee e visioni per un futuro più sostenibile. Vorrei anche portare la mia testimonianza, in qualità di persona che da venti anni fa divulgazione con questi temi, ma che si è anche sporcata le mani: vivo in una casa con pannelli solari ed efficiente dal punto di vista energetico, coltivo il mio orto e mi muovo con un’auto elettrica. Molte delle cose di cui parlo nel programma le pratico in prima persona, e questo penso che renda quello che dico ancora più credibile.

D) Pensa che i cittadini siano pronti per una trasmissione di questo tipo? L’impressione è che ci sia una nicchia di persone più avanti dei media e poi una grande fetta di popolazione completamente disorientata su questi temi…

R) Sì, questo è assolutamente vero. Penso ci sia una fascia molto ampia della popolazione che desidera approfondire questi temi e molto spesso già coinvolta. È un fiume carsico a cui di solito si da poca voce, in molti casi anche deriso: il nostro presidente del Consiglio li chiama i “comitatini”. Eppure in questi comitatini vedo una grande consapevolezza delle grandi questioni ecologiche aperte…

D) Il programma è stato registrato nel centro multimediale della FAO di Roma. Perché questa scelta?

R) La FAO è l’unica agenzia ONU con sede in Italia la cui attività ha un’attinenza diretta con i temi che trattiamo. Da subito ci sono stati dei contatti per capire se c’erano delle possibilità di collaborazione, e alla fine ci hanno addirittura proposto di allestire lo studio nel loro centro multimediale. Nel nostro programma parleremo anche di modelli alimentari sostenibili, con una puntata curata dalla stessa FAO.

D) Quest’anno a dicembre si terrà la Conferenza delle parti di Parigi sui cambiamenti climatici. La vostra trasmissione servirà anche a rendere i cittadini più consapevoli in vista di questo appuntamento cruciale?

R) È molto bello che il programma parta nello stesso anno della COP di Parigi. Tra l’altro sono in contatto con l’Ambasciata di Francia in Italia, che mi ha chiamato per cercare di favorire anche in Italia la consapevolezza dell’importanza delle questioni legate al clima.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende