Home » Bollettino Europa »Rubriche » La Via & Co. Chi sono i nuovi presidenti delle Commissioni “verdi” del Parlamento UE:

La Via & Co. Chi sono i nuovi presidenti delle Commissioni “verdi” del Parlamento UE

luglio 14, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Dopo la (ri)nomina del Presidente Martin Schulz, il Parlamento Europeo ha assegnato le presidenze delle varie Commissioni, cuore propulsore dell’attività normativa UE. Toccherà all’italiano Giovanni La Via guidare la più grande Commissione legislativa dell’Europarlamento, quella dedicata alle tematiche ambientali (da qui il nome ENVI – environment), che include tra le proprie competenze i cambiamenti climatici, la sicurezza alimentare e la sanità pubblica.

Professore di economia e politica agraria, La Via (NuovoCentroDestra) è europarlamentare, dal 2009, nelle fila del Partito Popolare Europeo (PPE), dopo essere stato Assessore della Regione Sicilia per l’Agricoltura e le Foreste.

In Europa, nella legislatura precedente, era membro della Commissione permanente per i Bilanci e di quella per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale all’interno della quale è stato relatore sulla proposta legislativa riguardante il finanziamento, la gestione e il monitoraggio della nuova Politica Agricola Comune.

Dopo l’elezione – avvenuta per acclamazione – La Via ha dichiarato che i primi temi che affronterà la rinnovata Commissione riguarderanno le buste di plastica e il cambiamento climatico, dossier ereditati dalla scorsa legislatura. Ma anche la posizione del Consiglio sugli OGM, sulla quale il neo Presidente prevede una dura battaglia. Del resto, anche nella votazione per questa Commissione si è manifestata l’inedita alleanza trasversale tra socialisti e popolari per negare la Vicepresidenza ad un membro del gruppo EFDD (Farage) – Movimento 5 Stelle. Nonostante il candidato, Valentinas Mazuronis, arrivasse dal ruolo di Ministro dell’Ambiente della Lituania. Un caso che ha suscitato le proteste anche dell’Eurodeputata Verde Margrete Aukenn.

Quanto alle altre cariche con potenziale raggio di azione green, alla presidenza della delicata Commissione Industria, Ricerca ed Energia è stato nominato il polacco Jerzy Buzek, appartenente alla stessa famiglia politica di La Via. Lungo curriculum anche per Buzek, che è stato primo ministro della Polonia dal 1997 al 2001 mentre è membro del Parlamento Europeo dal 2004, istituzione per la quale è stato anche Presidente annoverando tra i suoi maggiori successi il lancio della Comunità Energetica Europea. La carriera politica di Buzek è sempre stata affiancata da quella accademica e della ricerca nel campo dell’ingegneria, ell’energia e della protezione ambientale.

A uomini del Partito Popolare Europeo vanno anche le nuove presidenze delle Commissioni Pesca e Agricoltura affidate rispettivamente al francese Alain Cadec, già Vicepresidente nella passata legislatura – e al polacco Czesław Adam Siekierski che succede all’italiano Paolo De Castro, il quale resta comunque all’interno della Commissione. Le sfide, conferma De Castro, “sono tante”: dalla riforma dell’etichettatura dei prodotti bio a quella del settore ortofrutticolo, passando per la fine del regime delle quote latte, e, soprattutto, la revisione della PAC 2020. Il nuovo Presidente, Siekierski, è stato professore alla Scuola Centrale di Educazione Rurale di Varsavia, direttore della Fondazione di Programmi di Assistenza per l’Agricoltura (FAPA), oltre che segretario di Stato al Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale.

L’unico Parlamentare dei Verdi Europei a sedere alla testa di una Commissione sarà dunque il tedesco Micheal Cramer, che presiederà la Commissione Trasporti e Turismo, della quale aveva già fatto parte, come membro, negli anni precedenti. Eletto in Germania nelle fila di Bündnis 90/Die Grünen, Cramer, referente per le le politiche dei Trasporti nel Gruppo dei Verdi Europei/ALE,  è nato il 16 giugno 1949 a Gevelsberg, città della Renania Settentrionale ed è europarlamentare dal 2004. Il suo CV di attività parlamentare indica 169 interrogazioni parlamentari in Aula nel corso delle due legislature, 73 interventi in seduta plenaria, 6 relazioni come relatore e 10 proposte di Risoluzione. Come tutti i Verdi Europei, Cramer parte inoltre forte di una presenza ai lavori parlamentari del 92%. Tenendo infine conto della vicinanza di Cramer alla ECF – European Cyclists’ Federation – che come lobby dei ciclisti ha l’obiettivo di riuscire ad ottenere almeno il 10% del budget destinato alle infrastrutture dei trasporti – l’aspettativa è che l’attività del neo-presidente sia decisamente indirizzata a sostegno di questa forma di mobilità sostenibile.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende