Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La via dei cantoni in Valchiusella. Come un ponte su acque agitate…:

La via dei cantoni in Valchiusella. Come un ponte su acque agitate…

aprile 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Ci si può innamorare di un ponte? Chi coltiva il mito infruttuoso dell’amore che nasce sul dorso dei ponti, può recarsi a Fondo in Valchiusella, per innamorarsi direttamente dell’amato viatico: il Ponte di Fondo, in località Traversella. E senza il problema della corrispondenza. Il ponte unisce sempre, per definizione.

Io non sono riuscito a resistere alla seduzione di questo ponticello sobrio come un arco, semplice come la pietra, bello come un bracciale d’argento sulla vena d’acqua del ChiusellaSe ne sta lì e congiunge due mondi: la strada asfaltata e il gruppo dei sentieri che si diramano e arrampicano la valle. Tra questi, la “Via dei Cantoni”.

Niente a che vedere con la Svizzera  - tanto per non perdere l’orientamento.
I vecchi canton erano le borgate dalle piccole costruzioni in pietra (baiti), collegate tra loro da mulattiere e sentieri appartenenti all’antica località di Fondo.

La via dei cantoni è l’itinerario
– ottimamente segnato e battuto – che collega dodici borgate alpestri comprese tra 940 metri e i 1300. Come si dice in lessico escursionistico, l’anello segue da una sponda all’altra il corso del Chiusella, con l’aiuto umile di una serie di ponti di pietra, tra cui il già citato ponte di Fondo, eretto nel 1727 – che pare alla vista molto più antico – e il ponte eretto in età romanica nei paraggi di Gaido che viene chiamato il Ponte del Diavolo.

Il sentiero richiede mezza giornata scarsa per essere interamente percorso ma non è particolarmente impegnativo. Per arrivare a Traversella, dove ha inizio la via dei cantoni, occorre regalarsi in avvicinamento qualche scorcio di Canavese, dei suoi laghi, dei suoi boschi e, ovviamente, della Valchiusella da cui si apprezza la vista lunare della Serra di Ivrea. Nella nostra “geografia mentale”, formatasi a pane e Copernico, la Serra  si oppone al modello di una Terra “tondeggiante”, provocandoci una visione delle cose che sembra giungere a noi da sotto il cuscino di Tolomeo. Semplificando: la Terra/Serra è piatta – e noi che avevamo sempre pensato fosse tonda! Anzi, è una gigantesca collina piatta, e vederla provoca spesso il dubbio dell’allucinazione. In realtà, si tratta di un rilievo facente parte dell’anfiteatro morenico di Ivrea e formatosi in era glaciale (Quaternario), per lo scivolamento di residui dai ghiacciaci in formazione, verso la Pianura Padana. Ecco spiegato il motivo della suo infinito digradare, come di pianura pensile.

La via dei cantoni inizia già dagli 890 m. di altitudine della località Mulino di Chiara. A Fondo si è già a 1070 metri circa.Qui il sentiero diventa mulattiera e costeggia la sinistra idrografica del Chiusella. Durante la nostra camminata incontreremo appena tre persone: una coppia di uomo e donna più un cane, e un informatico dalla seconda vita sorprendente.

Lungo la strada incrociamo altri sentieri dai nomi suggestivi, come il sentiero delle anime o il sentiero dei mufloni. Non siamo fortunati e di mufloni non se ne vede l’ombra. In compenso,  mi ritrovo con il piede in battuta a pochi centimetri da una salamandra incauta che attraversa la strada proprio al mio passaggio. Animale mitologico e figura araldica – nonché titolo di un album di Miguel Bosè dei dimenticabili anni Ottanta! - la salamandra è imperturbabile e lentissima, talmente plastica e armonica nei movimenti da sembrare finta. Non mi era mai capitato un contatto così intimo con questo animaletto preistorico.

Anime, mufloni, salamandre e uomini si muovono su questa valle dalle pietre nobili e dalle tradizioni minerarie -ferro, rame, tungsteno e le tante cave che dagli anni Venti del secolo scorso divennero proprietà dalla Fiat sotto il nome di delle Ferriere Piemontesi.

Prima ancora dell’abitato storico di Tallorno scopriamo uno dei tratti più belli dell’antropizzazione di queste borgate: le meridiane solari che compaiono miracolosamente pulite sui muri sbrecciati delle case e delle baite. Ne testiamo subito l’infallibile e semplicissimo funzionamento: sì, l’ombra che ritaglia lo spicchio di meridiana ci dice che sono le quattordici. E la nostra pigra ora satellittare risponde: quattordici e zero quattro!

Ed ecco Tallorno, a 1226 metri. La borgata si arrampica tra piccole baite, casette di rocca, cappellette votive e piccole aie a ridosso del Chiusella. Il borgo è deserto, senza un’anima, ma esprime uno strano senso di provvisorietà, come quando dal tabaccaio si trova scritto su un biglietto all’ingresso “torno subito”. Molte di queste case sembrano custodire del “vissuto”, e talvolta lo tradiscono anche all’esterno: un sacchetto della spazzatura che qualcuno s’è scordato di buttare, un giornale, un grembiule.

Proprio mentre io e Zavorra fantastichiamo su questo recesso così inospitale per la civiltà – un vero borgo alpestre
- e immaginiamo cordate di famigliole camminatrici che nella bella stagione vengono a stare qui con armi e bagagli partendo da Traversella, incontriamo un signore di ritorno da una escursione serissima nei dintorni. Mauro che nella sua prima vita fa l’informatico, nella seconda fa il cercatore di erbe. Lui si definisce erbolaro ed è anche uno piuttosto riconosciuto nel suo ramo – non quello informatico, l’altro – avendo pubblicato un paio di libri sulle erbe e le loro proprietà. Ci rivela che, in realtà, esiste una strada per giungere in auto fino a Tallorno, utilizzata da tutte le famiglie che vengono a villeggiare. Addio poesia.

Sulla punta estrema di Tallorno, si scavalla nuovamente il Chiusella, su uno dei tanti bellissimi ponticelli di pietra. Prima di tornare alla civiltà sarà bene salutare un’ultima volta il ponte di Fondo, magari chiacchierando con due vecchietti del posto, lì in cima all’arco. Like a bridge over troubled water

Orlando Manfredi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende