Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La via dei cantoni in Valchiusella. Come un ponte su acque agitate…:

La via dei cantoni in Valchiusella. Come un ponte su acque agitate…

aprile 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Ci si può innamorare di un ponte? Chi coltiva il mito infruttuoso dell’amore che nasce sul dorso dei ponti, può recarsi a Fondo in Valchiusella, per innamorarsi direttamente dell’amato viatico: il Ponte di Fondo, in località Traversella. E senza il problema della corrispondenza. Il ponte unisce sempre, per definizione.

Io non sono riuscito a resistere alla seduzione di questo ponticello sobrio come un arco, semplice come la pietra, bello come un bracciale d’argento sulla vena d’acqua del ChiusellaSe ne sta lì e congiunge due mondi: la strada asfaltata e il gruppo dei sentieri che si diramano e arrampicano la valle. Tra questi, la “Via dei Cantoni”.

Niente a che vedere con la Svizzera  - tanto per non perdere l’orientamento.
I vecchi canton erano le borgate dalle piccole costruzioni in pietra (baiti), collegate tra loro da mulattiere e sentieri appartenenti all’antica località di Fondo.

La via dei cantoni è l’itinerario
– ottimamente segnato e battuto – che collega dodici borgate alpestri comprese tra 940 metri e i 1300. Come si dice in lessico escursionistico, l’anello segue da una sponda all’altra il corso del Chiusella, con l’aiuto umile di una serie di ponti di pietra, tra cui il già citato ponte di Fondo, eretto nel 1727 – che pare alla vista molto più antico – e il ponte eretto in età romanica nei paraggi di Gaido che viene chiamato il Ponte del Diavolo.

Il sentiero richiede mezza giornata scarsa per essere interamente percorso ma non è particolarmente impegnativo. Per arrivare a Traversella, dove ha inizio la via dei cantoni, occorre regalarsi in avvicinamento qualche scorcio di Canavese, dei suoi laghi, dei suoi boschi e, ovviamente, della Valchiusella da cui si apprezza la vista lunare della Serra di Ivrea. Nella nostra “geografia mentale”, formatasi a pane e Copernico, la Serra  si oppone al modello di una Terra “tondeggiante”, provocandoci una visione delle cose che sembra giungere a noi da sotto il cuscino di Tolomeo. Semplificando: la Terra/Serra è piatta – e noi che avevamo sempre pensato fosse tonda! Anzi, è una gigantesca collina piatta, e vederla provoca spesso il dubbio dell’allucinazione. In realtà, si tratta di un rilievo facente parte dell’anfiteatro morenico di Ivrea e formatosi in era glaciale (Quaternario), per lo scivolamento di residui dai ghiacciaci in formazione, verso la Pianura Padana. Ecco spiegato il motivo della suo infinito digradare, come di pianura pensile.

La via dei cantoni inizia già dagli 890 m. di altitudine della località Mulino di Chiara. A Fondo si è già a 1070 metri circa.Qui il sentiero diventa mulattiera e costeggia la sinistra idrografica del Chiusella. Durante la nostra camminata incontreremo appena tre persone: una coppia di uomo e donna più un cane, e un informatico dalla seconda vita sorprendente.

Lungo la strada incrociamo altri sentieri dai nomi suggestivi, come il sentiero delle anime o il sentiero dei mufloni. Non siamo fortunati e di mufloni non se ne vede l’ombra. In compenso,  mi ritrovo con il piede in battuta a pochi centimetri da una salamandra incauta che attraversa la strada proprio al mio passaggio. Animale mitologico e figura araldica – nonché titolo di un album di Miguel Bosè dei dimenticabili anni Ottanta! - la salamandra è imperturbabile e lentissima, talmente plastica e armonica nei movimenti da sembrare finta. Non mi era mai capitato un contatto così intimo con questo animaletto preistorico.

Anime, mufloni, salamandre e uomini si muovono su questa valle dalle pietre nobili e dalle tradizioni minerarie -ferro, rame, tungsteno e le tante cave che dagli anni Venti del secolo scorso divennero proprietà dalla Fiat sotto il nome di delle Ferriere Piemontesi.

Prima ancora dell’abitato storico di Tallorno scopriamo uno dei tratti più belli dell’antropizzazione di queste borgate: le meridiane solari che compaiono miracolosamente pulite sui muri sbrecciati delle case e delle baite. Ne testiamo subito l’infallibile e semplicissimo funzionamento: sì, l’ombra che ritaglia lo spicchio di meridiana ci dice che sono le quattordici. E la nostra pigra ora satellittare risponde: quattordici e zero quattro!

Ed ecco Tallorno, a 1226 metri. La borgata si arrampica tra piccole baite, casette di rocca, cappellette votive e piccole aie a ridosso del Chiusella. Il borgo è deserto, senza un’anima, ma esprime uno strano senso di provvisorietà, come quando dal tabaccaio si trova scritto su un biglietto all’ingresso “torno subito”. Molte di queste case sembrano custodire del “vissuto”, e talvolta lo tradiscono anche all’esterno: un sacchetto della spazzatura che qualcuno s’è scordato di buttare, un giornale, un grembiule.

Proprio mentre io e Zavorra fantastichiamo su questo recesso così inospitale per la civiltà – un vero borgo alpestre
- e immaginiamo cordate di famigliole camminatrici che nella bella stagione vengono a stare qui con armi e bagagli partendo da Traversella, incontriamo un signore di ritorno da una escursione serissima nei dintorni. Mauro che nella sua prima vita fa l’informatico, nella seconda fa il cercatore di erbe. Lui si definisce erbolaro ed è anche uno piuttosto riconosciuto nel suo ramo – non quello informatico, l’altro – avendo pubblicato un paio di libri sulle erbe e le loro proprietà. Ci rivela che, in realtà, esiste una strada per giungere in auto fino a Tallorno, utilizzata da tutte le famiglie che vengono a villeggiare. Addio poesia.

Sulla punta estrema di Tallorno, si scavalla nuovamente il Chiusella, su uno dei tanti bellissimi ponticelli di pietra. Prima di tornare alla civiltà sarà bene salutare un’ultima volta il ponte di Fondo, magari chiacchierando con due vecchietti del posto, lì in cima all’arco. Like a bridge over troubled water

Orlando Manfredi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende