Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » La via dei cantoni in Valchiusella. Come un ponte su acque agitate…:

La via dei cantoni in Valchiusella. Come un ponte su acque agitate…

aprile 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Ci si può innamorare di un ponte? Chi coltiva il mito infruttuoso dell’amore che nasce sul dorso dei ponti, può recarsi a Fondo in Valchiusella, per innamorarsi direttamente dell’amato viatico: il Ponte di Fondo, in località Traversella. E senza il problema della corrispondenza. Il ponte unisce sempre, per definizione.

Io non sono riuscito a resistere alla seduzione di questo ponticello sobrio come un arco, semplice come la pietra, bello come un bracciale d’argento sulla vena d’acqua del ChiusellaSe ne sta lì e congiunge due mondi: la strada asfaltata e il gruppo dei sentieri che si diramano e arrampicano la valle. Tra questi, la “Via dei Cantoni”.

Niente a che vedere con la Svizzera  - tanto per non perdere l’orientamento.
I vecchi canton erano le borgate dalle piccole costruzioni in pietra (baiti), collegate tra loro da mulattiere e sentieri appartenenti all’antica località di Fondo.

La via dei cantoni è l’itinerario
– ottimamente segnato e battuto – che collega dodici borgate alpestri comprese tra 940 metri e i 1300. Come si dice in lessico escursionistico, l’anello segue da una sponda all’altra il corso del Chiusella, con l’aiuto umile di una serie di ponti di pietra, tra cui il già citato ponte di Fondo, eretto nel 1727 – che pare alla vista molto più antico – e il ponte eretto in età romanica nei paraggi di Gaido che viene chiamato il Ponte del Diavolo.

Il sentiero richiede mezza giornata scarsa per essere interamente percorso ma non è particolarmente impegnativo. Per arrivare a Traversella, dove ha inizio la via dei cantoni, occorre regalarsi in avvicinamento qualche scorcio di Canavese, dei suoi laghi, dei suoi boschi e, ovviamente, della Valchiusella da cui si apprezza la vista lunare della Serra di Ivrea. Nella nostra “geografia mentale”, formatasi a pane e Copernico, la Serra  si oppone al modello di una Terra “tondeggiante”, provocandoci una visione delle cose che sembra giungere a noi da sotto il cuscino di Tolomeo. Semplificando: la Terra/Serra è piatta – e noi che avevamo sempre pensato fosse tonda! Anzi, è una gigantesca collina piatta, e vederla provoca spesso il dubbio dell’allucinazione. In realtà, si tratta di un rilievo facente parte dell’anfiteatro morenico di Ivrea e formatosi in era glaciale (Quaternario), per lo scivolamento di residui dai ghiacciaci in formazione, verso la Pianura Padana. Ecco spiegato il motivo della suo infinito digradare, come di pianura pensile.

La via dei cantoni inizia già dagli 890 m. di altitudine della località Mulino di Chiara. A Fondo si è già a 1070 metri circa.Qui il sentiero diventa mulattiera e costeggia la sinistra idrografica del Chiusella. Durante la nostra camminata incontreremo appena tre persone: una coppia di uomo e donna più un cane, e un informatico dalla seconda vita sorprendente.

Lungo la strada incrociamo altri sentieri dai nomi suggestivi, come il sentiero delle anime o il sentiero dei mufloni. Non siamo fortunati e di mufloni non se ne vede l’ombra. In compenso,  mi ritrovo con il piede in battuta a pochi centimetri da una salamandra incauta che attraversa la strada proprio al mio passaggio. Animale mitologico e figura araldica – nonché titolo di un album di Miguel Bosè dei dimenticabili anni Ottanta! - la salamandra è imperturbabile e lentissima, talmente plastica e armonica nei movimenti da sembrare finta. Non mi era mai capitato un contatto così intimo con questo animaletto preistorico.

Anime, mufloni, salamandre e uomini si muovono su questa valle dalle pietre nobili e dalle tradizioni minerarie -ferro, rame, tungsteno e le tante cave che dagli anni Venti del secolo scorso divennero proprietà dalla Fiat sotto il nome di delle Ferriere Piemontesi.

Prima ancora dell’abitato storico di Tallorno scopriamo uno dei tratti più belli dell’antropizzazione di queste borgate: le meridiane solari che compaiono miracolosamente pulite sui muri sbrecciati delle case e delle baite. Ne testiamo subito l’infallibile e semplicissimo funzionamento: sì, l’ombra che ritaglia lo spicchio di meridiana ci dice che sono le quattordici. E la nostra pigra ora satellittare risponde: quattordici e zero quattro!

Ed ecco Tallorno, a 1226 metri. La borgata si arrampica tra piccole baite, casette di rocca, cappellette votive e piccole aie a ridosso del Chiusella. Il borgo è deserto, senza un’anima, ma esprime uno strano senso di provvisorietà, come quando dal tabaccaio si trova scritto su un biglietto all’ingresso “torno subito”. Molte di queste case sembrano custodire del “vissuto”, e talvolta lo tradiscono anche all’esterno: un sacchetto della spazzatura che qualcuno s’è scordato di buttare, un giornale, un grembiule.

Proprio mentre io e Zavorra fantastichiamo su questo recesso così inospitale per la civiltà – un vero borgo alpestre
- e immaginiamo cordate di famigliole camminatrici che nella bella stagione vengono a stare qui con armi e bagagli partendo da Traversella, incontriamo un signore di ritorno da una escursione serissima nei dintorni. Mauro che nella sua prima vita fa l’informatico, nella seconda fa il cercatore di erbe. Lui si definisce erbolaro ed è anche uno piuttosto riconosciuto nel suo ramo – non quello informatico, l’altro – avendo pubblicato un paio di libri sulle erbe e le loro proprietà. Ci rivela che, in realtà, esiste una strada per giungere in auto fino a Tallorno, utilizzata da tutte le famiglie che vengono a villeggiare. Addio poesia.

Sulla punta estrema di Tallorno, si scavalla nuovamente il Chiusella, su uno dei tanti bellissimi ponticelli di pietra. Prima di tornare alla civiltà sarà bene salutare un’ultima volta il ponte di Fondo, magari chiacchierando con due vecchietti del posto, lì in cima all’arco. Like a bridge over troubled water

Orlando Manfredi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende