Home » Rubriche »Very Important Planet » La “Visual Food” di Rita Loccisano: food art da mangiare:

La “Visual Food” di Rita Loccisano: food art da mangiare

maggio 22, 2015 Rubriche, Very Important Planet

È una giovane donna modenese, che dalla sua passione per la cucina ha ideato prima un’arte, poi un lavoro, quello del Visualfoodist, e che ora sta unendo un vero e proprio movimento.

Si chiama Rita Loccisano e la disciplina che sta diffondendo è la VisualFood, una forma di food art che coniuga l’estetica al gusto, la forma alla qualità. E così un tagliere di salumi e formaggi diventa una scacchiera o la tavolozza di un pittore e il piatto di pomodorini e mozzarelle è presentato come un vaso di tulipani rossi.

Già conduttrice del programma tv “VisualFood – capolavori in cucina”, in onda sul canale 160 di Sky e più volte ospite di “Detto fatto” su Rai 2, Rita mette a disposizione decine di tutorial sul suo sito, sui social e sul canale YouTube “VisualFood”. Dedicati agli appassionati, anche i percorsi formativi online o in aula organizzati nelle varie regioni; di livello professionale, invece, il percorso di specializzazione, con sessione finale presso la VisualFood Academy di Modena. Al Salone Internazionale del Libro di Torino, ha presentato, nello spazio di Casa Cookbook il suo libro “VisualFood Creare, stupire, gustare”, un libro manifesto con ricette e tutorial fotografici.

D) Rita, in una disciplina che trasforma i cibi in opere d’arte e che cura la bellezza e la spettacolarità del piatto, quanto è importante la qualità degli ingredienti?

R) Moltissimo. La VisualFood insegna a presentare le portate, ma l’aspetto va a braccetto con il gusto. È nuovo l’approccio del presentare bene il cibo sulla tavola e la differenza principale con le altre arti culinarie, che creano sculture spettacolari con il cibo da ammirare e basta, è che VisualFood prepara piccole opere commestibili e che, anzi, devono essere mangiate. Quindi gli ingredienti non devono mai essere di bassa qualità, sarebbe una brutta delusione assaggiare una portata bellissima da vedere ma pessima nei sapori!

D) E’ risaputo però che, in tempi di crisi, gli italiani risparmiano anche sulla spesa alimentare… Che ne pensi? Qualche consiglio?

R) Personalmente scelgo di comprare meno cibo, ma sempre di qualità. Compro solo quello che consumo realmente, senza riempirmi le dispense di alimenti che poi sono costretta a buttare perché andati a male. Acquisto principalmente prodotti biologici e integrali, che costano di più è vero, e forse anche per quello sono più attenta a non sprecarli, ma che garantiscono una maggiore qualità. Durante i corsi noi non diamo indicazioni precise su quali prodotti utilizzare, questo è evidente:  VisualFood insegna una tecnica e passa gli strumenti per rendere bello il cibo, che poi si possono applicare ad ogni tipo di alimento e declinabile ad ogni latitudine. Diventa un approccio al cibo più che un elenco di ricette. Il fiore di formaggio può essere realizzato con il caciocavallo silano o con la toma piemontese, e quindi i piatti sono personalizzabili con ingredienti e prodotti tipici dei territori. Proprio per questo VisualFood allontana ancora l’alimentazione dal mercato e dalla produzione industriale, a favore della creatività del singolo, dell’originalità e dell’artigianato.

D) E delle opere VisualFood si mangia proprio tutto?

R) Assolutamente! Uno dei punti del decalogo VisualFood dice “Non sprecare cibo: curati di conservare gli avanzi e riutilizzare gli scarti”. Molto spesso nelle arti culinarie si creano delle grandi composizioni che però sono finalizzate solo alla mostra e che producono un sacco di sprechi; penso alle grandi angurie scavate per esempio. Quando noi progettiamo una composizione, oltre alla forma, pensiamo anche all’utilizzo degli scarti, che magari diventano decorazione o ingrediente per un altro piatto, ma non si spreca nulla, si mangia tutto.

D) Nel libro sono illustrate alcune ricette per bambini: il cibo “divertente” può essere uno strumento di educazione per un’alimentazione sana?

R) Si, indubbiamente un piatto con una bella forma convince anche i bambini più capricciosi. Diverse scuole in Italia, materne ed elementari, ci hanno chiesto di organizzare laboratori VisualFood per introdurre più frutta e verdura nella dieta dei bambini, che spesso si rifiutano di mangiarne. Questa disciplina si presta bene: è un gioco che coinvolge direttamente gli alunni nella preparazione, che poi mangiano le piccole creazioni di animali di frutta molto più volentieri e con grande soddisfazione!

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende