Home » Rubriche »Very Important Planet » La “Visual Food” di Rita Loccisano: food art da mangiare:

La “Visual Food” di Rita Loccisano: food art da mangiare

maggio 22, 2015 Rubriche, Very Important Planet

È una giovane donna modenese, che dalla sua passione per la cucina ha ideato prima un’arte, poi un lavoro, quello del Visualfoodist, e che ora sta unendo un vero e proprio movimento.

Si chiama Rita Loccisano e la disciplina che sta diffondendo è la VisualFood, una forma di food art che coniuga l’estetica al gusto, la forma alla qualità. E così un tagliere di salumi e formaggi diventa una scacchiera o la tavolozza di un pittore e il piatto di pomodorini e mozzarelle è presentato come un vaso di tulipani rossi.

Già conduttrice del programma tv “VisualFood – capolavori in cucina”, in onda sul canale 160 di Sky e più volte ospite di “Detto fatto” su Rai 2, Rita mette a disposizione decine di tutorial sul suo sito, sui social e sul canale YouTube “VisualFood”. Dedicati agli appassionati, anche i percorsi formativi online o in aula organizzati nelle varie regioni; di livello professionale, invece, il percorso di specializzazione, con sessione finale presso la VisualFood Academy di Modena. Al Salone Internazionale del Libro di Torino, ha presentato, nello spazio di Casa Cookbook il suo libro “VisualFood Creare, stupire, gustare”, un libro manifesto con ricette e tutorial fotografici.

D) Rita, in una disciplina che trasforma i cibi in opere d’arte e che cura la bellezza e la spettacolarità del piatto, quanto è importante la qualità degli ingredienti?

R) Moltissimo. La VisualFood insegna a presentare le portate, ma l’aspetto va a braccetto con il gusto. È nuovo l’approccio del presentare bene il cibo sulla tavola e la differenza principale con le altre arti culinarie, che creano sculture spettacolari con il cibo da ammirare e basta, è che VisualFood prepara piccole opere commestibili e che, anzi, devono essere mangiate. Quindi gli ingredienti non devono mai essere di bassa qualità, sarebbe una brutta delusione assaggiare una portata bellissima da vedere ma pessima nei sapori!

D) E’ risaputo però che, in tempi di crisi, gli italiani risparmiano anche sulla spesa alimentare… Che ne pensi? Qualche consiglio?

R) Personalmente scelgo di comprare meno cibo, ma sempre di qualità. Compro solo quello che consumo realmente, senza riempirmi le dispense di alimenti che poi sono costretta a buttare perché andati a male. Acquisto principalmente prodotti biologici e integrali, che costano di più è vero, e forse anche per quello sono più attenta a non sprecarli, ma che garantiscono una maggiore qualità. Durante i corsi noi non diamo indicazioni precise su quali prodotti utilizzare, questo è evidente:  VisualFood insegna una tecnica e passa gli strumenti per rendere bello il cibo, che poi si possono applicare ad ogni tipo di alimento e declinabile ad ogni latitudine. Diventa un approccio al cibo più che un elenco di ricette. Il fiore di formaggio può essere realizzato con il caciocavallo silano o con la toma piemontese, e quindi i piatti sono personalizzabili con ingredienti e prodotti tipici dei territori. Proprio per questo VisualFood allontana ancora l’alimentazione dal mercato e dalla produzione industriale, a favore della creatività del singolo, dell’originalità e dell’artigianato.

D) E delle opere VisualFood si mangia proprio tutto?

R) Assolutamente! Uno dei punti del decalogo VisualFood dice “Non sprecare cibo: curati di conservare gli avanzi e riutilizzare gli scarti”. Molto spesso nelle arti culinarie si creano delle grandi composizioni che però sono finalizzate solo alla mostra e che producono un sacco di sprechi; penso alle grandi angurie scavate per esempio. Quando noi progettiamo una composizione, oltre alla forma, pensiamo anche all’utilizzo degli scarti, che magari diventano decorazione o ingrediente per un altro piatto, ma non si spreca nulla, si mangia tutto.

D) Nel libro sono illustrate alcune ricette per bambini: il cibo “divertente” può essere uno strumento di educazione per un’alimentazione sana?

R) Si, indubbiamente un piatto con una bella forma convince anche i bambini più capricciosi. Diverse scuole in Italia, materne ed elementari, ci hanno chiesto di organizzare laboratori VisualFood per introdurre più frutta e verdura nella dieta dei bambini, che spesso si rifiutano di mangiarne. Questa disciplina si presta bene: è un gioco che coinvolge direttamente gli alunni nella preparazione, che poi mangiano le piccole creazioni di animali di frutta molto più volentieri e con grande soddisfazione!

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende