Home » Rubriche »Very Important Planet » La “Visual Food” di Rita Loccisano: food art da mangiare:

La “Visual Food” di Rita Loccisano: food art da mangiare

maggio 22, 2015 Rubriche, Very Important Planet

È una giovane donna modenese, che dalla sua passione per la cucina ha ideato prima un’arte, poi un lavoro, quello del Visualfoodist, e che ora sta unendo un vero e proprio movimento.

Si chiama Rita Loccisano e la disciplina che sta diffondendo è la VisualFood, una forma di food art che coniuga l’estetica al gusto, la forma alla qualità. E così un tagliere di salumi e formaggi diventa una scacchiera o la tavolozza di un pittore e il piatto di pomodorini e mozzarelle è presentato come un vaso di tulipani rossi.

Già conduttrice del programma tv “VisualFood – capolavori in cucina”, in onda sul canale 160 di Sky e più volte ospite di “Detto fatto” su Rai 2, Rita mette a disposizione decine di tutorial sul suo sito, sui social e sul canale YouTube “VisualFood”. Dedicati agli appassionati, anche i percorsi formativi online o in aula organizzati nelle varie regioni; di livello professionale, invece, il percorso di specializzazione, con sessione finale presso la VisualFood Academy di Modena. Al Salone Internazionale del Libro di Torino, ha presentato, nello spazio di Casa Cookbook il suo libro “VisualFood Creare, stupire, gustare”, un libro manifesto con ricette e tutorial fotografici.

D) Rita, in una disciplina che trasforma i cibi in opere d’arte e che cura la bellezza e la spettacolarità del piatto, quanto è importante la qualità degli ingredienti?

R) Moltissimo. La VisualFood insegna a presentare le portate, ma l’aspetto va a braccetto con il gusto. È nuovo l’approccio del presentare bene il cibo sulla tavola e la differenza principale con le altre arti culinarie, che creano sculture spettacolari con il cibo da ammirare e basta, è che VisualFood prepara piccole opere commestibili e che, anzi, devono essere mangiate. Quindi gli ingredienti non devono mai essere di bassa qualità, sarebbe una brutta delusione assaggiare una portata bellissima da vedere ma pessima nei sapori!

D) E’ risaputo però che, in tempi di crisi, gli italiani risparmiano anche sulla spesa alimentare… Che ne pensi? Qualche consiglio?

R) Personalmente scelgo di comprare meno cibo, ma sempre di qualità. Compro solo quello che consumo realmente, senza riempirmi le dispense di alimenti che poi sono costretta a buttare perché andati a male. Acquisto principalmente prodotti biologici e integrali, che costano di più è vero, e forse anche per quello sono più attenta a non sprecarli, ma che garantiscono una maggiore qualità. Durante i corsi noi non diamo indicazioni precise su quali prodotti utilizzare, questo è evidente:  VisualFood insegna una tecnica e passa gli strumenti per rendere bello il cibo, che poi si possono applicare ad ogni tipo di alimento e declinabile ad ogni latitudine. Diventa un approccio al cibo più che un elenco di ricette. Il fiore di formaggio può essere realizzato con il caciocavallo silano o con la toma piemontese, e quindi i piatti sono personalizzabili con ingredienti e prodotti tipici dei territori. Proprio per questo VisualFood allontana ancora l’alimentazione dal mercato e dalla produzione industriale, a favore della creatività del singolo, dell’originalità e dell’artigianato.

D) E delle opere VisualFood si mangia proprio tutto?

R) Assolutamente! Uno dei punti del decalogo VisualFood dice “Non sprecare cibo: curati di conservare gli avanzi e riutilizzare gli scarti”. Molto spesso nelle arti culinarie si creano delle grandi composizioni che però sono finalizzate solo alla mostra e che producono un sacco di sprechi; penso alle grandi angurie scavate per esempio. Quando noi progettiamo una composizione, oltre alla forma, pensiamo anche all’utilizzo degli scarti, che magari diventano decorazione o ingrediente per un altro piatto, ma non si spreca nulla, si mangia tutto.

D) Nel libro sono illustrate alcune ricette per bambini: il cibo “divertente” può essere uno strumento di educazione per un’alimentazione sana?

R) Si, indubbiamente un piatto con una bella forma convince anche i bambini più capricciosi. Diverse scuole in Italia, materne ed elementari, ci hanno chiesto di organizzare laboratori VisualFood per introdurre più frutta e verdura nella dieta dei bambini, che spesso si rifiutano di mangiarne. Questa disciplina si presta bene: è un gioco che coinvolge direttamente gli alunni nella preparazione, che poi mangiano le piccole creazioni di animali di frutta molto più volentieri e con grande soddisfazione!

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende