Home » Campioni d'Italia »Rubriche » L’applicazione per la raccolta differenziata di Francesco Cucari:

L’applicazione per la raccolta differenziata di Francesco Cucari

ottobre 19, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

A dirsi è facilissimo: si scrive sulla tastiera del cellulare l’oggetto che si deve buttare, si seleziona “getta”, e l’applicazione risponde indicando il cassonetto giusto: carta, plastica, vetro alluminio, umido, o indifferenziato. A farsi, è stato un po’ più complicato: la prima App per non sbagliare a differenziare i rifiuti è stata resa disponibile on line un paio di mesi fa, «dopo un lavoro molto lungo e certosino», spiega oggi Francesco Cucari, un ragazzo lucano di 18 anni, all’ultimo anno di liceo scientifico, ideatore e creatore del Dizionario dei rifiuti, che sta alla base dell’applicazione.  Un’idea sviluppata quasi per gioco, da uno studente appassionato di informatica e tecnologia, che certo non si aspettava tutto questo successo (non è forse nato così anche Facebook?).

Prima Francesco, il “Marc Zuckerberg lucano” (ci assomiglia anche) si era cimentato con RotoApp, una guida turistica gratuita del suo paese, Rotondella, in provincia di Matera, per avere a portata di cellulare la mappa dettagliata, i punti di interesse, il meteo e tutte le altre informazioni per una vacanza nel borgo affacciato sul mar Ionio. Ma con il Dizionario le cose sono andate oltre le sue aspettative: l’App infatti è stata già scaricata nel Market Android da oltre 1.600 utenti in meno di 60 giorni e gran parte dei commenti sono entusiasti. «L’idea del dizionario è nata da un’esperienza personale. Un anno fa nel mio paese è stata introdotta la raccolta porta a porta e i cittadini avevano spesso dubbi su dove buttare certi rifiuti, a volte sbagliavano e si trovavano in difficoltà. Così, ho pensato di facilitare il compito ai miei compaesani e in generale a tutti quelli che useranno l’applicazione».

Il Dizionario contiene oltre 700 voci di oggetti. «Se si sbaglia a digitare il nome, o se si scrive un termine troppo generico – spiega Francesco – esiste la funzione “forse cercavi”, che suggerisce parole simili o più specifiche». Scrivendo carta, per esempio, l’App ci chiede se intendiamo “carta unta”, “carta crespa”, e così via.

Le informazioni sul corretto conferimento sono state prese direttamente dalle aziende che si occupano della raccolta differenziata, come l’Ama di Roma, l’Amsa di Milano, l’Asia di Benevento, Basilicata Pulita, Cidiu Torino, Acea Pinerolese, CSA Ambiente, Centroanchio.it. «Le indicazioni dell’App sono valide per tutta l’Italia. Non essendoci però nel nostro Paese una legislazione univoca in materia di conferimento dei rifiuti, è possibile che in certi casi si debba differenziare in modo diverso in base alla città. Per questo sto cercando di implementare l’applicazione aggiungendo la geolocalizzazione dell’utente». Ossia, far sì che l’App ci dia le informazioni esattamente in base al luogo dove in cui ci si trova, in modo da evitare qualunque tipo di errore. Al miglioramento del progetto possono partecipare anche gli utenti: «Mi stanno arrivando tanti suggerimenti, sia su altri tipi di rifiuti da aggiungere alla lista, sia per quanto riguarda la grafica».

Nonostante tutto il lavoro necessario per svilupparlo («Ho dovuto inserire gli oltre 700 termini uno per uno»), il Dizionario dei rifiuti è scaricabile in modalità rigorosamente gratuita. Vista la grande diffusione degli smartphone, l’applicazione potrebbe diventare un servizio utile offerto dalle aziende di gestione dei rifiuti ai propri utenti. «Per ora non mi ha contattato nessuna azienda, ma sarebbe sicuramente un progetto interessante per le società che offrono il servizio, e soprattutto una cosa molto utile per i cittadini», spiega Francesco. E, nel frattempo, in questi giorni in cui si avverte, sempre più urgente, la necessità di un ricambio generazionale per favorire il cambiamento e l’uscita dalla crisi, c’è già chi lo invita a convegni e incontri per presentare l’applicazione e parlare di “Giovani e new media”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende