Home » Campioni d'Italia »Rubriche » L’applicazione per la raccolta differenziata di Francesco Cucari:

L’applicazione per la raccolta differenziata di Francesco Cucari

ottobre 19, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

A dirsi è facilissimo: si scrive sulla tastiera del cellulare l’oggetto che si deve buttare, si seleziona “getta”, e l’applicazione risponde indicando il cassonetto giusto: carta, plastica, vetro alluminio, umido, o indifferenziato. A farsi, è stato un po’ più complicato: la prima App per non sbagliare a differenziare i rifiuti è stata resa disponibile on line un paio di mesi fa, «dopo un lavoro molto lungo e certosino», spiega oggi Francesco Cucari, un ragazzo lucano di 18 anni, all’ultimo anno di liceo scientifico, ideatore e creatore del Dizionario dei rifiuti, che sta alla base dell’applicazione.  Un’idea sviluppata quasi per gioco, da uno studente appassionato di informatica e tecnologia, che certo non si aspettava tutto questo successo (non è forse nato così anche Facebook?).

Prima Francesco, il “Marc Zuckerberg lucano” (ci assomiglia anche) si era cimentato con RotoApp, una guida turistica gratuita del suo paese, Rotondella, in provincia di Matera, per avere a portata di cellulare la mappa dettagliata, i punti di interesse, il meteo e tutte le altre informazioni per una vacanza nel borgo affacciato sul mar Ionio. Ma con il Dizionario le cose sono andate oltre le sue aspettative: l’App infatti è stata già scaricata nel Market Android da oltre 1.600 utenti in meno di 60 giorni e gran parte dei commenti sono entusiasti. «L’idea del dizionario è nata da un’esperienza personale. Un anno fa nel mio paese è stata introdotta la raccolta porta a porta e i cittadini avevano spesso dubbi su dove buttare certi rifiuti, a volte sbagliavano e si trovavano in difficoltà. Così, ho pensato di facilitare il compito ai miei compaesani e in generale a tutti quelli che useranno l’applicazione».

Il Dizionario contiene oltre 700 voci di oggetti. «Se si sbaglia a digitare il nome, o se si scrive un termine troppo generico – spiega Francesco – esiste la funzione “forse cercavi”, che suggerisce parole simili o più specifiche». Scrivendo carta, per esempio, l’App ci chiede se intendiamo “carta unta”, “carta crespa”, e così via.

Le informazioni sul corretto conferimento sono state prese direttamente dalle aziende che si occupano della raccolta differenziata, come l’Ama di Roma, l’Amsa di Milano, l’Asia di Benevento, Basilicata Pulita, Cidiu Torino, Acea Pinerolese, CSA Ambiente, Centroanchio.it. «Le indicazioni dell’App sono valide per tutta l’Italia. Non essendoci però nel nostro Paese una legislazione univoca in materia di conferimento dei rifiuti, è possibile che in certi casi si debba differenziare in modo diverso in base alla città. Per questo sto cercando di implementare l’applicazione aggiungendo la geolocalizzazione dell’utente». Ossia, far sì che l’App ci dia le informazioni esattamente in base al luogo dove in cui ci si trova, in modo da evitare qualunque tipo di errore. Al miglioramento del progetto possono partecipare anche gli utenti: «Mi stanno arrivando tanti suggerimenti, sia su altri tipi di rifiuti da aggiungere alla lista, sia per quanto riguarda la grafica».

Nonostante tutto il lavoro necessario per svilupparlo («Ho dovuto inserire gli oltre 700 termini uno per uno»), il Dizionario dei rifiuti è scaricabile in modalità rigorosamente gratuita. Vista la grande diffusione degli smartphone, l’applicazione potrebbe diventare un servizio utile offerto dalle aziende di gestione dei rifiuti ai propri utenti. «Per ora non mi ha contattato nessuna azienda, ma sarebbe sicuramente un progetto interessante per le società che offrono il servizio, e soprattutto una cosa molto utile per i cittadini», spiega Francesco. E, nel frattempo, in questi giorni in cui si avverte, sempre più urgente, la necessità di un ricambio generazionale per favorire il cambiamento e l’uscita dalla crisi, c’è già chi lo invita a convegni e incontri per presentare l’applicazione e parlare di “Giovani e new media”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende