Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.:

Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.

luglio 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il Monviso è lo stendardo del Piemonte” scriveva Cesare Balbo. La montagna più alta delle Alpi Cozie si può contemplare comodamente dalla Valle Po, presso il Rifugio Alpetto, primo rifugio della storia d’Italia.

Se oggi assistiamo al fenomeno di massa di un’everestmanìa galoppante, con conseguenze ambientali preoccupanti, ci fu agli albori dell’alpinismo vera monvisomanìa (roba per pochi scalatori coraggiosi),  seguita da inevitabile “mal di Viso”. Me lo immagino il leggendario “Farina”,  ovverosìa Claudio Perotti,  guida alpina ante litteram, artefice di 517 scalate, che si cruccia alla fine del Secolo XIX, pensando: “mi fa male il Viso.”

Gli “scalatori” della seconda metà dell’Ottocento che, con corda e piccozza, tentavano le cime alpine furono stregati dalla possanza del “Re di Pietra”.
Incantavano non solo i suoi 3.842 metri sul livello del mare, ma anche i suoi 2.062 di prominenza, la sua forma piramidale rocciosa, il suo essere così visibile dalla pianura. E’ ancora Balbo a scrivere: “[…] è per ognuno di noi come per il contadino il campanile del villaggio, veduto ogni giorno ad ogni ora, ai raggi del sole, al lume della luna, mirato e consultato ad ogni mutazione del tempo.”

Dopo le prime eroiche salite, maturò la volontà di un punto di ricovero e bivacco intermedi per rendere meno proibitiva l’ascesa alla vetta lungo la parete Sud del Viso.Venne individuata una zona presso l’alpeggio dell’Alpetto, a quota 2.648, come luogo congeniale. Nel 1866 venne ultimato un piccolo ricovero che oggi definiremmo incustodito, consistente in due locali: uno con stufa, tavolo e l’indispensabile per cucinare,l’altro con due tavolati sovrapposti sui quali giacevano due pagliericci per dormire.
Oltre agli alpinisti che via via ebbero a utilizzarlo, pastori e margari della valle si occupavano della cura e della manutenzione del ricetto. Successivamente altri ricoveri furono costruiti, fino al più grande e moderno rifugio Quintino Sella del 1905 che portò al disuso totale del piccolo ricovero. Fine della prima vita dell’Alpetto.

Dal paese di Oncino (CN),  si cammina tra le borgate, costeggiando la destra orografica del rio Alpetto, fino a raggiungere la borgata di Meire Decant (1640m). Dall’ultimo spiazzo della borgata,  prende via il sentiero per il Ricovero Alpetto, indicato a due ore di marcia. Qui in valle la giornata è di quelle che spesso sollazzano il Re di Pietra: volubile, tra nebbia, pioggia vaporosa e discontinui e bellissimi squarci di sole. Il sentiero ben segnato si snoda tra versanti, pianori, conche, piccoli avvallamenti, con all’orizzonte le cime aggittanti del Gruppo del Viso a fare corona, per uno scenario unico nel suo genere. Poi si sale tra le rocche, senza pericolo.

Il falsopiano che precede il rifugio è un piccolo spettacolo fluviale. Una raggiera d’arterie d’acqua che scendono a valle attraverso il verde manto erboso. L’ultima rampa spalanca la vista a un caseggiato in pietra e lose di medie dimensioni, sviluppato su due piani. Eccolo, il nuovo Rifugio Alpetto. Alla fine degli anni Novanta del Secolo scorso, il vecchio ricovero fu risistemato a dalla Sezione del C.A.I. di Cavour, e poco più a valle fu edificata una nuova struttura d’accoglienza, nel pieno rispetto della filosofia del capostipite, aggiornata ai tempi della ricezione turistica e sportiva. Duecento metri più in alto, affacciato sul grazioso lago dell’Alpetto, continua a vivere anche l’antico ricetto che ospita ora il Museo dell’Alpetto: una micro-struttura museale, tesa a ricostruire la storia degli albori dell’alpinismo e a conservare la memoria non solo fotografica ma morfologica e funzionale del vecchio ricovero. La seconda vita del rifugio Alpetto continua di rimpetto alla memoria della propria storia e della storia dell’alpinismo italiano.

Orlando Manfredi

Playlist:
- Cime domestiche
di Paolo Benvegnù, Monica Demuru, Petra Magoni, Ares Tavolazzi, 2007, Fandango.
- Enrico Camanni, la metafora dell’alpinismo, 2010, Liaison Editrice.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende