Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.:

Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.

luglio 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il Monviso è lo stendardo del Piemonte” scriveva Cesare Balbo. La montagna più alta delle Alpi Cozie si può contemplare comodamente dalla Valle Po, presso il Rifugio Alpetto, primo rifugio della storia d’Italia.

Se oggi assistiamo al fenomeno di massa di un’everestmanìa galoppante, con conseguenze ambientali preoccupanti, ci fu agli albori dell’alpinismo vera monvisomanìa (roba per pochi scalatori coraggiosi),  seguita da inevitabile “mal di Viso”. Me lo immagino il leggendario “Farina”,  ovverosìa Claudio Perotti,  guida alpina ante litteram, artefice di 517 scalate, che si cruccia alla fine del Secolo XIX, pensando: “mi fa male il Viso.”

Gli “scalatori” della seconda metà dell’Ottocento che, con corda e piccozza, tentavano le cime alpine furono stregati dalla possanza del “Re di Pietra”.
Incantavano non solo i suoi 3.842 metri sul livello del mare, ma anche i suoi 2.062 di prominenza, la sua forma piramidale rocciosa, il suo essere così visibile dalla pianura. E’ ancora Balbo a scrivere: “[…] è per ognuno di noi come per il contadino il campanile del villaggio, veduto ogni giorno ad ogni ora, ai raggi del sole, al lume della luna, mirato e consultato ad ogni mutazione del tempo.”

Dopo le prime eroiche salite, maturò la volontà di un punto di ricovero e bivacco intermedi per rendere meno proibitiva l’ascesa alla vetta lungo la parete Sud del Viso.Venne individuata una zona presso l’alpeggio dell’Alpetto, a quota 2.648, come luogo congeniale. Nel 1866 venne ultimato un piccolo ricovero che oggi definiremmo incustodito, consistente in due locali: uno con stufa, tavolo e l’indispensabile per cucinare,l’altro con due tavolati sovrapposti sui quali giacevano due pagliericci per dormire.
Oltre agli alpinisti che via via ebbero a utilizzarlo, pastori e margari della valle si occupavano della cura e della manutenzione del ricetto. Successivamente altri ricoveri furono costruiti, fino al più grande e moderno rifugio Quintino Sella del 1905 che portò al disuso totale del piccolo ricovero. Fine della prima vita dell’Alpetto.

Dal paese di Oncino (CN),  si cammina tra le borgate, costeggiando la destra orografica del rio Alpetto, fino a raggiungere la borgata di Meire Decant (1640m). Dall’ultimo spiazzo della borgata,  prende via il sentiero per il Ricovero Alpetto, indicato a due ore di marcia. Qui in valle la giornata è di quelle che spesso sollazzano il Re di Pietra: volubile, tra nebbia, pioggia vaporosa e discontinui e bellissimi squarci di sole. Il sentiero ben segnato si snoda tra versanti, pianori, conche, piccoli avvallamenti, con all’orizzonte le cime aggittanti del Gruppo del Viso a fare corona, per uno scenario unico nel suo genere. Poi si sale tra le rocche, senza pericolo.

Il falsopiano che precede il rifugio è un piccolo spettacolo fluviale. Una raggiera d’arterie d’acqua che scendono a valle attraverso il verde manto erboso. L’ultima rampa spalanca la vista a un caseggiato in pietra e lose di medie dimensioni, sviluppato su due piani. Eccolo, il nuovo Rifugio Alpetto. Alla fine degli anni Novanta del Secolo scorso, il vecchio ricovero fu risistemato a dalla Sezione del C.A.I. di Cavour, e poco più a valle fu edificata una nuova struttura d’accoglienza, nel pieno rispetto della filosofia del capostipite, aggiornata ai tempi della ricezione turistica e sportiva. Duecento metri più in alto, affacciato sul grazioso lago dell’Alpetto, continua a vivere anche l’antico ricetto che ospita ora il Museo dell’Alpetto: una micro-struttura museale, tesa a ricostruire la storia degli albori dell’alpinismo e a conservare la memoria non solo fotografica ma morfologica e funzionale del vecchio ricovero. La seconda vita del rifugio Alpetto continua di rimpetto alla memoria della propria storia e della storia dell’alpinismo italiano.

Orlando Manfredi

Playlist:
- Cime domestiche
di Paolo Benvegnù, Monica Demuru, Petra Magoni, Ares Tavolazzi, 2007, Fandango.
- Enrico Camanni, la metafora dell’alpinismo, 2010, Liaison Editrice.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

marzo 26, 2020

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

In tempi di restrizioni alla mobilità delle persone e chiusure di esercizi commerciali dovute all’emergenza coronavirus, l’e-commerce sembra essere l’unica modalità per non bloccare totalmente l’economia e le vendite, soprattutto di prodotti non alimentari. Da qui l’idea di due società piemontesi di lanciare il primo “franchising online” in Italia, per offrire a studenti, famiglie e commercianti una [...]

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

marzo 25, 2020

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

Dopo il successo della prima edizione torna il Premio Mani Tese per il giornalismo investigativo e sociale, di cui sono ufficialmente aperte le candidature. Il Premio Mani Tese intende sostenere la produzione di inchieste originali su tematiche concernenti gli impatti dell’attività di impresa sui diritti umani e sull’ambiente, in Italia o nei Paesi terzi in cui [...]

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

marzo 18, 2020

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

La Giornata Mondiale del Riciclo del 18 marzo 2020 si apre con una nota di ottimismo. «Secondo le prime stime CONAI, nel 2019 l’Italia ha avviato a riciclo il 71,2% dei rifiuti da imballaggio, una quantità superiore a 9 milioni e mezzo di tonnellate. Se pensiamo che la richiesta dell’Europa è quella di raggiungere il 65% entro [...]

500 elettrica, la prima volta di Fiat

marzo 4, 2020

500 elettrica, la prima volta di Fiat

E’ stata presentata oggi a Milano, in anteprima mondiale, la Nuova 500, la prima vettura di FCA nata full electric, che si preannuncia per il marchio Fiat del gruppo, una nuova rivoluzione, dopo quella che negli anni Sessanta ha reso la mobilità a motore alla portata di tutti. Adesso però, spiegano dal quartier generale Fiat, “It’s [...]

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

marzo 3, 2020

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

L’edizione 2020 del Bando CONAI per l’eco-design degli imballaggi è stata annunciata lo scorso 28 febbraio, con l’obiettivo di stimolare una sfida verso una maggiore sostenibilità ambientale. Le aziende italiane si dovranno infatti confrontare a colpi di miglioramento dei propri imballaggi, rivisti in chiave di economia circolare. Nel 2019 i casi virtuosi presentati e ammessi sono [...]

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

febbraio 24, 2020

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

Sono risultati impressionanti quelli dell’inchiesta condotta da Altroconsumo insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee e pubblicati sul numero di marzo della propria rivista: la maggior parte dei prodotti per bambini, ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di e-commerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. L’analisi [...]

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende