Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.:

Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.

luglio 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il Monviso è lo stendardo del Piemonte” scriveva Cesare Balbo. La montagna più alta delle Alpi Cozie si può contemplare comodamente dalla Valle Po, presso il Rifugio Alpetto, primo rifugio della storia d’Italia.

Se oggi assistiamo al fenomeno di massa di un’everestmanìa galoppante, con conseguenze ambientali preoccupanti, ci fu agli albori dell’alpinismo vera monvisomanìa (roba per pochi scalatori coraggiosi),  seguita da inevitabile “mal di Viso”. Me lo immagino il leggendario “Farina”,  ovverosìa Claudio Perotti,  guida alpina ante litteram, artefice di 517 scalate, che si cruccia alla fine del Secolo XIX, pensando: “mi fa male il Viso.”

Gli “scalatori” della seconda metà dell’Ottocento che, con corda e piccozza, tentavano le cime alpine furono stregati dalla possanza del “Re di Pietra”.
Incantavano non solo i suoi 3.842 metri sul livello del mare, ma anche i suoi 2.062 di prominenza, la sua forma piramidale rocciosa, il suo essere così visibile dalla pianura. E’ ancora Balbo a scrivere: “[…] è per ognuno di noi come per il contadino il campanile del villaggio, veduto ogni giorno ad ogni ora, ai raggi del sole, al lume della luna, mirato e consultato ad ogni mutazione del tempo.”

Dopo le prime eroiche salite, maturò la volontà di un punto di ricovero e bivacco intermedi per rendere meno proibitiva l’ascesa alla vetta lungo la parete Sud del Viso.Venne individuata una zona presso l’alpeggio dell’Alpetto, a quota 2.648, come luogo congeniale. Nel 1866 venne ultimato un piccolo ricovero che oggi definiremmo incustodito, consistente in due locali: uno con stufa, tavolo e l’indispensabile per cucinare,l’altro con due tavolati sovrapposti sui quali giacevano due pagliericci per dormire.
Oltre agli alpinisti che via via ebbero a utilizzarlo, pastori e margari della valle si occupavano della cura e della manutenzione del ricetto. Successivamente altri ricoveri furono costruiti, fino al più grande e moderno rifugio Quintino Sella del 1905 che portò al disuso totale del piccolo ricovero. Fine della prima vita dell’Alpetto.

Dal paese di Oncino (CN),  si cammina tra le borgate, costeggiando la destra orografica del rio Alpetto, fino a raggiungere la borgata di Meire Decant (1640m). Dall’ultimo spiazzo della borgata,  prende via il sentiero per il Ricovero Alpetto, indicato a due ore di marcia. Qui in valle la giornata è di quelle che spesso sollazzano il Re di Pietra: volubile, tra nebbia, pioggia vaporosa e discontinui e bellissimi squarci di sole. Il sentiero ben segnato si snoda tra versanti, pianori, conche, piccoli avvallamenti, con all’orizzonte le cime aggittanti del Gruppo del Viso a fare corona, per uno scenario unico nel suo genere. Poi si sale tra le rocche, senza pericolo.

Il falsopiano che precede il rifugio è un piccolo spettacolo fluviale. Una raggiera d’arterie d’acqua che scendono a valle attraverso il verde manto erboso. L’ultima rampa spalanca la vista a un caseggiato in pietra e lose di medie dimensioni, sviluppato su due piani. Eccolo, il nuovo Rifugio Alpetto. Alla fine degli anni Novanta del Secolo scorso, il vecchio ricovero fu risistemato a dalla Sezione del C.A.I. di Cavour, e poco più a valle fu edificata una nuova struttura d’accoglienza, nel pieno rispetto della filosofia del capostipite, aggiornata ai tempi della ricezione turistica e sportiva. Duecento metri più in alto, affacciato sul grazioso lago dell’Alpetto, continua a vivere anche l’antico ricetto che ospita ora il Museo dell’Alpetto: una micro-struttura museale, tesa a ricostruire la storia degli albori dell’alpinismo e a conservare la memoria non solo fotografica ma morfologica e funzionale del vecchio ricovero. La seconda vita del rifugio Alpetto continua di rimpetto alla memoria della propria storia e della storia dell’alpinismo italiano.

Orlando Manfredi

Playlist:
- Cime domestiche
di Paolo Benvegnù, Monica Demuru, Petra Magoni, Ares Tavolazzi, 2007, Fandango.
- Enrico Camanni, la metafora dell’alpinismo, 2010, Liaison Editrice.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende