Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.:

Le due vite dell’Alpetto: il primo rifugio della storia d’Italia ai piedi del Monviso.

luglio 15, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Il Monviso è lo stendardo del Piemonte” scriveva Cesare Balbo. La montagna più alta delle Alpi Cozie si può contemplare comodamente dalla Valle Po, presso il Rifugio Alpetto, primo rifugio della storia d’Italia.

Se oggi assistiamo al fenomeno di massa di un’everestmanìa galoppante, con conseguenze ambientali preoccupanti, ci fu agli albori dell’alpinismo vera monvisomanìa (roba per pochi scalatori coraggiosi),  seguita da inevitabile “mal di Viso”. Me lo immagino il leggendario “Farina”,  ovverosìa Claudio Perotti,  guida alpina ante litteram, artefice di 517 scalate, che si cruccia alla fine del Secolo XIX, pensando: “mi fa male il Viso.”

Gli “scalatori” della seconda metà dell’Ottocento che, con corda e piccozza, tentavano le cime alpine furono stregati dalla possanza del “Re di Pietra”.
Incantavano non solo i suoi 3.842 metri sul livello del mare, ma anche i suoi 2.062 di prominenza, la sua forma piramidale rocciosa, il suo essere così visibile dalla pianura. E’ ancora Balbo a scrivere: “[…] è per ognuno di noi come per il contadino il campanile del villaggio, veduto ogni giorno ad ogni ora, ai raggi del sole, al lume della luna, mirato e consultato ad ogni mutazione del tempo.”

Dopo le prime eroiche salite, maturò la volontà di un punto di ricovero e bivacco intermedi per rendere meno proibitiva l’ascesa alla vetta lungo la parete Sud del Viso.Venne individuata una zona presso l’alpeggio dell’Alpetto, a quota 2.648, come luogo congeniale. Nel 1866 venne ultimato un piccolo ricovero che oggi definiremmo incustodito, consistente in due locali: uno con stufa, tavolo e l’indispensabile per cucinare,l’altro con due tavolati sovrapposti sui quali giacevano due pagliericci per dormire.
Oltre agli alpinisti che via via ebbero a utilizzarlo, pastori e margari della valle si occupavano della cura e della manutenzione del ricetto. Successivamente altri ricoveri furono costruiti, fino al più grande e moderno rifugio Quintino Sella del 1905 che portò al disuso totale del piccolo ricovero. Fine della prima vita dell’Alpetto.

Dal paese di Oncino (CN),  si cammina tra le borgate, costeggiando la destra orografica del rio Alpetto, fino a raggiungere la borgata di Meire Decant (1640m). Dall’ultimo spiazzo della borgata,  prende via il sentiero per il Ricovero Alpetto, indicato a due ore di marcia. Qui in valle la giornata è di quelle che spesso sollazzano il Re di Pietra: volubile, tra nebbia, pioggia vaporosa e discontinui e bellissimi squarci di sole. Il sentiero ben segnato si snoda tra versanti, pianori, conche, piccoli avvallamenti, con all’orizzonte le cime aggittanti del Gruppo del Viso a fare corona, per uno scenario unico nel suo genere. Poi si sale tra le rocche, senza pericolo.

Il falsopiano che precede il rifugio è un piccolo spettacolo fluviale. Una raggiera d’arterie d’acqua che scendono a valle attraverso il verde manto erboso. L’ultima rampa spalanca la vista a un caseggiato in pietra e lose di medie dimensioni, sviluppato su due piani. Eccolo, il nuovo Rifugio Alpetto. Alla fine degli anni Novanta del Secolo scorso, il vecchio ricovero fu risistemato a dalla Sezione del C.A.I. di Cavour, e poco più a valle fu edificata una nuova struttura d’accoglienza, nel pieno rispetto della filosofia del capostipite, aggiornata ai tempi della ricezione turistica e sportiva. Duecento metri più in alto, affacciato sul grazioso lago dell’Alpetto, continua a vivere anche l’antico ricetto che ospita ora il Museo dell’Alpetto: una micro-struttura museale, tesa a ricostruire la storia degli albori dell’alpinismo e a conservare la memoria non solo fotografica ma morfologica e funzionale del vecchio ricovero. La seconda vita del rifugio Alpetto continua di rimpetto alla memoria della propria storia e della storia dell’alpinismo italiano.

Orlando Manfredi

Playlist:
- Cime domestiche
di Paolo Benvegnù, Monica Demuru, Petra Magoni, Ares Tavolazzi, 2007, Fandango.
- Enrico Camanni, la metafora dell’alpinismo, 2010, Liaison Editrice.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende