Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Camminare nei boschi. Le riflessioni di Lorenza Russo:

Camminare nei boschi. Le riflessioni di Lorenza Russo

ottobre 30, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro Camminare nei boschi” di Lorenza Russo , edito da Hoepli (pag. 166 , 16.92  euro).

Il bosco ha la capacità di depurare l’aria, assorbendo e neutralizzando sostanze nocive quali anidride solforosa, protossido di azoto, benzopirene e altri gas e vapori tossici. Le foglie filtrano polveri e pulviscoli velenosi. È scientificamente provato, le città con parchi e alberi sono meno inquinate.

Ma, prima che per la nostra aria, le foglie svolgono un’altra funzione importante: intercettano la luce del sole e la utilizzano come fonte di energia per vivere e crescere, facendo crescere con loro l’albero. Legno, foglie, fiori e semi costituiscono a loro volta il nutrimento per milioni di animali.

In un anno, un ettaro di bosco può liberare nell’aria 20 tonnellate di ossigeno e fissarne 10 di carbonio dall’anidride carbonica dell’atmosfera. E ancora: in una giornata di sole, un grosso albero libera sotto forma di valore traspirato circa 600 litri d’acqua, che ha assorbito dal terreno; durante i mesi estivi un albero traspira quasi 10.000 litri d’acqua, mentre un ettaro di bosco ne cede all’aria 3.500.000, restituendo all’atmosfera il 60-70% dell’acqua meteorica che, senza alberi, non tornerebbe più agli strati d’aria sovrastanti.

Questa è una delle fasi di un più complesso processo noto come “ciclo dell’acqua”: in genere lo si studia alle scuole elementari, per cui è probabile che chi va a camminare in montagna per scelta, quindi in età adulta, l’abbia già dimenticato.

I rischi per i nostri boschi sono molti: i cambiamenti climatici, i parassiti, il sovrappascolo, le strade, gli impianti sciistici ed elettrici che mietono molte vittime tra gli animali selvatici e gli incendi (più di 9.000 all’anno). Quella degli incendi, in particolare, è una vera e propria piaga sociale, soprattutto nell’Italia meridionale e nelle isole, e rischia di compromettere interi ambiti forestali e la possibilità di preservarne gli importanti valori di biodiversità per la degradazione ambientale che spesso innescano. Per impedire il propagarsi degli incendi in aree boschive,spesso vengono creati dei “viali tagliafuoco”,corridoi rettilinei privi di alberi, che saltano all’occhio perché rappresentano l’unica linea geometrica nel manto verde.

Tra gli altri fattori di rischio per il bosco, l’ozono è quello che desta la maggiore preoccupazione per il nostro Paese in cui, nei siti monitorati, la concentrazione risulta spesso superiore al livello ritenuto critico per la vegetazione. Per cercare di contrastare l’aumento della concentrazione dei gas che provocano il cosiddetto “effetto serra”, in particolare il biossido di carbonio, la comunità internazionale si è data degli obiettivi precisi,contenuti nel Protocollo di Kyoto: grazie alla significativa estensione del suo manto boschivo, l’Italia può detrarre dal bilancio nazionale delle emissioni 10,2 milioni di tonnellate di anidride carbonica in quattro anni.

Il legno, inoltre, rientra tra le fonti energetiche che non provocano l’aumento di gas serra perché durante la combustione, la legna produce la stessa quantità di CO2 che produrrebbe naturalmente se fosse lasciata a marcire nei boschi, per effetto della decomposizione, che può essere paragonata a una lenta combustione naturale. Per di più, la quantità rilasciata è riassorbita dallo sviluppo di nuove piante che, attraverso la fotosintesi,la utilizzano per costruire i propri tessuti, producendo nuova legna. Bruciare legno per produrre energia è dunque un’azione “neutrale” dal punto di vista delle emissioni di “gas serra” e, nell’ ultimo decennio, è stata incentivata da un insieme di norme e provvedimenti nazionali e regionali.

Tuttavia, studi più recenti rivelano che la combustione della legna ha delle emissioni in atmosfera – “il particolato da biomassa” – che non possono essere considerate trascurabili e che dipendono principalmente dal tipo di tecnologia e dall’efficienza della combustione,dalla qualità del combustibile, dalla corretta installazione dell’apparecchio (ovvero la stufa) e dalla corretta gestione di questo. Inoltre, la combustione della legna sembra essere anche un’importante sorgente in atmosfera di Idrocarburi Policiclici Aromatici(IPA), composti che possono rappresentare un rischio per la salute umana.

Lorenza Russo*

*Lorenza Russo cammina in montagna da quando era bambina. Negli ultimi anni ama molto le escursioni tra mare e macchia mediterranea, che le permettono di camminare anche d’inverno. Ha collaborato a “Alp”, “La Buona Neve” e altre riviste di settore. È già autrice per Hoepli di Camminare in montagna (2008).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende