Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Le scelte ambientali ai cittadini”. Francesco Attademo racconta l’Europa del M5S:

“Le scelte ambientali ai cittadini”. Francesco Attademo racconta l’Europa del M5S

maggio 2, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Anche oggi Greenews.info ha intervistato un candidato alle elezioni europee 2014, per testarne la sensibilità ai temi ambientali. Francesco Attademo si definisce “un attivista M5s globaltrotter”. Fino all’età di 20 anni ha vissuto in Puglia, poi gli studi a Torino e ora risiede a Bruxelles per lavoro. Organizer degli Amici di Beppe Grillo Bruxelles, Francesco è candidato alle elezioni di maggio nelle liste del Movimento Cinque Stelle nella circoscrizione Nord Ovest. Ecco le sue idee su ambiente, energia ed Unione Europea.

D) Il M5S fin dalla sua nascita nutre interesse per alcuni temi ambientali, principalmente energia e trasporti. Come giudichi la politica che l’Unione Europea ha condotto in questo campo negli ultimi cinque anni?

R) Il Movimento Cinque Stelle è nato sulla base di una certa concezione dell’ambiente. L’interesse non riguarda solo alcuni temi, ma tutto il sistema. Quello che il M5s si è proposto è un cambiamento sociale a livello ambientale. Penso, per esempio, all’idea di considerare i rifiuti come una risorsa e non come qualcosa da bruciare negli inceneritori. O l’idea di una cultura della raccolta differenziata per arrivare a riciclare il più possibile. Anche riguardo ai trasporti e alle infrastrutture, il rispetto dell’ambiente rappresenta la bussola che deve orientare le nostre scelte. La politica ambientale condotta dall’UE non sembra essere stata molto efficace, a parte proclami altisonanti. Basta guardare ciò che accade in tutti gli Stati Membri. Certo non è tutto da buttare, ma il Movimento è rivoluzionario, è altra cosa. Vuole cambiare l’approccio. Non è l’ambiente al servizio dello sviluppo, bensì il contrario. Basti pensare a ciò che accade in Val di Susa con la TAV. Uno scempio oltre che economico, soprattutto ambientale. La sfida è rendere i cittadini consapevoli, promuovere un dibattito e arrivare alle soluzioni che questi giudicano migliori per il proprio territorio.

D) Cosa pensi debba essere prioritario a livello europeo in campo ambientale?

R) Come ho già sottolineato, la priorità è un cambiamento radicale di mentalità. Non si può pensare che il sistema economico sia sganciato dall’ambiente e debba servire quest’ultimo. E’ l’esatto contrario. Ad esempio, il M5s promuove le produzioni locali, che non mirano al solo profitto, ma alla qualità dei prodotti ed al rispetto dell’ambiente. Siamo anche per un cambiamento di rotta in campo energetico. Basta con le energie fossili, o peggio il nucleare. Bisogna pensare a un piano energetico di lungo periodo. Puntando, anche mediante agevolazioni fiscali, a stimolare le energie pulite. In tal senso, il sostegno alla ricerca è cruciale. L’obiettivo dell’Europa dovrebbe essere quello di diventare autonoma dal punto di vista energetico entro il 2050. Obiettivo irrealizzabile se il cittadino non viene coinvolto. Niente può essere calato dall’alto.

D) La politica ambientale è un campo complesso. Caratterizzato spesso da portatori d’interessi diversi e divergenti. Ad aggravare il quadro, poi, la macchina europea, che con un sistema decisionale talvolta lungo e farraginoso rischia di cedere a troppi compromessi. Il M5S è sempre stato euroscettico, tuttavia, non credi che certi problemi comuni siano di più facile risoluzione se gli Stati europei hanno la possibilità di fare scelte condivise in sede sovranazionale?

R) Anzitutto, mi preme sottolineare come l’etichetta di euroscetticismo sia oramai abusata e non si capisce più quale sia il suo significato. Se essere euroscettici significa muovere delle critiche all’attuale sistema allora sì, il Movimento senza dubbio lo è. Ma allora tutti i partiti politici, inclusi PPE e Socialisti, sono euroscettici visto che criticano fortemente la realtà. Penso che ciò sia positivo e, al contrario, gli europeisti hanno fatto e fanno molti più danni. Detto ciò, concordo sul fatto che ci siano dei problemi che possono essere meglio risolti a livello sovranazionale, soprattutto in un mondo globalizzato. Per questo il Movimento si presenta alle elezioni europee. Le procedure sono farraginose e poco trasparenti e noi ci batteremo per garantire più informazione. Inoltre, devono essere i cittadini europei a decidere il proprio futuro e non un gruppo di burocrati. Servono quindi più dibattito e partecipazione. Non solo a livello parlamentare, ma anche per quanto riguarda il Consiglio e la stessa Commissione ci batteremo per informare i cittadini su ciò che accade all’interno.

D) Queste elezioni verranno ricordate per lo spettro del populismo e dei partiti euroscettici. Un fenomeno trasversale che non risparmia né la destra né la sinistra. Qualunque sia il risultato, gli eurodeputati eletti dovranno trovare un posto all’interno dell’Assemblea. Quale sarà la collocazione del M5s? Una strada potrebbe essere quella di costituire un nuovo gruppo (servono però almeno 25 parlamentari provenienti da 7 Paesi). E’circolata anche la notizia di una possibile entrata nel Partito Verde europeo – sulla falsa riga del partito pirata svedese: indiscrezione infondata o strada ancora percorribile?

R) Ci vuole maggiore chiarezza sul significato dei termini che vengono usati. Altrimenti si rischia di ingannare l’opinione pubblica. Mi viene in mente la definizione che Chomsky dà di populismo inteso come “appellarsi alla popolazione”. Se è così, questa non dovrebbe considerarsi un’accusa, ma qualcosa di positivo. Visto anche che il popolo è il titolare della sovranità. Quindi posso dire che il Movimento è populista ma progressista. Vuole un cambiamento rivoluzionario e radicale, che passi per il coinvolgimento della gente. Ed è proprio questo ciò di cui l’Europa ha bisogno: un maggior coinvolgimento dei cittadini. Solo così si può rilanciare il progetto europeo. Per quanto riguarda il gruppo, secondo le regole fissate nel Comunicato Politico n. 54 – che riguarda le elezioni europee – non ci assoceremo ad altre forze, se non per votazioni condivise. Laddove si manifestasse la possibilità di costituire un gruppo politico con altri deputati che condividono i nostri valori, ciò avverrà su proposta di Beppe Grillo e sarà ratificata tramite votazione in Rete da parte degli iscritti. Nulla è già deciso. Una volta entrati in Parlamento, si inizierà a lavorare e sulla base dei fatti concreti si prenderà una decisione che, in ogni caso, sarà votata anche dagli iscritti. Una cosa però è sicura e tengo a ribadirla, il Movimento non si alleerà né con Marine Le Pen, né con Nigel Farage o gruppi similari. Abbiamo i nostri valori.

D) L’Italia risulta essere tra i più grandi “evasori ambientali” europei. Tra le 106 infrazioni segnalate dalla Commissione il primato assoluto è raggiunto proprio in campo ambientale. Visto da Bruxelles l’impegno ambientale italiano non è certamente all’altezza delle sfide imposte dalla situazione economico-sociale attuale. Quali sono, a tuo parere, alcuni interventi prioritari che il nostro Paese deve mettere in campo? A livello più ampio reputi poi che l’istituzione di un Tribunale Penale Europeo dell’Ambiente e della Salute possa rafforzare la protezione dei diritti ambientali a livello internazionale non solo con regole comuni, ma anche con un sistema sanzionatorio condiviso, rivolto a chi quelle norme le ha infrante?

R) L’Italia, così come l’Europa, dovrebbe dotarsi di un piano energetico e ambientale di lungo periodo. Solo così possiamo veramente affrontare i problemi, anche se ciò non permette di ottenere consenso immediato. Ritengo inoltre che le misure fiscali possano essere un buono strumento da adottare per favorire chi rispetta l’ambiente e usa energia pulita. Inoltre, si deve tenere presente che le scelte da prendere devono tutelare i cittadini e non gli interessi delle multinazionali. Credo, a tal proposito che bisognerebbe impedire che accordi di libero scambio, come il TTIP, – il partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti tra UE e Stati Uniti – entrino in vigore. Accordi del genere sono, infatti, il grimaldello che viene usato per imporre scelte prese da altri che però hanno un profondo impatto sulla vita dei cittadini. Il TTIP, per esempio, l’ingresso di beni e servizi prodotti secondo standard qualitativi ed ambientali più bassi rispetto a quelli europei. Si liberalizza sulla pelle dei consumatori, a discapito dell’ambiente e vantaggio delle multinazionali. Per quanto riguarda, l’introduzione di un Tribunale Penale Europeo dell’Ambiente e della Salute credo che, almeno a livello teorico, possa rafforzare la protezione dei diritti ambientali a livello internazionale. Si tenga a mente però che solitamente, come ci insegnano i casi italiani, chi infrange le norme ambientali raramente paga per gli scempi commessi. Forse sarebbe più efficace lavorare per impedire che certi disastri ambientali vengano compiuti. I cittadini, se ascoltati e coinvolti maggiormente, possono svolgere questo ruolo di sentinelle.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende