Home » Rubriche »Very Important Planet » “Leave everything and wonder”: il salto di Luca e Sara nella natura selvaggia:

“Leave everything and wonder”: il salto di Luca e Sara nella natura selvaggia

febbraio 9, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Il pubblico televisivo li conosce per la partecipazione a “Ballando sotto le stelle“, ma nella giovane storia dell’altoatesina Sara Bertagnolli e del torinese Luca Sguazzini c’è molta più densità di quanto si possa vedere sul piccolo schermo. Lei, dopo la laurea in storia e critica del cinema, è stata l’assistente personale e il braccio destro dello stilista Philipp Plein. E’ poi attrice in diverse campagne pubblicitarie e cantante del gruppo MadameX insieme allo stilista Alessandro de Benedetti. Una buona carriere secondo gli standard del mondo patinato, eppure, come ama dire, “Senza paura ho scelto di cambiare vita e partire“. Luca è invece un modello di fama, nato in Brasile e già protagonista di un viaggio in solitaria in Australia. In Italia si afferma come influencer su Instagram e Facebook, dove raggiunge i 200 mila followers. Ora per entrambi si è aperta la nuova sfida del progetto LeAwLeave Everything and Wander ovvero “lascia tutto e vaga”. Un viaggio di sei mesi, tra Canada e Alaska, vissuto e raccontato sui social, tra storytelling e ricerca della libertà…

D) Sara, Luca, come definireste “LeAw”? Un viaggio dentro la natura canadese, un progetto mediatico in salsa ecologica, un reportage all’aria aperta?

R) E’ stato innanzitutto un cambiamento di stile di vita: da quello urbano a quello selvaggio nella natura. Abbiamo cercato anche, per quanto possibile, di essere “ecologici” utilizzando, per esempio, i pannelli solari sul camper. Poi il risparmio idrico: docce veloci usando meno acqua possibile, stesso discorso per lavare i piatti. Non si pensa a queste cose quando si vive in città, ma quando ti lavi in mezzo al nulla capisci quanto sprechiamo. Impari anche che si può vivere con poco e che c’è tanto superfluo nelle nostre vite… A iniziare dagli spazi, spesso esagerati. Quando facciamo la spesa ora stiamo attenti al packaging perché non possiamo lasciare la spazzatura per strada o abbandonarla. Qui giustamente ci sono multe altissime per tutelare la natura.

D) Fino adesso quale luogo del vostro viaggio vi ha particolarmente colpiti?

R) Siamo stati nella parte più a Nord dell’Alaska fin dove arriva un mezzo a 4 ruote. Un posto bruttissimo perché di proprietà delle compagnie petrolifere: è tutto privato. Per vedere l’Oceano artico devi prenotare un pass, vietato fare video e foto perché tutto è top secret… Dal punto di vista paesaggistico è qualcosa di orrendo, questa pipeline in mezzo ad una natura stupenda…

D) Questa sensibilità per la natura e le sue “ragioni” l’avevate già prima o è venuta fuori durante il viaggio?

R) Luca: avevo realizzato un progetto del genere in Australia, ma non l’ho documentato... Io sono nato in Brasile, sono cresciuto nella natura. Sara: Per me è stata una scoperta, ero vittima di ritmi frenetici, lavoravo in un ufficio. Lasciare alle spalle quello stile di vita è stato difficile, ma rifarei di nuovo questa scelta. Molti pensano sia semplice, ma non è andare in vacanza. Ti ritrovi in mezzo alla strada, in mezzo al nulla…

D) La vostra esperienza ricorda per certi versi “Into the Wild“, anche se mi sembrate più accorti e meno spericolati del povero Christopher…

R) Siamo stati dove è morto Christopher McCandless e, dopo di lui, molte altre persone per raggiungere quel luogo… La natura è così, come il mare, non si è mai completamente pronti. Ma è importante sottolineare la necessità di prepararsi bene, in questo modo i rischi si possono valutare e ridurre. Se la si rispetta, la natura non è pericolosa. Per esempio ci sono regole precise per evitare gli attacchi dell’orso, noi abbiamo seguito tutte le regole.

D) Avete vissuto e gestito emergenze che vi hanno messo in pericolo?

R) Poche perché eravamo preparati, ci siamo attrezzati e per questo siamo tornati a casa… Avevamo 3 ruote di scorta, diverse taniche di benzina. Poi i canadesi sono molto carini, le poche auto che passano si fermano e ti chiedono se ti serve qualcosa. E’ come essere in mare, sai che incontri qualcuno che sa che ti deve aiutare, come nel deserto e in montagna. Amche noi abbiamo incontrato viaggiatori in bici, ci siamo sempre fermati per chiedere se avevano bisogno.

D) Parlando invece del Pianeta (il vero protagonista di questa nostra rubrica V.I.P. – Very Important Planet), secondo voi qual è il pericolo maggiore che corre?

R) Luca: L’indifferenza a tutto quello che stiamo facendo…Eppure c’è la tecnologia per usare combustibili più puliti per il trasporto, per scaldarci. Ma siamo vittime del dio denaro, il prezzo da pagare può essere la distruzione del pianeta. Sara: io aggiungo l’ignoranza nel senso che proprio in tanti ignorano, non sanno. C’è bisogno di tante piccole azioni quotidiane: come il risparmio dell’acqua e dell’energia elettrica…

D) Appunto, veniamo alle piccole cose. Nella vostra vita pubblica state dando un messaggio di tutela dell’ambiente, ma riuscite a mantenere l’impegno anche nel privato di casa vostra?

R) Cerchiamo di produrre meno inquinamento possibile, per fare questo prestiamo molta attenzione a ciò che compriamo. La casa, tra l’altro, è fuori città proprio per amore della natura. E’ riscaldata a legna, oggi ci sono molti boschi abbandonati e questo porta due vantaggi ambientali: pulire i boschi senza tagliare gli alberi vivi perché ci si limita a prendere il secco e si evitano così gli incendi. Inoltre anche la visibilità mediatica è un gesto concreto di impegno, che permette di sensibilizzare le persone, ridurre l’indifferenza. Io (Luca, NdR) cerco sempre, con frasi motivanti, di offrire informazioni, a iniziare dal riscaldamento globale.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende