Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » L’eredità di David Suzuki. Proposta per un futuro sostenibile:

L’eredità di David Suzuki. Proposta per un futuro sostenibile

luglio 10, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “L’ereditàdi David Suzuki, edito da Orme Edizioni (pag. 125, 12.00 euro).

Fin dalla loro comparsa sulla Terra, gli esseri umani si sono radunati intorno a un fuoco per soddisfare il loro bisogno più elementare – la compagnia – riaffermando i legami tra consanguinei e membri della stessa tribù, condividendo esperienze e opinioni, e riflettendo insieme sui grandi interrogativi che ci assillano dalla notte dei tempi:

Chi siamo?

Come siamo arrivati qui?

Perché siamo qui?

Verso dove stiamo andando?

La risposta a queste domande è profondamente legata al luogo di appartenenza, basti pensare agli Inuit dell’Artico, ai San del deserto del Kalahari, agli aborigeni australiani e alle popolazioni indigene che occupano zone diverse del continente americano, dalle foreste pluviali alle praterie, fino alle montagne. Nel corso dei millenni, un numero infinito di racconti, canti e sogni ha espresso i molteplici modi in cui la mente ha immaginato la nascita del mondo.

In un lontano passato, il bagaglio di esperienze, osservazioni e intuizioni man mano accumulate forgiò le risposte a questi antichi quesiti creando la nostra percezione del mondo. Secondo gli Haida, una popolazione della costa nord-occidentale del Nord America, un giorno Raven raccolse il guscio di una conchiglia e lo lasciò cadere su una spiaggia di Haida Gwaii, un arcipelago di isole anche conosciute come Queen Charlotte Islands. Da quel guscio nacquero i primi esseri umani. Secondo il mito norvegese della creazione, il corpo del gigante Ymir diede origine alla Terra, dal suo sangue si formarono gli oceani, dalle sue ossa le montagne e dai suoi capelli le foreste. Ovviamente, i miti della creazione nons ono fatti per essere interpretati alla lettera. Il loro significato profondo, o gli insegnamenti che se ne possono trarre, spesso si celano sotto un fitto strato di elaborazioni, superstizioni e metafore, che talvolta li rendono troppo inverosimili per essere considerati più di una favola.

Gli esseri umani si riuniscono e comprendono il significato dell’universo, la nostra cosmologia.

BRIAN SWIMME, cosmologo

Sono un uomo di scienza e oggi la scienza è la fonte delle potenti intuizioni che sono divenute parte del racconto moderno dell’origine dell’uomo. Ma le storie della creazione che traggono origine dalla scienza sembrano molto distanti dalla nostra esperienza quotidiana e bizzarre quanto quelle dei miti del passato, e il loro vero significato va estrapolato dal linguaggio arcano.

Immaginiamo un inizio avvenuto quattordici miliardi dianni fa, in cui l’intero universo era contenuto in un punto della grandezza di un puntino tipografico su una pagina. Consideriamo il Big Bang, un’esplosione a una temperatura così elevata da rendere impossibile l’esistenza della materia. Man mano che si andarono raffreddando nell’universo in espansione, immense nubi di gas turbinosi si condensarono in particelle di materia e stabiliscono così le leggi fisiche fondamentali che regolano il cosmo intero. È sconcertante per la nostra immaginazione pensare che enormi nubi di atomi, tenute insieme dalla forza di gravità, finirono per fondersi in un numero infinito di stelle, che d’un tratto accesero le loro fornaci nucleari e, in un istante cosmico, illuminarono i cieli.

Ispiratrice è anche la rappresentazione scientifica dell’evoluzionedella vita sulla Terra, un’autentica saga di resistenza e adattabilità. Dopo centinaia di milioni di anni su un pianeta sterile una singola cellula spuntò nell’oceano e s’impose su tutte le altre per diventare la madre di ogni forma di vita terrestre. I suoi discendenti invasero ogni angolo del pianeta, diversificandosi in un numero infinito di specie all’interno di un ambiente in continuo mutamento.

All’inizio della storia della vita, la Natura cominciò a forgiare nuove specie in grado di adattarsi ad habitat già occupati da altre specie. Dal periodo Archeozoiconessuna cosa vivente si è più evoluta da sola.

VICTOR B. SHEFFER, zoologo

David Suzuki*

*È uno degli ambientalisti più attivi e influenti della sua generazione. Grande divulgatore, autore di una cinquantina di pubblicazioni, ha condotto le sue battaglie attraverso l’università, i giornali, le radio e le televisioni fino a raggiungere la fama mondiale con il programma The Nature of Things (titolo ispirato al De rerum natura di Lucrezio), trasmesso in più di quaranta paesi. Per il suo impegno ha ricevuto una lunga serie di riconoscimenti internazionali ed è stato dichiarato nel 2008 uno degli intellettuali canadesi più influenti nel mondo. Per saperne di più visitate il sito della David Suzuki Foundation www.davidsuzuki.org.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende