Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » L’eredità di David Suzuki. Proposta per un futuro sostenibile:

L’eredità di David Suzuki. Proposta per un futuro sostenibile

luglio 10, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “L’ereditàdi David Suzuki, edito da Orme Edizioni (pag. 125, 12.00 euro).

Fin dalla loro comparsa sulla Terra, gli esseri umani si sono radunati intorno a un fuoco per soddisfare il loro bisogno più elementare – la compagnia – riaffermando i legami tra consanguinei e membri della stessa tribù, condividendo esperienze e opinioni, e riflettendo insieme sui grandi interrogativi che ci assillano dalla notte dei tempi:

Chi siamo?

Come siamo arrivati qui?

Perché siamo qui?

Verso dove stiamo andando?

La risposta a queste domande è profondamente legata al luogo di appartenenza, basti pensare agli Inuit dell’Artico, ai San del deserto del Kalahari, agli aborigeni australiani e alle popolazioni indigene che occupano zone diverse del continente americano, dalle foreste pluviali alle praterie, fino alle montagne. Nel corso dei millenni, un numero infinito di racconti, canti e sogni ha espresso i molteplici modi in cui la mente ha immaginato la nascita del mondo.

In un lontano passato, il bagaglio di esperienze, osservazioni e intuizioni man mano accumulate forgiò le risposte a questi antichi quesiti creando la nostra percezione del mondo. Secondo gli Haida, una popolazione della costa nord-occidentale del Nord America, un giorno Raven raccolse il guscio di una conchiglia e lo lasciò cadere su una spiaggia di Haida Gwaii, un arcipelago di isole anche conosciute come Queen Charlotte Islands. Da quel guscio nacquero i primi esseri umani. Secondo il mito norvegese della creazione, il corpo del gigante Ymir diede origine alla Terra, dal suo sangue si formarono gli oceani, dalle sue ossa le montagne e dai suoi capelli le foreste. Ovviamente, i miti della creazione nons ono fatti per essere interpretati alla lettera. Il loro significato profondo, o gli insegnamenti che se ne possono trarre, spesso si celano sotto un fitto strato di elaborazioni, superstizioni e metafore, che talvolta li rendono troppo inverosimili per essere considerati più di una favola.

Gli esseri umani si riuniscono e comprendono il significato dell’universo, la nostra cosmologia.

BRIAN SWIMME, cosmologo

Sono un uomo di scienza e oggi la scienza è la fonte delle potenti intuizioni che sono divenute parte del racconto moderno dell’origine dell’uomo. Ma le storie della creazione che traggono origine dalla scienza sembrano molto distanti dalla nostra esperienza quotidiana e bizzarre quanto quelle dei miti del passato, e il loro vero significato va estrapolato dal linguaggio arcano.

Immaginiamo un inizio avvenuto quattordici miliardi dianni fa, in cui l’intero universo era contenuto in un punto della grandezza di un puntino tipografico su una pagina. Consideriamo il Big Bang, un’esplosione a una temperatura così elevata da rendere impossibile l’esistenza della materia. Man mano che si andarono raffreddando nell’universo in espansione, immense nubi di gas turbinosi si condensarono in particelle di materia e stabiliscono così le leggi fisiche fondamentali che regolano il cosmo intero. È sconcertante per la nostra immaginazione pensare che enormi nubi di atomi, tenute insieme dalla forza di gravità, finirono per fondersi in un numero infinito di stelle, che d’un tratto accesero le loro fornaci nucleari e, in un istante cosmico, illuminarono i cieli.

Ispiratrice è anche la rappresentazione scientifica dell’evoluzionedella vita sulla Terra, un’autentica saga di resistenza e adattabilità. Dopo centinaia di milioni di anni su un pianeta sterile una singola cellula spuntò nell’oceano e s’impose su tutte le altre per diventare la madre di ogni forma di vita terrestre. I suoi discendenti invasero ogni angolo del pianeta, diversificandosi in un numero infinito di specie all’interno di un ambiente in continuo mutamento.

All’inizio della storia della vita, la Natura cominciò a forgiare nuove specie in grado di adattarsi ad habitat già occupati da altre specie. Dal periodo Archeozoiconessuna cosa vivente si è più evoluta da sola.

VICTOR B. SHEFFER, zoologo

David Suzuki*

*È uno degli ambientalisti più attivi e influenti della sua generazione. Grande divulgatore, autore di una cinquantina di pubblicazioni, ha condotto le sue battaglie attraverso l’università, i giornali, le radio e le televisioni fino a raggiungere la fama mondiale con il programma The Nature of Things (titolo ispirato al De rerum natura di Lucrezio), trasmesso in più di quaranta paesi. Per il suo impegno ha ricevuto una lunga serie di riconoscimenti internazionali ed è stato dichiarato nel 2008 uno degli intellettuali canadesi più influenti nel mondo. Per saperne di più visitate il sito della David Suzuki Foundation www.davidsuzuki.org.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende