Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » L’eredità di David Suzuki. Proposta per un futuro sostenibile:

L’eredità di David Suzuki. Proposta per un futuro sostenibile

luglio 10, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del  libro “L’ereditàdi David Suzuki, edito da Orme Edizioni (pag. 125, 12.00 euro).

Fin dalla loro comparsa sulla Terra, gli esseri umani si sono radunati intorno a un fuoco per soddisfare il loro bisogno più elementare – la compagnia – riaffermando i legami tra consanguinei e membri della stessa tribù, condividendo esperienze e opinioni, e riflettendo insieme sui grandi interrogativi che ci assillano dalla notte dei tempi:

Chi siamo?

Come siamo arrivati qui?

Perché siamo qui?

Verso dove stiamo andando?

La risposta a queste domande è profondamente legata al luogo di appartenenza, basti pensare agli Inuit dell’Artico, ai San del deserto del Kalahari, agli aborigeni australiani e alle popolazioni indigene che occupano zone diverse del continente americano, dalle foreste pluviali alle praterie, fino alle montagne. Nel corso dei millenni, un numero infinito di racconti, canti e sogni ha espresso i molteplici modi in cui la mente ha immaginato la nascita del mondo.

In un lontano passato, il bagaglio di esperienze, osservazioni e intuizioni man mano accumulate forgiò le risposte a questi antichi quesiti creando la nostra percezione del mondo. Secondo gli Haida, una popolazione della costa nord-occidentale del Nord America, un giorno Raven raccolse il guscio di una conchiglia e lo lasciò cadere su una spiaggia di Haida Gwaii, un arcipelago di isole anche conosciute come Queen Charlotte Islands. Da quel guscio nacquero i primi esseri umani. Secondo il mito norvegese della creazione, il corpo del gigante Ymir diede origine alla Terra, dal suo sangue si formarono gli oceani, dalle sue ossa le montagne e dai suoi capelli le foreste. Ovviamente, i miti della creazione nons ono fatti per essere interpretati alla lettera. Il loro significato profondo, o gli insegnamenti che se ne possono trarre, spesso si celano sotto un fitto strato di elaborazioni, superstizioni e metafore, che talvolta li rendono troppo inverosimili per essere considerati più di una favola.

Gli esseri umani si riuniscono e comprendono il significato dell’universo, la nostra cosmologia.

BRIAN SWIMME, cosmologo

Sono un uomo di scienza e oggi la scienza è la fonte delle potenti intuizioni che sono divenute parte del racconto moderno dell’origine dell’uomo. Ma le storie della creazione che traggono origine dalla scienza sembrano molto distanti dalla nostra esperienza quotidiana e bizzarre quanto quelle dei miti del passato, e il loro vero significato va estrapolato dal linguaggio arcano.

Immaginiamo un inizio avvenuto quattordici miliardi dianni fa, in cui l’intero universo era contenuto in un punto della grandezza di un puntino tipografico su una pagina. Consideriamo il Big Bang, un’esplosione a una temperatura così elevata da rendere impossibile l’esistenza della materia. Man mano che si andarono raffreddando nell’universo in espansione, immense nubi di gas turbinosi si condensarono in particelle di materia e stabiliscono così le leggi fisiche fondamentali che regolano il cosmo intero. È sconcertante per la nostra immaginazione pensare che enormi nubi di atomi, tenute insieme dalla forza di gravità, finirono per fondersi in un numero infinito di stelle, che d’un tratto accesero le loro fornaci nucleari e, in un istante cosmico, illuminarono i cieli.

Ispiratrice è anche la rappresentazione scientifica dell’evoluzionedella vita sulla Terra, un’autentica saga di resistenza e adattabilità. Dopo centinaia di milioni di anni su un pianeta sterile una singola cellula spuntò nell’oceano e s’impose su tutte le altre per diventare la madre di ogni forma di vita terrestre. I suoi discendenti invasero ogni angolo del pianeta, diversificandosi in un numero infinito di specie all’interno di un ambiente in continuo mutamento.

All’inizio della storia della vita, la Natura cominciò a forgiare nuove specie in grado di adattarsi ad habitat già occupati da altre specie. Dal periodo Archeozoiconessuna cosa vivente si è più evoluta da sola.

VICTOR B. SHEFFER, zoologo

David Suzuki*

*È uno degli ambientalisti più attivi e influenti della sua generazione. Grande divulgatore, autore di una cinquantina di pubblicazioni, ha condotto le sue battaglie attraverso l’università, i giornali, le radio e le televisioni fino a raggiungere la fama mondiale con il programma The Nature of Things (titolo ispirato al De rerum natura di Lucrezio), trasmesso in più di quaranta paesi. Per il suo impegno ha ricevuto una lunga serie di riconoscimenti internazionali ed è stato dichiarato nel 2008 uno degli intellettuali canadesi più influenti nel mondo. Per saperne di più visitate il sito della David Suzuki Foundation www.davidsuzuki.org.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende