Home » Rubriche »Very Important Planet » L’Eros della Natura nei disegni di Milo Manara:

L’Eros della Natura nei disegni di Milo Manara

febbraio 17, 2012 Rubriche, Very Important Planet

La migliore introduzione al VIP di questa settimana è racchiusa nei versi di Franco Battiato, quando in Sentimiento Nuevo canta dell’“Eros che si fa parola”. Con l’arte di Milo Manara, uno dei massimi illustratori italiani, la sensualità della carne si fa disegno a china. Romanzo e fumetto insieme, per narrare, con la poesia delle immagini parlanti, le storie più incredibili.

Sono le donne, per lui, il volto sublime dell’erotismo. I loro corpi nudi, perfetti, sono il segno della bellezza magica della natura. Tanto da scoprire che questo amore profano per il creato e la vita ha spinto il nostro ospite a dedicarsi a fondo anche alle cause dell’ambiente.

D) Maestro, cos’è per lei la natura?

R) In senso lato è tutto quello che ci circonda, a cominciare dal firmamento. In una parola è vitalità. “Naturalmente” nel linguaggio corrente significa “una cosa ovvia”, ma ciò che intendo io, e che è ripreso dalla scuola dei Greci, è l’erotismo. L’Eors è ciò che gli antichi indicavano come amore, con quella sola parola che significava amore fisico e spirituale. E’ questa l’unica vera legge che regola la natura. L’amore che muove il Sole e le altre stelle di Dante, che regola il grande movimento del cosmo. E’ la forza che permette agli alberi di rifiorire ogni primavera, alle persone di riprodursi.

D) Lei vive tra le colline venete, in un piccolo paese della Valpolicella. Per comporre le sue tavole, trae ispirazione dal paesaggio?

R) Lavoro sia all’aperto, sia al chiuso. Mi è indifferente. Sono 30 anni che abito in questo posto meraviglioso. L’unica condizione che mi è veramente necessaria è il silenzio, o il quasi silenzio, cioè una certa musica. Ho bisogno di un luogo isolato, altrimenti tutti vengono a vedere ciò che sto facendo e non riesco più a concentrarmi”.

D) Ha mai prestato la sua arte per qualche campagna di sensibilizzazione verso l’ambiente?

R) Sì, ho disegnato per molti anni le tessere di Legambiente. Tempo fa, ho comprato anche una barca molto grande che abbiamo usato, sul Lago di Garda, per la Goletta Verde. Ma il mio rapporto con soggetti ecologici e ambientazioni naturalistiche credo abbia toccato il vertice durante un lungo viaggio che ho fatto in camper, negli anni ’80, attraverso l’Europa orientale e l’Asia, alla volta dell’India…

D) In India in camper 30 anni fa?

R) Sì, eravamo quattro amici, due uomini e due donne. Ci abbiamo impiegato 6 mesi. E’ stata un’esperienza che non dimenticherò mai. Solo una volta abbiamo dovuto abbandonare il mezzo e prendere un aereo, perché una nostra compagna si era ammalata ed è stata ricoverata a Nuova Dehli. Per il resto, abbiamo ininterrottamente viaggiato in caravan, immersi nei paesaggi più incredibili.

D) Nella quotidianità, invece, quali sono i suoi mezzi di trasporto abituali?

R) Ho la fortuna di non dover usare mai l’auto, visto che lavoro al piano di sopra di casa mia. Alle quattro ruote preferisco comunque il treno. Presto attenzione ai mezzi meno inquinanti. E’ lo stesso motivo per cui la mia casa si alimenta con pannelli solari.

D) Una mentalità ecologica che in Italia non è ancora largamente diffusa…

R) Da molti anni collaboro con Greenpeace. Mi sembra che nel nostro Paese il problema ambientale sia scivolato stupidamente tra le ultime priorità, ma dovrebbe essere al primo posto. Soprattutto durante le crisi economiche. Si può risparmiare licenziando, ma anche adottando politiche economiche che si basano su fonti energetiche alternative e non inquinanti. D’altronde, basta pensare alla Germania, che è l’unica a conservare ancora la tripla A in termini di quotazioni di mercato: noi ce le sogniamo tutte quelle pale eoliche.

D) La Germania ha vivo il concetto di ambientalismo, lo dimostrano i consensi elettorali crescenti dei Verdi. Crede che da noi la stagione dei partiti politici che lottano per le cause ambientali sia lettera morta?

R) I partiti in Italia pensano prima di tutto a prendere voti. Eppure ci sono realtà come l’Alto Adige, che infatti è regione a statuto speciale, che vivono con il teleriscaldamento: hanno temperature che vanno sottozero 3 mesi all’anno e risparmiano più della Sicilia per riscaldarsi. Spero che presto anche i nostri governi cambino idea e comincino a investire seriamente sull’eolico e sul solare, garantendoci un futuro più pulito e un presente meno inquinato”.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende