Home » Rubriche »Very Important Planet » L’Eros della Natura nei disegni di Milo Manara:

L’Eros della Natura nei disegni di Milo Manara

febbraio 17, 2012 Rubriche, Very Important Planet

La migliore introduzione al VIP di questa settimana è racchiusa nei versi di Franco Battiato, quando in Sentimiento Nuevo canta dell’“Eros che si fa parola”. Con l’arte di Milo Manara, uno dei massimi illustratori italiani, la sensualità della carne si fa disegno a china. Romanzo e fumetto insieme, per narrare, con la poesia delle immagini parlanti, le storie più incredibili.

Sono le donne, per lui, il volto sublime dell’erotismo. I loro corpi nudi, perfetti, sono il segno della bellezza magica della natura. Tanto da scoprire che questo amore profano per il creato e la vita ha spinto il nostro ospite a dedicarsi a fondo anche alle cause dell’ambiente.

D) Maestro, cos’è per lei la natura?

R) In senso lato è tutto quello che ci circonda, a cominciare dal firmamento. In una parola è vitalità. “Naturalmente” nel linguaggio corrente significa “una cosa ovvia”, ma ciò che intendo io, e che è ripreso dalla scuola dei Greci, è l’erotismo. L’Eors è ciò che gli antichi indicavano come amore, con quella sola parola che significava amore fisico e spirituale. E’ questa l’unica vera legge che regola la natura. L’amore che muove il Sole e le altre stelle di Dante, che regola il grande movimento del cosmo. E’ la forza che permette agli alberi di rifiorire ogni primavera, alle persone di riprodursi.

D) Lei vive tra le colline venete, in un piccolo paese della Valpolicella. Per comporre le sue tavole, trae ispirazione dal paesaggio?

R) Lavoro sia all’aperto, sia al chiuso. Mi è indifferente. Sono 30 anni che abito in questo posto meraviglioso. L’unica condizione che mi è veramente necessaria è il silenzio, o il quasi silenzio, cioè una certa musica. Ho bisogno di un luogo isolato, altrimenti tutti vengono a vedere ciò che sto facendo e non riesco più a concentrarmi”.

D) Ha mai prestato la sua arte per qualche campagna di sensibilizzazione verso l’ambiente?

R) Sì, ho disegnato per molti anni le tessere di Legambiente. Tempo fa, ho comprato anche una barca molto grande che abbiamo usato, sul Lago di Garda, per la Goletta Verde. Ma il mio rapporto con soggetti ecologici e ambientazioni naturalistiche credo abbia toccato il vertice durante un lungo viaggio che ho fatto in camper, negli anni ’80, attraverso l’Europa orientale e l’Asia, alla volta dell’India…

D) In India in camper 30 anni fa?

R) Sì, eravamo quattro amici, due uomini e due donne. Ci abbiamo impiegato 6 mesi. E’ stata un’esperienza che non dimenticherò mai. Solo una volta abbiamo dovuto abbandonare il mezzo e prendere un aereo, perché una nostra compagna si era ammalata ed è stata ricoverata a Nuova Dehli. Per il resto, abbiamo ininterrottamente viaggiato in caravan, immersi nei paesaggi più incredibili.

D) Nella quotidianità, invece, quali sono i suoi mezzi di trasporto abituali?

R) Ho la fortuna di non dover usare mai l’auto, visto che lavoro al piano di sopra di casa mia. Alle quattro ruote preferisco comunque il treno. Presto attenzione ai mezzi meno inquinanti. E’ lo stesso motivo per cui la mia casa si alimenta con pannelli solari.

D) Una mentalità ecologica che in Italia non è ancora largamente diffusa…

R) Da molti anni collaboro con Greenpeace. Mi sembra che nel nostro Paese il problema ambientale sia scivolato stupidamente tra le ultime priorità, ma dovrebbe essere al primo posto. Soprattutto durante le crisi economiche. Si può risparmiare licenziando, ma anche adottando politiche economiche che si basano su fonti energetiche alternative e non inquinanti. D’altronde, basta pensare alla Germania, che è l’unica a conservare ancora la tripla A in termini di quotazioni di mercato: noi ce le sogniamo tutte quelle pale eoliche.

D) La Germania ha vivo il concetto di ambientalismo, lo dimostrano i consensi elettorali crescenti dei Verdi. Crede che da noi la stagione dei partiti politici che lottano per le cause ambientali sia lettera morta?

R) I partiti in Italia pensano prima di tutto a prendere voti. Eppure ci sono realtà come l’Alto Adige, che infatti è regione a statuto speciale, che vivono con il teleriscaldamento: hanno temperature che vanno sottozero 3 mesi all’anno e risparmiano più della Sicilia per riscaldarsi. Spero che presto anche i nostri governi cambino idea e comincino a investire seriamente sull’eolico e sul solare, garantendoci un futuro più pulito e un presente meno inquinato”.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende