Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “L’estate in cui Stava ci venne a cercare”. 30 anni dopo la strage:

“L’estate in cui Stava ci venne a cercare”. 30 anni dopo la strage

agosto 4, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

In macchina col padre nel tragitto di ritorno dalla stazione di Bolzano, Anna, studentessa fuori sede a Bologna, finisce per caso e del tutto inconsapevolmente nella località dove, fino al luglio del 1985, si trovavano i bacini di decantazione della Valle di Stava. Spinta dalla curiosità, Anna inizia un viaggio nella memoria di una delle più gravi tragedie che abbiano colpito il Trentino in epoca moderna. Divisa tra il lavoro estivo da cameriera e le interminabili nottate con gli amici di sempre, Anna non perde occasione per cercare di capire cosa sia successo in quegli anni, scoprendo inevitabilmente ferite mai rimarginate e faticosi ricordi.”L’estate in cui stava ci venne a cercare“, edito da Round Robin Editrice è una graphic novel di Silvia Pallaver che parla di questo drammatico episodio attraverso gli occhi di chi l’ha vissuto e le immagini di chi, troppo giovane all’epoca dei fatti, cerca di dare forma ai frammenti di discorsi sentiti durante l’infanzia. Per la rubrica Racconti D’Ambiente pubblichiamo l’introduzione di Luca Mich e la prefazione di Graziano Lucchi.

Introduzione_Dicono che siamo i figli di mezzo della storia, quelli che non hanno una collocazione propriamente detta se non quella di essere a metà tra una generazione segnata da cambiamenti traumatici e generativi (guerre, tragedie, eventi di rottura, ideologie) e quella che, vuoi per la morte dei supporti, vuoi per la scomparsa di simulacri fisici contenitori di memoria (umani e non), potrà finalmente liberarsi dei legami forti, delle colpe dei padri, dei comportamenti derivativi. Noi, gli allora ragazzi protagonisti di questo racconto per immagini, siamo quella generazione, quella che Stava l’ha vissuta tramite racconti, ma anche tramite le paure reali di quei giorni, dei quali i più vecchi tra noi, hanno addirittura più di una percezione.

E sì, in qualche modo quello che è successo quel luglio 1985 ha avuto strascichi importanti anche su di noi, sui rapporti che abbiamo vissuto con molte persone della Valle, su ciò che ci siamo raccontati, su ciò da cui ci siamo allontanati e su ciò che siamo stati. È quello che Elia e Silvia hanno saputo raccontare in un’opera inestimabile: è quel vuoto inafferrabile di mancato vissuto e, di contro, il vissuto di quel vuoto, che ci ha segnati tutti. Il motivo per cui quella generazione di mezzo, rimane ancorata alla precedente in modo così forte e sentito, attraverso il recupero della memoria, attraverso la ricerca di ciò che è sopravvissuto di quei giorni. Guerrieri ConGeniUguali ci chiamavamo, geni contenenti lo stimolo di recuperare e raccontare. E questo racconto, beh, è il racconto di tutti noi.

Prefazione_Il 19 luglio 1985 è crollata una discarica di miniera costituita da due bacini realizzati per la decantazione e lo stoccaggio dei fanghi sterili residuati dalla lavorazione della fluorite mediante flottazione. I bacini di Prestavèl furono costruiti e gestiti male e non furono mai sottoposti a controlli da parte degli Uffici pubblici cui compete l’obbligo del controllo a garanzia della sicurezza delle lavorazioni minerarie e dei terzi. In oltre 20 anni costruttori, gestori e controllori si comportarono senza avere alcuna coscienza delle proprie personali responsabilità. I bacini di decantazione di Prestavèl sono crollati, malgrado dieci anni prima del crollo un tecnico della società mineraria incaricato di verificarne la stabilità abbia quasi affermato nella sua relazione: “strano che non siano già crollati”. Il “miope risparmio”, la noncuranza, la superficialità, l’incuria, la mancata coscienza delle proprie personali responsabilità: sono queste le cause vere della catastrofe di Stava. L’insegnamento che si deve trarre da questa vicenda deve servire per evitare che si ripetano eventi simili, tragici, dolorosi, inutili, prevedibili ed evitabili. In occasione dell’udienza al Palazzo del Quirinale il 22 settembre 1999 l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi accolse i promotori della Fondazione Stava 1985 con queste parole: “È importante mantenere viva la memoria di quanto è accaduto a Stava nel 1985 ed avete fatto bene a costituire la Fondazione Stava 1985, che si pone come compito la memoria, ma in senso attivo, per far sì che venga stimolato il richiamo alla responsabilità di ciascuno di noi”. Perché queste disgrazie, questo dramma che Stava ha vissuto e gli altri, dipendono essenzialmente dalla superficialità di coloro che hanno responsabilità.

Questa graphic novel è anch’essa strumento di “memoria attiva” che propone un originale punto di vista sulla vicenda senza volere esprimere giudizi o trarre conclusioni. Anzi, può stimolare il lettore a volerne sapere di più, ad approfondire genesi, cause e responsabilità della catastrofe della val di Stava, a conoscere le problematiche legate alla gestione dei rifiuti minerari, ad affrontare i temi dell’etica professionale, della responsabilità civile e d’impresa, della tutela dell’ambiente e del corretto utilizzo del territorio.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende