Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “L’estate in cui Stava ci venne a cercare”. 30 anni dopo la strage:

“L’estate in cui Stava ci venne a cercare”. 30 anni dopo la strage

agosto 4, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

In macchina col padre nel tragitto di ritorno dalla stazione di Bolzano, Anna, studentessa fuori sede a Bologna, finisce per caso e del tutto inconsapevolmente nella località dove, fino al luglio del 1985, si trovavano i bacini di decantazione della Valle di Stava. Spinta dalla curiosità, Anna inizia un viaggio nella memoria di una delle più gravi tragedie che abbiano colpito il Trentino in epoca moderna. Divisa tra il lavoro estivo da cameriera e le interminabili nottate con gli amici di sempre, Anna non perde occasione per cercare di capire cosa sia successo in quegli anni, scoprendo inevitabilmente ferite mai rimarginate e faticosi ricordi.”L’estate in cui stava ci venne a cercare“, edito da Round Robin Editrice è una graphic novel di Silvia Pallaver che parla di questo drammatico episodio attraverso gli occhi di chi l’ha vissuto e le immagini di chi, troppo giovane all’epoca dei fatti, cerca di dare forma ai frammenti di discorsi sentiti durante l’infanzia. Per la rubrica Racconti D’Ambiente pubblichiamo l’introduzione di Luca Mich e la prefazione di Graziano Lucchi.

Introduzione_Dicono che siamo i figli di mezzo della storia, quelli che non hanno una collocazione propriamente detta se non quella di essere a metà tra una generazione segnata da cambiamenti traumatici e generativi (guerre, tragedie, eventi di rottura, ideologie) e quella che, vuoi per la morte dei supporti, vuoi per la scomparsa di simulacri fisici contenitori di memoria (umani e non), potrà finalmente liberarsi dei legami forti, delle colpe dei padri, dei comportamenti derivativi. Noi, gli allora ragazzi protagonisti di questo racconto per immagini, siamo quella generazione, quella che Stava l’ha vissuta tramite racconti, ma anche tramite le paure reali di quei giorni, dei quali i più vecchi tra noi, hanno addirittura più di una percezione.

E sì, in qualche modo quello che è successo quel luglio 1985 ha avuto strascichi importanti anche su di noi, sui rapporti che abbiamo vissuto con molte persone della Valle, su ciò che ci siamo raccontati, su ciò da cui ci siamo allontanati e su ciò che siamo stati. È quello che Elia e Silvia hanno saputo raccontare in un’opera inestimabile: è quel vuoto inafferrabile di mancato vissuto e, di contro, il vissuto di quel vuoto, che ci ha segnati tutti. Il motivo per cui quella generazione di mezzo, rimane ancorata alla precedente in modo così forte e sentito, attraverso il recupero della memoria, attraverso la ricerca di ciò che è sopravvissuto di quei giorni. Guerrieri ConGeniUguali ci chiamavamo, geni contenenti lo stimolo di recuperare e raccontare. E questo racconto, beh, è il racconto di tutti noi.

Prefazione_Il 19 luglio 1985 è crollata una discarica di miniera costituita da due bacini realizzati per la decantazione e lo stoccaggio dei fanghi sterili residuati dalla lavorazione della fluorite mediante flottazione. I bacini di Prestavèl furono costruiti e gestiti male e non furono mai sottoposti a controlli da parte degli Uffici pubblici cui compete l’obbligo del controllo a garanzia della sicurezza delle lavorazioni minerarie e dei terzi. In oltre 20 anni costruttori, gestori e controllori si comportarono senza avere alcuna coscienza delle proprie personali responsabilità. I bacini di decantazione di Prestavèl sono crollati, malgrado dieci anni prima del crollo un tecnico della società mineraria incaricato di verificarne la stabilità abbia quasi affermato nella sua relazione: “strano che non siano già crollati”. Il “miope risparmio”, la noncuranza, la superficialità, l’incuria, la mancata coscienza delle proprie personali responsabilità: sono queste le cause vere della catastrofe di Stava. L’insegnamento che si deve trarre da questa vicenda deve servire per evitare che si ripetano eventi simili, tragici, dolorosi, inutili, prevedibili ed evitabili. In occasione dell’udienza al Palazzo del Quirinale il 22 settembre 1999 l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi accolse i promotori della Fondazione Stava 1985 con queste parole: “È importante mantenere viva la memoria di quanto è accaduto a Stava nel 1985 ed avete fatto bene a costituire la Fondazione Stava 1985, che si pone come compito la memoria, ma in senso attivo, per far sì che venga stimolato il richiamo alla responsabilità di ciascuno di noi”. Perché queste disgrazie, questo dramma che Stava ha vissuto e gli altri, dipendono essenzialmente dalla superficialità di coloro che hanno responsabilità.

Questa graphic novel è anch’essa strumento di “memoria attiva” che propone un originale punto di vista sulla vicenda senza volere esprimere giudizi o trarre conclusioni. Anzi, può stimolare il lettore a volerne sapere di più, ad approfondire genesi, cause e responsabilità della catastrofe della val di Stava, a conoscere le problematiche legate alla gestione dei rifiuti minerari, ad affrontare i temi dell’etica professionale, della responsabilità civile e d’impresa, della tutela dell’ambiente e del corretto utilizzo del territorio.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende