Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’Europa divisa dal gas di scisto:

L’Europa divisa dal gas di scisto

novembre 26, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

A Strasburgo ha vinto la lobby dell’energia. Sono tante le associazioni ambientaliste e anche alcuni Eurodeputati a pensarla così dopo che il Parlamento, il 20 novembre, con una maggioranza schiacciante, ha approvato due relazioni sul gas di scisto, potenziale risorsa che continua a dividere gli Stati dell’Unione Europea a causa dei rischi per l’ambiente.

Ma che cos’è esattamente il gas di scisto? Lo scisto è una roccia sedimentaria, che si sfalda secondo piani paralleli. Particolarmente ricca di materiale organico, la sua rottura consente l’estrazione di gas naturale, che si trova alla profondità di circa mille metri. Il processo di estrazione consiste nel fratturare le rocce, sparando nei pozzi acqua mista a sabbia e sostanze chimiche permettendo così al gas di risalire in superficie. D’ora in poi ogni Paese avrà il diritto di decidere se sfruttare o meno questa fonte energetica. Con questa controversa decisione il Parlamento Europeo sembra quindi dare il chiaro messaggio che l’estrazione del gas shalee’ sicura sia per la salute pubblica che per l’ambiente.

Gli Stati UE continuano, tuttavia, ad essere divisi: Francia e Bulgaria hanno deciso di impedire i piani di sfruttamento del territorio, mentre Polonia, Germania, Austria, Svezia, Olanda e Regno Unito la considerano una risorsa interessante. Completamente ignorato, dunque, l’emendamento presentato da settantacinque eurodeputati che chiedeva una moratoria delle estrazioni di gas scisto in Europa.

Ogni volta che si ripresenta all’orizzonte dell’UE l’urgenza di una politica dell’energia torna di attualità la ricerca di trovare fonti di approvvigionamento alternative, pulite e più economiche. In un contesto del genere la tentazione di esplorare le cosiddette riserve non convenzionali è inarrestabile. Fra queste c’è proprio il gas di scisto, concentrato principalmente in Francia e Polonia dove pare ce ne sia una scorta di ben quattordicimila miliardi di metri cubi. Il desiderio di saperne di più circa questo gas è ancora più giustificabile se si dà uno sguardo oltreoceano. Gli Stati Uniti, infatti, in soli dieci anni, si sono emancipati dal punto di vista energetico. L’88% dei loro consumi sono di origine nazionale, il 58% della loro produzione proviene dal gas di scisto. Qui, inoltre, il prezzo del gas è tornato ai livelli del 1976. Lo sviluppo e la produzione di questa fonte potrebbe, quindi, abbassare i costi aumentando la competitività, creare posti di lavoro, ridurre l’importazione di energia e migliorare l’indipendenza energetica dell’UE. Ma fino a che punto questo tipo di fonte è “pulita” e qual è il prezzo da pagare per l’ambiente e la salute dei cittadini?

Le regole più severe chieste dall’Aula in settimana sono un passo avanti, dichiarano gli scettici, i dubbi scientifici sull’impatto ambientale, tuttavia, fanno temere il peggio. Il perché è presto detto. L’estrazione del gas da scisti bituminosi necessita l’inserimento di enormi quantità d’acqua all’interno delle formazioni rocciose. Se il pozzo non è ben costruito, il rischio è quello di una contaminazione della falde acquifere, al quale si aggiunge quello di fughe di gas a effetto serra come il biossido di carbonio e dispersione di prodotti chimici (scenari già verificatisi negli USA). Senza contare che, la fratturazione idraulica (fracking), la tecnica più comune di esplorazione e di estrazione del gas di scisto, richiede molta energia. È quindi, per ora, molto inquinante e l’enorme quantità di acqua utilizzata potrebbe essere all’origine di alcuni terremoti di piccola entità. Altro dettaglio da non sottovalutare, è il fatto che l’estrazione avviene in posizione orizzontale, che, a differenza di quella verticale, prevede numerosi fori in successione e, di conseguenza, può essere effettuata solo in zone poco popolate, in Europa non molto comuni.

Di fronte a questo problema, le istituzioni europee hanno un atteggiamento a dir poco schizofrenico, che deriva anche dalle dimensioni degli interessi in gioco.

All’inizio di settembre la Commissione aveva pubblicato tre rapporti sull’argomento nei quali affermava che i gas “non convenzionali” potrebbero rappresentare fino al 60% del consumo in Europa, i rischi ambientali e i danni prodotti dall’estrazione sono elevati e che, di conseguenza, il gas di scisto può essere estratto solo in un quadro regolamentare molto severo. L’Esecutivo di Bruxelles non prevedeva, tuttavia, l’adozione di una nuova regolamentazione. A pochi giorni di distanza la Commissione industria del Parlamento Europeo aveva adottato un rapporto preliminare nel quale affermava che l’UE non dovrebbe intromettersi nelle politiche energetiche nazionali e che lo sfruttamento di questo gas ridurrà la dipendenza dell’Europa e diminuirà dal 29% al 41% le emissioni di anidride carbonica. Contemporaneamente, la Commissione Ambiente approvava un progetto di risoluzione che mirava a rendere più rigorose le misure in materia di protezione dell’ambiente e della salute e le responsabilità dell’industria per eventuali danni. Queste le tappe che hanno portato alla conferma dei contenuti dei documenti di entrambe le Commissioni nella Plenaria di novembre.

Alla luce dei fatti, però, la corsa all’estrazione del gas di scisto poco cambierebbe in vista degli obiettivi ambientali che l’UE si è prefissata: ridurre, cioè, le sue emissioni del 20% rispetto al 1990 e ottenere il 20% dell’energia utilizzata da fonti rinnovabili. Il problema risiede, sostanzialmente, nel suo essere, come gli altri idrocarburi, non una fonte a medio o lungo termine. Il suo sfruttamento avverrebbe, probabilmente, a spese dello sviluppo e della ricerca di altre fonti.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende