Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’Europa divisa dal gas di scisto:

L’Europa divisa dal gas di scisto

novembre 26, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

A Strasburgo ha vinto la lobby dell’energia. Sono tante le associazioni ambientaliste e anche alcuni Eurodeputati a pensarla così dopo che il Parlamento, il 20 novembre, con una maggioranza schiacciante, ha approvato due relazioni sul gas di scisto, potenziale risorsa che continua a dividere gli Stati dell’Unione Europea a causa dei rischi per l’ambiente.

Ma che cos’è esattamente il gas di scisto? Lo scisto è una roccia sedimentaria, che si sfalda secondo piani paralleli. Particolarmente ricca di materiale organico, la sua rottura consente l’estrazione di gas naturale, che si trova alla profondità di circa mille metri. Il processo di estrazione consiste nel fratturare le rocce, sparando nei pozzi acqua mista a sabbia e sostanze chimiche permettendo così al gas di risalire in superficie. D’ora in poi ogni Paese avrà il diritto di decidere se sfruttare o meno questa fonte energetica. Con questa controversa decisione il Parlamento Europeo sembra quindi dare il chiaro messaggio che l’estrazione del gas shalee’ sicura sia per la salute pubblica che per l’ambiente.

Gli Stati UE continuano, tuttavia, ad essere divisi: Francia e Bulgaria hanno deciso di impedire i piani di sfruttamento del territorio, mentre Polonia, Germania, Austria, Svezia, Olanda e Regno Unito la considerano una risorsa interessante. Completamente ignorato, dunque, l’emendamento presentato da settantacinque eurodeputati che chiedeva una moratoria delle estrazioni di gas scisto in Europa.

Ogni volta che si ripresenta all’orizzonte dell’UE l’urgenza di una politica dell’energia torna di attualità la ricerca di trovare fonti di approvvigionamento alternative, pulite e più economiche. In un contesto del genere la tentazione di esplorare le cosiddette riserve non convenzionali è inarrestabile. Fra queste c’è proprio il gas di scisto, concentrato principalmente in Francia e Polonia dove pare ce ne sia una scorta di ben quattordicimila miliardi di metri cubi. Il desiderio di saperne di più circa questo gas è ancora più giustificabile se si dà uno sguardo oltreoceano. Gli Stati Uniti, infatti, in soli dieci anni, si sono emancipati dal punto di vista energetico. L’88% dei loro consumi sono di origine nazionale, il 58% della loro produzione proviene dal gas di scisto. Qui, inoltre, il prezzo del gas è tornato ai livelli del 1976. Lo sviluppo e la produzione di questa fonte potrebbe, quindi, abbassare i costi aumentando la competitività, creare posti di lavoro, ridurre l’importazione di energia e migliorare l’indipendenza energetica dell’UE. Ma fino a che punto questo tipo di fonte è “pulita” e qual è il prezzo da pagare per l’ambiente e la salute dei cittadini?

Le regole più severe chieste dall’Aula in settimana sono un passo avanti, dichiarano gli scettici, i dubbi scientifici sull’impatto ambientale, tuttavia, fanno temere il peggio. Il perché è presto detto. L’estrazione del gas da scisti bituminosi necessita l’inserimento di enormi quantità d’acqua all’interno delle formazioni rocciose. Se il pozzo non è ben costruito, il rischio è quello di una contaminazione della falde acquifere, al quale si aggiunge quello di fughe di gas a effetto serra come il biossido di carbonio e dispersione di prodotti chimici (scenari già verificatisi negli USA). Senza contare che, la fratturazione idraulica (fracking), la tecnica più comune di esplorazione e di estrazione del gas di scisto, richiede molta energia. È quindi, per ora, molto inquinante e l’enorme quantità di acqua utilizzata potrebbe essere all’origine di alcuni terremoti di piccola entità. Altro dettaglio da non sottovalutare, è il fatto che l’estrazione avviene in posizione orizzontale, che, a differenza di quella verticale, prevede numerosi fori in successione e, di conseguenza, può essere effettuata solo in zone poco popolate, in Europa non molto comuni.

Di fronte a questo problema, le istituzioni europee hanno un atteggiamento a dir poco schizofrenico, che deriva anche dalle dimensioni degli interessi in gioco.

All’inizio di settembre la Commissione aveva pubblicato tre rapporti sull’argomento nei quali affermava che i gas “non convenzionali” potrebbero rappresentare fino al 60% del consumo in Europa, i rischi ambientali e i danni prodotti dall’estrazione sono elevati e che, di conseguenza, il gas di scisto può essere estratto solo in un quadro regolamentare molto severo. L’Esecutivo di Bruxelles non prevedeva, tuttavia, l’adozione di una nuova regolamentazione. A pochi giorni di distanza la Commissione industria del Parlamento Europeo aveva adottato un rapporto preliminare nel quale affermava che l’UE non dovrebbe intromettersi nelle politiche energetiche nazionali e che lo sfruttamento di questo gas ridurrà la dipendenza dell’Europa e diminuirà dal 29% al 41% le emissioni di anidride carbonica. Contemporaneamente, la Commissione Ambiente approvava un progetto di risoluzione che mirava a rendere più rigorose le misure in materia di protezione dell’ambiente e della salute e le responsabilità dell’industria per eventuali danni. Queste le tappe che hanno portato alla conferma dei contenuti dei documenti di entrambe le Commissioni nella Plenaria di novembre.

Alla luce dei fatti, però, la corsa all’estrazione del gas di scisto poco cambierebbe in vista degli obiettivi ambientali che l’UE si è prefissata: ridurre, cioè, le sue emissioni del 20% rispetto al 1990 e ottenere il 20% dell’energia utilizzata da fonti rinnovabili. Il problema risiede, sostanzialmente, nel suo essere, come gli altri idrocarburi, non una fonte a medio o lungo termine. Il suo sfruttamento avverrebbe, probabilmente, a spese dello sviluppo e della ricerca di altre fonti.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende