Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’Europa divisa dal gas di scisto:

L’Europa divisa dal gas di scisto

novembre 26, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

A Strasburgo ha vinto la lobby dell’energia. Sono tante le associazioni ambientaliste e anche alcuni Eurodeputati a pensarla così dopo che il Parlamento, il 20 novembre, con una maggioranza schiacciante, ha approvato due relazioni sul gas di scisto, potenziale risorsa che continua a dividere gli Stati dell’Unione Europea a causa dei rischi per l’ambiente.

Ma che cos’è esattamente il gas di scisto? Lo scisto è una roccia sedimentaria, che si sfalda secondo piani paralleli. Particolarmente ricca di materiale organico, la sua rottura consente l’estrazione di gas naturale, che si trova alla profondità di circa mille metri. Il processo di estrazione consiste nel fratturare le rocce, sparando nei pozzi acqua mista a sabbia e sostanze chimiche permettendo così al gas di risalire in superficie. D’ora in poi ogni Paese avrà il diritto di decidere se sfruttare o meno questa fonte energetica. Con questa controversa decisione il Parlamento Europeo sembra quindi dare il chiaro messaggio che l’estrazione del gas shalee’ sicura sia per la salute pubblica che per l’ambiente.

Gli Stati UE continuano, tuttavia, ad essere divisi: Francia e Bulgaria hanno deciso di impedire i piani di sfruttamento del territorio, mentre Polonia, Germania, Austria, Svezia, Olanda e Regno Unito la considerano una risorsa interessante. Completamente ignorato, dunque, l’emendamento presentato da settantacinque eurodeputati che chiedeva una moratoria delle estrazioni di gas scisto in Europa.

Ogni volta che si ripresenta all’orizzonte dell’UE l’urgenza di una politica dell’energia torna di attualità la ricerca di trovare fonti di approvvigionamento alternative, pulite e più economiche. In un contesto del genere la tentazione di esplorare le cosiddette riserve non convenzionali è inarrestabile. Fra queste c’è proprio il gas di scisto, concentrato principalmente in Francia e Polonia dove pare ce ne sia una scorta di ben quattordicimila miliardi di metri cubi. Il desiderio di saperne di più circa questo gas è ancora più giustificabile se si dà uno sguardo oltreoceano. Gli Stati Uniti, infatti, in soli dieci anni, si sono emancipati dal punto di vista energetico. L’88% dei loro consumi sono di origine nazionale, il 58% della loro produzione proviene dal gas di scisto. Qui, inoltre, il prezzo del gas è tornato ai livelli del 1976. Lo sviluppo e la produzione di questa fonte potrebbe, quindi, abbassare i costi aumentando la competitività, creare posti di lavoro, ridurre l’importazione di energia e migliorare l’indipendenza energetica dell’UE. Ma fino a che punto questo tipo di fonte è “pulita” e qual è il prezzo da pagare per l’ambiente e la salute dei cittadini?

Le regole più severe chieste dall’Aula in settimana sono un passo avanti, dichiarano gli scettici, i dubbi scientifici sull’impatto ambientale, tuttavia, fanno temere il peggio. Il perché è presto detto. L’estrazione del gas da scisti bituminosi necessita l’inserimento di enormi quantità d’acqua all’interno delle formazioni rocciose. Se il pozzo non è ben costruito, il rischio è quello di una contaminazione della falde acquifere, al quale si aggiunge quello di fughe di gas a effetto serra come il biossido di carbonio e dispersione di prodotti chimici (scenari già verificatisi negli USA). Senza contare che, la fratturazione idraulica (fracking), la tecnica più comune di esplorazione e di estrazione del gas di scisto, richiede molta energia. È quindi, per ora, molto inquinante e l’enorme quantità di acqua utilizzata potrebbe essere all’origine di alcuni terremoti di piccola entità. Altro dettaglio da non sottovalutare, è il fatto che l’estrazione avviene in posizione orizzontale, che, a differenza di quella verticale, prevede numerosi fori in successione e, di conseguenza, può essere effettuata solo in zone poco popolate, in Europa non molto comuni.

Di fronte a questo problema, le istituzioni europee hanno un atteggiamento a dir poco schizofrenico, che deriva anche dalle dimensioni degli interessi in gioco.

All’inizio di settembre la Commissione aveva pubblicato tre rapporti sull’argomento nei quali affermava che i gas “non convenzionali” potrebbero rappresentare fino al 60% del consumo in Europa, i rischi ambientali e i danni prodotti dall’estrazione sono elevati e che, di conseguenza, il gas di scisto può essere estratto solo in un quadro regolamentare molto severo. L’Esecutivo di Bruxelles non prevedeva, tuttavia, l’adozione di una nuova regolamentazione. A pochi giorni di distanza la Commissione industria del Parlamento Europeo aveva adottato un rapporto preliminare nel quale affermava che l’UE non dovrebbe intromettersi nelle politiche energetiche nazionali e che lo sfruttamento di questo gas ridurrà la dipendenza dell’Europa e diminuirà dal 29% al 41% le emissioni di anidride carbonica. Contemporaneamente, la Commissione Ambiente approvava un progetto di risoluzione che mirava a rendere più rigorose le misure in materia di protezione dell’ambiente e della salute e le responsabilità dell’industria per eventuali danni. Queste le tappe che hanno portato alla conferma dei contenuti dei documenti di entrambe le Commissioni nella Plenaria di novembre.

Alla luce dei fatti, però, la corsa all’estrazione del gas di scisto poco cambierebbe in vista degli obiettivi ambientali che l’UE si è prefissata: ridurre, cioè, le sue emissioni del 20% rispetto al 1990 e ottenere il 20% dell’energia utilizzata da fonti rinnovabili. Il problema risiede, sostanzialmente, nel suo essere, come gli altri idrocarburi, non una fonte a medio o lungo termine. Il suo sfruttamento avverrebbe, probabilmente, a spese dello sviluppo e della ricerca di altre fonti.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende