Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’Europa e l’affare glifosato. Posta in gioco e rischi per la salute del rinnovo per i prossimi 15 anni:

L’Europa e l’affare glifosato. Posta in gioco e rischi per la salute del rinnovo per i prossimi 15 anni

marzo 14, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Quando la Monsanto lo presentò per la prima volta, nel 1974, sembrò una rivoluzione: un diserbante capace di bloccare i nutrienti minerali essenziali per la vita di alcune piante, rapidamente, in maniera biodegradabile e non tossica. Per tutte queste caratteristiche il glifosato è oggi il diserbante più utilizzato al mondo, soprattutto in concomitanza con coltivazioni OGM come soia, mais e colza, rese “artificialmente” resistenti al glifosato.

Invece le sue tracce rimangono eccome nell’ecosistema. Compromette la stabilità dei terreni – contribuendo in modo determinante al dissesto idrogeologico – riduce la biodiversità e inquina le falde acquifere. Nonché entra nella nostra catena alimentare, nei cibi di origine animale ma soprattutto nei vegetali. Dalla verdura alle farine.

La comunità scientifica rimane, tuttavia, ancora parzialmente divisa. C’è chi ne sottolinea l’estrema pericolosità. Come uno studio pubblicato su The Lancet Oncology che, dopo tre anni di ricerche coordinate da 17 esperti in 11 Paesi, rivela una forte correlazione epidemiologica tra l’esposizione alla sostanza e il linfoma non-Hodgkin. In aggiunta ai già noti aumenti di ricorrenza di leucemie infantili e malattie neurodegenerative, Parkinson in testa. Inoltre già dagli anni ’80, è anche classificato come interferente endocrino, rivelando una forte correlazione con l’insorgenza della celiachia. C’è invece chi è più cauto (forse per cautela “istituzionale”), come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che lo ha classificato come “probabilmente cancerogeno” (il che basterebbe a giustificare il principio di precauzione). Fino invece a chi propende per dichiararlo innocuo. Secondo l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), infatti, “è improbabile che l’erbicida ponga un rischio di cancerogenicità per l’uomo”. Vale comunque la pena ricordare che i pareri dell’Autorità UE si basano su studi nazionali che, nel caso della Germania, per esempio, sarebbero finanziati dalle stesse multinazionali della chimica.

Diviso anche il mondo delle associazioni, come già sugli OGM. Nel caso dell’Italia – che è uno dei principali utilizzatori – per esempio, soprattutto quelle agricole hanno messo le mani avanti: “In una situazione di forti importazioni low cost - ha detto Coldiretti - è necessario che l’eventuale divieto riguardi coerentemente anche l’ingresso in Italia e nell’UE di prodotti stranieri con residui di questa sostanza“. Confagricoltura ha, invece (come sempre) invitato alla “prudenza”. “Prima di togliere l’autorizzazione ad un erbicida come il glifosato servono certezze scientifiche, altrimenti si crea solo un danno ai produttori e all’ambiente”. Un film già visto, quello delle ricerche scientifiche infinite, che per raggiungere un grado di certezza oggettivamente impossibile, rischiano di lasciare immutata la situazione per decenni. Sul fronte opposto, invece, Legambiente, che ha lanciato “No glifosato”, un manifesto che riunisce 34 ONG dell’agricoltura biologica, biodinamica e ambientaliste.

Ma il vero problema è che sono spaccati anche gli Stati UE. In ballo c’è il confronto sul rinnovo – per altri 15 anni  - dell’autorizzazione all’utilizzo del glifosato, e ad oggi non è affatto chiaro cosa intenda fare la maggioranza dei Paesi. Per il momento solo Italia, Francia e Olanda, hanno espresso la loro posizione contraria al rinnovo. La Germania – dove il glifosato è stato trovato persino nella birra – così come altri numerosi partner hanno detto che in caso di voto si sarebbero astenuti…

Messa alle strette da questa situazione di indecisione Bruxelles ha quindi preso tempo, annunciando, tuttavia, che non intende rinunciare ad una decisione definitiva entro giugno, quando scadrà l’autorizzazione in corso. L’UE ha chiesto così agli esperti dei 28 Stati Membri di inviare, entro il 18 marzo, le proposte di modifica che auspicano di apportare al testo in discussione. La questione sarà di nuovo sul tavolo del prossimo Comitato Europeo in programma il 18 e 19 maggio, ma niente impedisce che la riunione possa essere anticipata. La ritirata strategica dovrebbe servire infatti “per costruire un consenso”, dopo l’alzata di scudi da parte di Italia, Francia, Svezia e Paesi Bassi, ma anche la pressione esercitata da diversi gruppi politici del Parlamento Europeo e da lobbisti professionisti scatenati da multinazionali che non baderanno a spese, vista la posta in gioco.

Il parere dell’EFSA è lacunoso e manca di trasparenza, del resto tre dei loro studi vengono mantenuti segreti“, fanno notare i Verdi Europei, indubbiamente il gruppo politico più informato sul tema. Il rinvio della decisione da parte della Commissione e la richiesta agli Stati di presentare, entro il 18 marzo, gli emendamenti alla proposta dell’Esecutivo UE, concentrandosi non sul principio attivo, ma sulle sostanze che vengono aggiunte (alcune delle quali sicuramente tossiche), potrebbe inoltre nascondere una trappola: focalizzare l’attenzione sui coformulanti per far passare così il rinnovo all’utilizzo dell’erbicida.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende