Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Liberi e biologici: in Calabria la piccola rivoluzione del bergamotto:

Liberi e biologici: in Calabria la piccola rivoluzione del bergamotto

luglio 22, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Nella canicola estiva, fermo in una radura del suo bergamotteto, Ugo Sergi tace un attimo. Butta lo sguardo tra gli alberi e ricorda quando da giovane studente, ospite di una famiglia danese, il profumo di bergamotto si sprigionò da una tazza di tè. “Lì conobbi l’Earl Grey. Il bergamotto utilizzato per aromatizzare il tè veniva dalla mia terra, anche se sulla confezione si dichiarava che arrivava dall’India”. Da allora sono passati anni: Sergi, erede di una famiglia di coltivatori di bergamotto e produttori di olio essenziale dell’agrume, è diventato avvocato, ha lavorato lontano dalla sua Calabria, ma poi venti anni fa è tornato, ha convertito l’azienda agricola (che si chiama appunto “Il Bergamotto“) al biologico e, cosa ancora più importante, con altri produttori certificati è riuscito a rompere una situazione di monopolio fino a quel momento accettata.

Siamo in provincia di Reggio Calabria, ad Amendolea, sulla fiumara omonima, nell’area di cultura grecanica. L’azienda di Sergi si trova a metà strada di quella lingua di terra lunga 100 chilometri che va da Villa San Giovanni a Monasterace, nella Locride, l’unica area del pianeta dove cresce questo agrume. “Qui si concentra il 95% della produzione mondiale di bergamotto. L’altro 5% è coperto dalla Costa d’Avorio, dove i francesi sono riusciti a farlo attecchire, anche se il prodotto ha una qualità molto più bassa rispetto a quello calabro. Il bergamotto è un agrume unico al mondo, che avrebbe potuto rendere quest’area ricchissima”, riflette Sergi.

La sua storia è particolare e ancora piena di aspetti non del tutto chiariti: “Non se ne conosce neanche l’origine botanica: fa parte della famiglia Citrus, ma non si capisce perché abbia scelto esclusivamente questo pezzo di costa ionica per crescere; dal seme nasce l’arancio amaro, di cui probabilmente è una mutazione. Per ottenere il bergamotto bisogna innestarlo su un albero di arancio amaro”. Se molto riamane ancora da scoprire, di questo agrume rotondo e dal profumo intenso si conoscono le numerose proprietà: “Le prime notizie risalgono al 1600, quando veniva usato in medicina come antisettico. Nel XVIII secolo un monaco italiano in Germania inventa l’acqua di Colonia, e da lì anche i profumieri iniziano a utilizzare il bergamotto, di cui poi si scoprono anche le qualità fissative, che permettono di amalgamare le fragranze e di conservarle. Poi, all’inizio del 1900, con la nascita dell’Earl Grey, il bergamotto trova impiego anche nell’industria del té”.

Tra il 1800 e il 1900, nella punta calabrese si piantano bergamotteti e l’economia è florida: “Nel 1956, il mio nonno in un solo anno guadagnò 16 milioni di lire dalla vendita dell’olio essenziale, chi produceva bergamotto allora viveva bene”. Di lì a pochi anni però, con il rapido sviluppo dell’industria chimica e l’arrivo sul mercato di fragranze di sintesi a poco prezzo, l’industria del bergamotto crolla. “In due anni non si riescono neanche più a coprire le spese. La crisi va avanti per tre decenni, fino agli anni Novanta, quando si ricomincia pian piano a valorizzare  l’essenza naturale”. Se Ugo Sergi è un “Campione d’Italia” per aver creato un’alternativa a un sistema puntando su qualità, sostenibilità ambientale e giusto compenso per gli agricoltori, il padre e molti altri coltivatori della zona lo sono stati per aver resistito anni, senza mai mollare.

Mio padre si è ostinato a coltivare il bergamotto senza ricavarne nulla. Aveva cercato un altro lavoro per prendere i soldi e abbuttarli nell’azienda agricola. Per risparmiare, aveva perso anche il vizio del fumo”. Allo stesso tempo, il padre obbliga Ugo ad andare via dalla sua terra. “Quando mio padre è morto, facevo l’avvocato, ma non mi piaceva. Così sono tornato e ho preso in mano l’azienda. È stato allora che ho capito perché mio padre e altri non avevano mai mollato: un po’ per la testa dura e la speranza di un ritorno dell’età dell’oro, ma soprattutto perché la fragranza di bergamotto, come si è scoperto una ventina di anni fa, predispone in modo positivo alla vita e dà benessere. Solo così posso spiegarmi una capacità di resistere durata trent’anni”.

Per l’azienda di Sergi la svolta è arrivata nel 1996, quando attraverso una giornalista francese entra per caso in contatto con l’azienda britannica The Body Shop. “Un giorno, l’amministratrice è piombata qui con i suoi collaboratori, e da quel primo incontro è nato un rapporto duraturo. Grazie a loro sono entrato sul mercato in modo autonomo”.  È il primo passo per la nascita di Assobioberg, un consorzio di produttori biologici di olio essenziale, partito con tre soci e oggi arrivato a coinvolgere 18 produttori. “Qui per decenni ha comandato una sola azienda che ha creato un monopsonio, ossia una situazione di doppio imbuto, come unico tramite tra le piccole imprese di produzione e il mercato. Il nostro gruppo è riuscito a rompere questa logica. Per un’area come la nostra, afflitta da criminalità organizzata e mancanza di lavoro, è una rivoluzione”. Certo, non è stato semplice – “da allora subiamo controlli a tappeto” -, ma oggi Assobioberg commercializza più di 5.500 litri di olio essenziale biologico di bergamotto all’anno, e ha clienti in tutto il mondo, da Seattle a Tokio, passando per Corea del Sud, Australia, Cina, India. “Vendiamo soprattutto ad aziende cosmetiche, ma anche al settore del tè”. Da quella tazza di té in Danimarca, Ugo Sergi ne ha fatta di strada.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende