Home » Rubriche »Very Important Planet » Licia Granello, Pane Nostrum: “cucinare è un investimento in salute e ambiente”:

Licia Granello, Pane Nostrum: “cucinare è un investimento in salute e ambiente”

ottobre 16, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Giornalista, scrittrice, docente di Antropologia dell’Alimentazione. Licia Granello è una delle firme note de La Repubblica grazie al suo blog Pane Nostrum e alla doppia pagina domenicale I Sapori. Food editor eclettica, si occupa di alimentazione a 360 gradi – dalla nutrizione all’agricoltura biologica, all’alta gastronomia – con un occhio anche al mondo femminile, con il quale trova spesso collegamenti e relazioni. Ha presentato recentemente il suo ultimo libro a Torino, a Greenews.info racconta com’è nato.

D) Licia, perché ha scelto di scrivere il libro I sapori di Italia dalla A alla Z?

R) Ho scelto di scrivere questo alfabeto come naturale approfondimento delle mie pagine domenicali, dando spazio anche ai produttori virtuosi, uomini e donne con la schiena dritta e una passione che incendia il mondo!

D) Quanto, secondo lei, il nostro Paese si identifica nel cibo rispetto ad altri nel mondo?

R) Noi siamo il paese di arte&cibo. Per cosa vengono a trovarci da tutto il mondo? Colosseo e spaghetti bolognese! Siamo il paese di Bengodi, come diceva Boccaccio: un orto a cielo aperto dalla Val d’Aosta alla Sicilia e un percorso d’arte ad altissima densità. Dovremmo vivere di questo (o quasi).

D) Quanto secondo lei noi italiani siamo consapevoli della ricchezza alimentare che abbiamo come patrimonio da conservare?

R) Siamo poco consapevoli della nostra fortuna agroalimentare e lo Stato lo è ancora meno, se non al momento di farsi bello con il nostro food export. Peccato che poi scopriamo che in Cina arrivano più cibi dal Belgio che dall’Italia...

D) Lei è ambassador di Women for Expo: ci racconta di questo progetto e perché ha scelto di diventarne ambasciatrice?

R) Sono affascinata dai progetti di evoluzione sociale, a maggior ragione se virati al femminile, anche se penso che in Expo si sarebbe potuto e dovuto fare molto di più…

D) Cosa pensa dell’emergenza alimentare dal punto di vista dell’ambiente?

R) Continuo a pensare che a mancare non sia il cibo, ma l’accesso al cibo. Negli Stati Uniti, ogni americano si sveglia avendo potenzialmente a disposizione 3.000 calorie, molte più di quanto necessiti. Metà pianeta soffre la fame, l’altra metà soffre di troppo cibo (industriale). In mezzo, ci sono i governi e le multinazionali (molto spesso sovrapposti) che usano l’emergenza alimentare per aumentare i profitti, tra OGM, pesticidi e ormoni della crescita.

D) Quanto pensa che una cultura alimentare corretta in Occidente potrà aiutare ad arginare questa emergenza, considerato l’affermarsi di nuovi paesi consumer come la Cina?

R) Dobbiamo reimparare il rapporto con il cibo, sceglierlo invece che subirlo. Cucinare non è una perdita di tempo, ma un investimento in salute e ambiente. Comprare tutto pronto, tutto processato significa spendere molti più soldi, oppure accettare cibi di qualità scadente, mettendosi nelle mani dell’industria. Mangiare e consumare non sono sinonimi.

D) Lei ha un occhio di riguardo verso la posizione della donna nella società: cosa ne pensa del suo ruolo per l’ambiente visto che nella sua figura coincide anche il ruolo di “nutrice”?

R) Prima dell’Alfabeto dei Sapori ho scritto Il gusto delle donne, il mestiere della tavola in venti storie al femminile. Donne che hanno saputo sognare e realizzare il loro sogno legato al cibo, dalla super sommelier alla fornaia che fa i grissini più buoni del mondo, alla signora delle grappe e a quella della liquirizia. In loro, la passione non è mai scollegata dall’identità di genere, che ci vuole custodi del futuro dell’Umanità. Nessuna donna andrebbe a fare il giudice in un reality dicendo “Che schifo questo piatto”: abbiamo troppo rispetto del cibo.

D) Qual è il suo rapporto personale con l’ambiente?

R) Cerco di limitare la mia “impronta” in un mondo dove sembra che a pochi interessi il futuro della terra, a fronte della possibilità di accumulare soldi e potere nel presente.

D) Quali sono i piccoli gesti quotidiani che compie per rispettarli, dalla spesa alla riduzione dei consumi?

R) Uso la macchina solo per stretta necessità (come portare i miei quattrozampe dal veterinario). Per il resto, cammino e vado in bicicletta (adoro andare in bicicletta). Compro tutto quello che posso in chiave bio. E poi tutte le piccole abitudini come usare l’acqua delle verdure per innaffiare, riciclare il pane raffermo per farne zuppe e torte, fare la raccolta differenziata con attenzione.

D) Cosa pensa dell’agricoltura biodinamica e della filosofia km0?

R) Tutto il bene possibile, a patto che non sfoci in ossessione: a un km zero avvelenato dalla chimica preferisco un mediamente distante buono pulito e giusto!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende