Home » Rubriche »Very Important Planet » L’impegno ambientale dev’essere “sentito”. Intervista a Niccolò Fabi:

L’impegno ambientale dev’essere “sentito”. Intervista a Niccolò Fabi

aprile 29, 2011 Rubriche, Very Important Planet

“Le idee sono come un interrail, nascono dal movimento. Ho bisogno di camminare per dare vita a una nuova canzone”. Niccolò Fabi, uno dei cantautori più ricercati e raffinati nell’Italia musicale di oggi, di strada ne sta facendo parecchia. Ha appena dato il via al nuovo tour, una maratona in 18 tappe in giro per l’Italia, fino a giugno.

Ma è proprio in questi suoi molti viaggi, da un capo all’altro della penisola, che nella sua testa riccia spuntano le migliori suggestioni musicali. Gli abbiamo chiesto come gli sembra il Paese, visto dai palchi delle molte città che tocca la tournée. A cominciare da Roma

D) Niccolò, tu vivi nella Capitale. Pensandola in termini di qualità della vita, che cosa non va?

R) A Roma non c’è la salvaguardia per le zone verdi. Io sono un gran camminatore, adoro muovermi a piedi in città, ma lo smog e il traffico hanno raggiunto livelli insostenibili. Mi chiedo: la tecnologia ci permette di portare sonde in giro per lo spazio intergalattico, e non siamo capaci di inventare un modo per fare a meno dell’auto che inquina, mettendo in circolazione motori puliti? Ma meglio non avventurarmi in certi discorsi, questi argomenti mi fanno arrabbiare…

D) E’ qui che viene fuori la tua natura di cantautore indipendente e impegnato. Lo sei stato per l’Africa, nella raccolta fondi per la ricostruzione del Teatro dell’Aquila, per citare qualche esempio. Quale può essere il sostegno della musica per difendere l’ambiente?

R) Prima di tutto attraverso i testi delle canzoni. Non credo, invece, in quelle mode di organizzare concerti “a impatto zero”, come fa qualche mio collega. In questa dicitura, sicuramente di grande impatto, ci vedo molta ipocrisia. Nessuno mi ha ancora saputo convincere che, a conti fatti, la ricaduta in termini di inquinamento sia minima, quando si mettono in piedi eventi musicali targati con slogan “verdi”. In ogni caso, per attivare certi amplificatori con metodi ecologici ci vogliono molti soldi. Possono permetterselo forse le grandi band. E’ evidente che è una strada da percorrere, ma per ora non ne sento l’esigenza.

D) Di cosa senti invece l’esigenza?

R) Amo la natura, come la città, la campagna, la montagna. Non ho particolari predilezioni. L’Italia è un paese magnifico perché puoi passare da Pordenone a Ragusa, dalle vette al mare in poco più di mille chilometri. Da nessun’altra parte è così. Ogni regione ha una ricchezza paesaggistica, storica e culinaria unica. Sul discorso ambientale però siamo ancora molto indietro. La comunità ha sempre bisogno di un modello dall’alto, del buon esempio per comportarsi in modo virtuoso. Ma visto che dall’alto i buoni modelli spesso mancano, anzi imperano i cattivi esempi, dovremmo imparare a delegare molto meno la gestione e il rispetto delle nostre meraviglie naturalistiche.

D) Ci hai già confessato di essere un buon camminatore. A parte passeggiare, come ti sposti di solito? Auto, bici, treni o aerei?

R) Molto spesso in moto. Ma su questi aspetti del mio privato preferirei non soffermarmi.

D) Te lo chiediamo perché sono molti i personaggi famosi che nelle dichiarazioni ai giornali si dichiarano pieni sostenitori del “green thinking”, poi nei fatti non rinunciano a nessuna comodità…

R) Non amo la retorica. Dico sempre ciò che penso. L’impegno, nell’ambiente come nelle cause civili, ha un senso se è sentito. Quindi…concludo invitando tutti al mio concerto a Torino. Mi noterete senz’altro…scenderò da un suv giallo che inquina tantissimo. Ovviamente scherzo!

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende