Home » Rubriche »Very Important Planet » “L’Industriale”: la disperazione di un imprenditore del fotovoltaico nel film di Montaldo:

“L’Industriale”: la disperazione di un imprenditore del fotovoltaico nel film di Montaldo

gennaio 20, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Il vecchio leone del cinema italiano crede ancora nella denuncia. Giuliano Montaldo, 82 anni tra meno di un mese e la lucidità di sempre, è ancora capace di affondare il termometro nella società, nel cuore del Paese. Instancabile, il regista genovese è nelle sale con il nuovo film, L’industriale. Pellicola che coglie in pieno le difficoltà del nostro tempo e della crisi: è il declino di un imprenditore di mezzetà, in grossi guai finanziari, che non riesce più a mandare avanti la sua azienda di pannelli fotovoltaici.

D) Maestro, quando ha pensato a questo film sui disastri umani della crisi?

R) Verso la fine del 2010 chiunque di noi si rendeva conto, attraversando certe zone d’Italia, che eravamo di fronte a una bolla che stava per scoppiare violentemente, con un portato di conseguenze sociali e private. Fabbriche occupate, dismesse, piazzali vuoti di grandi industrie metalmeccaniche davano infinita tristezza. Certo, non avremmo mai immaginato di assistere a un tale, spaventoso tsunami, tutti noi siamo rimasti folgorati.

D) Crede che questo momento di difficoltà del Paese sia peggiore di quelli vissuti in passato?

R) Nella mia lunga vita ho assistito a crisi economiche diverse. Parlo di quando ancora c’era la lira, i governi facevano qualche ritocco al carburante, al costo dei pedaggi e delle sigarette, e nulla più. Ora, con l’Europa e l’euro, gli stati si danno furbescamente la colpa del disastro l’un l’altro. Quella sederona della Merkel a quel dinoccolato di Sarkozy, alla Grecia o a noi, ad esempio. E intanto il cerino brucia le vite e brucia il Paese.

D) Vedere e denunciare la crisi è il primo passo. Ma poi, che fare?

R) Dobbiamo ritornare a essere molto miti. Nessuno può dirsi al salvo dal gorgo. Da qui prende l’avvio la storia del mio film. Da un uomo che eredita l’azienda da un padre lavoratore, diventa un leader proclamato dai compagni di lavoro, ha un rapporto accorato con i suoi dipendenti, ma di fronte al fallimento economico, ai debiti, all’incapacità di pagare i dipendenti, sprofonda nella disperazione. E’ durissima dire “non ce l’ho fatta”.

D) Anche perché, oltre all’imprenditore sono centinaia le famiglie che perdono il lavoro…

R) E’ un’umiliazione, una sconfitta cocente. Come si fa a tornare a casa dicendo “mi hanno licenziato, da adesso in poi abbiamo il problema di come sopravvivere”? Se una volta quello del lavoro era un dramma di classe, ora è tutto interiore, la disperazione mangia l’anima. Non c’è dubbio che ci siamo fatti travolgere dal consumismo sfrenato. Quando ero giovane, parliamo del secondo dopoguerra, mio papà non cambiava il telefono tutte le settimane, lo zainetto, le scarpe erano sempre quelle. E poi, un tempo c’era più amicizia e fratellanza di quella che c’è oggi, mentre ognuno pensa a sé e a remare sulla propria zattera. Siamo di fronte a un delirio imbecille, che ci ha portato ad essere vittime sacrificali di una macchina stritolante: il desiderio sfrenato non sempre può essere appagato, ma chi non può farlo soffre.

D) Ci spiega la scelta dell’azienda di fotovoltaico per il film?

R) Quello dell’ambiente è uno dei problemi cruciali del nostro mondo. Dobbiamo convertire le nostre economie se vogliamo avere un futuro. A furia di tirare fuori il petrolio dal sottosuolo, prima o poi esce uno gnomo tutto bruciato che dice “adesso basta”! Il Padre Eterno sarà ben stufo di noi e di girare con la mascherina perché non lo facciamo respirare, non crede?

D) Lei vive a Roma. Come si sta, quanto a inquinamento?

R) La Capitale è una città con due capitali. Sembra un paradosso, ma è così: ci sono i turisti e i pellegrini e quelli che si incazzano e vengono a fare le manifestazioni. C’è la città che vive la sua dimensione urbana e c’è tutto l’apparato dello Stato, qualche volta mandato agli Inferi, qualche volta sugli altari. A questo proposito, mi auguro che Monti e i suoi ministri vadano a vedere il mio film, come piccola testimonianza di quel che è il Paese reale. Roma sta tornando a essere una metropoli alterata dalla malavita, soprattutto nei quartieri periferici incomincia a sentirsi puzza di violenza dovuta alla crisi. L’altro giorno ho visto per strada un signore con il vestito di un sarto e un cappello Borsalino in testa, che chiedeva l’elemosina. Non le sembrano segnali?

D) Se fosse Ministro della Repubblica per un giorno, che cosa farebbe per andare incontro a queste situazioni di crescente disagio?

R) Vorrei essere Ministro dell’Infanzia, per pregare tutte le mamme di non portare i loro figlioletti in giro, nel traffico. Nessuno dice mai che le carrozzine sono giusto all’altezza dei tubi di scappamento. I piccoli non hanno ancora possibilità di scelta, per la loro salute non si può sottoporli a ciò.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende