Home » Rubriche »Very Important Planet » “L’Industriale”: la disperazione di un imprenditore del fotovoltaico nel film di Montaldo:

“L’Industriale”: la disperazione di un imprenditore del fotovoltaico nel film di Montaldo

gennaio 20, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Il vecchio leone del cinema italiano crede ancora nella denuncia. Giuliano Montaldo, 82 anni tra meno di un mese e la lucidità di sempre, è ancora capace di affondare il termometro nella società, nel cuore del Paese. Instancabile, il regista genovese è nelle sale con il nuovo film, L’industriale. Pellicola che coglie in pieno le difficoltà del nostro tempo e della crisi: è il declino di un imprenditore di mezzetà, in grossi guai finanziari, che non riesce più a mandare avanti la sua azienda di pannelli fotovoltaici.

D) Maestro, quando ha pensato a questo film sui disastri umani della crisi?

R) Verso la fine del 2010 chiunque di noi si rendeva conto, attraversando certe zone d’Italia, che eravamo di fronte a una bolla che stava per scoppiare violentemente, con un portato di conseguenze sociali e private. Fabbriche occupate, dismesse, piazzali vuoti di grandi industrie metalmeccaniche davano infinita tristezza. Certo, non avremmo mai immaginato di assistere a un tale, spaventoso tsunami, tutti noi siamo rimasti folgorati.

D) Crede che questo momento di difficoltà del Paese sia peggiore di quelli vissuti in passato?

R) Nella mia lunga vita ho assistito a crisi economiche diverse. Parlo di quando ancora c’era la lira, i governi facevano qualche ritocco al carburante, al costo dei pedaggi e delle sigarette, e nulla più. Ora, con l’Europa e l’euro, gli stati si danno furbescamente la colpa del disastro l’un l’altro. Quella sederona della Merkel a quel dinoccolato di Sarkozy, alla Grecia o a noi, ad esempio. E intanto il cerino brucia le vite e brucia il Paese.

D) Vedere e denunciare la crisi è il primo passo. Ma poi, che fare?

R) Dobbiamo ritornare a essere molto miti. Nessuno può dirsi al salvo dal gorgo. Da qui prende l’avvio la storia del mio film. Da un uomo che eredita l’azienda da un padre lavoratore, diventa un leader proclamato dai compagni di lavoro, ha un rapporto accorato con i suoi dipendenti, ma di fronte al fallimento economico, ai debiti, all’incapacità di pagare i dipendenti, sprofonda nella disperazione. E’ durissima dire “non ce l’ho fatta”.

D) Anche perché, oltre all’imprenditore sono centinaia le famiglie che perdono il lavoro…

R) E’ un’umiliazione, una sconfitta cocente. Come si fa a tornare a casa dicendo “mi hanno licenziato, da adesso in poi abbiamo il problema di come sopravvivere”? Se una volta quello del lavoro era un dramma di classe, ora è tutto interiore, la disperazione mangia l’anima. Non c’è dubbio che ci siamo fatti travolgere dal consumismo sfrenato. Quando ero giovane, parliamo del secondo dopoguerra, mio papà non cambiava il telefono tutte le settimane, lo zainetto, le scarpe erano sempre quelle. E poi, un tempo c’era più amicizia e fratellanza di quella che c’è oggi, mentre ognuno pensa a sé e a remare sulla propria zattera. Siamo di fronte a un delirio imbecille, che ci ha portato ad essere vittime sacrificali di una macchina stritolante: il desiderio sfrenato non sempre può essere appagato, ma chi non può farlo soffre.

D) Ci spiega la scelta dell’azienda di fotovoltaico per il film?

R) Quello dell’ambiente è uno dei problemi cruciali del nostro mondo. Dobbiamo convertire le nostre economie se vogliamo avere un futuro. A furia di tirare fuori il petrolio dal sottosuolo, prima o poi esce uno gnomo tutto bruciato che dice “adesso basta”! Il Padre Eterno sarà ben stufo di noi e di girare con la mascherina perché non lo facciamo respirare, non crede?

D) Lei vive a Roma. Come si sta, quanto a inquinamento?

R) La Capitale è una città con due capitali. Sembra un paradosso, ma è così: ci sono i turisti e i pellegrini e quelli che si incazzano e vengono a fare le manifestazioni. C’è la città che vive la sua dimensione urbana e c’è tutto l’apparato dello Stato, qualche volta mandato agli Inferi, qualche volta sugli altari. A questo proposito, mi auguro che Monti e i suoi ministri vadano a vedere il mio film, come piccola testimonianza di quel che è il Paese reale. Roma sta tornando a essere una metropoli alterata dalla malavita, soprattutto nei quartieri periferici incomincia a sentirsi puzza di violenza dovuta alla crisi. L’altro giorno ho visto per strada un signore con il vestito di un sarto e un cappello Borsalino in testa, che chiedeva l’elemosina. Non le sembrano segnali?

D) Se fosse Ministro della Repubblica per un giorno, che cosa farebbe per andare incontro a queste situazioni di crescente disagio?

R) Vorrei essere Ministro dell’Infanzia, per pregare tutte le mamme di non portare i loro figlioletti in giro, nel traffico. Nessuno dice mai che le carrozzine sono giusto all’altezza dei tubi di scappamento. I piccoli non hanno ancora possibilità di scelta, per la loro salute non si può sottoporli a ciò.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende