Home » Rubriche »Very Important Planet » Lisa Casali: la regina dell’ecocucina parte con “Orto e mezzo”:

Lisa Casali: la regina dell’ecocucina parte con “Orto e mezzo”

ottobre 25, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Cucinare in modo sano ma soprattutto sostenibile e senza sprechi. È  l’obiettivo di Lisa Casali, blogger, autrice di libri e conduttrice televisiva nota per le sue sperimentazioni culinarie a basso impatto ambientale, fra cui la cucina con la lavastoviglie. Dal 18 ottobre ci porta in un viaggio alla scoperta degli orti più interessanti d’Italia con Orto e mezzo, la nuova trasmissione di LaEffe, la tv di Feltrinelli (canale 50 del digitale terrestre), con 12 puntate in prima serata.

D) Lisa, come è nata l’idea della trasmissione?

R) L’idea è di Filippo Perfido e di Michele Comi, due professionisti delle produzioni TV ma prima di tutto due appassionati di orto e stili di vita sostenibili. L’idea è nata osservando il potere di aggregazione e il coinvolgimento che hanno gli orti, superando barriere sociali, di età e nazionalità. Raccontare queste storie e diffondere la passione per l’autoproduzione è la mission del programma.

D) Quali sono i temi affrontati?

R) Si vedranno soprattutto orti del nord e centro Italia: Roma, Bologna, Milano, Venezia, Torino, Rimini e altre città. In queste 12 puntate l’orto viene presentato come ribellione, come stile di vita alternativo, come momento meditativo e di avvicinamento tra generazioni. Ci saranno orti straordinari come quello della Giudecca, quello appena nato dei monaci Hare Krishna, l’etnico delle suore di un convento di Roma, ma anche orti di semplici appassionati che hanno trasformato il proprio giardino o balcone in un orto produttivo, come quelli degli utenti di Grow the Planet.

D) Com’è nato il tuo interesse per la sostenibilità?

R) È frutto di una grande passione per la scienza, il mondo animale e vegetale. Mi occupo di ambiente da quasi 18 anni, prima per studio poi per lavoro. Di giorno mi occupo di rischi ambientali al Pool Inquinamento, di notte e nel tempo libero faccio esperimenti in cucina per uno stile di vita più sostenibile.

D) Qual è invece il tuo legame con la cucina?

R) La coltivo da sempre come hobby, ma negli ultimi anni è diventata il mio secondo lavoro, prima di tutto perché adoro cucinare. Non riesco a rinunciare nemmeno in cucina ad un approccio scientifico e di sperimentazione: è praticamente impossibile che ripeta due volte la stessa ricetta senza cambiare qualcosa. Motivo per cui non credo lavorerò mai in un ristorante!

D) Come hai scoperto che si può cucinare con la lavastoviglie?

R) Per caso, grazie a un’amica spagnola che mi ha raccontato di avere letto in rete di alcuni esperimenti di cottura in lavastoviglie. Da quel momento mi si è accesa una lampadina e non ho più smesso di sperimentare fino a quando sono riuscita a mettere a punto una tecnica replicabile, senza rischi e con tanti benefici, anche ambientali.

D) La cosa più difficile che hai dovuto affrontare in questi anni di sperimentazione…

R) Le difficoltà nella sperimentazione non mi fanno paura, ma sicuramente gran parte della mia filosofia e le mie ricette si scontrano con pregiudizi molto diffusi. La cosa più difficile è convincere le persone a superare questi preconcetti.

D) Esiste un alimento che definiresti “il più sostenibile”? E quello più pericoloso?

R) Il più sostenibile è la frutta, purché di produzione locale, meglio se a filiera corta. Il più impattante per l’ambiente è la carne rossa, soprattutto se proviene dall’altra parte dell’Oceano e da allevamento intensivo. Un’attenuante è costituita dalla produzione locale e biologica.

D) A novembre esce il tuo terzo libro…

R) Si chiama Autoproduzione in cucina di Gribaudo Editore. Si tratta di un super manuale per l’autoproduzione domestica. Si parla anche di orto, ma il cuore del libro sono 100 prodotti che solitamente acquistiamo ma che possiamo produrre a casa nostra per mangiare in modo più sano, sostenibile e per risparmiare.

D) L’Italia è il Bel Paese anche per la cucina, ma per le questioni ambientali cosa ne pensi?

R) C’è moltissima strada da fare, sia per aumentare la sensibilità ambientale delle persone sia a livello politico per orientare agricoltura, allevamento e sviluppo industriale verso un minore impatto ambientale.

D) Tu curi un blog tuo, hai collaborazioni con quotidiani, televisioni, associazioni. Qual è stata l’evoluzione dell’interesse del pubblico da quando hai iniziato fino a oggi?

R) È cresciuto molto in questi anni, dalla nascita del mio blog Ecocucina.org. Avere collaborazioni tanto diverse tra loro – il programma su Gambero Rosso, la rubrica su Uno Mattina in famiglia, i libri, One planet food, gli spazi su riviste – mi ha permesso di raggiungere un pubblico molto diversificato. L’interesse è sicuramente in crescita, complice anche la grande attualità del problema degli sprechi alimentari.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

gennaio 12, 2017

Artico, Inuit e cambiamenti climatici. Una mostra fotografica a Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà. Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 [...]

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

gennaio 11, 2017

Energia 100% pulita per le società pubbliche del servizio idrico lombardo

Dal 1° gennaio 2017 le aziende pubbliche del servizio idrico lombardo, che nei mesi scorsi avevano emesso una gara congiunta per la fornitura di energia elettrica, si riforniscono solo più con energia prodotta da fonti rinnovabili. L’opzione “verde”, che impegna il fornitore a consegnare energia al 100% ottenuta da fonti rinnovabili certificate, consentirà di evitare l’immissione [...]

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

gennaio 10, 2017

Dallas, la città dei petrolieri progetta un futuro “green”

“Big things happen here” è il motto con cui la città americana di Dallas punta ad attrarre i turisti internazionali, compresi gli Italiani, ai quali è stato riservato anche l’hashtag #DallasValeUnViaggio. E in questo caso la grandezza degli investimenti in campo tiene sicuramente fede al claim: si parla infatti di progetti mirati ad una rivitalizzazione della [...]

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

gennaio 10, 2017

Noxamet: una campagna di equity crowdfunding per abbattere i pesticidi

E’partita il 9 gennaio la campagna nazionale “Fitofarmaci? No grazie” sul portale di equity crowdfunding WeAreStarting, promossa dalla PMI Innovativa Noxamet, spin-off  nata dalla collaborazione tra i team di ricerca delle Università degli Studi di Pavia e di Siena sul progetto “Biotechnology” promosso dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). I due team universitari, il primo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende