Home » Rubriche »Very Important Planet » Lisa Casali: la regina dell’ecocucina parte con “Orto e mezzo”:

Lisa Casali: la regina dell’ecocucina parte con “Orto e mezzo”

ottobre 25, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Cucinare in modo sano ma soprattutto sostenibile e senza sprechi. È  l’obiettivo di Lisa Casali, blogger, autrice di libri e conduttrice televisiva nota per le sue sperimentazioni culinarie a basso impatto ambientale, fra cui la cucina con la lavastoviglie. Dal 18 ottobre ci porta in un viaggio alla scoperta degli orti più interessanti d’Italia con Orto e mezzo, la nuova trasmissione di LaEffe, la tv di Feltrinelli (canale 50 del digitale terrestre), con 12 puntate in prima serata.

D) Lisa, come è nata l’idea della trasmissione?

R) L’idea è di Filippo Perfido e di Michele Comi, due professionisti delle produzioni TV ma prima di tutto due appassionati di orto e stili di vita sostenibili. L’idea è nata osservando il potere di aggregazione e il coinvolgimento che hanno gli orti, superando barriere sociali, di età e nazionalità. Raccontare queste storie e diffondere la passione per l’autoproduzione è la mission del programma.

D) Quali sono i temi affrontati?

R) Si vedranno soprattutto orti del nord e centro Italia: Roma, Bologna, Milano, Venezia, Torino, Rimini e altre città. In queste 12 puntate l’orto viene presentato come ribellione, come stile di vita alternativo, come momento meditativo e di avvicinamento tra generazioni. Ci saranno orti straordinari come quello della Giudecca, quello appena nato dei monaci Hare Krishna, l’etnico delle suore di un convento di Roma, ma anche orti di semplici appassionati che hanno trasformato il proprio giardino o balcone in un orto produttivo, come quelli degli utenti di Grow the Planet.

D) Com’è nato il tuo interesse per la sostenibilità?

R) È frutto di una grande passione per la scienza, il mondo animale e vegetale. Mi occupo di ambiente da quasi 18 anni, prima per studio poi per lavoro. Di giorno mi occupo di rischi ambientali al Pool Inquinamento, di notte e nel tempo libero faccio esperimenti in cucina per uno stile di vita più sostenibile.

D) Qual è invece il tuo legame con la cucina?

R) La coltivo da sempre come hobby, ma negli ultimi anni è diventata il mio secondo lavoro, prima di tutto perché adoro cucinare. Non riesco a rinunciare nemmeno in cucina ad un approccio scientifico e di sperimentazione: è praticamente impossibile che ripeta due volte la stessa ricetta senza cambiare qualcosa. Motivo per cui non credo lavorerò mai in un ristorante!

D) Come hai scoperto che si può cucinare con la lavastoviglie?

R) Per caso, grazie a un’amica spagnola che mi ha raccontato di avere letto in rete di alcuni esperimenti di cottura in lavastoviglie. Da quel momento mi si è accesa una lampadina e non ho più smesso di sperimentare fino a quando sono riuscita a mettere a punto una tecnica replicabile, senza rischi e con tanti benefici, anche ambientali.

D) La cosa più difficile che hai dovuto affrontare in questi anni di sperimentazione…

R) Le difficoltà nella sperimentazione non mi fanno paura, ma sicuramente gran parte della mia filosofia e le mie ricette si scontrano con pregiudizi molto diffusi. La cosa più difficile è convincere le persone a superare questi preconcetti.

D) Esiste un alimento che definiresti “il più sostenibile”? E quello più pericoloso?

R) Il più sostenibile è la frutta, purché di produzione locale, meglio se a filiera corta. Il più impattante per l’ambiente è la carne rossa, soprattutto se proviene dall’altra parte dell’Oceano e da allevamento intensivo. Un’attenuante è costituita dalla produzione locale e biologica.

D) A novembre esce il tuo terzo libro…

R) Si chiama Autoproduzione in cucina di Gribaudo Editore. Si tratta di un super manuale per l’autoproduzione domestica. Si parla anche di orto, ma il cuore del libro sono 100 prodotti che solitamente acquistiamo ma che possiamo produrre a casa nostra per mangiare in modo più sano, sostenibile e per risparmiare.

D) L’Italia è il Bel Paese anche per la cucina, ma per le questioni ambientali cosa ne pensi?

R) C’è moltissima strada da fare, sia per aumentare la sensibilità ambientale delle persone sia a livello politico per orientare agricoltura, allevamento e sviluppo industriale verso un minore impatto ambientale.

D) Tu curi un blog tuo, hai collaborazioni con quotidiani, televisioni, associazioni. Qual è stata l’evoluzione dell’interesse del pubblico da quando hai iniziato fino a oggi?

R) È cresciuto molto in questi anni, dalla nascita del mio blog Ecocucina.org. Avere collaborazioni tanto diverse tra loro – il programma su Gambero Rosso, la rubrica su Uno Mattina in famiglia, i libri, One planet food, gli spazi su riviste – mi ha permesso di raggiungere un pubblico molto diversificato. L’interesse è sicuramente in crescita, complice anche la grande attualità del problema degli sprechi alimentari.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende