Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’Italia a rischio multa per la Xylella. Spunta il fantasma del “blocco alle esportazioni”:

L’Italia a rischio multa per la Xylella. Spunta il fantasma del “blocco alle esportazioni”

dicembre 28, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

La Xylella fastidiosa torna a occupare l’agenda europea. Parlamento, Commissione e Consiglio UE hanno, infatti, raggiunto un accordo sulle nuove misure, per combattere parassiti delle piante come la Xylella, mirate soprattutto alla prevenzione. “Prevenire è meglio che curare” ha commentato il Commissario europeo alla Salute, Vytenis Andriukaitis, secondo cui questo principio “è più che mai valido a seguito delle gravi minacce per le piante, come la Xylella, che stiamo affrontando nell’Unione Europea”.

Le norme includono monitoraggi, notifica e eradicazione dei parassiti, piani di emergenza, campagne di sensibilizzazione, ‘passaporti’ delle piante e puntano sulla capacità di allerta degli Stati membri e sul loro coordinamento.

In concomitanza con queste decisioni si è riunito a Bruxelles il Comitato Fitosanitario proprio per fare il punto sulla Xylella. All’incontro sono stati esposti i risultati preliminari della missione dell’Ufficio Veterinario e Alimentare Europeo (Fvo) dello scorso novembre in Puglia, da cui è emerso quanto già attuato del piano previsto dall’Italia, ma anche le carenze, che hanno portato la Commissione Europea ad inviare la lettera di messa in mora, prima fase della procedura d’infrazione. Sul piano dei controlli, le autorità italiane hanno riferito di aver condotto 12mila analisi sull’intero territorio nazionale nel 2015, ad esclusione della Puglia, confermando l’assenza della ‘Xylella fastidiosa’ nel resto del Paese, in particolare in Basilicata, Campania e Sicilia.

Per quanto riguarda, invece, la procedura d’infrazione, il provvedimento europeo è la conseguenza del mancato rispetto degli obblighi previsti dal piano di eradicazione del batterio, in particolare per il ritardo accumulato nell’attuazione delle misure contenute. In particolare, secondo il rapporto dell’Fvo, risultano “carenze significative” nella lotta contro la diffusione della Xylella.

Queste riguardano, da una parte i test per l’individuazione di piante colpite dal batterio in altre aree della zona infetta (la provincia di Lecce) e nella zona di sorveglianza confinante (la fascia di Nord Ovest entro il confine della provincia di Lecce e i nuovi focolai in provincia di Brindisi); e dall’altra il mancato espianto degli alberi infetti e delle potenziali piante “ospiti” in un raggio di 100 metri attorno a questi, nella zona di sorveglianza. Il documento ufficiale è stato inviato alle autorità italiane pochi giorni fa. L a parola, ora, spetta al governo italiano, che entro 60 giorni dovrà presentare alla Commissione Europea le proprie controdeduzioni; in caso quest’ultime non dovessero essere considerate valide, entrerà in gioco la Corte di Giustizia, la quale potrà sanzionare l’Italia con una multa, ma anche con il blocco delle esportazioni per tutto il settore vivaistico nazionale.

Inoltre, durante la riunione i francesi hanno riferito i risultati, finora negativi, delle indagini per stabilire la provenienza della Xylella (di un ceppo diverso rispetto a quello salentino) ritrovata su alcune piante di Polygala Myrtifolia importate in Corsica e nella regione Provenza-Costa Azzurra. Le indagini, che hanno coinvolto diversi vivai (anche in Sicilia), continuano.

Sulla base di questi dati la Commissione europea ha quindi presentato le linee guida per i piani nazionali di monitoraggio e prevenzione che gli Stati membri dovranno presentare per il 2016.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende