Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » L’Italia vista da lassù: su Greenews.info il viaggio in parapendio di Francesco Tognola:

L’Italia vista da lassù: su Greenews.info il viaggio in parapendio di Francesco Tognola

aprile 11, 2013 Impressioni di viaggio, Rubriche

Per la rubrica Impressioni di viaggio, pubblichiamo il primo intervento del nostro nuovo contributor Francesco Tognola, 26 anni, partito sabato scorso da San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani, per un giro d’Italia decisamente inconsueto. Dopo aver vissuto a Milano e aver fatto molti lavori diversi – dal liutaio all’assistente in un centro di immersioni – pochi mesi fa Francesco è tornato in Sicilia per realizzare il suo sogno di un viaggio lungo la penisola a piedi, in parapendio o facendo l’autostop. Greenews.info racconterà, ogni settimana, le sue avventure.

Apro gli occhi, il mattino si è svegliato, sono le sei. Muovo il corpo e sento ancora gli arti deboli, prendo fiato, respiro profondamente e mi scrollo le coperte di dosso. La sveglia è puntata tra due ore, la blocco, ma non subito, prima rifletto se pisciare e tornare a dormire ancora un po’ oppure dare inizio alla mia nuova giornata, ma già che ci siamo, decido: “Iniziamo pure”. Vado avanti con i giorni, e mi vedo già, quando i bisogni fisiologici verranno a bussare in una mattina fredda e piovosa, uscire dalla tenda per cercare un posto nascosto e riparato. O ancora tenere con una mano la borraccia, e con l’altra lo spazzolino da denti piegato in avanti, sottovento, per evitare di sputarmi sulle scarpe, magari impegnato sotto un riparo fatiscente, aspettando che smetta di piovere per ripiegare l’attrezzatura e mettermi in cammino. Una grande paura, tra le altre, è di non riuscire a raggiungere il posto prefissato prima del tramonto, il campo è preferibile farlo prima del buio, e possibilmente vicino a dove ci si procura del cibo.

Ora mi godo questi ultimissimi giorni di comodità prima di lanciarmi nel dubbio, nell’insicurezza e nella casualità, ma pur sempre con l’indubbia certezza di volerlo fare. Resistere sarà la sfida, semplicemente trasformare quella vocina che dice “basta” “basta” “basta” in “ancora” “ancora” “ancora”… e sempre avanti, diritto verso quell’orizzonte di cui ancora nulla so!

Ho deciso di lasciare San Vito Lo Capo, un paradiso da cui sembra difficile voler andare via, per scoprire cosa significa camminare a piedi e conoscere i suoni, gli odori e le temperature della natura intorno. Voglio volare in parapendio, col quale riesco a soddisfare il mio sogno di bambino di volare. Da sempre il mio più grande sogno è stato quello di fare il pilota di aerei, ma oggi, con i miei 26 anni, ho cercato di trovare una soluzione più economica, da potere concretizzare nell’immediato: così ho scelto le ali del parapendio, da indossare senza troppo peso sulle spalle e senza necessità di doverle rifornire di benzina.

Dove andrò? Non lo so ancora di preciso: attraverserò tutta l’Italia, ma le tappe non le conosco con esattezza, perché voglio lasciarmi condurre dal vento, dalla natura e dalle persone che incontrerò.

Il primo tratto lo faccio in auto, con il mio amico Rosolino che mi offre un passaggio fino a Piana degli Albanesi, in provincia di Palermo, vicino a San Giuseppe Jato. In auto nasce dentro di me una tensione intensa: parliamo anche di altro, ma la mia mente e il battito del mio cuore sono puntati sul viaggio. Penso subito a qualcosa che possa proteggermi da questa ansia e chiedo a Rosolino di fermarsi ad un bancomat. Assurdo ma vero, in quel momento decido che l’unica cosa che possa placare la mia ansia è prelevare 50,00 € che al tempo stesso è anche l’unica cosa che non mi serve affatto per affrontare il tempo che verrà (cosa me ne faccio di soldi se poi devo dormire sotto una tenda?).

Intorno a me ammiro il paesaggio che si presenta come una coperta di erba appoggiata alle curve della strada. Nel frattempo Rosolino mi chiede più volte e con insistenza se voglio tornare indietro, se magari non sono stato troppo frettoloso a decidere di voler vivere questa nuova avventura. Capisco che lui è ancora più in tensione di me e si preoccupa, così gli dico di fermare l’auto e farmi scendere. Lo saluto velocemente e senza voltarmi, inizio il mio cammino. Se sono qui, penso, è perché c’è un motivo.

Nell’aria c’è odore di pioggia in arrivo, il sole è nascosto dietro una tendina di nuvole, sembra quasi che anche lui voglia persuadermi a non andare. Ma io vado lo stesso, cammino, e mi fermo a sistemare la tenda. E’ sera e arriva un temporale: quanti suoni nuovi da imparare a conoscere! Aspetto che smetta di piovere, ma la pioggia per un po’ sembra incessante. Quanto tempo per pensare, per ascoltare, per riflettere…

Il giorno successivo riprendo il mio cammino. Alla Scala dei Turchi, costa meridionale, pochi chilometri da Agrigento, conosco tre ragazzi simpatici, dinamici e disponibili e trascorro con loro due giorni, in cui scopro cosa vuol dire pescare e cucinare il pescato alla griglia, immediatamente. Imparo a conoscere piante nuove, venti nuovi, vedo tramonti con scenari diversi e condivido il sapere e le esperienze di altri, sino ad appassionarmi alle loro storie. Cecco, per esempio, è straordinario: mi apre le porte del faro sul promontorio di cui fa il guardiano e mi fa sistemare la tenda lì. Conosce benissimo tutte le caratteristiche e le proprietà curative delle piante della macchia mediterranea (un sapere che gli ha tramandato il suo bisnonno) e tra le altre “mi presenta” l’artemisia o assenzio, che ha un effetto calmante. Decido di portarne una con me, chissà che non mi serva! Cecco mi regala una torcia e un caricabatterie che, sicuramente mi torneranno utili per il mio viaggio. E dopo aver condiviso albe, tramonti, pesce, qualche birra, sorrisi, esperienze di vite diverse, aspettative e qualche sogno, riparto. Porto con me una conchiglia che attacco allo zaino, simbolo da sempre del pellegrino, e non solo: un grande talismano, dentro la quale vengono registrate le storie del mondo. Zaino in spalla, Francesco: è ora di andare a Est e raggiungere Palma di Montechiaro.

Francesco Tognola

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende