Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata:

Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata

novembre 27, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Continua la pubblicazione in esclusiva, su Greenews.info, dei racconti vincitori del Premio letterario su tema naturalistico “Michele Lessona”. Il racconto di oggi, “Mareggiata”, di Anna Giulia Presti, si è classificato al primo posto nella Sezione “Ragazzi”.

Il cielo è plumbeo, carico di pioggia. Presto ci sarà un acquazzone. Una figura con un k-way grigio si allontana. Sarà qualcun altro venuto a vedere gli effetti della tempesta di ieri sera. Sono sola. Si sente solo il rumore dell’infrangersi delle onde sulla riva e il soffio del vento di levante sul mio viso. Il tempo sembra essersi fermato. Il molo di legno è ancora deserto. Presto si riempirà di turisti e pescatori alla ricerca di qualche gattuccio. La spiaggia, stranamente vuota, è costellata dalle impronte dei gabbiani e dei piccioni, gli stessi gabbiani che ora stridono sopra di me, volando in un vorticare di arancio, grigio e bianco, presi dall’ansia di procurarsi del cibo. Lungo il bagnasciuga si vede una lunga striscia scura di Poseidonie. Deve averle portate qui l’alta marea mattutina. In mezzo a questi fili mollicci si possono scorgere ancora gli esoscheletri dei ricci di mare, segno della quantità di ecosistemi che queste piante devono aver ospitato al loro interno. Sono così belli: trovarli dà un tocco di colore a questa mattinata grigia e silenziosa. Sorrido al pensiero di mia madre, convinta che le Poseidonie siano alghe. Qualcuno dovrebbe spiegarle che in realtà sono piante acquatiche. All’improvviso il mio piede urta qualcosa di solido. Mi tranquillizzo vedendo che si tratta solo di una di quelle palle marroni di fibre chiamate egagropili. Assorta nei miei pensieri, mi avvio lungo la striscia sabbiosa portante ancora i segni di questo immane disastro.

Mi è sempre piaciuto osservare il mare in seguito a una mareggiata. Secondo me rappresenta al contempo la maestosità e la forza della natura. Quella di ieri è stata bellissima. Le onde arrivavano a ricoprire l’intero molo, lo stesso dove ora una gattina grigia è assopita in mezzo a mucchi di cordame inumiditi dalla salsedine. Probabilmente aspetta che uno dei soliti pescatori passi di lì e le lasci un bocconcino di pesce. Osservo più in là la scogliera e ascolto gli strani suoni che l’acqua produce infilandosi in quel complesso di grotte naturali. Intorno galleggiano ancora pezzi di vari celenterati e sulle rocce sono visibili i frammenti delle cozze e delle patelle. La furia delle onde deve aver fatto grandi danni, giù allo spartiacque.

A riva addirittura trovo parti di stelle marine, spappolate dalla tempesta. Le ributto in mare: questi echinodermi sono famosi per la loro straordinaria capacità di ricostruire i bracci perduti. Ah! Ecco un sopravvissuto. Un piccolo esemplare di Anadora demiri si affanna ad aspirare l’umidità di cui sono impregnati i filamenti scuri della Poseidonia. Mi affretto a lanciarla in mare. Nonostante essa non sia una specie originaria del Mediterraneo, la sua infiltrazione in questo ecosistema non ha creato danni, per cui non vedo il motivo per il quale dovrei lasciarla morire. In fondo anche lei è un essere vivente, esattamente come me. Continuando a camminare trovo molte conchiglie delle mie specie preferite: coperti da un po’ di sabbia trasportata dalla risacca ci sono i “cuori” (Acanthocardia tubercolata), sempre allegri con le loro smaglianti striature rosso-arancione, mentre fra i resti semi-galleggianti  di varie erbe marine ondeggiano, troppo leggere per resistere alle correnti, delle conchiglie delle sottili “Mactra scultorum”,dalle mille dolcissime sfumature.

Arriva il primo pescatore. Deve essere molto coraggioso per tornare a pescare dopo un simile scempio. Cerco di immaginare come deve essere la tempesta dal punto di vista di qualche innocuo bivalve: la vedrei come un avvenimento di entità mostruosa, un’apocalisse in miniatura. Arriva un altro pescatore, e un altro ancora. Il tempo sembra aver ripreso a scorrere, mentre una bimba di cinque anni è intenta a guardare il mare, chiedendosi quando potrà rivedere uno spettacolo del genere.

Anna Giulia Presti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende