Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata:

Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata

novembre 27, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Continua la pubblicazione in esclusiva, su Greenews.info, dei racconti vincitori del Premio letterario su tema naturalistico “Michele Lessona”. Il racconto di oggi, “Mareggiata”, di Anna Giulia Presti, si è classificato al primo posto nella Sezione “Ragazzi”.

Il cielo è plumbeo, carico di pioggia. Presto ci sarà un acquazzone. Una figura con un k-way grigio si allontana. Sarà qualcun altro venuto a vedere gli effetti della tempesta di ieri sera. Sono sola. Si sente solo il rumore dell’infrangersi delle onde sulla riva e il soffio del vento di levante sul mio viso. Il tempo sembra essersi fermato. Il molo di legno è ancora deserto. Presto si riempirà di turisti e pescatori alla ricerca di qualche gattuccio. La spiaggia, stranamente vuota, è costellata dalle impronte dei gabbiani e dei piccioni, gli stessi gabbiani che ora stridono sopra di me, volando in un vorticare di arancio, grigio e bianco, presi dall’ansia di procurarsi del cibo. Lungo il bagnasciuga si vede una lunga striscia scura di Poseidonie. Deve averle portate qui l’alta marea mattutina. In mezzo a questi fili mollicci si possono scorgere ancora gli esoscheletri dei ricci di mare, segno della quantità di ecosistemi che queste piante devono aver ospitato al loro interno. Sono così belli: trovarli dà un tocco di colore a questa mattinata grigia e silenziosa. Sorrido al pensiero di mia madre, convinta che le Poseidonie siano alghe. Qualcuno dovrebbe spiegarle che in realtà sono piante acquatiche. All’improvviso il mio piede urta qualcosa di solido. Mi tranquillizzo vedendo che si tratta solo di una di quelle palle marroni di fibre chiamate egagropili. Assorta nei miei pensieri, mi avvio lungo la striscia sabbiosa portante ancora i segni di questo immane disastro.

Mi è sempre piaciuto osservare il mare in seguito a una mareggiata. Secondo me rappresenta al contempo la maestosità e la forza della natura. Quella di ieri è stata bellissima. Le onde arrivavano a ricoprire l’intero molo, lo stesso dove ora una gattina grigia è assopita in mezzo a mucchi di cordame inumiditi dalla salsedine. Probabilmente aspetta che uno dei soliti pescatori passi di lì e le lasci un bocconcino di pesce. Osservo più in là la scogliera e ascolto gli strani suoni che l’acqua produce infilandosi in quel complesso di grotte naturali. Intorno galleggiano ancora pezzi di vari celenterati e sulle rocce sono visibili i frammenti delle cozze e delle patelle. La furia delle onde deve aver fatto grandi danni, giù allo spartiacque.

A riva addirittura trovo parti di stelle marine, spappolate dalla tempesta. Le ributto in mare: questi echinodermi sono famosi per la loro straordinaria capacità di ricostruire i bracci perduti. Ah! Ecco un sopravvissuto. Un piccolo esemplare di Anadora demiri si affanna ad aspirare l’umidità di cui sono impregnati i filamenti scuri della Poseidonia. Mi affretto a lanciarla in mare. Nonostante essa non sia una specie originaria del Mediterraneo, la sua infiltrazione in questo ecosistema non ha creato danni, per cui non vedo il motivo per il quale dovrei lasciarla morire. In fondo anche lei è un essere vivente, esattamente come me. Continuando a camminare trovo molte conchiglie delle mie specie preferite: coperti da un po’ di sabbia trasportata dalla risacca ci sono i “cuori” (Acanthocardia tubercolata), sempre allegri con le loro smaglianti striature rosso-arancione, mentre fra i resti semi-galleggianti  di varie erbe marine ondeggiano, troppo leggere per resistere alle correnti, delle conchiglie delle sottili “Mactra scultorum”,dalle mille dolcissime sfumature.

Arriva il primo pescatore. Deve essere molto coraggioso per tornare a pescare dopo un simile scempio. Cerco di immaginare come deve essere la tempesta dal punto di vista di qualche innocuo bivalve: la vedrei come un avvenimento di entità mostruosa, un’apocalisse in miniatura. Arriva un altro pescatore, e un altro ancora. Il tempo sembra aver ripreso a scorrere, mentre una bimba di cinque anni è intenta a guardare il mare, chiedendosi quando potrà rivedere uno spettacolo del genere.

Anna Giulia Presti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende