Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata:

Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata

novembre 27, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Continua la pubblicazione in esclusiva, su Greenews.info, dei racconti vincitori del Premio letterario su tema naturalistico “Michele Lessona”. Il racconto di oggi, “Mareggiata”, di Anna Giulia Presti, si è classificato al primo posto nella Sezione “Ragazzi”.

Il cielo è plumbeo, carico di pioggia. Presto ci sarà un acquazzone. Una figura con un k-way grigio si allontana. Sarà qualcun altro venuto a vedere gli effetti della tempesta di ieri sera. Sono sola. Si sente solo il rumore dell’infrangersi delle onde sulla riva e il soffio del vento di levante sul mio viso. Il tempo sembra essersi fermato. Il molo di legno è ancora deserto. Presto si riempirà di turisti e pescatori alla ricerca di qualche gattuccio. La spiaggia, stranamente vuota, è costellata dalle impronte dei gabbiani e dei piccioni, gli stessi gabbiani che ora stridono sopra di me, volando in un vorticare di arancio, grigio e bianco, presi dall’ansia di procurarsi del cibo. Lungo il bagnasciuga si vede una lunga striscia scura di Poseidonie. Deve averle portate qui l’alta marea mattutina. In mezzo a questi fili mollicci si possono scorgere ancora gli esoscheletri dei ricci di mare, segno della quantità di ecosistemi che queste piante devono aver ospitato al loro interno. Sono così belli: trovarli dà un tocco di colore a questa mattinata grigia e silenziosa. Sorrido al pensiero di mia madre, convinta che le Poseidonie siano alghe. Qualcuno dovrebbe spiegarle che in realtà sono piante acquatiche. All’improvviso il mio piede urta qualcosa di solido. Mi tranquillizzo vedendo che si tratta solo di una di quelle palle marroni di fibre chiamate egagropili. Assorta nei miei pensieri, mi avvio lungo la striscia sabbiosa portante ancora i segni di questo immane disastro.

Mi è sempre piaciuto osservare il mare in seguito a una mareggiata. Secondo me rappresenta al contempo la maestosità e la forza della natura. Quella di ieri è stata bellissima. Le onde arrivavano a ricoprire l’intero molo, lo stesso dove ora una gattina grigia è assopita in mezzo a mucchi di cordame inumiditi dalla salsedine. Probabilmente aspetta che uno dei soliti pescatori passi di lì e le lasci un bocconcino di pesce. Osservo più in là la scogliera e ascolto gli strani suoni che l’acqua produce infilandosi in quel complesso di grotte naturali. Intorno galleggiano ancora pezzi di vari celenterati e sulle rocce sono visibili i frammenti delle cozze e delle patelle. La furia delle onde deve aver fatto grandi danni, giù allo spartiacque.

A riva addirittura trovo parti di stelle marine, spappolate dalla tempesta. Le ributto in mare: questi echinodermi sono famosi per la loro straordinaria capacità di ricostruire i bracci perduti. Ah! Ecco un sopravvissuto. Un piccolo esemplare di Anadora demiri si affanna ad aspirare l’umidità di cui sono impregnati i filamenti scuri della Poseidonia. Mi affretto a lanciarla in mare. Nonostante essa non sia una specie originaria del Mediterraneo, la sua infiltrazione in questo ecosistema non ha creato danni, per cui non vedo il motivo per il quale dovrei lasciarla morire. In fondo anche lei è un essere vivente, esattamente come me. Continuando a camminare trovo molte conchiglie delle mie specie preferite: coperti da un po’ di sabbia trasportata dalla risacca ci sono i “cuori” (Acanthocardia tubercolata), sempre allegri con le loro smaglianti striature rosso-arancione, mentre fra i resti semi-galleggianti  di varie erbe marine ondeggiano, troppo leggere per resistere alle correnti, delle conchiglie delle sottili “Mactra scultorum”,dalle mille dolcissime sfumature.

Arriva il primo pescatore. Deve essere molto coraggioso per tornare a pescare dopo un simile scempio. Cerco di immaginare come deve essere la tempesta dal punto di vista di qualche innocuo bivalve: la vedrei come un avvenimento di entità mostruosa, un’apocalisse in miniatura. Arriva un altro pescatore, e un altro ancora. Il tempo sembra aver ripreso a scorrere, mentre una bimba di cinque anni è intenta a guardare il mare, chiedendosi quando potrà rivedere uno spettacolo del genere.

Anna Giulia Presti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende