Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata:

Lo spettacolo della natura dopo la mareggiata

novembre 27, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Continua la pubblicazione in esclusiva, su Greenews.info, dei racconti vincitori del Premio letterario su tema naturalistico “Michele Lessona”. Il racconto di oggi, “Mareggiata”, di Anna Giulia Presti, si è classificato al primo posto nella Sezione “Ragazzi”.

Il cielo è plumbeo, carico di pioggia. Presto ci sarà un acquazzone. Una figura con un k-way grigio si allontana. Sarà qualcun altro venuto a vedere gli effetti della tempesta di ieri sera. Sono sola. Si sente solo il rumore dell’infrangersi delle onde sulla riva e il soffio del vento di levante sul mio viso. Il tempo sembra essersi fermato. Il molo di legno è ancora deserto. Presto si riempirà di turisti e pescatori alla ricerca di qualche gattuccio. La spiaggia, stranamente vuota, è costellata dalle impronte dei gabbiani e dei piccioni, gli stessi gabbiani che ora stridono sopra di me, volando in un vorticare di arancio, grigio e bianco, presi dall’ansia di procurarsi del cibo. Lungo il bagnasciuga si vede una lunga striscia scura di Poseidonie. Deve averle portate qui l’alta marea mattutina. In mezzo a questi fili mollicci si possono scorgere ancora gli esoscheletri dei ricci di mare, segno della quantità di ecosistemi che queste piante devono aver ospitato al loro interno. Sono così belli: trovarli dà un tocco di colore a questa mattinata grigia e silenziosa. Sorrido al pensiero di mia madre, convinta che le Poseidonie siano alghe. Qualcuno dovrebbe spiegarle che in realtà sono piante acquatiche. All’improvviso il mio piede urta qualcosa di solido. Mi tranquillizzo vedendo che si tratta solo di una di quelle palle marroni di fibre chiamate egagropili. Assorta nei miei pensieri, mi avvio lungo la striscia sabbiosa portante ancora i segni di questo immane disastro.

Mi è sempre piaciuto osservare il mare in seguito a una mareggiata. Secondo me rappresenta al contempo la maestosità e la forza della natura. Quella di ieri è stata bellissima. Le onde arrivavano a ricoprire l’intero molo, lo stesso dove ora una gattina grigia è assopita in mezzo a mucchi di cordame inumiditi dalla salsedine. Probabilmente aspetta che uno dei soliti pescatori passi di lì e le lasci un bocconcino di pesce. Osservo più in là la scogliera e ascolto gli strani suoni che l’acqua produce infilandosi in quel complesso di grotte naturali. Intorno galleggiano ancora pezzi di vari celenterati e sulle rocce sono visibili i frammenti delle cozze e delle patelle. La furia delle onde deve aver fatto grandi danni, giù allo spartiacque.

A riva addirittura trovo parti di stelle marine, spappolate dalla tempesta. Le ributto in mare: questi echinodermi sono famosi per la loro straordinaria capacità di ricostruire i bracci perduti. Ah! Ecco un sopravvissuto. Un piccolo esemplare di Anadora demiri si affanna ad aspirare l’umidità di cui sono impregnati i filamenti scuri della Poseidonia. Mi affretto a lanciarla in mare. Nonostante essa non sia una specie originaria del Mediterraneo, la sua infiltrazione in questo ecosistema non ha creato danni, per cui non vedo il motivo per il quale dovrei lasciarla morire. In fondo anche lei è un essere vivente, esattamente come me. Continuando a camminare trovo molte conchiglie delle mie specie preferite: coperti da un po’ di sabbia trasportata dalla risacca ci sono i “cuori” (Acanthocardia tubercolata), sempre allegri con le loro smaglianti striature rosso-arancione, mentre fra i resti semi-galleggianti  di varie erbe marine ondeggiano, troppo leggere per resistere alle correnti, delle conchiglie delle sottili “Mactra scultorum”,dalle mille dolcissime sfumature.

Arriva il primo pescatore. Deve essere molto coraggioso per tornare a pescare dopo un simile scempio. Cerco di immaginare come deve essere la tempesta dal punto di vista di qualche innocuo bivalve: la vedrei come un avvenimento di entità mostruosa, un’apocalisse in miniatura. Arriva un altro pescatore, e un altro ancora. Il tempo sembra aver ripreso a scorrere, mentre una bimba di cinque anni è intenta a guardare il mare, chiedendosi quando potrà rivedere uno spettacolo del genere.

Anna Giulia Presti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende