Home » Rubriche »Very Important Planet » “Lo sport può cambiare il mondo”. Intervista a Mauro Berruto:

“Lo sport può cambiare il mondo”. Intervista a Mauro Berruto

Una delle sue frasi preferite è di Walt Disney, “Se puoi sognarlo, puoi farlo”. Mauro Berruto, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana maschile di pallavolo, con i suoi ragazzi non smette mai d’inseguire la stella cometa, quel podio che prima di tutto significa dedizione totale per raggiungere i migliori risultati. Il prossimo appuntamento sarà a settembre, con gli Europei di Volley in Austria e Repubblica Ceca. Tra meno di un anno, le Olimpiadi di Londra 2012, la prova più dura.

Lo intervistiamo mentre è in ritiro a Monza e scopriamo che, insieme al suo profilo di instancabile formatore, che ha girato le squadre di mezzo mondo, coltiva un animo da filosofo e scrittore. Profondità e apertura mentale sono la sua marcia in più – non solo sul piano sportivo.

D) Lei ha vissuto ad Atene, Belgrado, Brasilia, Buenos Aires, Caracas e Chicago, Helsinki e Il Cairo. Qual è il paese in cui si vive meglio e perché?

R) Se penso in termini di qualità della vita dico la Finlandia, terra meravigliosa, di grande senso civico e rispetto dell’ambiente. Il suo cielo (e le nuvole) mi mancano da morire. Se dovessi dire il luogo in cui vorrei abitare, se mai fossi costretto a lasciare l’Italia, direi la Grecia. Non c’è un motivo particolarmente razionale, me lo sono chiesto più volte. La Grecia è stupenda, ma ha tanti difetti…eppure sarebbe lì che andrei a stare a occhi chiusi. Però credo che la bellezza del viaggiare consista proprio nel trovare piccole parti di mondo incantevoli ovunque. Ricordo almeno un paesaggio meraviglioso di ogni posto in cui sono stato e ho lavorato da allenatore. Dal Madagascar al Canada, dal Giappone all’Argentina. Forse il segreto sta nel modo in cui si guardano le cose. Adoro viaggiare, sono patologicamente curioso.

D) Mare, montagna, campagna, città, collina. Qual è il suo habitat naturale?

R) In montagna d’estate e al mare d’inverno. Se devo scegliere un posto solo, senza alcun dubbio la montagna.

D) E’ attento ai temi ambientali?

R) Cerco di essere un buon cittadino. Cosa che include i doveri che ognuno di noi ha nei confronti dell’ambiente. Questo mondo non ci appartiene, ci è stato tramandato e dobbiamo tramandarlo a nostra volta alle future generazione. E’ un dovere morale assoluto.

D) In quale città vive abitualmente?

R) Bella domanda…. Vivo un po’ da zingaro da una quindicina d’anni. La mia città, quella in cui sono nato e che amo più di tutto, quella in cui risiede la mia famiglia e ovviamente anch’io (pur senza abitarci molto) è Torino. Stupenda. Veniteci e vedrete.

D) Che ne pensa delle politiche ambientali del capoluogo piemontese? Dal verde alla viabilità, dalla raccolta differenziata ai trasporti, cosa cambiarebbe?

R) Non vorrei mai prendere la macchina, anche se il traffico è nullo in confronto ad altri grandi centri. Torino è stata amministrata molto bene negli ultimi anni. Ha saputo trasformarsi, cambiare in meglio. Tutto ciò anche grazie a un meraviglioso evento sportivo: i Giochi Olimpici Invernali del 2006. In quei giorni era magica e quell’atmosfera è diventata un’eredità che ancora si fa piacevolmente sentire. Insomma: lo sport può cambiare il mondo – in meglio!

D) La sua è una vita in trasferta. Questo significa anche mutare continuamente cibi e cucina. Cosa mangiano gli azzurri della pallavolo? Menù italiano anche all’estero o ci si adatta ai differenti paesi?

R) Si mangia ciò che si trova in ogni posto in cui andiamo, “km.0“, ci mancherebbe altro.

D) In cosa consiste l’allenamento di un atleta della nazionale?

R) Per riassumere in pochissime parole, doppio allenamento tutti i giorni, 3 sedute mattutine dedicate alla sala pesi e tutto il resto alla tecnica e alla tattica. Quando si è in nazionale e si vive in ritiro l’impegno non finisce certo con le 6-7 ore quotidiane in palestra. Diciamo che l’esperienza è totalizzante.

D) Lei si definisce, più che un allenatore, un formatore. In che modo i suoi studi filosofici condizionano la sua quotidianità di sportivo?

R) No, non sono io che mi definisco così. Però di sicuro credo che un buon allenatore debba essere anche un educatore. Io cerco di fare quello che posso e penso che gli studi filosofici mi aiutino nello spingere i miei atleti fuori dalle loro “zone di comfort”. Chiedo loro di essere curiosi, aperti alle novità, rispettosi delle differenze. Anzi, di vedere ricchezza nelle differenze.

D) Siete molto presi dal susseguirsi d’impegni e calendari delle gare. Quanto arriva nel mondo dello sport dei temi ambientali?

R) Onestamente non molto. Però poche settimane fa abbiamo avuto la fortuna di vivere un’esperienza unica. Eravamo in Corea del Sud per la World League a Incheon. E per puro caso abbiamo saputo che era ancorata lì la Rainbow Warriors, la nave di Greenpeace. Dopo la partita avevamo qualche ora libera, ho chiesto l’autorizzazione di farci salire a bordo. La nostra nazionale è salita al gran completo e ha ascoltato i racconti di una attivista spagnola membra dell’equipaggio, che ci ha fatto da guida. Un contatto breve, ma molto educativo, appunto.

D) Nel suo secondo libro, “Indipendiente Sporting”, racconta la storia di un “allenatore di calcio rivoluzionario, visionario, probabilmente un po’ pazzo” che vuole cambiare il mondo. Spesso lo sport ha modificato le relazioni internazionali tra i paesi. Può essere il canale di accordi per una migliore cooperazione sui temi ambientali?

R) Sì, lo accennavo prima, parlando dei Giochi Olimpici della mia città. Lo sport può far mutare il mondo in meglio. Parla (come l’arte o la musica) un linguaggio universale, quello delle emozioni. Il mio sogno è essere testimonial dello sport, quando questo sarà riconosciuto come fatto culturale. Mi auguro di tutto cuore che possa essere di aiuto per la sensibilizzazione sui temi ambientali. Noi pallavolisti, nel nostro piccolo, abbiamo iniziato – da Greenpeace appunto.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende