Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Loacker: pionieri del vino biodinamico dal 1979:

Loacker: pionieri del vino biodinamico dal 1979

ottobre 5, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

BIOneers, ovvero pionieri del biodinamico. E’questo il nuovo e meritato claim dell’azienda agricola Loacker di Bolzano, che con gli omonimi produttori di wafer condivide il nome e un’antica parentela, ma non il settore merceologico. Rainer e i figli Hayo e Franz producono infatti vino da agricoltura biodinamica, un metodo che si rifà agli studi sull’uomo, la natura e il mondo minerale del filosofo austriaco Rudolf Steiner e che vieta di utilizzare pesticidi, fertilizzanti o qualsiasi altro prodotto chimico di sintesi.

Il viticoltore, ci spiega Rainer – che il 30 settembre ha festeggiato i suoi 70 anni - deve assecondare la crescita spontanea e il ciclo vegetativo autonomo della pianta, il cui sistema immunitario, come per l’uomo, può essere rafforzato unicamente attraverso il ricorso a rimedi omeopatici e fitofarmaci – anche questi prodotti “in famgilia” dalla Loacker Remedia, l’azienda fondata nel 1983 e ora diretta da Hannes, il figlio maggiore di Rainer.

Se si escludono minime quantità di zolfo (per garantire la conservabilità del vino) e rame, concesse dal disciplinare di certificazione, nelle vigne Loacker si è dunque eliminato completamente l’uso della chimica, e alle uve pigiate non si aggiungono nemmeno tannini nè lieviti artificiali. Si utilizzano esclusivamente preparati biodinamici e omeopatici per il trattamento delle viti: l’arnica, ad esempio, serve a rimediare i danni provocati dalla grandine sia ai vitigni che all’uva; l’aconitum viene adoperato contro le infezioni, mentre la silicea contribuisce a rinforzare la struttura delle foglie e dei germogli. Lo scopo è quello di giungere al massimo equilibrio del vitigno.

“L’avvicinamento alla viticoltura biodinamica è venuto a coincidere, negli anni ’70, con un cambiamento nella mia vita”, ci racconta Rainer. “Ho iniziato a vivere in modo naturale e biologico e, di conseguenza, fare vino per me non poteva che avvenire secondo questi principi”. Anche l’omeopatia è frutto di una scelta di vita e di convinzioni esistenziali profonde. “La vite - continua Rainer – fa parte degli esseri viventi del mondo, così come un sasso, gli animali e l’uomo. La pianta manca di una funzione come la spiritualità, ma per il resto ha la stessa dignità, nel cosmo, dell’uomo”.

Il maso Schwarhof

Una filosofia di vita, dunque, sincera e sentita, non di maniera, ma anche concretezza e mercato. In famiglia Franz è il responsabile del marketing delle tre tenute in cui si produce il vino: la Schwarhof di Santa Giustina (la frazione di Bolzano in mezzo agli stupendi vigneti di Santa Maddalena), la tenuta Valdifalco in Maremma, che contribuisce alla nuova linea Terra Unica del Consorzio Vintesa (realizzata per i 150 anni dell’Unità d’Italia) e Corte Pavone, sempre in Toscana, dove nascono i grandi Brunello di Montalcino.

Ma è Hayo, classe 1973 e diploma in enologia a Digione, il responsabile di tutta la produzione, che incontriamo nel momento meno opportuno per un’intervista, mentre si affanna tra la cantina e il telefono dell’ufficio, nella tenuta di Bolzano, per seguire la vendemmia delle uve, in contemporanea, nelle tre aziende. “Tutto ritorna in vigna“, ci spiega Hayo disegnando con il dito un circolo chiuso. Gli scarti di produzione (vinacce e feccia) vengono utilizzati come ammendanti a seguito del compostaggio in azienda, una pratica divenuta legale solo di recente, ma che fino a pochi anni fa obbligava gli agricoltori a smaltire, contro la propria volontà e con costi aggiuntivi, una preziosa materia organica considerata mero rifiuto. Anche le acque di scarico sono pulitissime, perchè l’azienda, per pulire i tini e la cantina, non utilizza detergenti chimici, ma solamente acqua calda ad alta pressione. I pannelli del solare termico, poi,  hanno ormai 35 anni e, oltre a dimostrare quanto la famiglia sia stata pioniera e lungimirante anche nell’utilizzo delle fonti rinnovabili, conferma agli scettici la durata di questi impianti, che va ben oltre gli incentivi dal GSE, ripagando abbondantemente qualsiasi investimento.

Le attenzioni agli aspetti di sostenibilità ambientale devono però conciliarsi con le qualità organolettiche del vino e non comprometterle. Per questo Hayo ha portato avanti una sua ricerca sulle alternative al tappo in sughero che consentissero di evitare il rischio del fastidioso “gusto di tappo” e nel 2004 ha introdotto, primo in Italia, il raffinatissimo e altrettanto ecologico tappo di vetro, che sigilla e contraddistingue oggi quasi tutta la produzione Loacker. I risultati parlano da soli e sono su tutte le principali guide internazionali del vino, a conferma del fatto che i vini biologici e biodinamici di qualità non hanno nulla da invidiare a quelli “tradizionali” dei grandi produttori. Semmai il contrario. “Dipende cosa intendiamo per qualità“, precisa Hayo. “Solitamente si tende a identificare la qualità con l’aspetto gustativo, che è anche quello di maggior impatto mediatico. C”è però una parte altrettanto importante della qualità di un vino che riguarda il dinamismo intrinseco del prodotto in direzione della salute. Quando io parlo di qualità le intendo entrambe.”

Ma c’è qualcuno che fa il furbo e “ci prova” anche tra i produttori di biologico e biodinamico? Hayo ha un consiglio semplice per alzare la guardia. I malintenzionati, infatti, difficilmente si trovano tra i veri produttori, più facilmente tra chi compra e rivende, fiutando la nicchia di mercato in crescita. “Quello che posso consigliare al consumatore, come campanello di allarme, è leggere bene l’etichetta: prodotto da o imbottigliato da? Nel secondo caso le uve sono state comprate da altri…”. Per questo Loacker aderisce anche alla Tirolensis Ars Vini, l’Associazione Vignaioli Sudtirolesi, alla quale possono prendere parte unicamente coloro che coltivano direttamente terreni di proprietà o in affitto e che vinificano e vendono in proprio, garantendo una stessa mano che coltiva, raccoglie, imbottiglia e vende.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende