Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Loacker: una vendemmia memorabile per 7000 bottiglie di Brunello:

Loacker: una vendemmia memorabile per 7000 bottiglie di Brunello

novembre 24, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Oggi per “Racconti d’Ambiente” non pubblichiamo l’estratto di un libro, ma una breve storia inedita, vera e avvincente: il racconto della memorabile vendemmia 2015 di uve Sangiovese Grosso nella tenuta biodinamica di Corte Pavone, in Toscana, della famiglia Loacker.

Mi sto innervosendo: “Ancora bloccato”. Sul tratto autostradale di Genova sempre lunghe code di traffico. Mi sono però dato l’obiettivo di raggiungere Montalcino passando per Livorno Pisa e Grosseto nei tempi da me prefissi.

Nel frattempo, 40 vendemmiatori a Corte Pavone aspettano con ansia la fine della vendemmia. Siamo tutti consapevoli del fatto che finalmente abbiamo fatto centro, il tempo, i lavori in vigna durante l’anno, i preparativi per la vendemmia e la vendemmia stessa. Tutto è andato nel verso giusto.

Grazie all’introduzione, nel 2011, della suddivisione dei vigneti in diverse fasce di vigoria e qualità di viti, la sequenza di vendemmia è stata preparata meticolosamente. L’obiettivo è quello di vendemmiare le uve al culmine della loro maturità e delle loro condizioni.

I meteorologi, causa la minaccia dell’imminente arrivo dalla Sardegna degli strascichi dell’uragano “Joauquin”, prevedono prossimamente dai 4 ai 5 giorni di piogge. Tutto ciò, in questo particolare periodo dell’anno, può compromettere seriamente le uve in vigna.

Gli ultimi 3 giorni sono stati quindi orribili per tutti perché ancora 2/3 delle uve dovevano essere portate in cantina. Alti livelli di adrenalina e testosterone portano la tensione a mille nei vigenti ed in cantina. Tutti devono dare non solo il 100 ma il 110% del loro impegno per terminare il lavoro sugli ultimi 3 ettari in modo da mettere le uve al sicuro.

Nel frattempo percorro un po’ di strada ed il traffico non mi è nemico, mancano solo pochi chilometri a Montalcino. Quando verso le 18.00 mi infilo velocemente all’interno del nostro leggendario viale dei cipressi vedo arrivare a lunghe falcate i vendemmiatori dal campo Levante, l’ultimo vigneto. Ce l’hanno fatta? Non piove ancora ma il cielo ha iniziato pericolosamente ad oscurarsi. Durante il viaggio verso Corte Pavone ho volutamente non telefonato perché ho piena fiducia nella mia squadra di lavoro, composta da persone qualificate e perché sono consapevole del fatto che ognuno avrebbe dato del proprio meglio.

Scendo dall’auto e subito noto uno strano silenzio nella tenuta. Molto sospettoso, penso, mi aspettavo frenesia e nervosismo. Cerco i miei due uomini di fiducia, Daniele, responsabile di cantina e Matteo responsabile dei vigneti. Non vedendo nessuno, mi sposto di un centinaio di metri in direzione del Campo Levante. Anche qui silenzio.

Eccole qua! Da 400 a 500 casse piene di uva Sangiovese bella matura suddivise nei filari. Una tremenda umidità nell’atmosfera. Santo cielo, penso, la pioggia! 7.000 bottiglie di Brunello 2015 di questa straordinaria annata senza protezione lasciate all’aperto sotto il cielo.

Finalmente rumori di trattore! Arrivano i soccorsi! Nel corso delle prossime 5 ore divento testimone e coprotagonista di un raccolto perfettamente organizzato ed eseguito dalla mia squadra di Corte Pavone. Due diverse squadre di operai caricano i trattori che si susseguono, con le casse d’uva che vengono portate con determinazione alla sala di conferimento uve. Ogni lotto viene controllato per campo di origine, qualità e clone e viene registrato per la lavorazione successiva. Tutto fatto a mano! Un lavoro massacrante, che ti porta a raggiungere i tuoi limiti fisici. Si procede lenti ma sicuri, sui volti degli interpreti spuntano i primi sorrisi, la fine è vicina.

Improvvisamente, alle 22.00, nel pieno dell’oscurità, dal trattore che si avvicina si sentono le urla di Giuseppe: “Sono le ultime! È fatta!„ Mentre proprio in quel momento inizia a piovigginare… Dopo altre 2 ore di duro lavoro alla selezione e lavorazione delle uve mancano ancora poche casse. Pensiamo già alle bottiglie raffreddate del nostro spumante “Le Perle di Pavone“. Tutto il Team composto da Matteo & Daniele, Daniela, Beppe, Giordano, Jacopo, Rita, Marco e i 2 stagisti Johannes e Simone, si trova sulla pedana con l’ultima cassa di uve di Sangiovese di questa annata meravigliosa. Tutti ridono e festeggiano. Ora è davvero fatta. Hip, hip, hurra!!!

Hayo Loacker

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende