Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Loacker: una vendemmia memorabile per 7000 bottiglie di Brunello:

Loacker: una vendemmia memorabile per 7000 bottiglie di Brunello

novembre 24, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Oggi per “Racconti d’Ambiente” non pubblichiamo l’estratto di un libro, ma una breve storia inedita, vera e avvincente: il racconto della memorabile vendemmia 2015 di uve Sangiovese Grosso nella tenuta biodinamica di Corte Pavone, in Toscana, della famiglia Loacker.

Mi sto innervosendo: “Ancora bloccato”. Sul tratto autostradale di Genova sempre lunghe code di traffico. Mi sono però dato l’obiettivo di raggiungere Montalcino passando per Livorno Pisa e Grosseto nei tempi da me prefissi.

Nel frattempo, 40 vendemmiatori a Corte Pavone aspettano con ansia la fine della vendemmia. Siamo tutti consapevoli del fatto che finalmente abbiamo fatto centro, il tempo, i lavori in vigna durante l’anno, i preparativi per la vendemmia e la vendemmia stessa. Tutto è andato nel verso giusto.

Grazie all’introduzione, nel 2011, della suddivisione dei vigneti in diverse fasce di vigoria e qualità di viti, la sequenza di vendemmia è stata preparata meticolosamente. L’obiettivo è quello di vendemmiare le uve al culmine della loro maturità e delle loro condizioni.

I meteorologi, causa la minaccia dell’imminente arrivo dalla Sardegna degli strascichi dell’uragano “Joauquin”, prevedono prossimamente dai 4 ai 5 giorni di piogge. Tutto ciò, in questo particolare periodo dell’anno, può compromettere seriamente le uve in vigna.

Gli ultimi 3 giorni sono stati quindi orribili per tutti perché ancora 2/3 delle uve dovevano essere portate in cantina. Alti livelli di adrenalina e testosterone portano la tensione a mille nei vigenti ed in cantina. Tutti devono dare non solo il 100 ma il 110% del loro impegno per terminare il lavoro sugli ultimi 3 ettari in modo da mettere le uve al sicuro.

Nel frattempo percorro un po’ di strada ed il traffico non mi è nemico, mancano solo pochi chilometri a Montalcino. Quando verso le 18.00 mi infilo velocemente all’interno del nostro leggendario viale dei cipressi vedo arrivare a lunghe falcate i vendemmiatori dal campo Levante, l’ultimo vigneto. Ce l’hanno fatta? Non piove ancora ma il cielo ha iniziato pericolosamente ad oscurarsi. Durante il viaggio verso Corte Pavone ho volutamente non telefonato perché ho piena fiducia nella mia squadra di lavoro, composta da persone qualificate e perché sono consapevole del fatto che ognuno avrebbe dato del proprio meglio.

Scendo dall’auto e subito noto uno strano silenzio nella tenuta. Molto sospettoso, penso, mi aspettavo frenesia e nervosismo. Cerco i miei due uomini di fiducia, Daniele, responsabile di cantina e Matteo responsabile dei vigneti. Non vedendo nessuno, mi sposto di un centinaio di metri in direzione del Campo Levante. Anche qui silenzio.

Eccole qua! Da 400 a 500 casse piene di uva Sangiovese bella matura suddivise nei filari. Una tremenda umidità nell’atmosfera. Santo cielo, penso, la pioggia! 7.000 bottiglie di Brunello 2015 di questa straordinaria annata senza protezione lasciate all’aperto sotto il cielo.

Finalmente rumori di trattore! Arrivano i soccorsi! Nel corso delle prossime 5 ore divento testimone e coprotagonista di un raccolto perfettamente organizzato ed eseguito dalla mia squadra di Corte Pavone. Due diverse squadre di operai caricano i trattori che si susseguono, con le casse d’uva che vengono portate con determinazione alla sala di conferimento uve. Ogni lotto viene controllato per campo di origine, qualità e clone e viene registrato per la lavorazione successiva. Tutto fatto a mano! Un lavoro massacrante, che ti porta a raggiungere i tuoi limiti fisici. Si procede lenti ma sicuri, sui volti degli interpreti spuntano i primi sorrisi, la fine è vicina.

Improvvisamente, alle 22.00, nel pieno dell’oscurità, dal trattore che si avvicina si sentono le urla di Giuseppe: “Sono le ultime! È fatta!„ Mentre proprio in quel momento inizia a piovigginare… Dopo altre 2 ore di duro lavoro alla selezione e lavorazione delle uve mancano ancora poche casse. Pensiamo già alle bottiglie raffreddate del nostro spumante “Le Perle di Pavone“. Tutto il Team composto da Matteo & Daniele, Daniela, Beppe, Giordano, Jacopo, Rita, Marco e i 2 stagisti Johannes e Simone, si trova sulla pedana con l’ultima cassa di uve di Sangiovese di questa annata meravigliosa. Tutti ridono e festeggiano. Ora è davvero fatta. Hip, hip, hurra!!!

Hayo Loacker

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende