Home » Rubriche »Very Important Planet » Loredana Cannata, l’animalista vegana che vive con 10 litri d’acqua e non vuole figli:

Loredana Cannata, l’animalista vegana che vive con 10 litri d’acqua e non vuole figli

aprile 22, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Loredana Cannata, classe 1975, è un attrice versatile e di talento, che ha studiato arte drammatica ed è stata interprete teatrale di opere di Pirandello e di Euripide, mentre nel piccolo e nel grande schermo ha lavorato con importanti registi: da Paolo Sorrentino a Ferzan Ozpetek Aurelio Grimaldi, e poi ha girato documentari come “Insurgentes” dedicato alle lotte zapatiste e ”L’alba del Sesto Sole” sulla cooperazione dal basso. Non si tratta solo di recitazione però: Loredana è animata da una travolgente passione civica e politica “green”, come vegana e animalista convinta. Non a caso nella sua scheda online Wikipedia la definisce attrice ed attivista. Oggi, in occasione dell’Earth Day 2016, è testimonial di una campagna di Green Cross Italia, in collaborazione con Giorgio Armani, sul risparmio idrico.

D) Loredana, oggi partecipi alla sfida di Green Cross per Earth Day, l’iniziativa #1dayon10liters cioè vivere per una giornata con soli 10 litri di acqua, un decimo di quella che usiamo quotidianamente. Cosa ti ha convinto ad accettare?

R) La scarsità dell’acqua è una delle urgenze dei prossimi anni e mi è piaciuto il progetto. Poi Armani ha abbandonato le pellicce e quindi mi è diventato simpatico! A parte le battute purtroppo ora, anche in Italia, assistiamo a politiche di privatizzazione dell’acqua, contro lo spirito del referendum, e si tratta di un fatto pericoloso sia simbolicamente che concretamente. Ci sono già esperienze e cittadini che protestano perché l’acqua è diventata carissima, un bene pubblico che diventa di poche persone. Questo non può passare…

D) Tu fai parte del mondo dello spettacolo, solitamente considerato un po’”frivolo”, ma in realtà sei molto impegnata nel sociale…

R) Sono stata regista di un piccolo documentario e coproduttrice di un altro dedicato alle comunità zapatiste. Con la nostra associazione  ”Sesto Sole“ andiamo a sostenere i progetti che loro stessi ci hanno chiesto di finanziare, ci siamo concentrati sulla salute perché è il settore più delicato. Manca completamente l’assistenza perché il governo combatte lo zapatismo: se sei zapatista non sei iscritto alle liste di assistenza pubblica e quindi è molto difficile l’accesso alle cure e alle medicine.

D) Oltre ad aver sposato cause politiche e sociali sostieni anche diverse battaglie ambientali. Sei stata anche denunciata per “oltraggio al pudore” per aver posato nuda in una campagna vegan e animalista.

R) Da quando sono diventata vegana, nel maggio del 2012, ho dato la priorità alla causa animalista. Gli animali se lo meritano perché loro, rispetto agli uomini, non si possono difendere. La performance a seno nudo con la scritta vegan è stata utile, fino a pochi anni fa in pochi sapevano dell’esistenza di questa parola mentre ora tutti la conoscono.  La rivoluzione vegan serve a tutti, è indispensabile per la sostenibilità del pianeta. Sono andata a Parigi alla Conferenza sul Clima con un cartello “Gli ambientalisti climatici sono vegani” per provocare anche chi lotta insieme a me, sappiamo che una gran parte delle emissioni nocive arrivano dagli allevamenti degli animali. Ha letto il mio cartello Naomi Klein (la giornalista e attivista ambientale canadese, autrice di “Una rivoluzione ci salverà“, NdR) che mi ha detto che i pescatori di alcune isole oceaniche non hanno scelta, ma noi che andiamo a fare la spesa al supermercato abbiamo tutte le alternative possibili.

D) Secondo te qual è l’emergenza ambientale più urgente?

R) Il riscaldamento globale. Quei famosi due gradi che non si devono superare, in realtà sono già superati. Il fenomeno sta già esplodendo e penso che l’arma più potente e più efficace sia diventare tutti vegani e bisogna muoversi subito. Vediamo il riscaldamento come teoria, come un fenomeno lontano nel tempo ma il disastro è già cominciato…

D) Nessun segnale positivo?

R) Ci sono esempi di qualche passo in avanti come in Olanda dove vogliono proibire le auto inquinanti, o in Costarica che dovrebbe arrivare al 100% di energie rinnovabili. Ma non sono azioni sufficienti.

D) Parliamo di te. Al di là dell’impegno pubblico e delle grandi battaglie, quali sono i tuoi gesti quotidiani per rispettare l’ambiente?

R) Non ho l’auto, mi muovo con i mezzi pubblici o mi danno un passaggio i miei amici. In ogni caso non ho un mezzo di proprietà. Poi faccio la raccolta differenziata – anche se devo capire fino quanto il Comune (quello di Roma, NdR) poi rispetti la differenziazione. Ci sono forti dubbi che venga fatta realmente. Un altro comportamento che ritengo ecologico è questo: non ho figli, non ne voglio avere. L’essere umano è quello che inquina di più, soprattutto in questo momento dove nel mondo cresciamo sempre di più!

D) Impegnativo! Non tutte le eco-mamme sarebbero d’accordo… E i tuoi colleghi artisti? Secondo te fanno qualcosa per l’ambiente?

R) Gli artisti non fanno molto oltre a partecipare a delle campagne con foto e video… Ultimamente ho notato più interesse, ma sono pochi quelli che costruiscono dei progetti in modo autonomo.

D) Sei andata a votare al referendum contro le trivelle?

R) Assolutamente si,  e anche presto al mattino! Poi, ironia della sorte, abbiamo assistito allo sversamento di petrolio a Genova

D) Quale messaggio ambientale vorresti mandare ai nostri lettori?

R) Cambiare se stessi. Molti per senso di impotenza non fanno niente, invece come cantava Michael Jackson: “Se vuoi rendere il mondo un posto migliore. Dai un’occhiata a te stesso, e poi fai un cambiamento“. E’ necessario guardarsi allo specchio…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende