Home » Rubriche »Very Important Planet » Loredana Cannata, l’animalista vegana che vive con 10 litri d’acqua e non vuole figli:

Loredana Cannata, l’animalista vegana che vive con 10 litri d’acqua e non vuole figli

aprile 22, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Loredana Cannata, classe 1975, è un attrice versatile e di talento, che ha studiato arte drammatica ed è stata interprete teatrale di opere di Pirandello e di Euripide, mentre nel piccolo e nel grande schermo ha lavorato con importanti registi: da Paolo Sorrentino a Ferzan Ozpetek Aurelio Grimaldi, e poi ha girato documentari come “Insurgentes” dedicato alle lotte zapatiste e ”L’alba del Sesto Sole” sulla cooperazione dal basso. Non si tratta solo di recitazione però: Loredana è animata da una travolgente passione civica e politica “green”, come vegana e animalista convinta. Non a caso nella sua scheda online Wikipedia la definisce attrice ed attivista. Oggi, in occasione dell’Earth Day 2016, è testimonial di una campagna di Green Cross Italia, in collaborazione con Giorgio Armani, sul risparmio idrico.

D) Loredana, oggi partecipi alla sfida di Green Cross per Earth Day, l’iniziativa #1dayon10liters cioè vivere per una giornata con soli 10 litri di acqua, un decimo di quella che usiamo quotidianamente. Cosa ti ha convinto ad accettare?

R) La scarsità dell’acqua è una delle urgenze dei prossimi anni e mi è piaciuto il progetto. Poi Armani ha abbandonato le pellicce e quindi mi è diventato simpatico! A parte le battute purtroppo ora, anche in Italia, assistiamo a politiche di privatizzazione dell’acqua, contro lo spirito del referendum, e si tratta di un fatto pericoloso sia simbolicamente che concretamente. Ci sono già esperienze e cittadini che protestano perché l’acqua è diventata carissima, un bene pubblico che diventa di poche persone. Questo non può passare…

D) Tu fai parte del mondo dello spettacolo, solitamente considerato un po’”frivolo”, ma in realtà sei molto impegnata nel sociale…

R) Sono stata regista di un piccolo documentario e coproduttrice di un altro dedicato alle comunità zapatiste. Con la nostra associazione  ”Sesto Sole“ andiamo a sostenere i progetti che loro stessi ci hanno chiesto di finanziare, ci siamo concentrati sulla salute perché è il settore più delicato. Manca completamente l’assistenza perché il governo combatte lo zapatismo: se sei zapatista non sei iscritto alle liste di assistenza pubblica e quindi è molto difficile l’accesso alle cure e alle medicine.

D) Oltre ad aver sposato cause politiche e sociali sostieni anche diverse battaglie ambientali. Sei stata anche denunciata per “oltraggio al pudore” per aver posato nuda in una campagna vegan e animalista.

R) Da quando sono diventata vegana, nel maggio del 2012, ho dato la priorità alla causa animalista. Gli animali se lo meritano perché loro, rispetto agli uomini, non si possono difendere. La performance a seno nudo con la scritta vegan è stata utile, fino a pochi anni fa in pochi sapevano dell’esistenza di questa parola mentre ora tutti la conoscono.  La rivoluzione vegan serve a tutti, è indispensabile per la sostenibilità del pianeta. Sono andata a Parigi alla Conferenza sul Clima con un cartello “Gli ambientalisti climatici sono vegani” per provocare anche chi lotta insieme a me, sappiamo che una gran parte delle emissioni nocive arrivano dagli allevamenti degli animali. Ha letto il mio cartello Naomi Klein (la giornalista e attivista ambientale canadese, autrice di “Una rivoluzione ci salverà“, NdR) che mi ha detto che i pescatori di alcune isole oceaniche non hanno scelta, ma noi che andiamo a fare la spesa al supermercato abbiamo tutte le alternative possibili.

D) Secondo te qual è l’emergenza ambientale più urgente?

R) Il riscaldamento globale. Quei famosi due gradi che non si devono superare, in realtà sono già superati. Il fenomeno sta già esplodendo e penso che l’arma più potente e più efficace sia diventare tutti vegani e bisogna muoversi subito. Vediamo il riscaldamento come teoria, come un fenomeno lontano nel tempo ma il disastro è già cominciato…

D) Nessun segnale positivo?

R) Ci sono esempi di qualche passo in avanti come in Olanda dove vogliono proibire le auto inquinanti, o in Costarica che dovrebbe arrivare al 100% di energie rinnovabili. Ma non sono azioni sufficienti.

D) Parliamo di te. Al di là dell’impegno pubblico e delle grandi battaglie, quali sono i tuoi gesti quotidiani per rispettare l’ambiente?

R) Non ho l’auto, mi muovo con i mezzi pubblici o mi danno un passaggio i miei amici. In ogni caso non ho un mezzo di proprietà. Poi faccio la raccolta differenziata – anche se devo capire fino quanto il Comune (quello di Roma, NdR) poi rispetti la differenziazione. Ci sono forti dubbi che venga fatta realmente. Un altro comportamento che ritengo ecologico è questo: non ho figli, non ne voglio avere. L’essere umano è quello che inquina di più, soprattutto in questo momento dove nel mondo cresciamo sempre di più!

D) Impegnativo! Non tutte le eco-mamme sarebbero d’accordo… E i tuoi colleghi artisti? Secondo te fanno qualcosa per l’ambiente?

R) Gli artisti non fanno molto oltre a partecipare a delle campagne con foto e video… Ultimamente ho notato più interesse, ma sono pochi quelli che costruiscono dei progetti in modo autonomo.

D) Sei andata a votare al referendum contro le trivelle?

R) Assolutamente si,  e anche presto al mattino! Poi, ironia della sorte, abbiamo assistito allo sversamento di petrolio a Genova

D) Quale messaggio ambientale vorresti mandare ai nostri lettori?

R) Cambiare se stessi. Molti per senso di impotenza non fanno niente, invece come cantava Michael Jackson: “Se vuoi rendere il mondo un posto migliore. Dai un’occhiata a te stesso, e poi fai un cambiamento“. E’ necessario guardarsi allo specchio…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende