Home » Rubriche »Very Important Planet » Lorenza Zambon, attrice-giardiniera: “la natura sarà salvata dagli innamorati”:

Lorenza Zambon, attrice-giardiniera: “la natura sarà salvata dagli innamorati”

luglio 11, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Questa sera a Cittadella, nell’ambito della rassegna Arte in terra – serate estive in Villa Negri, proporrà, accanto all’orto recuperato di recente da un gruppo di volontari, i primi due spettacoli della sua trilogia “Lezioni di giardinaggio planetario”. La “terza lezione”, che documenta invece le storie di chi ha scelto di coltivare un orto o un giardino per contribuire a salvare il pianeta, andrà in scena venerdì 18 luglio nelle colline a Monfumo, nell’ambito di Vacanze dell’anima, rassegna che dal 12 al 20 luglio nella Marca Trevigiana parlerà di sostenibilità come approccio globale alla vita (apertura con Petrini, fondatore di Slow Food, per avviare la riflessione su agricoltura e bioeconomia). Va in scena in luoghi che non ti aspetti – un orto, un bosco, un prato, Lorenza Zambon, l’attrice-giardiniera, padovana di nascita, astigiana d’adozione, che ha dato vita a un esperimento di ibridazione del teatro con la sua passione maniacale per piante, giardini, paesaggi: il Teatro Natura. Un teatro fuori dal teatro, una linea di ricerca personalissima per far emergere il “genio del luogo” e con esso l’amore per la natura, talvolta inconsapevole, altre nascosto, del suo pubblico. La sua arte è tutt’uno con la sua vita, totale, emozionale, militante. Da quando, a cavallo tra anni Ottanta e Novanta, ha avviato, insieme ai suoi compagni di viaggio, in una collina del Monferrato una casa-laboratorio teatrale, la Casa degli Alfieri, primo esempio di co-housing in Italia quando ancora questa pratica non si chiamava così, a quando, nel 1999, ha iniziato la sua ricerca artistica centrata sulla relazione fra gli uomini e il loro ambiente e, soprattutto sul modo per riattivare questo rapporto quand’è disequilibrato.

D) Lorenza, il teatro può davvero aiutare a trasmettere messaggi di sostenibilità ambientale?

R) Credo che il teatro debba avere un obiettivo più alto, ossia creare l’amore per la natura, spostare il punto di vista dalla natura curata da noi, modificata da noi, distrutta da noi, alla natura in sé. L’arte deve far connettere prima di tutto con la rete della vita e lo fa in modo emozionale e immediato grazie alla relazione che si crea tra attore, pubblico e, nel mio caso, anche un terzo protagonista, il paesaggio naturale. “Giardinaggio planetario” significa prima di tutto occuparsi della natura. Poi, ristabilita la connessione tra uomo e ambiente, si può parlare di orti urbani, di guerrilla gardening, di Vandana Shiva, di OGM. E così si avvia un processo di cambio di sguardo nei confronti della natura, lo capisco dagli occhi della gente.

D) Dalla sua esperienza ultradecennale, oggi rispetto al passato c’è più “bisogno” di natura da parte del pubblico?

R) Quando nel 1999 ho iniziato a cimentarmi negli spettacoli di natura sapevo che era un terreno da dissodare, ma ero anche consapevole che sarebbe esploso sia come bisogno personale, sia come coscienza ecologica. È ciò che è avvenuto, e lo è sempre di più.

D) Nei titoli e nelle recensioni dei suoi spettacoli si trovano spesso parole tipo “giardinieri anonimi rivoluzionari” (la prima lezione di “Giardinaggio planetario”), “azioni rivoluzionarie”, “ispirazioni o meglio istigazioni”. Chi è il suo pubblico e che rivoluzione si aspetta dai suoi spettacoli?

R) Il mio teatro è interclassista, il bello del tema del giardinaggio è che è un grimaldello che va bene per dialogare con ogni pubblico. Mi esibisco a Orticola a Milano così come nei centri sociali, a mostre-mercato di giardinaggio come a lezioni di paesaggio tenute da famosi urbanisti. Credo che semplicemente il pubblico si attenda di esplorare, attraverso le storie dei miei maestri giardinieri, personaggi da cui io stessa ho imparato, il proprio rapporto con la natura.

D) La sua terza “lezione” ha come sottotitolo “Semi di futuro” e la presentazione inneggia a “complici di semi liberi”. In questo periodo c’è un gran parlare, a livello europeo e locale, di OGM, semi brevettati e conciati. Cosa ne pensa della questione dei semi?

R) Penso che la lotta per i semi liberi sarà dura ma vinceremo, perché quando una cosa è forte e giusta non si può fermare. I semi OGM sono progettati da poche multinazionali per produrre monoculture, non si evolvono se non rispetto a una mera logica di mercato. Al di là di questa mia verve militante, nei miei spettacoli mi soffermo sulla parte più poetica ed emozionale del seme. Una botanica un giorno mi disse che un seme è una piccolissima astronave, una capsula perfetta per navigare nello spazio e nel tempo. Mi ispiro all’insegnamento di Vandana Shiva, un seme libero in ogni casa. E questo può produrlo ciascuno di noi, anche se non ha un giardino ma un piccolo balcone.

D) Lei è definita attrice-giardiniera. Di come l’amore per la natura abbia inciso nel suo teatro lo abbiamo visto, ma come e quanto incide nella sua vita privata? Oltre che “planetario”, il suo giardinaggio ha un lato anche “domestico”?

R) C’è una parte di giardinaggio fisico molto importante e la mia attività artistica è nata proprio da questa. Da oltre vent’anni nel nostro “condominio”, la Casa degli Alfieri, abbiamo lavorato per ricreare un giardino in un luogo “ingerbidito”, come si dice da queste parti, incolto. Gli insegnamenti che racconto, le “lezioni”, sono prima di tutto quelli che ho imparato io nel tempo, con piccoli e grandi esperimenti personali di giardinaggio, a volte riusciti, altre no. Secondo me è il giardino che coltiva il giardiniere, non il contrario. Tuttavia non cerco uno stacco tra lavoro e privato, per fortuna le mie passioni e il mio lavoro sono la stessa cosa. Il nostro giardino è un luogo comune, un convivium frequentato da molte persone. Ma quando sono a casa mi piace fare la passeggiata notturna da sola o con mio marito in giardino per vedere le lucciole o nelle sere di luna piena per guardare il paesaggio circostante al chiaro di luna.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende