Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » L’Ostal e il ritorno dell’uomo “che appartiene alla terra”:

L’Ostal e il ritorno dell’uomo “che appartiene alla terra”

ottobre 17, 2018 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

“Una scelta che rifarei, nonostante tutta la lotta con la burocrazia! Ma se si è fermi sulle proprie idee, ce la si può fare”… Quasi 15 anni dopo Sabrina Veglia, 33 anni, dottoressa in tecnica erboristica, riprenderebbe la strada scelta insieme ad Ivo Arlotto, 40 anni, ingegnere civile, e Annalisa Fortuna, 36 anni, biologa. Il trio che, anni fa, ha deciso di cambiare vita e lavorare al progetto agricolo “L’Ostal” (la “casa” in dialetto provenzale).

Parliamo di cinque ettari di terreno nel comune piemontese di Valgrana, frazione Cavaliggi, dedicati alla coltivazione della frutta (mele in particolare), in regime biologico. Lontano dalla chimica e dai numeri dell’agricoltura industriale.

Questa storia positiva (nel pieno spirito della nostra rubrica “Campioni d’Italia“), ne ha una altrettanto bella alle spalle. Più lontana nel tempo: Angelo, il nonno di Ivo, classe 1914 e un rispetto innato per la natura, già all’inizio degli anni ’80 (prima di qualsiasi “moda” o trend di mercato) aveva sposato la causa del biologico ottenendo, la certificazione. Roba da veri pionieri per l’epoca. Quando il nipote Ivo, ancora giovanissimo, prende in gestione i terreni del nonno, nel 1996 - per evitare la dispersione di quel capitale culturale, sociale, economico e familiare – trova quindi un terreno estremamente fertile e sano, sul quale far maturare i propri frutti.

Con l’aiuto del padre Enzo, Ivo riesce dunque a tenere in vita l’azienda del nonno. Impianta un frutteto con antiche varietà, apre un laboratorio di trasformazione, gli ettari da tre crescono fino a cinque. Poi nel 2006 arriva la socia Sabrina e nel 2010 Annalisa. “Si è coltivato l’interesse di proporre un prodotto il più possibile naturale e abbiamo messo insieme le forze”, racconta Sabrina. “Ivo si occupa delle questioni più strettamente agricole, Annalisa  dell’amministrazione e degli aspetti commerciali, io del laboratorio. Trasformo la frutta in sciroppi, frutta sciroppata, sidro di mela, aceto di mela, marmellate, succhi di frutta limpidi, ovvero frutta pressata a freddo senza acqua e senza zuccheri, senza aggiunta di niente”.

La mela – spesso simbolo del biologico, eppure inquinatissima da fitofarmaci in tante produzioni nazionali – è il prodotto principale dell’azienda, se ne coltivano fino a 40 varietàAlcune locali che rischiavano di andare perse. “Le abbiamo recuperate, conservando la memoria storica”. Ma ci sono anche altre coltivazioni tipiche del Piemonte, come la pera madernassa (arrivata in Val Grana nel primo Novecento dal Roero), la piccola e squisita susina ramassin, la ciliegia griotta. Un elenco che rende evidente l’importante lavoro di recupero della memoria storica botanica, agricola e contadina del territorio. “Sono varietà che erano state abbandonate”, concludono i tre “creativi di campagna“, invitati ad intervenire sabato 27 ottobre al 7° Workshop IMAGE, organizzato da Greenews.info e Associazione Greencommerce nel contesto dell’88°Fiera Internazionale del Tartufo di Alba.

I giovani soci di L’Ostal, dopo le iniziali difficoltà, hanno iniziato a beneficiare di una svolta culturale: “Specialmente in questi ultimi anni stiamo notando una maggiore sensibilità del consumatore per il prodotto biologico, ma non solo. Questo deve essere autentico e curato in un certo modo, non solo avere un bollino. Le persone vogliono avere a che fare con chi lo produce e soprattutto lo sa raccontare. Si tratta di un valore aggiunto”. Il contatto diretto c’è  anche in azienda: “Una volta facevamo i mercati, ora vendiamo ai negozi o ai clienti finali, con i gruppi di acquisto, anche nel sud della Francia, e ai negozi del settore biologico. Più lo shop on-line come con la Greeneria”.

“Non è stato facile, non lo è tuttora. Siamo partiti con la grande crisi economica ed è stato un susseguirsi di investimenti e di sacrifici. Si è andati avanti perché abbiamo un ‘idea (anche di vita) e crediamo in quello che facciamo”. Oltre il risultato economico c’è la soddisfazione di aver investito la propria esistenza in un progetto che coniuga innovazione e tradizione, in un territorio che 40/50 anni fa in tanti hanno abbandonato. “…Non è la terra che appartiene all’uomo, ma è l’uomo che appartiene alla terra.”, diceva nonno Angelo.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende