Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » L’Ostal e il ritorno dell’uomo “che appartiene alla terra”:

L’Ostal e il ritorno dell’uomo “che appartiene alla terra”

ottobre 17, 2018 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

“Una scelta che rifarei, nonostante tutta la lotta con la burocrazia! Ma se si è fermi sulle proprie idee, ce la si può fare”… Quasi 15 anni dopo Sabrina Veglia, 33 anni, dottoressa in tecnica erboristica, riprenderebbe la strada scelta insieme ad Ivo Arlotto, 40 anni, ingegnere civile, e Annalisa Fortuna, 36 anni, biologa. Il trio che, anni fa, ha deciso di cambiare vita e lavorare al progetto agricolo “L’Ostal” (la “casa” in dialetto provenzale).

Parliamo di cinque ettari di terreno nel comune piemontese di Valgrana, frazione Cavaliggi, dedicati alla coltivazione della frutta (mele in particolare), in regime biologico. Lontano dalla chimica e dai numeri dell’agricoltura industriale.

Questa storia positiva (nel pieno spirito della nostra rubrica “Campioni d’Italia“), ne ha una altrettanto bella alle spalle. Più lontana nel tempo: Angelo, il nonno di Ivo, classe 1914 e un rispetto innato per la natura, già all’inizio degli anni ’80 (prima di qualsiasi “moda” o trend di mercato) aveva sposato la causa del biologico ottenendo, la certificazione. Roba da veri pionieri per l’epoca. Quando il nipote Ivo, ancora giovanissimo, prende in gestione i terreni del nonno, nel 1996 - per evitare la dispersione di quel capitale culturale, sociale, economico e familiare – trova quindi un terreno estremamente fertile e sano, sul quale far maturare i propri frutti.

Con l’aiuto del padre Enzo, Ivo riesce dunque a tenere in vita l’azienda del nonno. Impianta un frutteto con antiche varietà, apre un laboratorio di trasformazione, gli ettari da tre crescono fino a cinque. Poi nel 2006 arriva la socia Sabrina e nel 2010 Annalisa. “Si è coltivato l’interesse di proporre un prodotto il più possibile naturale e abbiamo messo insieme le forze”, racconta Sabrina. “Ivo si occupa delle questioni più strettamente agricole, Annalisa  dell’amministrazione e degli aspetti commerciali, io del laboratorio. Trasformo la frutta in sciroppi, frutta sciroppata, sidro di mela, aceto di mela, marmellate, succhi di frutta limpidi, ovvero frutta pressata a freddo senza acqua e senza zuccheri, senza aggiunta di niente”.

La mela – spesso simbolo del biologico, eppure inquinatissima da fitofarmaci in tante produzioni nazionali – è il prodotto principale dell’azienda, se ne coltivano fino a 40 varietàAlcune locali che rischiavano di andare perse. “Le abbiamo recuperate, conservando la memoria storica”. Ma ci sono anche altre coltivazioni tipiche del Piemonte, come la pera madernassa (arrivata in Val Grana nel primo Novecento dal Roero), la piccola e squisita susina ramassin, la ciliegia griotta. Un elenco che rende evidente l’importante lavoro di recupero della memoria storica botanica, agricola e contadina del territorio. “Sono varietà che erano state abbandonate”, concludono i tre “creativi di campagna“, invitati ad intervenire sabato 27 ottobre al 7° Workshop IMAGE, organizzato da Greenews.info e Associazione Greencommerce nel contesto dell’88°Fiera Internazionale del Tartufo di Alba.

I giovani soci di L’Ostal, dopo le iniziali difficoltà, hanno iniziato a beneficiare di una svolta culturale: “Specialmente in questi ultimi anni stiamo notando una maggiore sensibilità del consumatore per il prodotto biologico, ma non solo. Questo deve essere autentico e curato in un certo modo, non solo avere un bollino. Le persone vogliono avere a che fare con chi lo produce e soprattutto lo sa raccontare. Si tratta di un valore aggiunto”. Il contatto diretto c’è  anche in azienda: “Una volta facevamo i mercati, ora vendiamo ai negozi o ai clienti finali, con i gruppi di acquisto, anche nel sud della Francia, e ai negozi del settore biologico. Più lo shop on-line come con la Greeneria”.

“Non è stato facile, non lo è tuttora. Siamo partiti con la grande crisi economica ed è stato un susseguirsi di investimenti e di sacrifici. Si è andati avanti perché abbiamo un ‘idea (anche di vita) e crediamo in quello che facciamo”. Oltre il risultato economico c’è la soddisfazione di aver investito la propria esistenza in un progetto che coniuga innovazione e tradizione, in un territorio che 40/50 anni fa in tanti hanno abbandonato. “…Non è la terra che appartiene all’uomo, ma è l’uomo che appartiene alla terra.”, diceva nonno Angelo.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende