Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » L’Ostal e il ritorno dell’uomo “che appartiene alla terra”:

L’Ostal e il ritorno dell’uomo “che appartiene alla terra”

ottobre 17, 2018 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

“Una scelta che rifarei, nonostante tutta la lotta con la burocrazia! Ma se si è fermi sulle proprie idee, ce la si può fare”… Quasi 15 anni dopo Sabrina Veglia, 33 anni, dottoressa in tecnica erboristica, riprenderebbe la strada scelta insieme ad Ivo Arlotto, 40 anni, ingegnere civile, e Annalisa Fortuna, 36 anni, biologa. Il trio che, anni fa, ha deciso di cambiare vita e lavorare al progetto agricolo “L’Ostal” (la “casa” in dialetto provenzale).

Parliamo di cinque ettari di terreno nel comune piemontese di Valgrana, frazione Cavaliggi, dedicati alla coltivazione della frutta (mele in particolare), in regime biologico. Lontano dalla chimica e dai numeri dell’agricoltura industriale.

Questa storia positiva (nel pieno spirito della nostra rubrica “Campioni d’Italia“), ne ha una altrettanto bella alle spalle. Più lontana nel tempo: Angelo, il nonno di Ivo, classe 1914 e un rispetto innato per la natura, già all’inizio degli anni ’80 (prima di qualsiasi “moda” o trend di mercato) aveva sposato la causa del biologico ottenendo, la certificazione. Roba da veri pionieri per l’epoca. Quando il nipote Ivo, ancora giovanissimo, prende in gestione i terreni del nonno, nel 1996 - per evitare la dispersione di quel capitale culturale, sociale, economico e familiare – trova quindi un terreno estremamente fertile e sano, sul quale far maturare i propri frutti.

Con l’aiuto del padre Enzo, Ivo riesce dunque a tenere in vita l’azienda del nonno. Impianta un frutteto con antiche varietà, apre un laboratorio di trasformazione, gli ettari da tre crescono fino a cinque. Poi nel 2006 arriva la socia Sabrina e nel 2010 Annalisa. “Si è coltivato l’interesse di proporre un prodotto il più possibile naturale e abbiamo messo insieme le forze”, racconta Sabrina. “Ivo si occupa delle questioni più strettamente agricole, Annalisa  dell’amministrazione e degli aspetti commerciali, io del laboratorio. Trasformo la frutta in sciroppi, frutta sciroppata, sidro di mela, aceto di mela, marmellate, succhi di frutta limpidi, ovvero frutta pressata a freddo senza acqua e senza zuccheri, senza aggiunta di niente”.

La mela – spesso simbolo del biologico, eppure inquinatissima da fitofarmaci in tante produzioni nazionali – è il prodotto principale dell’azienda, se ne coltivano fino a 40 varietàAlcune locali che rischiavano di andare perse. “Le abbiamo recuperate, conservando la memoria storica”. Ma ci sono anche altre coltivazioni tipiche del Piemonte, come la pera madernassa (arrivata in Val Grana nel primo Novecento dal Roero), la piccola e squisita susina ramassin, la ciliegia griotta. Un elenco che rende evidente l’importante lavoro di recupero della memoria storica botanica, agricola e contadina del territorio. “Sono varietà che erano state abbandonate”, concludono i tre “creativi di campagna“, invitati ad intervenire sabato 27 ottobre al 7° Workshop IMAGE, organizzato da Greenews.info e Associazione Greencommerce nel contesto dell’88°Fiera Internazionale del Tartufo di Alba.

I giovani soci di L’Ostal, dopo le iniziali difficoltà, hanno iniziato a beneficiare di una svolta culturale: “Specialmente in questi ultimi anni stiamo notando una maggiore sensibilità del consumatore per il prodotto biologico, ma non solo. Questo deve essere autentico e curato in un certo modo, non solo avere un bollino. Le persone vogliono avere a che fare con chi lo produce e soprattutto lo sa raccontare. Si tratta di un valore aggiunto”. Il contatto diretto c’è  anche in azienda: “Una volta facevamo i mercati, ora vendiamo ai negozi o ai clienti finali, con i gruppi di acquisto, anche nel sud della Francia, e ai negozi del settore biologico. Più lo shop on-line come con la Greeneria”.

“Non è stato facile, non lo è tuttora. Siamo partiti con la grande crisi economica ed è stato un susseguirsi di investimenti e di sacrifici. Si è andati avanti perché abbiamo un ‘idea (anche di vita) e crediamo in quello che facciamo”. Oltre il risultato economico c’è la soddisfazione di aver investito la propria esistenza in un progetto che coniuga innovazione e tradizione, in un territorio che 40/50 anni fa in tanti hanno abbandonato. “…Non è la terra che appartiene all’uomo, ma è l’uomo che appartiene alla terra.”, diceva nonno Angelo.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende