Home » Campioni d'Italia »Rubriche » LOWaste: Ferrara capitale italiana dell’economia circolare:

LOWaste: Ferrara capitale italiana dell’economia circolare

giugno 4, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Ogni anno, l’ospedale di Ferrara produceva 90 tonnellate di rifiuto tessile: teli e camici usati in sala operatoria, che dopo 80 lavaggi – dice la legge – devono essere buttati. L’utilizzo del passato è d’obbligo, perché oggi nella città estense quella montagna di tessuti color verde acqua viene salvata dall’inceneritore e trasformata in cucce per animali, borse, interni di scarpe, copri-tablet, ma anche pantofole, pantaloncini, cuscini, astucci. E quella del tessile sanitario è solo una delle quattro filiere di economia circolare avviate a Ferrara grazie al progetto europeo LIFE LOWaste, che qualche mese fa si è concluso, lasciando però in eredità una gran quantità di porte aperte su nuove attività ancora in evoluzione, oltre a un nuovo modo di guardare ai rifiuti e all’economia locale.

Ma facciamo qualche passo indietro e torniamo al 2011, quando il Comune di Ferrara, insieme all’azienda di gestione dei rifiuti Hera, la cooperativa sociale La Città Verde e due reti di imprese specializzate in produzione etica e recupero di materiali (Impronta etica e RREUSE),  pensa che una strada per ridurre i rifiuti e creare sviluppo può passare attraverso la chiusura di molti cerchi, passando da filiere lineari a filiere circolari. “Avevamo già dei progetti di riuso dei materiali. Con Ricicletta, per esempio, recuperiamo da tempo bici dismesse, per rimetterle poi sul mercato o darle in gestione agli hotel, che le noleggiano agli ospiti. Abbiamo poi un progetto per il recupero di pc in collaborazione con il carcere”, spiega l’assessore all’Ambiente Rossella Zadro. “L’idea è stata quella di mettere intorno a un tavolo aziende che producono materiali, aziende di gestione dei rifiuti e pubblica amministrazione per creare un’economia circolare che dà vita a nuovi oggetti usando gli scarti e non produce rifiuti, ma sviluppo e nuovi posti di lavoro”. E qui sta il punto: non si tratta solo di far bene all’ambiente, ma di creare nuovi modelli per rendere un territorio più ricco, creativo e innovativo, per ridurre la disoccupazione, per creare nuovi servizi.

Oltre a quella del tessile sanitario, sono partite altre tre filiere-pilota. Vedi per esempio quella degli inerti da demolizione, oggi usati per i fondi stradali: “E’ il punto di arrivo di un lungo lavoro che abbiamo fatto con l’università di Pisa e il ministero dell’Ambiente affinché gli inerti rispondessero agli stretti criteri di qualità previsti per le opere pubbliche. Inoltre, Ferrara è il primo Comune italiano ad aver adottato un capitolato per bandi pubblici che contempli il riuso dei materiali nelle opere stradali”, continua l’assessore. Per le strade riasfaltate di recente sono stati usati gli inerti, ed è stato scelto “il bitume arricchito con pneumatici fuori uso, che rende le strade più elastiche e drenanti, e abbatte i rumori”.

Anche gli arredi urbani danneggiati hanno una seconda vita: “Quando panchine o giochi per bambini sono rotti, vengono ritirati in collaborazione con la cooperativa sociale La Città Verde. Quando è possibile vengono risistemati e venduti sul mercato privato, perché la legge non permette ancora alle pubbliche amministrazioni di comprare oggetti ricondizionati. Quando non è possibile aggiustarli, vengono smontati per recuperati i diversi materiali”. La quarta filiera è quella dell‘olio alimentare esausto, da cui si ricavano biodiesel e glicerina. Quest’ultima “potrebbe essere utilizzata per produrre kit di saponi per gli hotel della città”, dice l’assessore.

Il progetto, finanziato al 50% dall’Unione europea, ha un valore complessivo di 1,1 milioni di euro. E’ la dimostrazione che costruire un’economia circolare è possibile e non serve una fortuna, mentre i vantaggi economici, poi, sono consistenti: “L’Europa calcola che questa economia ha un indotto annuo superiore a 1 miliardo di euro, e impiega 45.000 persone, tra cui anche disabili che altrimenti avrebbero difficoltà a trovare un lavoro”. LOWaste si è concluso a febbraio, ma le attività non si sono fermate: si lavora per aprire un Waste Fab Lab per giovani makers, e un Centro di preparazione al riutilizzo, pensato per intercettare mobili ed elettrodomestici di cui le famiglie vogliono disfarsi evitando che entrino nella filiera del rifiuto.

Ferrara rappresenta un modello da replicare in altre città: con altre filiere e altri attori, certo, ma seguendo lo stesso schema di governance, che ha mostrato di funzionare. Da cinque partner iniziali, oggi il progetto ne coinvolge 40. Il Comune ha creato la rete dei vari soggetti, affrontando tra i vari problemi anche quello dei costi: “Ci siamo chiesti a che prezzo possono essere ceduti i materiali da riutilizzare e quanto possono poi costare i riprodotti, perché si creai un sistema sostenibile”. La stessa amministrazione parteciperà come acquirente finale anche per gli oggetti in tessile sanitario, che saranno comprati come gadget per i musei.

Abbiamo bisogno di nuovi modelli che vadano dal micro al macro. In ambito locale si possono creare tante reti concentriche per un’economia più solidale, più creativa, meno impattante, che offra più posti di lavoro”. Reti che poi, come nel caso di LOWaste, possono arrivare lontano, addirittura oltremanica: “Agli inglesi il nostro progetto con il tessile ospedaliero è piaciuto molto e sono in corso contatti con la società di servizi ospedalieri che lavora anche con l’ospedale di Ferrara per la fornitura dei teli verdi di riutilizzare”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende