Home » Rubriche »Very Important Planet » Luca Di Giovanni: “La crisi è nelle nostre teste. Ma è reale”:

Luca Di Giovanni: “La crisi è nelle nostre teste. Ma è reale”

Luca Di Giovanni è diventato famoso con la campagna di video virali #coglioneno, sulla situazione lavorativa dei creativi italiani ed è il protagonista del video “Ricicli stellari” di Hera, realizzato dall’azienda di gestione dei rifiuti per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della raccolta differenziata e promuovere l’app del Rifiutologo, realizzata nel 2011 e già a quota 44.300 download. A due settimane dal lancio, il video conta quasi 140.000 visualizzazioni. Il corto coinvolge il cittadino attraverso delle sequenze a scelta multipla: chi lo guarda deve superare una specie di quiz, scegliendo dove buttare alcuni rifiuti domestici. Ed è tutto un gioco di citazioni di Guerre Stellari: il giovane Luke (Di Giovanni) è da alcuni giorni solo a casa. La sua compagna rientra all’improvviso e lui ha pochissimo tempo per rimettere a posto un caos epico. Lo aiuterà il Rifiutologo (Pippo Santanastaso, volto storico del cinema italiano). Se l’utente fa sbagliare Luke, il percorso cambia, altrimenti si arriva al finale giusto.

Se è la prima volta che Di Giovanni lavora sul tema dei rifiuti, da romano non può ignorare il problema: “Roma sembra Napoli, le strade sono molto porche. L’immondizia non viene raccolta regolarmente. Quando esco di casa, trovo scaldabagni e frigoriferi lasciati così per strada: le persone in molti casi non sanno dove buttare le cose, non c’è un’informazione di base, chiara e lineare da parte delle aziende che gestiscono i rifiuti”, racconta. Ma secondo il giovane attore non deve venire tutto dall’alto: “Penso che uno stile di vita sostenibile sia alla portata di tutti. Di fronte alla strada sporca nel quartiere, la mentalità di molti è che ci debba pensare lo Stato: secondo me ognuno di noi dovrebbe invece  sentirsi responsabile“.

D) Luca, pensi che per comunicazioni ambientali come queste il video sia un mezzo efficace?

R) Sì, molto. Attraverso il web ormai passa la quasi totalità dell’informazione. Le persone giovani la TV non la guardano più: se vuoi raggiungere gli under 30 devi per forza ragionare in ottica web. Inoltre, l’interattività del video è un buon viatico per coinvolgere lo spettatore: non è un video artistico, ma una comunicazione rivolta direttamente a chi guarda.

D) Lavorando a questo video, hai imparato anche tu qualcosa sul corretto conferimento dei rifiuti?

R) Ho imparato che in Emilia Romagna il sistema funziona bene, mentre a Roma le cose vanno male. Io faccio la raccolta differenziata nella vita di tutti giorni, ma sono anche per il “riciclo casuale”. In una città grande come Roma a volte andare alla stazione ecologica è un po’ macchinoso: per questo quando qualcosa di buono non mi serve più invece di buttarlo lo lascio su una panchina. Dopo pochi minuti c’è già una persona che ne ha bisogno e lo prende!

D) Accennavi a Roma, com’è adesso la situazione della gestione dei rifiuti?

R) Roma sembra Napoli, le strade sono molto porche. L’immondizia non viene raccolta regolarmente. Quando esco di casa, trovo scaldabagni e frigoriferi lasciati così per strada: le persone in molti casi non sanno dove buttare le cose, non c’è un’informazione di base, chiara e lineare da parte delle aziende che gestiscono i rifiuti. Quando sono stato a Bologna per fare il video di Hera, invece, la loro comunicazione sui rifiuti mi ha fatto una buona impressione. La raccolta differenziata a Roma non è ancora entrata nella mentalità dei cittadini, è vista ancora come una noia: d’altra parte, è anche vero che arrivare al cassonetto della plastica o della carta e trovarlo pieno è scoraggiante. Nonostante tutti gli diano addosso, penso che il sindaco Marino non sia così male: Roma sta vivendo un momento tragico, non è facile governarla. Prima di dare giudizi preferisco aspettare.

D) Un altro grosso problema di Roma è il traffico: tu come ti muovi in città?

R) Io viaggio con i mezzi, non uso mai la macchina a Roma. Mentre prendo l’autobus, vedo gente che dice di non avere soldi e mette ogni giorno nella macchina 20 euro di benzina. In questo senso, penso che la crisi sia prima di tutto nelle nostre teste e abbia a che fare con il fatto di spendere i soldi in modo stupido. In generale, penso che uno stile di vita sostenibile sia alla portata di tutti. Di fronte alla strada sporca nel quartiere, la mentalità di molti è che ci debba pensare lo Stato: secondo me ognuno di noi dovrebbe invece  sentirsi responsabile, essere anche autodidatta e darsi delle regole, invece di aspettare che le cose cambino dall’alto.

D) Con i video virali #coglioneno, hai cercare di sollevare l’attenzione sulla situazione dei giovani creativi. Parlando di comunicazione di campagne ambientali, pensi che toni e modi “vecchi” c’entrino qualcosa con la marginalità dei giovani creativi nel mondo del lavoro?

R) Sì. Oggi i creativi li teniamo a fare i camerieri e i pizzaioli, mentre chi ha la poltrona non vuole mollarla. Quella che i vecchi chiamano crisi, io la chiamo realtà, perché non ho mai conosciuto un perido diverso da quando ho iniziato a lavorare. Viviamo questa scollatura totale, eppure senza un ricambio generazionale è difficile svecchiare la comunicazione, compresa quella sui temi ambientali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende