Home » Rubriche »Very Important Planet » Luca Di Giovanni: “La crisi è nelle nostre teste. Ma è reale”:

Luca Di Giovanni: “La crisi è nelle nostre teste. Ma è reale”

Luca Di Giovanni è diventato famoso con la campagna di video virali #coglioneno, sulla situazione lavorativa dei creativi italiani ed è il protagonista del video “Ricicli stellari” di Hera, realizzato dall’azienda di gestione dei rifiuti per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della raccolta differenziata e promuovere l’app del Rifiutologo, realizzata nel 2011 e già a quota 44.300 download. A due settimane dal lancio, il video conta quasi 140.000 visualizzazioni. Il corto coinvolge il cittadino attraverso delle sequenze a scelta multipla: chi lo guarda deve superare una specie di quiz, scegliendo dove buttare alcuni rifiuti domestici. Ed è tutto un gioco di citazioni di Guerre Stellari: il giovane Luke (Di Giovanni) è da alcuni giorni solo a casa. La sua compagna rientra all’improvviso e lui ha pochissimo tempo per rimettere a posto un caos epico. Lo aiuterà il Rifiutologo (Pippo Santanastaso, volto storico del cinema italiano). Se l’utente fa sbagliare Luke, il percorso cambia, altrimenti si arriva al finale giusto.

Se è la prima volta che Di Giovanni lavora sul tema dei rifiuti, da romano non può ignorare il problema: “Roma sembra Napoli, le strade sono molto porche. L’immondizia non viene raccolta regolarmente. Quando esco di casa, trovo scaldabagni e frigoriferi lasciati così per strada: le persone in molti casi non sanno dove buttare le cose, non c’è un’informazione di base, chiara e lineare da parte delle aziende che gestiscono i rifiuti”, racconta. Ma secondo il giovane attore non deve venire tutto dall’alto: “Penso che uno stile di vita sostenibile sia alla portata di tutti. Di fronte alla strada sporca nel quartiere, la mentalità di molti è che ci debba pensare lo Stato: secondo me ognuno di noi dovrebbe invece  sentirsi responsabile“.

D) Luca, pensi che per comunicazioni ambientali come queste il video sia un mezzo efficace?

R) Sì, molto. Attraverso il web ormai passa la quasi totalità dell’informazione. Le persone giovani la TV non la guardano più: se vuoi raggiungere gli under 30 devi per forza ragionare in ottica web. Inoltre, l’interattività del video è un buon viatico per coinvolgere lo spettatore: non è un video artistico, ma una comunicazione rivolta direttamente a chi guarda.

D) Lavorando a questo video, hai imparato anche tu qualcosa sul corretto conferimento dei rifiuti?

R) Ho imparato che in Emilia Romagna il sistema funziona bene, mentre a Roma le cose vanno male. Io faccio la raccolta differenziata nella vita di tutti giorni, ma sono anche per il “riciclo casuale”. In una città grande come Roma a volte andare alla stazione ecologica è un po’ macchinoso: per questo quando qualcosa di buono non mi serve più invece di buttarlo lo lascio su una panchina. Dopo pochi minuti c’è già una persona che ne ha bisogno e lo prende!

D) Accennavi a Roma, com’è adesso la situazione della gestione dei rifiuti?

R) Roma sembra Napoli, le strade sono molto porche. L’immondizia non viene raccolta regolarmente. Quando esco di casa, trovo scaldabagni e frigoriferi lasciati così per strada: le persone in molti casi non sanno dove buttare le cose, non c’è un’informazione di base, chiara e lineare da parte delle aziende che gestiscono i rifiuti. Quando sono stato a Bologna per fare il video di Hera, invece, la loro comunicazione sui rifiuti mi ha fatto una buona impressione. La raccolta differenziata a Roma non è ancora entrata nella mentalità dei cittadini, è vista ancora come una noia: d’altra parte, è anche vero che arrivare al cassonetto della plastica o della carta e trovarlo pieno è scoraggiante. Nonostante tutti gli diano addosso, penso che il sindaco Marino non sia così male: Roma sta vivendo un momento tragico, non è facile governarla. Prima di dare giudizi preferisco aspettare.

D) Un altro grosso problema di Roma è il traffico: tu come ti muovi in città?

R) Io viaggio con i mezzi, non uso mai la macchina a Roma. Mentre prendo l’autobus, vedo gente che dice di non avere soldi e mette ogni giorno nella macchina 20 euro di benzina. In questo senso, penso che la crisi sia prima di tutto nelle nostre teste e abbia a che fare con il fatto di spendere i soldi in modo stupido. In generale, penso che uno stile di vita sostenibile sia alla portata di tutti. Di fronte alla strada sporca nel quartiere, la mentalità di molti è che ci debba pensare lo Stato: secondo me ognuno di noi dovrebbe invece  sentirsi responsabile, essere anche autodidatta e darsi delle regole, invece di aspettare che le cose cambino dall’alto.

D) Con i video virali #coglioneno, hai cercare di sollevare l’attenzione sulla situazione dei giovani creativi. Parlando di comunicazione di campagne ambientali, pensi che toni e modi “vecchi” c’entrino qualcosa con la marginalità dei giovani creativi nel mondo del lavoro?

R) Sì. Oggi i creativi li teniamo a fare i camerieri e i pizzaioli, mentre chi ha la poltrona non vuole mollarla. Quella che i vecchi chiamano crisi, io la chiamo realtà, perché non ho mai conosciuto un perido diverso da quando ho iniziato a lavorare. Viviamo questa scollatura totale, eppure senza un ricambio generazionale è difficile svecchiare la comunicazione, compresa quella sui temi ambientali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende