Home » Rubriche »Very Important Planet » Luca Ragagnin: il territorio come “un acino fuggente”:

Luca Ragagnin: il territorio come “un acino fuggente”

aprile 25, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Vive di e con le parole. Luca Ragagnin è scrittore e paroliere. È l’autore delle canzoni di diversi musicisti italiani – dai Subsonica ai Bluvertigo, dai DeltaV a Garbo – e ha pubblicato parecchi libri: romanzi, poesie, racconti. Legato da una particolare sintonia con Enrico Remmert, insieme a lui ha firmato più di un volume, fra cui il recente L’acino fuggente, pubblicato da Laterza. Allo scrittore, ma anche all’appassionato di vini e all’uomo innamorato della sua terra Greenews.info ha chiesto, nei giorni di Vinum, di raccontare il suo rapporto con uno dei più frequenti protagonisti dei suoi lavori…

D) Nel libro “L’acino fuggente“, tu e Remmert parlate di vino in Langhe, Monferrato e Roero: quanto pensi che un vino possa rappresentare la cultura di un territorio?

R) Il vino è fatto di storie, si porta nella bottiglia le tradizioni umana e territoriale. Non solo il terreno, il tralcio di vite, la cantina, ma anche la tavola, il pane e i bicchieri intorno ai quali le famiglie parlano e si raccontano, le piazze dei paesi, i personaggi, gli episodi che diventano collettivi, le feste, i matrimoni, persino i silenzi e gli abbandoni. Potrei continuare a lungo. Tutto questo è il vino e in fondo, io ed Enrico, scrivendo “L’acino fuggente”, siamo andati a curiosare proprio lì, dove tra il cavatappi e il calice scorrono le vicende umane…

D) Ad Alba si è aperta oggi Vinum: sei stato a questa fiera? Cosa ne pensi?

R) Quest’anno non sono ancora riuscito ad andare. Ma posso dire di amare parecchio Alba, e alcune librerie e luoghi musicali… Alba è diventata un piccolo feudo di amici e sodali per me ed Enrico.

D) Quanto è importante per te il legame con il territorio e le tradizioni?

R) Parecchio. Sono nato “metropolitano” ma anche con la città ho un rapporto, credo, simile a quello che hanno gli uomini e le donne che vivono in spazi larghi, che sentono la necessità di vedere sempre una linea d’orizzonte alla fine dello sguardo.

D) Quanto il legame con la propria terra, secondo te, sfocia nell’amore per l’ambiente?

R) Più conosci e più rispetti. È una regola aurea, direi. Perciò se il legame è sincero, il rispetto per l’ambiente sarà vero, fattivo, non soltanto nominale o politico.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente in generale?

R) Come sopra. Almeno cerco. Ma sto attento agli automatismi della disattenzione ambientale di un cittadino frettoloso, di un “metropolitano” appunto e, quando partono, cerco di correggerli, di non ripeterli.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Cerco di non lasciare traccia alcuna al mio passaggio e di avere una giusta parsimonia nei confronti di beni assoluti sui quali in genere si spendono pochi pensieri. Come l’acqua, ad esempio.

D) Pensi che il “mondo del vino” – produttori e consumatori – si stia avvicinando alla sostenibilità ambientale?

R) Girando il territorio per scrivere il libro abbiamo trovato molta attenzione, in quel senso, e su una campionatura significativa…

D) Cosa ne pensi dei vini biologici e biodinamici?

R) È un discorso molto delicato che lascio agli specialisti. Faccio parlare solo l’appassionato degustatore e ti dico che un vino senza solfiti, in generale, non mi soddisfa (NdR: il disciplinare biologico ammette comunque l’utilizzo di solfiti). Perché il vino non è solo struttura, ma anche olfatto. E occhi, naturalmente.

D) Nei tuoi tour hai sicuramente conosciuto molti ristoratori e produttori: quanti di questi hai visto impegnati in una ricerca culinaria ed enologica basata sul rispetto per l’ambiente?

R) Diciamo che la tradizione, spesso, non si mette in discussione. Si cerca semmai, laddove in contrasto, di accordarla al rispetto e al giusto trattamento delle materie prime.

D) Hai mai pensato di scrivere qualcosa legato in qualche modo all’ambiente?

R) Beh, l’abbiamo fatto, direi, con Enrico. “L’acino fuggente” non è un libro centrato sul vino ma sul territorio e anche un po’ sull’ambiente. Inoltre, sempre con Remmert, abbiamo tenuto per cinque anni una rubrica su GQ che parlava di vini e territori.

D) Sei l’autore di testi per molti musicisti italiani, qual è il vino a cui potresti dedicare i testi di una canzone?

R) Il Ruché, non fosse altro che per la facilità di rima!

Daniela Falchero

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende