Home » Rubriche »Very Important Planet » Luca Ragagnin: il territorio come “un acino fuggente”:

Luca Ragagnin: il territorio come “un acino fuggente”

aprile 25, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Vive di e con le parole. Luca Ragagnin è scrittore e paroliere. È l’autore delle canzoni di diversi musicisti italiani – dai Subsonica ai Bluvertigo, dai DeltaV a Garbo – e ha pubblicato parecchi libri: romanzi, poesie, racconti. Legato da una particolare sintonia con Enrico Remmert, insieme a lui ha firmato più di un volume, fra cui il recente L’acino fuggente, pubblicato da Laterza. Allo scrittore, ma anche all’appassionato di vini e all’uomo innamorato della sua terra Greenews.info ha chiesto, nei giorni di Vinum, di raccontare il suo rapporto con uno dei più frequenti protagonisti dei suoi lavori…

D) Nel libro “L’acino fuggente“, tu e Remmert parlate di vino in Langhe, Monferrato e Roero: quanto pensi che un vino possa rappresentare la cultura di un territorio?

R) Il vino è fatto di storie, si porta nella bottiglia le tradizioni umana e territoriale. Non solo il terreno, il tralcio di vite, la cantina, ma anche la tavola, il pane e i bicchieri intorno ai quali le famiglie parlano e si raccontano, le piazze dei paesi, i personaggi, gli episodi che diventano collettivi, le feste, i matrimoni, persino i silenzi e gli abbandoni. Potrei continuare a lungo. Tutto questo è il vino e in fondo, io ed Enrico, scrivendo “L’acino fuggente”, siamo andati a curiosare proprio lì, dove tra il cavatappi e il calice scorrono le vicende umane…

D) Ad Alba si è aperta oggi Vinum: sei stato a questa fiera? Cosa ne pensi?

R) Quest’anno non sono ancora riuscito ad andare. Ma posso dire di amare parecchio Alba, e alcune librerie e luoghi musicali… Alba è diventata un piccolo feudo di amici e sodali per me ed Enrico.

D) Quanto è importante per te il legame con il territorio e le tradizioni?

R) Parecchio. Sono nato “metropolitano” ma anche con la città ho un rapporto, credo, simile a quello che hanno gli uomini e le donne che vivono in spazi larghi, che sentono la necessità di vedere sempre una linea d’orizzonte alla fine dello sguardo.

D) Quanto il legame con la propria terra, secondo te, sfocia nell’amore per l’ambiente?

R) Più conosci e più rispetti. È una regola aurea, direi. Perciò se il legame è sincero, il rispetto per l’ambiente sarà vero, fattivo, non soltanto nominale o politico.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente in generale?

R) Come sopra. Almeno cerco. Ma sto attento agli automatismi della disattenzione ambientale di un cittadino frettoloso, di un “metropolitano” appunto e, quando partono, cerco di correggerli, di non ripeterli.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Cerco di non lasciare traccia alcuna al mio passaggio e di avere una giusta parsimonia nei confronti di beni assoluti sui quali in genere si spendono pochi pensieri. Come l’acqua, ad esempio.

D) Pensi che il “mondo del vino” – produttori e consumatori – si stia avvicinando alla sostenibilità ambientale?

R) Girando il territorio per scrivere il libro abbiamo trovato molta attenzione, in quel senso, e su una campionatura significativa…

D) Cosa ne pensi dei vini biologici e biodinamici?

R) È un discorso molto delicato che lascio agli specialisti. Faccio parlare solo l’appassionato degustatore e ti dico che un vino senza solfiti, in generale, non mi soddisfa (NdR: il disciplinare biologico ammette comunque l’utilizzo di solfiti). Perché il vino non è solo struttura, ma anche olfatto. E occhi, naturalmente.

D) Nei tuoi tour hai sicuramente conosciuto molti ristoratori e produttori: quanti di questi hai visto impegnati in una ricerca culinaria ed enologica basata sul rispetto per l’ambiente?

R) Diciamo che la tradizione, spesso, non si mette in discussione. Si cerca semmai, laddove in contrasto, di accordarla al rispetto e al giusto trattamento delle materie prime.

D) Hai mai pensato di scrivere qualcosa legato in qualche modo all’ambiente?

R) Beh, l’abbiamo fatto, direi, con Enrico. “L’acino fuggente” non è un libro centrato sul vino ma sul territorio e anche un po’ sull’ambiente. Inoltre, sempre con Remmert, abbiamo tenuto per cinque anni una rubrica su GQ che parlava di vini e territori.

D) Sei l’autore di testi per molti musicisti italiani, qual è il vino a cui potresti dedicare i testi di una canzone?

R) Il Ruché, non fosse altro che per la facilità di rima!

Daniela Falchero

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende