Home » Rubriche »Very Important Planet » Luca Ragagnin: il territorio come “un acino fuggente”:

Luca Ragagnin: il territorio come “un acino fuggente”

aprile 25, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Vive di e con le parole. Luca Ragagnin è scrittore e paroliere. È l’autore delle canzoni di diversi musicisti italiani – dai Subsonica ai Bluvertigo, dai DeltaV a Garbo – e ha pubblicato parecchi libri: romanzi, poesie, racconti. Legato da una particolare sintonia con Enrico Remmert, insieme a lui ha firmato più di un volume, fra cui il recente L’acino fuggente, pubblicato da Laterza. Allo scrittore, ma anche all’appassionato di vini e all’uomo innamorato della sua terra Greenews.info ha chiesto, nei giorni di Vinum, di raccontare il suo rapporto con uno dei più frequenti protagonisti dei suoi lavori…

D) Nel libro “L’acino fuggente“, tu e Remmert parlate di vino in Langhe, Monferrato e Roero: quanto pensi che un vino possa rappresentare la cultura di un territorio?

R) Il vino è fatto di storie, si porta nella bottiglia le tradizioni umana e territoriale. Non solo il terreno, il tralcio di vite, la cantina, ma anche la tavola, il pane e i bicchieri intorno ai quali le famiglie parlano e si raccontano, le piazze dei paesi, i personaggi, gli episodi che diventano collettivi, le feste, i matrimoni, persino i silenzi e gli abbandoni. Potrei continuare a lungo. Tutto questo è il vino e in fondo, io ed Enrico, scrivendo “L’acino fuggente”, siamo andati a curiosare proprio lì, dove tra il cavatappi e il calice scorrono le vicende umane…

D) Ad Alba si è aperta oggi Vinum: sei stato a questa fiera? Cosa ne pensi?

R) Quest’anno non sono ancora riuscito ad andare. Ma posso dire di amare parecchio Alba, e alcune librerie e luoghi musicali… Alba è diventata un piccolo feudo di amici e sodali per me ed Enrico.

D) Quanto è importante per te il legame con il territorio e le tradizioni?

R) Parecchio. Sono nato “metropolitano” ma anche con la città ho un rapporto, credo, simile a quello che hanno gli uomini e le donne che vivono in spazi larghi, che sentono la necessità di vedere sempre una linea d’orizzonte alla fine dello sguardo.

D) Quanto il legame con la propria terra, secondo te, sfocia nell’amore per l’ambiente?

R) Più conosci e più rispetti. È una regola aurea, direi. Perciò se il legame è sincero, il rispetto per l’ambiente sarà vero, fattivo, non soltanto nominale o politico.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente in generale?

R) Come sopra. Almeno cerco. Ma sto attento agli automatismi della disattenzione ambientale di un cittadino frettoloso, di un “metropolitano” appunto e, quando partono, cerco di correggerli, di non ripeterli.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compi per rispettarlo?

R) Cerco di non lasciare traccia alcuna al mio passaggio e di avere una giusta parsimonia nei confronti di beni assoluti sui quali in genere si spendono pochi pensieri. Come l’acqua, ad esempio.

D) Pensi che il “mondo del vino” – produttori e consumatori – si stia avvicinando alla sostenibilità ambientale?

R) Girando il territorio per scrivere il libro abbiamo trovato molta attenzione, in quel senso, e su una campionatura significativa…

D) Cosa ne pensi dei vini biologici e biodinamici?

R) È un discorso molto delicato che lascio agli specialisti. Faccio parlare solo l’appassionato degustatore e ti dico che un vino senza solfiti, in generale, non mi soddisfa (NdR: il disciplinare biologico ammette comunque l’utilizzo di solfiti). Perché il vino non è solo struttura, ma anche olfatto. E occhi, naturalmente.

D) Nei tuoi tour hai sicuramente conosciuto molti ristoratori e produttori: quanti di questi hai visto impegnati in una ricerca culinaria ed enologica basata sul rispetto per l’ambiente?

R) Diciamo che la tradizione, spesso, non si mette in discussione. Si cerca semmai, laddove in contrasto, di accordarla al rispetto e al giusto trattamento delle materie prime.

D) Hai mai pensato di scrivere qualcosa legato in qualche modo all’ambiente?

R) Beh, l’abbiamo fatto, direi, con Enrico. “L’acino fuggente” non è un libro centrato sul vino ma sul territorio e anche un po’ sull’ambiente. Inoltre, sempre con Remmert, abbiamo tenuto per cinque anni una rubrica su GQ che parlava di vini e territori.

D) Sei l’autore di testi per molti musicisti italiani, qual è il vino a cui potresti dedicare i testi di una canzone?

R) Il Ruché, non fosse altro che per la facilità di rima!

Daniela Falchero

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende