Home » Rubriche »Very Important Planet » Luca Tommassini e l’ambiente: “alla politica manca il fattore T”:

Luca Tommassini e l’ambiente: “alla politica manca il fattore T”

febbraio 12, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Ballerino di formazione, Luca Tommassini è anche coreografo, regista, attore e direttore artistico. Noto al grande pubblico come direttore artistico di  X Factor, ha partecipato alla quarta edizione di Pechino Express in coppia con l’amica Paola Barale. La sua carriera in passato lo ha visto al seguito di star internazionali del livello di Madonna, Prince, Janet Jackson, Whitney Houston, Kylie Minogue e Michael Jackson. Nel suo libro di recente uscita, Il fattore T, racconta la sua vita con una formula biografica innovativa. A Greenews.info rivela perché ha scelto di scriverlo.

D) Luca perché hai deciso di scrivere questo libro inconsueto?

R) In realtà io non mi sentivo pronto per scrivere una biografia, ma Mondadori mi ha proposto questa idea di scrivere degli aneddoti che raccontano i momenti di svolta della mia vita. Ho accettato perché spero che la mia storia possa aiutare i ragazzi giovani, questa è la motivazione principale. Poi scrivere mi ha aiutato a capirmi meglio, mi ha fornito un’occasione di analisi per mettere ordine negli avvenimenti della mia vita e anche per questo occuparmi di questo libro è diventato a sua volta un ulteriore momento importante della mia vita.

D) Cosa ha significato per te avere talento? Come lo hai scoperto e come hai imparato a valorizzarlo?

R) Per me avere talento ha significato tutto, perché fin da piccolo ho sempre desiderato diventare un ballerino, non ho mai cambiato idea. Ho sempre avuto talento nel ballare, poi ne ho scoperti altri, ma soprattutto ho capito come ottimizzarli e metterli a fuoco. Questo ha significato la salvezza, la mia vita è cambiata rispetto alle prospettive già disegnate di un ragazzo come me nato in una zona e in una situazione difficile.

D) Qual è secondo te il merito di una trasmissione come X-Factor?

R) I meriti sono tanti. Prima di tutto è un palcoscenico di grandi opportunità. Ognuno di noi che partecipa lo vive in questo modo. E poi ha anche il merito di essere una trasmissione rivoluzionaria, che ha riportato alla televisione un pubblico che si era allontanato da questo mezzo di comunicazione.

D) Hai abitato in molti posti diversi: cosa significano per te altre due T come “territorio” e “tradizione”?

R) Ricordi. Per quanto sia bello viaggiare e staccarsi dalle proprie origini e dal proprio territorio, a volte ci si sente persi. Io nelle tradizioni ci torno sempre, perché mi sento a casa, ma me ne allontano anche. Sono in continuo duello con questi due concetti.

D) Cosa ti ha lasciato Pechino Express, come esperienza di viaggio?

R) Pechino Express mi ha dato l’opportunità di ritrovarmi in una situazione che mi ha riportato alla mia gioventù, quando non avevo soldi e mi dovevo arrangiare. Mi ha permesso di mettere a fuoco tutte le energie e di tirare avanti nonostante le difficoltà. È stato importante farlo, perché in quella situazione lì non mi ci trovo più da anni. Costretto da questo format – che io adoro – ho goduto di un’esperienza che sicuramente non avrei potuto ripetere nella mia vita personale.

D) Qual è il tuo rapporto con la natura? Quanto riesci e quanto vuoi viverla nella tua vita quotidiana?

R) Mi manca, perché sono sempre impegnato a lavorare, chiuso in uno studio, per cui è difficile per me incontrarla. Ma ogni volta che posso mi ci tuffo.

D) Ci sono delle azioni che compi ogni giorno per rispettare l’ambiente?

R) Cerco di farlo sempre e più che posso. Sono stato residente a Los Angeles per tanti anni, dove forse c’è un’educazione più legata all’ambiente rispetto alla nostra, ma trovo che oggi in Italia le persone siano diventate più rispettose nella quotidianità, per lo meno le persone intorno a me. I problemi sono più a livello politico e istituzionale secondo me.

D) Come ti mantieni in forma, che tipo di alimentazione segui? Cosa ne pensi della dieta vegetariana?

R) Pizza al taglio! Scherzo… Io sono stato vegano per tanti anni perché quando ho seguito Madonna nel tour ho voluto fare esperienze approfittando della vicinanza delle persone che ruotavano intorno a lei, nutrizionisti professionisti specializzati e anche molto estremi. Ho sperimentato tantissimo, per lavoro sono sempre stato obbligato a seguire diete per rimanere in forma. Da quando non ballo più, ogni tanto mi concedo un pasto senza regole. Comunque da trent’anni non mangio fritti, non mangio carne rossa, preferendo alimenti e cotture più leggeri. Ho imparato a formulare le mie strategie. Se devo fare il ragù faccio tutto arrostito e non fritto, uso olio crudo. Sono piccoli accorgimenti cui ormai sono abituato, non potrei fare diversamente perché starei male fisicamente.

D) Quali sono le fonti di ispirazione per le tue coreografie?

R) Non ho fonti precise, le prendo un po’ da tutto. Attingo spesso dalle persone e dalle loro storie, dai loro occhi.

D) L’ambiente e la natura ti sono di aiuto in qualche modo?

R) Assolutamente. Sono convinto che non ci sia migliore direttore artistico di Dio, siamo tutti qui a fare abbastanza bene quello che lui fa meglio di tutti. Attingere dalla natura e dall’ambiente è la scelta più facile, ma anche quella che ti ispira di più. Io fotografo sempre i momenti di cambiamento della luce nel paesaggio, albe e tramonti, sono molto affascinato dalla luce, sono sempre a osservare fuori dalla finestra…

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende