Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Lucart: con Natural la seconda vita del Tetra Pak:

Lucart: con Natural la seconda vita del Tetra Pak

novembre 6, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Sono stati la prima azienda italiana a ottenere il marchio Ecolabel, una delle prime a raggiungere le certificazioni FSC e PEFC e la prima del nostro Paese a riciclare la parte cellulosica del Tetra Pak per produrre tovaglioli, carta igienica e da cucina. Il Gruppo Lucart, nato in provincia di Lucca nel 1953, fa un bilancio di 60 anni di attività segnati dall’impegno per l’ambiente: una lunga timeline scandita dal lancio di linee di prodotti sostenibili.

La prima data significativa è il 1997, quando nasce Eco Lucart: tissue per il mercato professional e consumer realizzati con carta da macero. Nel 2005, il marchio per la grande distribuzione cambia nome e diventa Grazie, ma la sostanza è la stessa. Quello che porta però l’azienda ad essere veramente innovativa è l’idea nata tre anni dopo: “Lucart ha da sempre una forte vocazione ecologica. In quest’ottica, nel 2008 pensammo di iniziare a riciclare il Tetra Pak, una risorsa che fino a quel momento non veniva utilizzata per i prodotti tissue”, spiega Massimo Oriani, direttore Marketing del gruppo che conta sette stabilimenti, 1.400 dipendenti e un fatturato di 450 milioni di euro.

Il processo per passare dall’idea alla realtà è durato due anni e ha richiesto un investimento non da poco: “Gli investimenti a livello tecnico-produttivo per disaccoppiare la parte cellulosica, circa il 75% del Tetra Pak, da plastica e alluminio, pari al 25%, sono stati di circa 10 milioni di euro. Oggi abbiamo due impianti che producono questa tipologia di prodotti, uno a Diecimo, vicino a Lucca, e l’altro in Francia. Abbiamo dedicato particolare attenzione alla qualità: la nostra sfida era di offrire un prodotto green ma nello stesso tempo dalle performance eccellenti. Il consumatore italiano, d’altra parte, è sempre meno disposto ad acquistare carta tissue sostenibile, se poi risulta di qualità scadente”. Nel 2010 è stata lanciata sul mercato professional, quello cioè di locali pubblici, scuole, ristoranti, aeroporti, la linea Eco Natural: “Ha avuto da subito grande successo, gli esercizi pubblici sono sempre più sensibili alla sostenibilità”.

Visti i buoni risultati, nel 2011 i prodotti Natural, in formati diversi adatti agli utilizzi domestici sono arrivati anche nella grande distribuzione, con il marchio Grazie Natural e un forte investimento in comunicazione, necessario per spiegare come venivano prodotti e il perché del colore marroncino. “Trattandosi di tissue sostenibile, abbiamo deciso di non intervenire sul colore lasciandolo naturale. Si tratta di un prodotto innovativo, diverso anche dal punto di vista visivo: era necessario far capire a consumatori e clienti il motivo del colore e il processo di produzione. Grazie alle attività di promozione realizzate in 18 centri commerciali, durante le quali il consumatore veniva coinvolto in un gioco alla scoperta del prodotto, siamo stati premiati pochi mesi fa da Mediastars per la nostra attività di comunicazione innovativa”. Un riconoscimento che si è aggiunto all’Ethic Award di GDOWeek del 2011, alla menzione nell’ambito dello European Paper Recycling Award 2013 e a quello consistente già arrivato dal mercato, visto che oggi, a livello di gruppo, i prodotti Natural valgono 15 milioni di euro in termini di fatturato. In futuro, l’idea è di continuare a investire sui due marchi: “Stiamo lavorando per allargare la gamma e introdurre prodotti e formati diversi”.

E se il 75% del Tetra Pak viene recuperato e trasformato in tissue, anche l’altro 25%, costituito da plastica e alluminio viene riciclato: “Lo cediamo ad aziende che lavorano questi materiali in modo da chiudere il ciclo in una logica di massima sostenibilità”, continua Oriani. L’anno scorso sono stati utilizzati dalla società Rein di Venezia per la realizzazione di pali da ormeggio più resistenti, in sostituzione di quelli tradizionali in legno che hanno una vita più corta.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende