Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Lucart: con Natural la seconda vita del Tetra Pak:

Lucart: con Natural la seconda vita del Tetra Pak

novembre 6, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Sono stati la prima azienda italiana a ottenere il marchio Ecolabel, una delle prime a raggiungere le certificazioni FSC e PEFC e la prima del nostro Paese a riciclare la parte cellulosica del Tetra Pak per produrre tovaglioli, carta igienica e da cucina. Il Gruppo Lucart, nato in provincia di Lucca nel 1953, fa un bilancio di 60 anni di attività segnati dall’impegno per l’ambiente: una lunga timeline scandita dal lancio di linee di prodotti sostenibili.

La prima data significativa è il 1997, quando nasce Eco Lucart: tissue per il mercato professional e consumer realizzati con carta da macero. Nel 2005, il marchio per la grande distribuzione cambia nome e diventa Grazie, ma la sostanza è la stessa. Quello che porta però l’azienda ad essere veramente innovativa è l’idea nata tre anni dopo: “Lucart ha da sempre una forte vocazione ecologica. In quest’ottica, nel 2008 pensammo di iniziare a riciclare il Tetra Pak, una risorsa che fino a quel momento non veniva utilizzata per i prodotti tissue”, spiega Massimo Oriani, direttore Marketing del gruppo che conta sette stabilimenti, 1.400 dipendenti e un fatturato di 450 milioni di euro.

Il processo per passare dall’idea alla realtà è durato due anni e ha richiesto un investimento non da poco: “Gli investimenti a livello tecnico-produttivo per disaccoppiare la parte cellulosica, circa il 75% del Tetra Pak, da plastica e alluminio, pari al 25%, sono stati di circa 10 milioni di euro. Oggi abbiamo due impianti che producono questa tipologia di prodotti, uno a Diecimo, vicino a Lucca, e l’altro in Francia. Abbiamo dedicato particolare attenzione alla qualità: la nostra sfida era di offrire un prodotto green ma nello stesso tempo dalle performance eccellenti. Il consumatore italiano, d’altra parte, è sempre meno disposto ad acquistare carta tissue sostenibile, se poi risulta di qualità scadente”. Nel 2010 è stata lanciata sul mercato professional, quello cioè di locali pubblici, scuole, ristoranti, aeroporti, la linea Eco Natural: “Ha avuto da subito grande successo, gli esercizi pubblici sono sempre più sensibili alla sostenibilità”.

Visti i buoni risultati, nel 2011 i prodotti Natural, in formati diversi adatti agli utilizzi domestici sono arrivati anche nella grande distribuzione, con il marchio Grazie Natural e un forte investimento in comunicazione, necessario per spiegare come venivano prodotti e il perché del colore marroncino. “Trattandosi di tissue sostenibile, abbiamo deciso di non intervenire sul colore lasciandolo naturale. Si tratta di un prodotto innovativo, diverso anche dal punto di vista visivo: era necessario far capire a consumatori e clienti il motivo del colore e il processo di produzione. Grazie alle attività di promozione realizzate in 18 centri commerciali, durante le quali il consumatore veniva coinvolto in un gioco alla scoperta del prodotto, siamo stati premiati pochi mesi fa da Mediastars per la nostra attività di comunicazione innovativa”. Un riconoscimento che si è aggiunto all’Ethic Award di GDOWeek del 2011, alla menzione nell’ambito dello European Paper Recycling Award 2013 e a quello consistente già arrivato dal mercato, visto che oggi, a livello di gruppo, i prodotti Natural valgono 15 milioni di euro in termini di fatturato. In futuro, l’idea è di continuare a investire sui due marchi: “Stiamo lavorando per allargare la gamma e introdurre prodotti e formati diversi”.

E se il 75% del Tetra Pak viene recuperato e trasformato in tissue, anche l’altro 25%, costituito da plastica e alluminio viene riciclato: “Lo cediamo ad aziende che lavorano questi materiali in modo da chiudere il ciclo in una logica di massima sostenibilità”, continua Oriani. L’anno scorso sono stati utilizzati dalla società Rein di Venezia per la realizzazione di pali da ormeggio più resistenti, in sostituzione di quelli tradizionali in legno che hanno una vita più corta.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende