Home » Rubriche »Very Important Planet » “Luci dal profondo”: le performance subacquee di Antonio Ciacco e Natura Blu:

“Luci dal profondo”: le performance subacquee di Antonio Ciacco e Natura Blu

luglio 15, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Insegna tecniche di animazione digitale all’Accademia di Belle Arti di Brera, ma la sua vita è un’immersione continua. Il professor Antonio Ciacco svestiti i panni da docente s’infila la muta e diventa regista delle profondità progettando performances artistiche illuminotecniche in ambienti sottomarini. Mente e anima di “Luci dal Profondo”, il gruppo che valorizza le bellezze naturali subacquee, Ciacco ha curato l’ultimo progetto nel lago di fronte a Varenna, ma per il futuro punta al museo subacqueo di Lanzarote, quello di Cancún in Messico e il 9 settembre ha programmato all’Elba un curioso record del mondo: il numero maggiore di subacquei in acqua a comporre una coreografia illuminata.

D) Professore, iniziamo dal vostro ultimo lavoro collettivo, “Il Signore del Lago”. Lo ha definito “uno spettacolo emozionale continuo”, vogliamo saperne di più…

R) Con “Luci dal Profondo”, utilizzando la tecnologia di iWaveOcean, abbiamo dato luce a “Il Signore del Lago”, una statua bronzea restaurata da Roberto Pettinari e posta a 5 metri di profondità nel lago di fronte a Varenna. Il progetto, dell’associazione “Natura Blu”, ha permesso di far tornare all’antico splendore l’opera che ora è permanentemente illuminata. Era stata posizionata la prima volta nel 12 luglio 1998 durante la Festa del Lago, la manifestazione che rievoca gli eventi del 1169,quando  i comaschi alleati con Federico Barbarossa sbarcarono sull‘isola Comacina seminando distruzione e costringendo gli abitanti alla fuga.

D) Il vostro è un lavoro di svelamento, riportate alla luce il passato ospitato e celato nella natura?

R) D’abitudine i reperti si riportano alla luce,  noi facciamo un’operazione inversa: gli diamo luce. La nostra mission è illuminare le testimonianze del passato, per farle vedere sotto una luce nuova. Facciamo, per esempio, interventi sui relitti e li facciamo rivivere, merito della musica e della luce che mettono in risalto forme e colori, una ferraglia adagiata sul fondo si trasforma in uno spazio artistico. Il mondo sommerso è silenzioso, ricco di sorprese, ma solo pochi riescono a godere queste atmosfere, con le nostre performances permettiamo a tutti di conoscerle.

D) Suggestioni uniche, soprattutto in notturna?

R) Con l’oscurità tutto cambia, c’è più poesia ed è un emozione permettere, da una prospettiva diversa,  di far vedere a tutti questi tesori nascosti.  C’è un lato culturale, storico, artistico ma anche naturale con l’esplorazione e la documentazione dei cambiamenti biologici che si ammirano, per esempio, nei relitti dove si sono sviluppate forme di vita nuova.

D) Lavori a stretto contatto con la natura, ma ci sono impatti negativi delle vostre performances?

R) Assolutamente no perchè studiamo, analizziamo, calcoliamo ogni impatto delle nostre azioni. Nel gruppo abbiamo anche dei biologi che permettono di progettare gli interventi senza arrecare danni alla flora e alla fauna marina, c’è massima attenzione all’ambiente per evitare lo sconvolgimento dell’ecosistema. Il nostro lavoro ha ricadute ecologiche  positive.

D) In che senso professore?

R) Produciamo un indotto storico valorizzando le testimonianze del passato, ma pure ecologico perché diamo valore ai siti e così sensibilizziamo i cittadini. Le performances sono come le feste di paese con i fuochi di artificio, noi creiamo comunità stimolando le emozioni e rendono così prezioso il luogo dell’azione. Un approccio completamente diverso, per esempio, da coloro che esplorano il mare, vedono un’anfora e se la portano a casa…

D) Si può azzardare il paragone tra chi va a caccia e chi pratica il birdwatching?

R)  Noi produciamo emozioni, non si tocca nulla. Chi si porta l’anfora a casa o anche chi la sposta sta creando un danno gravissimo perché sta minando un percorso di studio dell’archeologo. Ho dei contatti con il museo subacqueo di Lanzarote e con quello di Cancúnin Messico dove ci sono centinaia di statue sommerse, il più grande al mondo, per progetti d’illuminazione in notturna. Infine il 9 settembre all’Isola d’Elba abbiamo in programma il tentativo di record del mondo con più subacquei a comporre una coreografia notturna illuminata. Questo è turismo sostenibile.

D) Ha una grande dimestichezza con le profondità marine, nota che sia cambiato qualcosa, in negativo o positivo,  negli  ultimi anni?

R) E’ un dato oggettivo che il Mediterraneo è più tropicale. Io noto un forte cambiamento della fauna, avverto però anche una maggiore sensibilità rispetto al passato quando, per esempio, si abbandonavano, addirittura, le batterie in mare! Paradossalmente è merito del turismo che fa diventare una risorsa economica il mare da vedere, in Egitto il business delle  immersioni ha fatto aumentare le norme di tutela per difendere il capitale naturale.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende