Home » Rubriche »Very Important Planet » “Luci dal profondo”: le performance subacquee di Antonio Ciacco e Natura Blu:

“Luci dal profondo”: le performance subacquee di Antonio Ciacco e Natura Blu

luglio 15, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Insegna tecniche di animazione digitale all’Accademia di Belle Arti di Brera, ma la sua vita è un’immersione continua. Il professor Antonio Ciacco svestiti i panni da docente s’infila la muta e diventa regista delle profondità progettando performances artistiche illuminotecniche in ambienti sottomarini. Mente e anima di “Luci dal Profondo”, il gruppo che valorizza le bellezze naturali subacquee, Ciacco ha curato l’ultimo progetto nel lago di fronte a Varenna, ma per il futuro punta al museo subacqueo di Lanzarote, quello di Cancún in Messico e il 9 settembre ha programmato all’Elba un curioso record del mondo: il numero maggiore di subacquei in acqua a comporre una coreografia illuminata.

D) Professore, iniziamo dal vostro ultimo lavoro collettivo, “Il Signore del Lago”. Lo ha definito “uno spettacolo emozionale continuo”, vogliamo saperne di più…

R) Con “Luci dal Profondo”, utilizzando la tecnologia di iWaveOcean, abbiamo dato luce a “Il Signore del Lago”, una statua bronzea restaurata da Roberto Pettinari e posta a 5 metri di profondità nel lago di fronte a Varenna. Il progetto, dell’associazione “Natura Blu”, ha permesso di far tornare all’antico splendore l’opera che ora è permanentemente illuminata. Era stata posizionata la prima volta nel 12 luglio 1998 durante la Festa del Lago, la manifestazione che rievoca gli eventi del 1169,quando  i comaschi alleati con Federico Barbarossa sbarcarono sull‘isola Comacina seminando distruzione e costringendo gli abitanti alla fuga.

D) Il vostro è un lavoro di svelamento, riportate alla luce il passato ospitato e celato nella natura?

R) D’abitudine i reperti si riportano alla luce,  noi facciamo un’operazione inversa: gli diamo luce. La nostra mission è illuminare le testimonianze del passato, per farle vedere sotto una luce nuova. Facciamo, per esempio, interventi sui relitti e li facciamo rivivere, merito della musica e della luce che mettono in risalto forme e colori, una ferraglia adagiata sul fondo si trasforma in uno spazio artistico. Il mondo sommerso è silenzioso, ricco di sorprese, ma solo pochi riescono a godere queste atmosfere, con le nostre performances permettiamo a tutti di conoscerle.

D) Suggestioni uniche, soprattutto in notturna?

R) Con l’oscurità tutto cambia, c’è più poesia ed è un emozione permettere, da una prospettiva diversa,  di far vedere a tutti questi tesori nascosti.  C’è un lato culturale, storico, artistico ma anche naturale con l’esplorazione e la documentazione dei cambiamenti biologici che si ammirano, per esempio, nei relitti dove si sono sviluppate forme di vita nuova.

D) Lavori a stretto contatto con la natura, ma ci sono impatti negativi delle vostre performances?

R) Assolutamente no perchè studiamo, analizziamo, calcoliamo ogni impatto delle nostre azioni. Nel gruppo abbiamo anche dei biologi che permettono di progettare gli interventi senza arrecare danni alla flora e alla fauna marina, c’è massima attenzione all’ambiente per evitare lo sconvolgimento dell’ecosistema. Il nostro lavoro ha ricadute ecologiche  positive.

D) In che senso professore?

R) Produciamo un indotto storico valorizzando le testimonianze del passato, ma pure ecologico perché diamo valore ai siti e così sensibilizziamo i cittadini. Le performances sono come le feste di paese con i fuochi di artificio, noi creiamo comunità stimolando le emozioni e rendono così prezioso il luogo dell’azione. Un approccio completamente diverso, per esempio, da coloro che esplorano il mare, vedono un’anfora e se la portano a casa…

D) Si può azzardare il paragone tra chi va a caccia e chi pratica il birdwatching?

R)  Noi produciamo emozioni, non si tocca nulla. Chi si porta l’anfora a casa o anche chi la sposta sta creando un danno gravissimo perché sta minando un percorso di studio dell’archeologo. Ho dei contatti con il museo subacqueo di Lanzarote e con quello di Cancúnin Messico dove ci sono centinaia di statue sommerse, il più grande al mondo, per progetti d’illuminazione in notturna. Infine il 9 settembre all’Isola d’Elba abbiamo in programma il tentativo di record del mondo con più subacquei a comporre una coreografia notturna illuminata. Questo è turismo sostenibile.

D) Ha una grande dimestichezza con le profondità marine, nota che sia cambiato qualcosa, in negativo o positivo,  negli  ultimi anni?

R) E’ un dato oggettivo che il Mediterraneo è più tropicale. Io noto un forte cambiamento della fauna, avverto però anche una maggiore sensibilità rispetto al passato quando, per esempio, si abbandonavano, addirittura, le batterie in mare! Paradossalmente è merito del turismo che fa diventare una risorsa economica il mare da vedere, in Egitto il business delle  immersioni ha fatto aumentare le norme di tutela per difendere il capitale naturale.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

“Green Grain”: al parco CollinaPo di Torino un meeting e una mostra tra ecologia e design

ottobre 12, 2017

“Green Grain”: al parco CollinaPo di Torino un meeting e una mostra tra ecologia e design

GREEN GRAIN, è un meeting interdisciplinare dedicato alle buone pratiche ambientali ed ecologiche, in programma oggi nella sede del Parco CollinaPo a Cascina Le Vallere, e inserito nel calendario City of Design della Città di Torino, nell’ambito del World Design Congress WDO 2017. L’appuntamento intende proporre un confronto le realtà pubbliche del comprensorio metropolitano torinese “Riserva di [...]

“Immondezza”, presentato a Milano il nuovo documentario di Mimmo Calopresti

ottobre 9, 2017

“Immondezza”, presentato a Milano il nuovo documentario di Mimmo Calopresti

Ci sono tanti modi per raccontare il Sud Italia, le sue bellezze, le sue risorse ma anche le difficoltà e le tante sfide quotidiane. Il regista Mimmo Calopresti ha deciso di farlo partendo, questa volta, da una prospettiva ambientale. Così è nato “Immondezza“, il nuovo documentario dell’autore calabrese di “Preferisco il rumore del mare”, che [...]

Coordinamento Agenda 21: gli enti locali chiedono concretezza e focus sulle città

ottobre 6, 2017

Coordinamento Agenda 21: gli enti locali chiedono concretezza e focus sulle città

«La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile è una tappa importante per l’Italia, ma alla fine la declinazione concreta poi si fa sui territori e nelle nostre città: è qui che ogni giorno siamo impegnati a disegnare politiche pubbliche che contemplino gli obiettivi di Agenda 2030 e a sviluppare con fatica azioni e progettualità che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende