Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Luciano Riberi, la calce e la canapa: ritorno agli elementi essenziali dell’edilizia:

Luciano Riberi, la calce e la canapa: ritorno agli elementi essenziali dell’edilizia

novembre 25, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Luciano Riberi, artigiano edile della Valle Grana, in Piemonte, è un veterano e pluripremiato di Restructura, la fiera dedicata alla riqualificazione e ristrutturazione che aprirà domani a Torino. Oltre al riconoscimento dell’”eccellenza artigiana” attribuito dalla Regione, ogni anno porta a casa una targhetta-premio di CNA, per le sue realizzazioni con i materiali “primordiali” dell’edilizia – come calce e argilla – ma anche con quelli del “ritorno al futuro”, come la canapa. Troppi premi, quasi un imbarazzo per un valligiano schivo come lui, monumento al detto piemontese “esageruma nen!”.

Fondatore di Calcinia, Riberi inizia la sua attività di restauratore 28 anni fa, animato da una profonda attrazione per la “materia“, che resterà la sua passione. In particolare i materiali antichi, quelli che si usano da sempre per costruire, quando tutta l’edilizia era bioedilizia – prima cioè del periodo “industriale”, che ha sconvolto i giochi e confuso le menti e le conoscenze degli artigiani. “Mi piacciono i materiali semplici e schietti“, ci confessa. La calce naturale, in particolare, è “il legante universale che a seconda dell’uso e del fine è in grado di rispondere a tutte le esigenze di un edificio, dai pavimenti, alle pareti.”. E poi c’è il legno. Ma, da alcuni anni, c’è un altro materiale incredibile che lo appassiona: la canapa. Con questi tre materiali, ci spiega, si può praticamente fare tutto e ricostruire filiere locali che coinvolgano l’agricoltura, la manifattura, l’edilizia, generando ricchezza e aiutando a mantenere occupazione e competenze sul territorio – soprattutto quello montano, che ha patito pesantemente la crisi.

Al mondo della canapa, “ancora tutto da esplorare”, ha voluto dedicare nei giorni scorsi, un convegno (la “Fera ‘dla Caona“, come la chiamano da queste parti) a Monterosso Grana, nella sua valle, dove ha fatto arrivare, da diverse regioni d’Italia, esperti dei possibili impieghi della canapa, da quello alimentare a quello ingegneristico e farmaceutico. “Abbiamo riscoperto un materiale che usavamo fino agli anni ’50 e ora si sta tornando a studiare nelle sue infinite e stupefacenti applicazioni“. La canapa è effettivamente incredibile: curativa e salutare (pare riesca a curare malattie altrimenti incurabili, come l’epilessia), “ha equilibri interni che ricordano il corpo umano”, racconta Riberi, “e quindi è fantastico usarla negli edifici, per la sua compatibilità”. Al convegno di Montereosso un giovane ingegnere siciliano porta anche l’esperienza di come usare il “filo di canapa” per le stampanti 3D e i biopolimeri, che potrebbero sostituire i materiali di sintesi nelle guaine per i fili elettrici. Quando si dice tradizione e innovazione…

Riberi si è dato oggi una nuova missione: far diventare la Valle Grana (“già valle bio da vent’anni”) un laboratorio di studio e coltivazione della canapa. Del resto c’erano già tracce di un utilizzo nel passato, come si può vedere dai macchinari rudimentali, per separare il canapulo dalla fibra – con la forza dell’acqua – nel Museo Etnografico di Sancto Lucio de Coumboscuro. Va ricostruita dunque una memoria storica perduta e va innestata nel solco della ricerca e dell’innovazione contemporanee.

Riberi e i suoi compagni di avventura (principalmente agricoltori della valle), nel 2015 hanno iniziato con la semina di un ettaro di canapa sativa con i semi acquistati dall’Assocanapa di Carmagnola. “La cosa più importante per il momento – conclude Riberi – è che delle persone si siano messe insieme e abbiano creduto in un progetto comune”. Nel frattempo già altri agricoltori vorrebbero unirsi, perché i vantaggi di questa coltivazione sono molteplici, a partire dall’arricchimento e dalla fertilizzazione naturale dei terreni, che dopo un solo anno di coltivazione, si arricchiscono e migliorano la produttività. E poi si può vendere il seme (150 euro/quintale) e, ancora, la paglia (15 euro/quintale). Un’economia circolare dove tutti vincono, uomo e ambiente.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende