Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’UE e l’eterno ritorno dell’uguale. Verso la Conferenza sul Clima di Lima con tante parole e pochi fatti:

L’UE e l’eterno ritorno dell’uguale. Verso la Conferenza sul Clima di Lima con tante parole e pochi fatti

novembre 3, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Anche per la settimana appena trascorsa il focus dell’agenda politica europea non si è spostato dai temi ambientali. Se il “dovere di cronaca” ci impone di raccontarla, questa settimana ci troveremo, però, a narrare qualcosa già visto: tante, tantissime parole sull’efficienza, sugli sprechi e sul clima, ma ancora zero fatti, per il momento, all’orizzonte.

Martedì il Lussemburgo ha ospitato il Consiglio Ambiente. I ministri dei 28 Stati Membri hanno preso in esame la questione rifiuti e il modo per migliorarne la gestione delle differenti tipologie in Europa, con impegni vincolanti che dovrebbero andare ad aggiornare la Direttiva già esistente. L’obiettivo è proteggere la qualità dell’ambiente ed assicurare un uso prudente e razionale delle risorse naturali.

Visto che – i Ministri sono concordi - se in Europa si vuole puntare ad un’economia circolare la produzione attuale non può più essere sostenibile: non tutela l’ambiente ed è dispendiosa. Per questo motivo occorre una revisione della Direttiva attuale che riduca la quantità di rifiuti che vanno in discarica e ne invii di più verso il riciclo. Tutti d’accordo poi sulla necessità di tagliare gli sprechi di cibo.

Il Consiglio Ambiente ha poi valutato il grado di attuazione della Strategia Europa 2020 auspicando, nelle Conclusioni, l’introduzione di un target indicativo per quanto riguarda l’uso efficiente delle risorse da inserire nella Strategia. Anche se demandano la proposta alla Commissione Europea, gli Stati considerano, tuttavia, questa misura “uno stimolo” affinché le politiche europee e nazionali sfruttino l’enorme potenziale che l’economia verde può offrire in termini di crescita e lavoro.

I Ministri hanno, inoltre, adottato alcune Conclusioni riguardanti le politiche green del semestre europeo. Sostenendo un cambio di governance. Le decisioni non devono essere prese cioè solo su base economica, ma anche sulla base del fattore ambientale. L’ambiente diventa determinante per la strategia di crescita, competitività e occupazione dell’Europa. Un principio di per sé rivoluzionario – a patto che venga realmente applicato!

Altro punto in agenda è stata l’adozione della posizione UE in vista della Conferenza ONU sul Clima di Lima, in Perù, che avrà luogo dal 1° al 12 dicembre. Il Consiglio ha conferito il mandato negoziale al Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, come Presidente di turno dell’Unione Europea. Galletti che, proprio in vista di Lima, si è poi recato in Cina, dove a sua volta ha incontrato il negoziatore della conferenza ONU presentando i target approvati la scorsa settimana riguardanti il Pacchetto Clima Energia 2030. Pacchetto di cui si è discusso anche in Lussemburgo e che continua ad essere criticato dalle associazione ambientaliste di tutta Europa per il poco coraggio che i leader del Vecchio Continente hanno avuto nel definire gli obiettivi. Obiettivi che se non saranno rivisti al rialzo dal Parlamento UE (che ha già dichiarato che combatterà in questa direzione), saranno gli stessi con i quali l’Unione Europea si presenterà al tavolo delle trattative della Conferenza sul Clima di Parigi del 2015, nella quale si deciderà un nuovo accordo internazionale sui cambiamenti climatici.

Alla posizione negoziale dell’UE, inoltre, contribuirà, oltre all’accordo su Clima ed Energia 2030, anche il dibattito pubblico avviato dalla Commissione nel marzo 2013, tramite una consultazione relativa proprio alla progettazione dell’accordo globale di Parigi. La missione sarà riunire l’attuale mosaico di disposizioni vincolanti e non vincolanti ai sensi della Convenzione ONU sul clima in un unico regime completo. Alcuni elementi di un progetto di testo negoziale dovranno essere già pronti per la conferenza di Lima di dicembre per far sì che un testo completo di negoziazione sia disponibile prima di maggio 2015. In modo da esaminare tutti i contributi e, se necessario, rivederli, per assicurare che complessivamente gli sforzi dei singoli Paesi siano sufficienti a garantire, nel complesso, che il riscaldamento globale rimanga al di sotto dei 2°C. Ecco quindi spiegata l’importanza dell’appuntamento in Perù – che tuttavia già si preannuncia interlocutorio e non decisivo.

Nel frattempo, mentre i tempi della politica si dilatano oltremodo, il documento finale sul riscaldamento globale approvato dall’IPCC (il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico) è stato presentato ieri a Copenaghen. Risultato già noto ma ribadito con enfasi e abbondanza di prove scientifiche: il cambiamento climatico esiste, ed è quasi completamente (95%) di origine antropica, ovvero causato dall’uomo. L’unico modo per limitarne l’impatto è eliminare le emissioni di gas serra dovute alla combustione di carboni fossili e fermare la deforestazione. Nessuna giustificazione nemmeno per quanto riguarda la discussione sui mezzi da adottare contro questo fenomeno: secondo gli scienziati IPCC i mezzi già esistono e sono noti, devono solo essere messi in pratica. Nel rapporto si fa riferimento, a questo proposito, all’abbandono della dipendenza dal petrolio, dal carbone e dal gas attraverso soluzioni che non bloccano di certo lo sviluppo umano né economico. Basterebbe iniziare a stoppare la propaganda delle lobby eccessivamente interessate a sostenere il contrario.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende