Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’UE prepara il nuovo Programma di Azione per l’Ambiente:

L’UE prepara il nuovo Programma di Azione per l’Ambiente

giugno 18, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

Quella conclusasi ieri può essere definita una lunga settimana europea dedicata, tra i vari problemi della crisi economica che hanno conquistato le prime pagine dei giornali, anche alle tematiche ambientali ed energetiche.

I lavori sono iniziati lo scorso 11 giugno con il Consiglio Europeo sull’Ambiente di Lussemburgo, dove i ministri dei Paesi membri dell’UE hanno adottato – un po’ in sordina – le linee guida per il Settimo Programma di Azione per l’Ambiente. Tra meno di un mese, infatti, scade la validità del Sesto Programma, ed è quindi urgente intervenire con un nuovo progetto che, per i prossimi dieci anni, stabilisca gli obiettivi generali e le strategie di lungo periodo per le questioni ambientali dell’UE. I Ministri hanno stabilito, per ora, quattro elementi fondanti per le future azioni ambientali europee: l’uso efficiente delle risorse e dei consumi, insieme a politiche intelligenti sul problema “rifiuti”; la necessità di progressi nell’ambito delle politiche climatiche dell’UE; nuove iniziative a sostegno della strategia sulla biodiversità; e, infine, la definizione di strumenti e strategie per l’implementazione della legislazione ambientale.

Altrettanto significativo è stato l’accordo raggiunto, sempre a Lussemburgo lo scorso 12 giugno, durante il Consiglio sulla Pesca, dove i ministri competenti – per l’Italia Mario Catania - hanno raggiunto, dopo oltre 18 ore di negoziati non stop, un accordo su un “approccio comune” che getta le basi per definire una nuova politica della pesca in Europa, che sarà negoziata, nei prossimi mesi, in co-decisione con il Parlamento Europeo. In particolare, il ministro Catania si è detto “molto soddisfatto, in quanto l’accordo è molto positivo per l’Italia che ha ottenuto tutto quello che aveva richiesto, al di là delle migliori aspettative”. Il nostro Paese chiedeva una maggiore precisione giuridica riguardo al divieto di rigettare in mare il pescato che non può essere venduto; la coesistenza sia dei piani di gestione nazionali che di quelli pluriennali di competenza dell’Unione (perché, come ha dichiarato il Ministro, “ ci teniamo ad avere una nostra capacità di decisione sulle nostre acque, regolando in questo modo tutta una serie di elementi tecnici”); e una base giuridica per un sistema di etichettatura più trasparente, che evidenzi l’origine e la tracciabilità del pescato.

Tutti risultati positivi? Nonostante la soddisfazione del ministro Catania, dello stesso avviso non è Marco Costantini, responsabile mare e pesca del WWF Italia, che ha dichiarato: “il Consiglio sembra concentrato a spingere il Parlamento Europeo verso un accordo affrettato e una riforma raffazzonata. Ci appelliamo ai membri del Parlamento Europeo perchè continuino a lavorare per una pesca sostenibile e una riforma ambiziosa. Piccoli cambiamenti superficiali da soli non salveranno nè i pesci nè i pescatori europei dal collasso”. Un po’ come dire che, per l’ennesima volta, l’Italia ha guardato il piccolo interesse del cortile di casa invece che sostenere una politica realmente lungimirante.

Più efficace e’ stato invece l’accordo raggiunto nella notte del 14 giugno dai rappresentanti dell’Europarlamento, del Consiglio e della Commissione (il cosiddetto “trilogo”) e avallato il giorno seguente dai rappresentanti dei 27 Paesi membri nella riunione del Coreper. Si tratta dell’accordo relativo alla Direttiva sull’efficienza energetica, che ora deve essere approvato da Parlamento Europeo e Consiglio. I Paesi membri, pur resi cauti dalla crisi, hanno accettato di attuare misure che portino al risparmio energetico rinnovando ogni anno il 3% degli edifici pubblici e di stabilire obblighi per le imprese di energia che portino a un risparmio dell’1,5% di energia ogni anno. Ad esempio attraverso l’installazione dei “contatori intelligenti”. Quest’ultima disposizione, in particolare, contribuirà per oltre il 50% al raggiungimento dell’obiettivo del 20% entro il 2020.

Non sono tuttavia previsti, nemmeno in questo caso, obiettivi vincolanti per i singoli Stati membri, che dovranno però applicare in modo più rigoroso le misure necessarie per arrivare a maggiori risparmi da parte di produttori, distributori e consumatori (famiglie e imprese). Inoltre, l’accordo prevede una clausola di revisione che permetterà di monitorare i progressi che gli Stati membri faranno e, se necessario, intervenire entro il 2016 per raggiungere gli obiettivi. Si tratta di un accordo molto importante, dal momento che, come ha dichiarato anche l’eurodeputata Amalia Sartori, presidente della Commissione Industria, Ricerca ed Energia presso il Parlamento Europeo, “anche il terzo pilastro della strategia europea per raggiungere gli obiettivi energetici al 2020 è stato adottato: ora l’Europa ha una tabella di marcia che permetterà l’applicazione di misure che contribuiranno in maniera sostanziale a rendere più efficiente l’utilizzo dell’energia da parte degli Stati Membri”.

L’accordo è arrivato, per altro, alla vigilia della Settimana Europea dell’Energia Sostenibile (EUSEW 2012), che, dal 18 al 22 giugno, vedrà  l’energia rinnovabile protagonista in quasi 40 Paesi. L’evento, a partire dal 2006, si è confermato ogni anno come la più importante “vetrina delle attività dedicate all’efficienza energetica e alle soluzioni di energia rinnovabili”, e vedrà il coinvolgimento di più di 30.000 partecipanti che discuteranno di efficienza energetica e di fonti rinnovabili. Il programma, definito dall’Agenzia Europea per la Competitività e l’Innovazione, in collaborazione con la Direzione Generale Energia della Commissione Europea, prevede un fitto calendario di eventi collaterali (mostre, concerti, conferenze, workshop, visite gratuite, seminari, campagne mediatiche, ecc.), tutti incentrati sull’incentivazione dell’utilizzo e della diffusione delle fonti di energia rinnovabile. Inoltre, nell’ambito del programma “Eusew 2012”, le città che hanno aderito al Patto dei Sindaci potranno avere il proprio “Energy Day”, mentre la Commissione Europea ha organizzato, nella sede di Bruxelles, una conferenza sul tema dell’energia rinnovabile e l’eco-sostenibilità, durante tre giornate, dal 19 al 21 giugno. Nella speranza che l’eco arrivi a Rio+20 e che non ci si limiti solo alle parole.

Donatella Scatamacchia

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende