Home » Bollettino Europa »Rubriche » L’UE punta sull’energia oceanica. Sperando di non fare un buco nell’acqua:

L’UE punta sull’energia oceanica. Sperando di non fare un buco nell’acqua

febbraio 15, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Ricordate il nuovo pacchetto clima-energia approvato dall’Unione Europea poche settimane fa? Prevede una riduzione del 40% della CO2 e una quota di rinnovabili fissata al 27% entro il 2030. Un aiuto al raggiungimento di questi obiettivi potrebbe arrivare dagli oceani. Secondo quanto contenuto nel “Piano d’azione a sostegno dell’energia blu” appena presentato dai commissari europei Maria Damanaki (Affari Marittimi e Pesca) e Guenther Oettinger (Energia) le acque salate potrebbero, infatti, potenzialmente soddisfare il 78% del consumo energetico europeo entro la data fissata da Bruxelles, aumentando così la sicurezza di approvvigionamento dell’Europa. Senza contare che la nuova fonte avrebbe un grande potenziale anche in termini occupazionali: 40mila nuovi posti di lavoro entro il 2035, in particolare nelle zone costiere spesso caratterizzate da elevati tassi di disoccupazione. In termini economici stiamo parlando di un mercato del valore di 535 miliardi di Euro.

Il settore, tuttavia, è ancora poco esplorato. Per questo motivo la Commissione Europea parallelamente al Piano per lo sfruttamento dell’energia oceanica, ha pensato di creare un Forum che coinvolga diversi attori, dalle autorità statali e regionali, all’industria fino alle organizzazioni ambientali. Questi diversi soggetti dovranno, insieme, redigere una roadmap che dia impulso a questo tipo di energia e ne promuova lo sviluppo principalmente tecnologico e scientifico per sfruttare tutte le potenzialità di questa risorsa naturale, nonché la sinergia con altri settori delle fonti pulite legate agli oceani come, per esempio, l’energia eolica off-shore.

Ma come si può estrarre energia dal mare? Principalmente utilizzando l’acqua come forza motrice o sfruttando il suo potenziale chimico o termico. In particolare possono essere individuate sei fonti diverse. 1) Le onde: energia cinetica trasferita dal vento alla superficie degli oceani. 2) Le maree: energia potenziale derivata dall’attrazione gravitazionale luni-solare degli oceani. 3) Le correnti di marea: energia cinetica delle correnti marine derivate dall’innalzamento e abbassamento della colonna d’acqua a causa delle maree. 4) Le correnti marine: energia cinetica delle correnti dovute alla differenza di densità tra masse d’acqua o al vento superficiale. 5) I gradienti di temperatura: energia termica derivata dalla differenza di temperatura tra gli strati superficiali degli oceani riscaldati direttamente dal sole e gli strati profondi più freddi. 6) I gradienti di salinità: energia osmotica derivata dalla differenza di salinità tra gli oceani e l’acqua dolce presente alla foce dei fiumi. Ognuna di queste diverse fonti richiede poi una specifica tecnologia per la conversione in energia elettrica.

Il Forum sarà organizzato secondo tre linee di intervento: Tecnologia e risorse, Questioni amministrative e Finanziamento e Ambiente proprio perché il settore oggi incontra ancora numerosi ostacoli da superare. Costi elevati, difficoltà nell’accesso ai finanziamenti, barriere amministrative legate a complesse procedure di autorizzazione e di licenza, questioni relative all’impatto ambientale sugli ecosistemi marini e problemi infrastrutturali, tra cui il collegamento alla rete o l’accesso ad adeguate strutture portuali e a navi specializzate. Questioni non da sottovalutare che spingono gli scettici ad affermare che, nonostante il suo incontestabile potenziale, questo nuovo promettente settore potrebbe non riuscire a produrre benefici significativi in termini economici e ambientali e divenire competitivo rispetto ad altri metodi di produzione di energia elettrica.

A smorzare questo pessimismo ci pensa un progetto italiano. Enel Green Power e 40 South Energy hanno infatti siglato un accordo di collaborazione, nel 2012, per installare e gestire un generatore elettrico da onde marine – l’R115 – che punta a diventare il primo dispositivo internazionale a produrre energia pulita sfruttando il moto ondoso. Immaginate una medusa ad una profondità di 25 metri che si muove insieme al mare, e proprio da questo movimento viene prodotta energia. Il dispositivo verrà posto, in primavera, in un’area antistante l’isola d’Elba, e collegato alla rete elettrica con una capacità di circa 150 kW. Secondo le stime compiute dalle due aziende coinvolte, il generatore potrà essere in grado di produrre 220 mila kWh annui, sufficienti a soddisfare il fabbisogno energetico di oltre 80 famiglie. Il progetto è in fase di test avanzato (la prima fase l’avevamo raccontata qui) e si possono già identificare alcuni significativi vantaggi nell’utilizzo di questa tecnologia. La manutenzione è limitata e effettuabile direttamente dalla superficie, gode di un sistema di “autoaffondamento” per evitare l’impatto con le imbarcazioni, inoltre, lo spazio occupato dal generatore è relativamente ridotto rispetto a quanto accade per lo sfruttamento di energia eolica o solare. La partnership con Enel Green Power è cominciata nel 2012, mentre il progetto è partito otto anni fa, ma gli sviluppatori non intendono fermarsi qui. È prevista, infatti, l’installazione di nuovi generatori nel Mediterraneo e nelle acque oceaniche. Senza contare l’enorme potenziale in un Paese come l’Italia caratterizzato da ben 8.000 Km di coste.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende