Home » Rubriche »Very Important Planet » “L’unica natura che mi interessa è nell’arte”. L’ecoscetticismo di Luca Beatrice:

“L’unica natura che mi interessa è nell’arte”. L’ecoscetticismo di Luca Beatrice

dicembre 2, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Indifferente convinto, come non ci capitava da tempo. “L’unica natura che mi interessa la racconta l’arte”. Va al mare solo se deve, al parco poco e con ritrosia. E’più che altro un ricordo di tanti anni fa, quando era costretto ad accompagnare i figli in bicicletta. Luca Beatrice, critico d’arte, già curatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia, presidente del Circolo dei Lettori di Torino, ha giudizi categorici, piuttosto inconsueti, sulle questioni ambientali: “Non sono la persona giusta per parlare di ambiente”. A meno che non sia il soggetto di un quadro, di una scultura o di un’installazione. Riuscirà la nostra rubrica a spingerlo alla “redenzione”?

D) Luca, pur essendo “eco-scettico” anche lei, come tutti, si deve necessariamente confrontare con alcuni temi ambientali: l’inquinamento, la qualità dell’aria ecc. Come li vive da cittadino?

R) Ho scelto di vivere in una metropoli, Torino, che per piccola che sia comporta necessariamente degli svantaggi, tra cui l’inquinamento. E’ il prezzo che devi pagare se vuoi godere dei mezzi, della velocità, della modernità. Non si può pensare di trasformare le città in oasi di campagna.

D) Però si dovrà pur fare qualcosa per tutelare la salute degli abitanti di città, non crede? Torino continua ad essere maglia nera per concentrazioni di polveri sottili…

R) Sì, d’accordo. Ma non penso che stia a me rinunciare alle comodità metropolitane in nome di una presunta crociata nei confronti della qualità dell’aria. Ad esempio, io sono amante dell’oggetto moto e dell’oggetto auto. E a queste non rinuncio.

D) Che modello di automobile e di moto possiede, se non siamo indiscreti? Ho il sospetto che siano più “sportive”, che ecologiche…

R) Una Mini Station Wagon e una Harley Davidson. Le curo e le guardo come si fa con una bella donna, sono oggetti pieni di sensualità. E’ secondario che siano mezzi di trasporto, anche perché, quando mi devo spostare, scelgo sempre la convenienza in termini di tempo e di costo: a Milano e a Roma vado spesso in treno. Per raggiungere lo studio o il luogo di lavoro uso la metro.

D) Ecologista suo malgrado, per comodità, si potrebbe dire. Ma fuori dalla metropoli, qual è il suo ambiente naturale preferito?

R) Togliermi dalla città è sempre un trauma. Comunque, se devo proprio scegliere, preferibilmente il mare. Mi affascinano le città sulla costa, non certo le isolette deserte. Ho bisogno di stare in un luogo che abbia vicino almeno l’ospedale, il giornalaio, il tabaccaio e un buon ristorante.

D) Pratica qualche sport?

R) No, però sono molto tifoso di calcio. Juventino di razza.

D) Arte e paesaggio sono stati, per secoli, specchio l’una dell’altro. Nell’universo artistico di oggi la natura è ancora un tema di riferimento?

R) Certo, anche se nel 2011 sarebbe impensabile e ingenuo ricreare movimenti ispirati all’Arcadia. Non è più quella l’urgenza del nostro tempo, l’arte viaggia ormai su altri binari. Contrariamente a quanto si pensa, il concetto di natura perturbante che ha ispirato il romanticismo è tornato in qualche maniera a influenzare il lavoro degli artisti. Per restare in tema, l’ambientalismo, l’ecologismo sono temi che vanno molto di moda nell’arte, solleticano le coscienze, sensibilizzano. L’arte come il cinema può affrontare questioni delicate, proprio perché non ha la necessità di dimostrare nulla. Viaggia sui binari dell’utopia e si limita a lanciare suggestioni, per quanto forti.

D) Ci fa qualche esempio di artisti che lavorano su questi argomenti?

R) Cyprian Gaillard, il filosofo francese Paul Virilio ha curato di recente un progetto alla Fondation Cartier di Parigi, Olafur Elliasson crea paesaggi potentemente evocativi. Sono i primi che mi vengono in mente.

D) Magari un giorno la persuaderanno a diventare un ambientalista convinto… Ma oggi, nel quotidiano, qual è il suo impegno nelle piccole cose di casa, ad esempio la raccolta differenziata o il risparmio dell’acqua?

R) Mi paragono tranquillamente a quel personaggio di Mai dire gol, Carcarlo Pravettoni, l’imprenditore e politico candidato nella lista dell’Asfalto che Ride. La differenziata non la faccio. Sotto la doccia è così bello stare a lungo con i rubinetti scroscianti, temperatura bollente d’inverno, fresca d’estate. Sarò impopolare dopo questa intervista, ma almeno sono sincero…

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende