Home » Campioni d'Italia »Rubriche » L’utopia concreta di Favara, il comune siciliano che non smette di rinascere:

L’utopia concreta di Favara, il comune siciliano che non smette di rinascere

luglio 11, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Una società per azioni buone con i cittadini che investe in politiche abitative, educazione e qualità della vita investendo i loro risparmi nel benessere della propria città. Un sogno, un ‘utopia, ma pensata e proposta da chi ha già realizzato un grande progetto: Farm Cultural Park a Favara, in provincia di Agrigento, in Sicilia. Un dispositivo culturale che ha creato economia vera, parlano i numeri: 120 mila visitatori, 20 milioni di euro  investiti in 7 anni durante i quali sono stati creati 150 posti di lavoro stabili.

Questi dati fanno felici Andrea Bartoli e Florinda Saiva, fondatori di Farm Cultural Park, che dopo aver reso vivo e fertile il centro di Favara vogliono estendere la loro filosofia di cittadinanza attiva oltre il turismo e la cultura – che vanno bene, benissimo, ma come ci dice Bartoli: “Non bastano“.

Tutto è possibile ci ripete spesso il fondatore, non solo perché l’esperienza è fiorita bene a Favara, ma perché questa coppia nutre fiducia nell’uomo. “Abbiamo inaugurato nei giorni scorsi la mostra fotografica dedicata a Detroit, un paradigma urbano di caduta e  rigenerazione. Sono stato nei mesi scorsi ospite del Dipartimento di Stato americano e ho visto una città grande come Parigi che per nove/decimi è in abbandono, eppure nel centro qualcosa si muove, sta ripartendo“. Segni di resilienza dopo la crisi più dura del secolo, peggio della peste. E questo racconto (per immagini) di resistenza umana arriva a Favara perché pur se i numeri danno ragione al successo di Farm Cultural Park, resta ancora molto da fare in questo borgo ricchissimo di appuntamenti culturali e vitalità artistica.

Alla domanda su quale sia stato il maggiore ostacolo visto e vissuto in questi anni, la risposta non è scontata. Non si parla di soldi, ma di “diffidenza“. “Il consenso è arrivato dai media, dai critici; solo dopo i cittadini hanno capito che era un modello utile. A Favara legittimamente, ripeto legittimamente, non si capisce bene”. Passi avanti, comunque, ne sono stati fatti tanti, sia con la fiducia conquistata tra i locali che con la sempre maggiore attenzione del mondo. “Il console degli Stati Uniti è venuta ben 4 volte a Favara in un anno”. Se questo non è un riconoscimento…

“Se siamo riusciti a Favara – rilancia Bartoli – perché non si può provare a Gela o in tante altre parti del mondo?”. Alla base sempre il coinvolgimento dei cittadini. “Nonostante la crisi ci sono tanti soldi in banca. A Favara i depositi ammontano a 500 milioni, se ne  investiamo 50 sulla città si possono fare cose incredibili”. Investimenti economici che aumentano lattrattività del borgo: “In questo modo è possibile far arrivare nuovi cittadini e si superano i problemi demografici;  nel 2050 potremmo arrivare a 50mila abitanti”.

Un vero e proprio sistema basato sul protagonismo attivo dei cittadini che hanno cura dei loro spazi che rendono belli, sostenibili e non inquinanti. Basta crederci e lavorarci: “Noi non siamo coraggiosi, sarebbe, al contrario, essere folli a non fare le cose che abbiamo fatto” ovvero puntare sulla cultura e la creatività per creare qualità della vita, che significa pure posti di lavoro stabili. La chiamano anche “economia arancione” e riesce a creare economia pulita.

D’obbligo, a questo punto, una visita a Favara per tutti coloro che hanno a cuore i “modelli alternativi” di riqualificazione dell’esistente. Quest’estate, come sempre, il menù è vario. Della mostra su Detroit abbiamo già detto, da scoprire il Nano Festival in collaborazione con Scenario Pubblico, dove tutto è in una dimensione minima, in cui danzatori organizzano nano performance per nano esperienze. Poi il Farm Film Festival: più di 500 documentari arrivati da 49 paesi del mondo. Il tema è “Fai qualcosa, dati una mossa”, sono  documentari di cittadinanza attiva. Quella seminata e coltivata a Favara.

Gian Basilio Nieddu

 

 





PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende