Home » Bollettino Europa »Rubriche » Mai più lasagne alla carne di cavallo. L’UE vuole le etichette anche per i piatti pronti:

Mai più lasagne alla carne di cavallo. L’UE vuole le etichette anche per i piatti pronti

febbraio 16, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Da dove viene la carne contenuta nei piatti pronti e nei surgelati? Per fare in modo che le etichette alimentari riportino anche l‘indicazione del Paese di origine dei prodotti lavorati, il Parlamento Europeo, riunito in seduta plenaria, ha richiesto, a maggioranza, nuove regole. Come avviene già per le carni bovine fresche.

La proposta dell’Europarlamento risponde a un bisogno che i cittadini europei hanno fatto emergere a seguito dello scandalo delle lasagne con carne di cavallo risalente al 2013. Partito, in realtà, da una denuncia delle autorità irlandesi riferita ad hamburger bovini distribuiti dalla catena di supermercati Tesco contenenti carne di cavallo. L’allarme aveva poi fatto scattare controlli in tutta Europa che avevano portato alla scoperta di altri prodotti freschi e surgelati di questo tipo. Dopo queste vicende, il 90% dei consumatori interpellati da Bruxelles aveva manifestato sostegno all’idea che, dopo l’etichetta d’origine obbligatoria per la carne fresca o congelata di manzo, estesa da aprile 2015 a polli, maiali, pecore e capre, si introducesse lo stesso sistema anche per la carne usata come ingrediente nei prodotti trasformati.

Tutti d’accordo a quanto pare. Tuttavia, se da un lato lo slancio dell’Europarlamento è apprezzabile perché interpreta una esigenza fortemente percepita tra la popolazione del Vecchio Continente, dall’altro sarà la Commissione Europea a dovere redigere le regole. E quando lo farà non potrà non prendere in considerazione l’impatto economico che i nuovi obblighi potrebbero avere sulle aziende. Centrale sarà, infatti, riuscire a sciogliere il nodo legato all’industria alimentare, che mette sul piatto questioni prettamente legate ai costi. L’Esecutivo comunitario ha, infatti, già cominciato a fare i calcoli. Valutando un aumento delle spese per gli operatori del settore stimato fra il 15% e il 20%, ma che potrebbe raggiungere addirittura il 50%, con prevedibili conseguenze in termini di rincaro del prezzo finale per i consumatori. Anche per queste ragioni l’Assemblea riunita a Strasburgo oltre ad avere lanciato la proposta, ha domandato un’indagine approfondita da parte della Commissione Europea. La quale non ha però ancora deciso nessuna azione in merito all’iniziativa presa dagli Eurodeputati, ha spiegato il Vicepresidente, Jyrki Katainen, alla plenaria di Strasburgo.

Sempre il tema alimentare e sempre in tema di etichette, nella Plenaria di febbraio si è discusso anche di OGM. In particolare della loro autorizzazione sul territorio dell’Unione. La legislazione oggi lascia l’ultima parola alla Commissione Europea, nel caso in cui il Consiglio non raggiunga una maggioranza qualificata a favore o contro la proposta. Questo è il caso di quasi tutte le decisioni riguardanti i 58 OGM autorizzati ad oggi nell’UE.

A questo proposito, il presidente Juncker fu molto chiaro quando presentò il suo programma di lavoro, dicendo: “non considero normale che in base alle regole attuali la Commissione Europea sia giuridicamente obbligata ad autorizzare l’importazione e la trasformazione di nuovi OGM, anche quando una maggioranza chiara di Stati membri vi si oppone“.

Tuttavia, per cambiare questo meccanismo tutto girerebbe, sostanzialmente, attorno ad un maggiore ruolo degli Stati Membri. Si tratterebbe, infatti, di dare ai singoli Governi più discrezionalità, un pò come avviene per la coltivazione di OGM nel cui caso i Paesi UE possono decidere se coltivarli o meno. Mere questioni legali, penserà qualcuno. In realtà, sulla nuova Commissione preme l’industria del biotch affinché siano autorizzati i 13 dossier per l’importazione e la trasformazione di OGM le cui procedure sono giunte al termine. Inoltre, la Direzione Generale Salute è impegnata su nuove iniziative che riguardano l’etichettatura degli OGM. Ad oggi, infatti, gli Stati sono liberi di segnalare in etichetta che il prodotto è OGM-free. Tuttavia molti auspicano che, anche su questo fronte, si possa iniziare un processo di armonizzazione europea.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende