Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mamma M’Ama: tre mamme lanciano il “baby food bio” per la GDO, fresco e di stagione:

Mamma M’Ama: tre mamme lanciano il “baby food bio” per la GDO, fresco e di stagione

ottobre 28, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando un anno e mezzo fa Erica Della Bianca, allora operation manager in una start up digitale, si è trovata alle prese con lo svezzamento del figlio Ettore, è andata alla ricerca di pappe fresche di qualità che potessero sostituire l’omogeneizzato. “Davo per scontato che nei supermercati ci fossero prodotti di questo tipo, mi sono stupita di non trovare niente”. Così, ha deciso di cercare lei una soluzione. “Ne ho parlato con due mie amiche, Sonia Litrico, attrice teatrale e conduttrice TV, e Sonia Matteoni, executive chef in un noto ristorante milanese. Entrambe sono mamme e si erano trovate ad affrontare il mio stesso problema. Così abbiamo fondato Mamma M’Ama, con l’idea di offrire alle madri pasti freschi e bilanciati per i loro bambini, preparati come a casa, con prodotti biologici e di stagione”.

Dopo un anno e mezzo di ricerche e sperimentazioni, i primi pasti Mamma M’Ama, tutti certificati biologici e prodotti con materie prime 100% Made in Italy, sono arrivati nel banco frigo dei supermercati Carrefour del Nord Italia, nei punti vendita milanesi Bio c’ Bon e sulla piattaforma e-commerce on line Cortilia.it. “Unici in Europa: prodotti simili esistono solo a Londra e Parigi, ma sono diffusi a livello locale, commercializzati attraverso le consegne a domicilio”.

Oltre alla formazione e alla selezione di un gruppo di esperti, continua Erica Della Bianca, “una delle cose più difficili è stata quella di selezionare il laboratorio. Ne cercavamo uno certificato biologico e che potesse garantirci una lavorazione artigianale. Alla fine abbiamo trovato un laboratorio in provincia di Pavia, che ha anche una linea gourmet, dove il brodo viene ancora preparato facendo bollire le verdure a fuoco lento e le cotture avvengono sottovuoto per non disperdere le sostanze nutritive”. Altrettanto difficile è stato trovare i fornitori: “Non solo dovevano essere biologici, ma rispettare anche i rigidi standard di produzione fissati dal ministero della Salute per il baby food. Più di una volta ci siamo sentite dire: quello che cercate voi non esiste”. Dopo aver vagliato più di 80 aziende, le tre socie ne hanno scelte cinque: “Per il pesce, per esempio, ci ha supportate l’esperto Davide Valsecchi. Abbiamo passato in rassegna molti pesci diversi, prima di scegliere lo storione: è allevato a Brescia con metodo biologico, è molto più sano dei pesci di fondo che contengono tracce di mercurio, e piace ai più piccoli, perché ha un sapore simile a quello del pollo”.

In collaborazione con un team composto da un pediatra, una naturopata e una tecnologa alimentare, Erica e le due Sonie hanno creato tre linee – First Steps, dai 4 ai 36 mesi, Second Steps e Gourmet, entrambe da 8 a 36 – e quattro pasti bilanciati per il menù autunno-inverno: vellutata di verdurine dell’orto con crema di riso, vitellone su composta di biete con riso, mais e tapioca, chicchi di avena su purea di carote e pisellini, Risottino con storione e zucca. “Rispetto all’omogeneizzato, a cui deve sempre essere aggiunta la componente vegetale, o quella dei carboidrati, o quella proteica, i nostri pasti sono già completi e mantengono inalterate le sostanze nutritive, che invece sono molto ridotte nei cibi in vasetto a lunga scadenza”.

L’azienda è stata avviata dalle tre socie investendo tempo e risorse personali: “Tutte e tre abbiamo lasciato fin dall’inizio il nostro lavoro precedente. In noi poi ha creduto anche il gruppo italiano Voltan Way, il secondo produttore di pasta fresca in Italia, che ha acquisito una quota di minoranza e investito nello sviluppo commerciale e strategico dell’azienda per il mercato italiano ed estero”. Per adesso, i primi riscontri arrivati dal mercato sono positivi: “Stiamo ricevendo diversi ordini da parte di Carrefour e molte mail di mamme che ci fanno capire quanto ci fosse il bisogno di un prodotto come il nostro”. Nei prossimi mesi, i prodotti Mamma M’ama arriveranno nel resto d’Italia e nel 2016 anche nel Nord Europa: “Abbiamo contatti con i principali marchi della grande distribuzione del nostro Paese e con operatori in Svezia, Francia, Belgio, Norvegia. Stiamo anche lavorando per ampliare la gamma dei prodotti, affiancando ai pasti già in commercio altri piatti adatti anche a bambini un po’ più grandi, come delle polpettine di carne”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende