Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Mamma M’Ama: tre mamme lanciano il “baby food bio” per la GDO, fresco e di stagione:

Mamma M’Ama: tre mamme lanciano il “baby food bio” per la GDO, fresco e di stagione

ottobre 28, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando un anno e mezzo fa Erica Della Bianca, allora operation manager in una start up digitale, si è trovata alle prese con lo svezzamento del figlio Ettore, è andata alla ricerca di pappe fresche di qualità che potessero sostituire l’omogeneizzato. “Davo per scontato che nei supermercati ci fossero prodotti di questo tipo, mi sono stupita di non trovare niente”. Così, ha deciso di cercare lei una soluzione. “Ne ho parlato con due mie amiche, Sonia Litrico, attrice teatrale e conduttrice TV, e Sonia Matteoni, executive chef in un noto ristorante milanese. Entrambe sono mamme e si erano trovate ad affrontare il mio stesso problema. Così abbiamo fondato Mamma M’Ama, con l’idea di offrire alle madri pasti freschi e bilanciati per i loro bambini, preparati come a casa, con prodotti biologici e di stagione”.

Dopo un anno e mezzo di ricerche e sperimentazioni, i primi pasti Mamma M’Ama, tutti certificati biologici e prodotti con materie prime 100% Made in Italy, sono arrivati nel banco frigo dei supermercati Carrefour del Nord Italia, nei punti vendita milanesi Bio c’ Bon e sulla piattaforma e-commerce on line Cortilia.it. “Unici in Europa: prodotti simili esistono solo a Londra e Parigi, ma sono diffusi a livello locale, commercializzati attraverso le consegne a domicilio”.

Oltre alla formazione e alla selezione di un gruppo di esperti, continua Erica Della Bianca, “una delle cose più difficili è stata quella di selezionare il laboratorio. Ne cercavamo uno certificato biologico e che potesse garantirci una lavorazione artigianale. Alla fine abbiamo trovato un laboratorio in provincia di Pavia, che ha anche una linea gourmet, dove il brodo viene ancora preparato facendo bollire le verdure a fuoco lento e le cotture avvengono sottovuoto per non disperdere le sostanze nutritive”. Altrettanto difficile è stato trovare i fornitori: “Non solo dovevano essere biologici, ma rispettare anche i rigidi standard di produzione fissati dal ministero della Salute per il baby food. Più di una volta ci siamo sentite dire: quello che cercate voi non esiste”. Dopo aver vagliato più di 80 aziende, le tre socie ne hanno scelte cinque: “Per il pesce, per esempio, ci ha supportate l’esperto Davide Valsecchi. Abbiamo passato in rassegna molti pesci diversi, prima di scegliere lo storione: è allevato a Brescia con metodo biologico, è molto più sano dei pesci di fondo che contengono tracce di mercurio, e piace ai più piccoli, perché ha un sapore simile a quello del pollo”.

In collaborazione con un team composto da un pediatra, una naturopata e una tecnologa alimentare, Erica e le due Sonie hanno creato tre linee – First Steps, dai 4 ai 36 mesi, Second Steps e Gourmet, entrambe da 8 a 36 – e quattro pasti bilanciati per il menù autunno-inverno: vellutata di verdurine dell’orto con crema di riso, vitellone su composta di biete con riso, mais e tapioca, chicchi di avena su purea di carote e pisellini, Risottino con storione e zucca. “Rispetto all’omogeneizzato, a cui deve sempre essere aggiunta la componente vegetale, o quella dei carboidrati, o quella proteica, i nostri pasti sono già completi e mantengono inalterate le sostanze nutritive, che invece sono molto ridotte nei cibi in vasetto a lunga scadenza”.

L’azienda è stata avviata dalle tre socie investendo tempo e risorse personali: “Tutte e tre abbiamo lasciato fin dall’inizio il nostro lavoro precedente. In noi poi ha creduto anche il gruppo italiano Voltan Way, il secondo produttore di pasta fresca in Italia, che ha acquisito una quota di minoranza e investito nello sviluppo commerciale e strategico dell’azienda per il mercato italiano ed estero”. Per adesso, i primi riscontri arrivati dal mercato sono positivi: “Stiamo ricevendo diversi ordini da parte di Carrefour e molte mail di mamme che ci fanno capire quanto ci fosse il bisogno di un prodotto come il nostro”. Nei prossimi mesi, i prodotti Mamma M’ama arriveranno nel resto d’Italia e nel 2016 anche nel Nord Europa: “Abbiamo contatti con i principali marchi della grande distribuzione del nostro Paese e con operatori in Svezia, Francia, Belgio, Norvegia. Stiamo anche lavorando per ampliare la gamma dei prodotti, affiancando ai pasti già in commercio altri piatti adatti anche a bambini un po’ più grandi, come delle polpettine di carne”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende