Home » Rubriche »Very Important Planet » “Mancarsi”. Gli amori sfiorati di De Silva, in politica e nella vita:

“Mancarsi”. Gli amori sfiorati di De Silva, in politica e nella vita

gennaio 11, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Caustico, lucido e diretto sulla radiografia dei sentimenti umani, figuriamoci sull’ostinata negligenza italiana verso per le questioni ambientali. Sempre rimandabili, sempre memo urgenti di altre. E’ un processo senza sconti quello che lo scrittore Diego de Silva fa alla politica italiana. Soprattutto a una parte politica, la sinistra, che avrebbe dovuto fare della salvaguardia dell’ambiente la sua bandiera. E che invece si è rivelata, a conti fatti, inadeguata e inerme.

D) De Silva, tutta questa responsabilità alla politica. Non crede nel ruolo della società civile? Oggi le battaglie ambientaliste, contro lo smog nelle città, in favore della ciclo-mobilità, piuttosto che della pulizia dei fiumi sono portate avanti principalmente dal mondo dell’associazionismo…

R) I singoli cittadini hanno ben poco potere. Possono indirizzare la loro vita o quella della comunità in cui vivono verso buone pratiche, ma spetta ai governi, alle amministrazioni, governare, appunto. Se viviamo in città come Roma, che non hanno ancora adottato la raccolta differenziata (cosa incredibile) o come Torino che hanno alti tassi di inquinamento, vorrà dire che chi le ha governate non ha mai investito adeguatamente in politiche “green”. Se ne sono fregati, per dirla schiettamente. I compiti mai svolti dalla politica sono sotto gli occhi di tutti.

D) Dovremmo scrollare le spalle, come insegna il personaggio della sua parente acquisita in uno dei suoi libri più celebri, “Mia suocera beve”?

R) La sinistra, che ho sempre votato e voto, avrebbe avuto gli argomenti per permeare se stessa di una cultura verde. Non è successo. Hanno delegato la materia a forze di nicchia, che hanno più o meno fallito la propria missione. E’ stato un accantonamento colpevole, quando c’erano tutte le condizioni per non farlo.

D) Lei non è un politico, ma se fosse Ministro dell’Ambiente quale sarebbe il primo decreto da attuare?

R) Domanda difficile. Investirei nel trasporto pubblico, per decongestionare dal traffico le città. Bisogna smettere di vedere scenari urbani in cui la gente viene inghiottita dalle auto, bisogna mettere a disposizione dei cittadini trasporti che riducano il più possibile l’impatto sull’ambiente.

D) Ha in mente qualche modello metropolitano in particolare?

R) In Italia francamente non ne vedo. Parigi e Londra hanno una viabilità pubblica all’altezza della loro popolazione. Se viaggi un po’, capisci i nostri tanti difetti, e quanta fatica facciamo a modificare la nostra cultura in una direzione di ecosostenibilità. Sono stato recentemente a Stoccolma: lì cammini per strada e trovi i bambini delle scuole che fanno lezione nei parchi pubblici al primo raggio di sole. Cominci a vedere cosa significa, nei fatti, fare politiche ambientaliste.

D) Lei dove vive?

R) A metà tra Salerno e Roma.

D) E dove sta meglio?

R) Nella Capitale abito a Monteverde, nel quartiere molto vivibile di Villa Pamphili, una zona diversa rispetto ad altre, in cui non ci passerei neanche cadavere. Mi sveglio la mattina con gli uccellini, eppure sono a Roma. E’ un angolo insostituibile e bellissimo. Certo, non parliamo dei trasporti, disastrosi. Comunque, le città ormai si somigliano tutte. Salerno è sicuramente più vivibile, piccola, concentrata, ben amministrata da anni a questa parte, non caotica e dispersiva. E’ un po’ provinciale, ha un’atavica difficoltà a scrostarsi di dosso vecchi difetti. Ma ogni città è a suo modo provinciale, è questione di ristrettezza del proprio spazio di vita. Sembrerà strano, ma facciamo benissimo la raccolta differenziata, credo al 70% di recupero dei materiali.

D) Non come nella sua Napoli, che fa da sfondo a molti romanzi…

R) A Salerno il problema dell’emergenza rifiuti non si è mai manifestato. Però, ambientalismo a parte, Napoli la adoro. E’ la più bella città del mondo, ogni volta che ci vai non te la scordi, non passa mai inosservata. E’ buffa, incantevole, baciata dal Vesuvio e dal mare, è una quinta teatrale enorme e come pochissime capitali al mondo ha conservato il proletario nella sua pancia, che crea una dicotomia marcata e continua tra classi privilegiate e meno abbienti. E’ un continuo imbastardimento, con la sua atmosfera estraniante, è imprendibile. Non disdegno, comunque, nemmeno le città grigie, come ha il Nord. La mestizia, la malinconia, non trovo che siano necessariamente controindicate per la felicità.

D) Dove scrive abitualmente? In città o al mare?

R) In ogni luogo, non fa differenza. Qualsiasi cosa, un oggetto inanimato, una voce mi danno ispirazione. Non penso che un campo mi genererebbe sensazione di pace. Richiamerebbe una serie di presenze, rimpianti. Allo stesso modo, non credo che lo spazio libero debba coincidere con la spensieratezza. O che camminare in una grande città provochi sensazioni ansiogene.

D) Il suo ultimo libro, “Mancarsi”, uscito per Einaudi da poche settimane è già un successo. E’ la storia di due ragazzi che frequentano lo stesso bistrot, anime gemelle dalla vita precedente complicata, in cerca di felicità, che non riescono a sfiorarsi. Una visione dell’amore piuttosto rinunciataria, non crede?

R) Amore non è altro che autoillusione, è il modo migliore di rovinarsi la vita. Sono partito da una spinta di entrambi i protagonisti di capitalizzare i propri errori, uscendo da rapporti sbagliati, mettendosi in attesi di un nuovo amore. Creando una disponibilità psicologica e sentimentale al nuovo, un’attesa fiduciosa ma illusoria, una speranza militante. Mi è sempre interessato il tema del disincontro, che non è certo nuovo in letteratura. Uno dei miei scrittori preferiti, Javier Marias, l’ha ampiamente trattato.

D) Il suo amore diventa più una frustrazione che un appagamento. Non crede?

R) La speranza è destinata a una frustrazione perenne. Ho volutamente chiuso il libro con un finale in levare, senza far capire che cosa succederà dopo l’incontro tanto atteso tra i due. Volevo che fosse il lettore a chiudere il romanzo, come una prova di immedesimazione nei protagonisti. Mi piace l’idea che il lettore faccia qualcosa per il libro.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende