Home » Rubriche »Very Important Planet » Manuela di Centa e il nuovo volto ambientale della FISI:

Manuela di Centa e il nuovo volto ambientale della FISI

Campionessa olimpica, membro del CIO, membro esecutivo della giunta del CONI, deputata italiana. Un curriculum ricco per Manuela Di Centa, che oggi è pronta per una nuova gara: le elezioni per la Presidenza della Federazione Italiana Sport Invernali in programma il prossimo 12 aprile a Bologna. Una sfida interessante anche perché diventerebbe la prima donna a capo della FISI, dando inizio a un rinnovamento culturale e sociale nello sport italiano, puntando soprattutto sulla condivisione della sua profonda passione per la montagna.

D) Manuela, ti sei candidata alla presidenza FISI. Quanto rientrerà l’attenzione alla sostenibilità ambientale nei tuoi programmi se sarai eletta?

R) Se dovessi diventare presidente io vorrei proporre un progetto, che però non so ancora come si potrebbe attuare, per raccogliere tutti gli sci ormai obsoleti che tutti abbiamo in cantina e che i negozi tengono sepolti in magazzino per cercare di riciclarli il più possibile. Non so quanto sia fattibile, ma mi piacerebbe che il mondo dello sci potesse muoversi per l’ambiente con l’oggetto che è anche il suo simbolo.

D) Lo sci di fondo è uno sport a stretto contatto con la natura. Nella tua esperienza, che relazione si instaura tra te e l’ambiente circostante mentre sei in pista?

R) Empatia. Soprattutto quando sento una grande emozione entro in empatia con tutto ciò che ho intorno: il freddo, la neve, il ghiaccio, gli alberi, il cielo. Mi sento completamente immersa nella natura, nel silenzio, anche quando sono in gara perché mi concentro così tanto da non sentire più nulla. È un’esperienza privilegiata, perché senti il tuo corpo fondersi con la natura.

D) Qual è il tuo rapporto con l’ambiente in generale?

R) Io sono nata in Carnia, in Friuli, quindi per me la montagna è casa. Mio papà allenatore mi ha messo sugli sci a 4 anni. E io una volta me li sono infilati e sono andata in giro da sola. Mio papà ha dovuto venire a recuperarmi perché mi ero persa. Nonostante il freddo e l’incapacità di muovermi, perché non sapevo più come andare avanti né come tornare indietro, mi è rimasto il ricordo bellissimo che stavo facendo la cosa che mi dava più gioia, sentivo una profonda comunione fra il mio corpo e la natura, la stessa sensazione che sento ancora adesso. Gli elementi naturali di casa sono diventati pertanto i miei elementi: lo sci nordico, il papà allenatore, lo sci club…

D) Lo sport può aiutare le persone ad avere un rapporto più sostenibile con l’ambiente?

R) Io sono convinta di sì. In particolare, lo sci nordico ti mette a contatto con la natura ma anche con i tuoi limiti. Non sei in un palazzetto, sei da solo con la tua forza in un ambiente che devi imparare a conoscere. Lo sport ti insegna ad avere grande responsabilità nei confronti di un ambiente che deve essere rispettato in tutti i sensi, non solo dal punto di vista di pulizia e manutenzione. È fondamentale sapere dove ti trovi, avere rispetto di ciò che stai facendo e portare avanti la tua impresa in modo responsabile. La natura estrema mi ha fatto conoscere anche me stessa, ho imparato quale deve essere il rispetto reciproco. In generale, poi, sono convinta che tutti gli sport insegnino: quando c’è di mezzo la fatica, l’impegno, ancora di più quando hai elementi naturali che ti mettono alla prova perché nascono difficoltà ulteriori.

D) Quali sono le tue azioni quotidiane per vivere a basso impatto?

R) Mantenere puliti i luoghi e fare la raccolta differenziata sono ormai due azioni scontate. Anche perché è tradizione in Carnia avere, come si dice in friulano, il musciulin, ovvero il buco dove metti tutta la roba di scarto dell’umido che in primavera usi per concimare l’orto. Infatti, io e mio marito Fabio abbiamo un piccolo orto che concimiamo con i due bidoni che usiamo per il compost, uno per l’erba e uno per l’umido. Siamo davvero a Km.0 per la spesa, l’orto ci dà molta soddisfazione. In generale, secondo me, l’interesse per la sostenibilità non deve essere individuato solo nell’eventuale risparmio economico, ma soprattutto nella qualità della vita. Avere il privilegio di mangiare ciò che coltivi è una delle espressioni più belle e più naturali dell’uomo. Ho anche trovato un modo per dedicare all’orto il tempo di cui necessita. Io telefono tantissimo, per cui quando ricevo una telefonata esco di casa e vado nell’orto a lavorare mentre parlo. Così abbiamo piantato patate, aglio, cipolla, insalata, pomodori, tutte le erbe e gli odori che usiamo per la nostra cucina locale.

D) Oltre allo sci sei anche appassionata di cime: quale sarà la tua prossima sfida sportiva?

R) Sono stata privilegiata anche nell’alpinismo perché ho potuto preparami per conoscere l’Everest e il Mera Peak, una cima che non arriva a 7.000 metri ma è una montagna meravigliosa. Sono convinta però che quando si pensa di affrontare avventure in alta quota bisogna partire preparati. In questo momento per me ci sono altre priorità e quindi non è nei miei programmi una nuova cima. Mi piacerebbe un trekking in Nepal, o conoscere l’Annapurna con una camminata che mi faccia semplicemente godere la vista di un ambiente unico. Di desideri ne ho ancora tanti, per ora li prendo uno alla volta.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende