Home » Rubriche »Very Important Planet » Marco Berry, ecologista delle cause semplici:

Marco Berry, ecologista delle cause semplici

ottobre 19, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Dovesse darsi un voto, Marco Berry, senza falsa modestia, si autopromuoverebbe per l’impegno nella sostenibilità ambientale, anche se, confessa, “essere ultra ambientalista è una gran fatica e non mi appartiene”. I suoi sforzi si concentrano su poche semplici, ma importanti pratiche a sostegno dell’ambiente: la mobilità sostenibile e la raccolta differenziata. Lui ama dirlo con uno slogan: “Se ciascuno di noi imparasse a dedicarsi a una causa sola e la portasse avanti nel suo piccolo con convinzione, il beneficio per tutti sarebbe massimo, con il minimo sforzo”.

D) Marco, il tuo volto è legato solitamente alla difesa dei diritti dei bambini e degli indifesi. Con Magic for Children cercate di costruire strutture sanitarie nei paesi più poveri del mondo. Non hai mai pensato di diventare testimonial per qualche causa a sostegno dell’ambiente?

R) Non l’ho mai fattosolo perché non mi è mai stato richiesto. Non escludo per il futuro di prestarmi a qualche campagna “green”. Oggi si deve fare qualcosa, prima di tutto a vantaggio dell’economia. Un’attenzione mancata all’ambiente che ci circonda significa anche una notevole perdita di soldi.

D) Il peggior difetto in termini ambientalistici della città in cui vivi?

R) Ora vivo a Torino, la mia città d’origine, e devo dire che la amo profondamente. Mi viene difficile criticarla. Ho vissuto a Roma e a Milano, e a New York. A parte l’ultima megalopoli, le altre due mi sono parse incomparabili con il capoluogo sabaudo. Tutta un’altra qualità della vita…

D) Almeno una nota negativa ci sarà… Torino è tra le città più inquinate d’Italia!

R) Forse, ma ha insegnato tanto agli altri, in tutti i campi. Oggi dovrebbe imparare ad essere, appunto, più green. La mobilità pubblica, ad esempio, funziona per chi abita in centro città e può permettersi di mollare l’auto a casa e muoversi in bici. Ma io abito in periferia, vicino a Rivoli e posso muovermi soltanto in macchina. Anche se la mia scelta ecologista al momento l’ho fatta, sono solo in attesa di poterla realizzare…

D) Qual è?

R) Comprerò un’auto ecologica della BMW che uscirà l’anno prossimo… (sarà l’ibrida Serie 3 ActiveHybrid? Berry mantiene il mistero… NdR). Per la città è perfetta, per il resto mi sposterò in treno. Dobbiamo adottare tutti un cambiamento importante, non funziona più questo tipo di economia. E’ mai possibile che siamo nel 2012 e andiamo ancora avanti a benzina?

D) Colpa del mercato, della politica, dei privati o di tutti se non si riesce a cambiare?

R) I mercati, le lobby economiche sono inconvincibili. Prendiamo i libri scritto dal premio Nobel Al Gore, sulla crisi climatica e la Terra in bilico. Tante belle parole affascinanti, ma la politica americana non smuove le industrie, né le ha mai convinte a riconvertire i loro investimenti in energia pulita. Tocca a ciascuno di noi inseguire una causa che ritiene opportuna. La classica goccia nel mare ha un effetto domino fondamentale. Ma diciamo che su questo fronte gli italiani non ci vogliono sentire, manca il senso civico, l’amore per l’ambiente che ci circonda, l’educazione di base. Salvo poi all’estero comportarci benissimo, secondo le regole di un dato paese. Il malgoverno parte anche dalla politica: leggevo su La Stampa di ieri che il comune di Torino spende 35 mila euro al giorno per illuminare strade e piazze. Mi sembra una follia.

D) Ma qualche consiglio pratico per dare il via a una rivoluzione ecologista la Iena Berry lo dispensa?

R) Non sono un fanatico. Mi sento di consigliare di dedicarsi per bene alla raccolta differenziata, che comporta fatica e tempo, ma va a beneficio di tutti.

D) Quanti gradi ci sono in casa tua d’inverno?

R) Circa 20, il freddo non mi spaventa.

D) E sul risparmio dell’acqua che ci dici?

R) Sotto la doccia ho imparato a chiudere i rubinetti. Il vero salto di qualità ci sarà quando farò il fatidico gesto anche lavandomi i denti…Mi sto allenando, poco alla volta!

D) Il paradiso perduto in Italia?

R) Napoli. Una delle città più belle del mondo, massacrata da interessi, immondizia e mancanza di attenzione. Quando mi dicono che è anche il suo bello, mi incazzo. Il degrado è la sua rovina, è talmente meravigliosa che mi piange il cuore a vederla conciata così…

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende