Home » Rubriche »Very Important Planet » Marco Columbro, “diamo alla vita un sapore bio”:

Marco Columbro, “diamo alla vita un sapore bio”

ottobre 12, 2012 Rubriche, Very Important Planet

In tutta Italia calano i consumi e gli acquisti dei cittadini. Ma c’è un settore che continua a crescere, e probabilmente è un bene per tutti. Il cibo biologico nel 2011 è cresciuto dell’8,9% e nei primi mesi di quest’anno ha mantenuto lo stesso ritmo: ormai sono quasi cinquantamila gli operatori del settore, impegnati a coltivare oltre un milione di ettari.

Marco Columbro, oltre a essere un noto attore e presentatore, è da anni uno dei portabandiera del biologico nel nostro Paese. Nella sua azienda agricola in Val D’Orcia, in Toscana, produce olio e pasta bio, e da sei anni organizza Milano SaporBio, manifestazione di promozione di un modo sano, equilibrato e sostenibile di coltivare e produrre il cibo, la cui sesta edizione si è chiusa da pochi giorni.

D) Columbro, le vendite del cibo biologico crescono, nonostante la crisi. Quel è la ragione secondo lei?

R) Piano piano l’importanza di consumare cibo sano è entrata nella mente degli italiani. Mentre calano gli acquisti dei prodotti convenzionali, aumentano quelli biologici. Nel settore per l’infanzia la crescita è addirittura del 25% in cinque anni. E questo la dice lunga su come ormai siamo convinti che convenga magari comprare meno, ma di qualità. Prima tutto questo era una nicchia, ma si è allargata di anno in anno.

D) Certo non siamo ancora a livello di altri Paesi europei…

R) Ovviamente c’è ancora molta strada da fare, soprattutto rispetto a Paesi come quelli scandinavi, l’Inghilterra o la Svizzera. Ma ci stiamo avvicinando: cresce la consapevolezza dell’importanza di consumare cibi sani, prodotti in maniera sostenibile.

D) Cosa serve per alimentare questa tendenza?

R) Il biologico ha dei costi che colture e allevamenti convenzionali non hanno. Per tirare su uno zucchino ci vogliono una cura e un lavoro incredibilmente superiori a quelli delle coltivazioni industriali. Ma è un circolo virtuoso: più si consuma cibo biologico, più le produzioni si sviluppano, più i prodotti costano meno e diventano alla portata di tutti.

D) Rimangono alcune difficoltà, come una filiera a volte poco razionale, o il problema delle certificazioni.

R) Questo è un aspetto che va assolutamente migliorato e regolamentato. Ad oggi le certificazioni sono a carico del produttore, che paga un’agenzia esterna perché faccia i controlli. Anche questo è un costo che alla fine ricade sui consumatori.

D) Una manifestazione come SaporBio sembra suggerire che il biologico non è solo un modo di coltivare ma diventa uno stile di vita. È così?

R) Il biologico va inserito nel contesto quotidiano, è un’abitudine virtuosa, ma che non ha senso se slegata da altre pratiche. Ci vogliono attenzione ai temi ambientali, all’uso dell’energia, all’inquinamento, allo spreco di acqua e altre risorse. Con SaporBio vogliamo invitare a uno stile di vita alternativo a quello a cui ci hanno abituato: va bene il biologico, ma non può non essere accompagnato dalla cura dell’ambiente, a una certa dose di spiritualità (non necessariamente religione!), all’uso di medicine naturali o a scelte di architettura sostenibile.

D) E i produttori? Come si rivolge a loro SaporBio?

R) Con questi eventi speriamo di avvicinare sempre più pubblico alle coltivazioni e ai prodotti biologici. Hanno quindi uno scopo prevalentemente informativo. Anche se la vera pubblicità, oggi è ancora in massima parte sui grandi mezzi di comunicazione, televisione in testa, e per quella i produttori biologici non hanno i soldi. Spesso sono piccole aziende, con budget ridotti, per questo sarebbe importante unirsi in un consorzio o associazione e insieme rivolgersi a quante più persone possibili. In pratica bisogna dare ai produttori – che spesso sono bravissimi ma non hanno grandi capacità di marketing – la possibilità di combattere ad armi pari con la grande industria alimentare.

D) Quali sono a livello legislativo gli strumenti che potrebbero aiutare questo processo?

R) In Italia abbiamo un’estensione delle coltivazioni biologiche che è seconda solo alla Spagna a livello europeo. Ma bisogna fare di più, servirebbero incentivi statali per abbandonare le coltivazioni convenzionali e spostarsi verso metodi più sani e sostenibili. Fondamentale sarebbe poi la creazione di un’agenzia di controllo nazionale sulle coltivazioni bio. Uniformando il sistema delle certificazioni elimineremmo i finti produttori biologici e ridurremmo i costi per chi lavora bene e, alla fine, per i consumatori.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende