Home » Rubriche »Very Important Planet » Marco Columbro, “diamo alla vita un sapore bio”:

Marco Columbro, “diamo alla vita un sapore bio”

ottobre 12, 2012 Rubriche, Very Important Planet

In tutta Italia calano i consumi e gli acquisti dei cittadini. Ma c’è un settore che continua a crescere, e probabilmente è un bene per tutti. Il cibo biologico nel 2011 è cresciuto dell’8,9% e nei primi mesi di quest’anno ha mantenuto lo stesso ritmo: ormai sono quasi cinquantamila gli operatori del settore, impegnati a coltivare oltre un milione di ettari.

Marco Columbro, oltre a essere un noto attore e presentatore, è da anni uno dei portabandiera del biologico nel nostro Paese. Nella sua azienda agricola in Val D’Orcia, in Toscana, produce olio e pasta bio, e da sei anni organizza Milano SaporBio, manifestazione di promozione di un modo sano, equilibrato e sostenibile di coltivare e produrre il cibo, la cui sesta edizione si è chiusa da pochi giorni.

D) Columbro, le vendite del cibo biologico crescono, nonostante la crisi. Quel è la ragione secondo lei?

R) Piano piano l’importanza di consumare cibo sano è entrata nella mente degli italiani. Mentre calano gli acquisti dei prodotti convenzionali, aumentano quelli biologici. Nel settore per l’infanzia la crescita è addirittura del 25% in cinque anni. E questo la dice lunga su come ormai siamo convinti che convenga magari comprare meno, ma di qualità. Prima tutto questo era una nicchia, ma si è allargata di anno in anno.

D) Certo non siamo ancora a livello di altri Paesi europei…

R) Ovviamente c’è ancora molta strada da fare, soprattutto rispetto a Paesi come quelli scandinavi, l’Inghilterra o la Svizzera. Ma ci stiamo avvicinando: cresce la consapevolezza dell’importanza di consumare cibi sani, prodotti in maniera sostenibile.

D) Cosa serve per alimentare questa tendenza?

R) Il biologico ha dei costi che colture e allevamenti convenzionali non hanno. Per tirare su uno zucchino ci vogliono una cura e un lavoro incredibilmente superiori a quelli delle coltivazioni industriali. Ma è un circolo virtuoso: più si consuma cibo biologico, più le produzioni si sviluppano, più i prodotti costano meno e diventano alla portata di tutti.

D) Rimangono alcune difficoltà, come una filiera a volte poco razionale, o il problema delle certificazioni.

R) Questo è un aspetto che va assolutamente migliorato e regolamentato. Ad oggi le certificazioni sono a carico del produttore, che paga un’agenzia esterna perché faccia i controlli. Anche questo è un costo che alla fine ricade sui consumatori.

D) Una manifestazione come SaporBio sembra suggerire che il biologico non è solo un modo di coltivare ma diventa uno stile di vita. È così?

R) Il biologico va inserito nel contesto quotidiano, è un’abitudine virtuosa, ma che non ha senso se slegata da altre pratiche. Ci vogliono attenzione ai temi ambientali, all’uso dell’energia, all’inquinamento, allo spreco di acqua e altre risorse. Con SaporBio vogliamo invitare a uno stile di vita alternativo a quello a cui ci hanno abituato: va bene il biologico, ma non può non essere accompagnato dalla cura dell’ambiente, a una certa dose di spiritualità (non necessariamente religione!), all’uso di medicine naturali o a scelte di architettura sostenibile.

D) E i produttori? Come si rivolge a loro SaporBio?

R) Con questi eventi speriamo di avvicinare sempre più pubblico alle coltivazioni e ai prodotti biologici. Hanno quindi uno scopo prevalentemente informativo. Anche se la vera pubblicità, oggi è ancora in massima parte sui grandi mezzi di comunicazione, televisione in testa, e per quella i produttori biologici non hanno i soldi. Spesso sono piccole aziende, con budget ridotti, per questo sarebbe importante unirsi in un consorzio o associazione e insieme rivolgersi a quante più persone possibili. In pratica bisogna dare ai produttori – che spesso sono bravissimi ma non hanno grandi capacità di marketing – la possibilità di combattere ad armi pari con la grande industria alimentare.

D) Quali sono a livello legislativo gli strumenti che potrebbero aiutare questo processo?

R) In Italia abbiamo un’estensione delle coltivazioni biologiche che è seconda solo alla Spagna a livello europeo. Ma bisogna fare di più, servirebbero incentivi statali per abbandonare le coltivazioni convenzionali e spostarsi verso metodi più sani e sostenibili. Fondamentale sarebbe poi la creazione di un’agenzia di controllo nazionale sulle coltivazioni bio. Uniformando il sistema delle certificazioni elimineremmo i finti produttori biologici e ridurremmo i costi per chi lavora bene e, alla fine, per i consumatori.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende